Settembre

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: September
Anno: 1987
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 9
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 23/07/07 18:37 - 1513 commenti

I gusti di Renato

Quando il grande Woody Allen rinuncia deliberatamente a far ridere, non è mai un buon segno... prova ne sia questo Settembre, sicuramente un film tecnicamente ineccepibile, ma che non resta certo impresso nella memoria oltre il tempo della visione. Raccontare gli intrighi sentimentali (e sessuali) di tre coppie che si fanno e disfano senza una logica apparente necessita di qualcosa in più di una sceneggiatura di ferro e buoni attori. Altrimenti, è solo il "compitino" di un grande professionista... Peccato, perché pare che Allen ci tenesse molto.

Il Gobbo 25/07/07 09:23 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Reduce da una sfilza di film tra il buono e l'eccellente Allen può dare nuovamente sfogo alle sue ambizioni da auteur, e scomoda Cechov e Ibsen (in una confezione laccatissima con pallosissimi colori foloniani, in omaggio all'artista che gli disegnò il manifesto). Incredibile se si pensa che solo pochi mesi prima aveva centrato un mix inappuntabile di temi alti e divertimento intelligente e colto, che avrebbe dovuto dissipare i dubbi sulle sue credenziali. Ma potente è la forza dello snobismo.Senza pecche ma senz'anima.

Galbo 25/12/08 15:45 - 11311 commenti

I gusti di Galbo

Quello di Settembre è il Woody Allen con ambizioni autoriali: la storia delle coppie che vivono in una villa del Vermont tre giorni di reciproche confessioni e in fondo di profonda infelicità è profondamente intrisa della passione del regista per la psicoanalisi e il totale approfondimento psicologico dei personaggi. Tuttavia al di là della (ineccepibile) cura formale (fotografia, musiche, testi e regia dimostrano la totale padronanza del mezzo) il film risulta troppo freddo per appassionare veramente lo spettatore.

Enzus79 19/11/10 16:16 - 1735 commenti

I gusti di Enzus79

Storia malinconica, dove problemi di amore e affini nascono fra sei persone. Woody Allen è un maestro nel raccontare certe vicende, ed infatti non c'è un dialogo che non si fa apprezzare, così come le interpretazioni della Wiest e della Farrow. Bergman insegna.

Didda23 7/04/14 09:35 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

I rapporti umani, i tormenti, i sogni e le disillusioni vengono raccontate con un tono decisamente drammatico (comunque senza rinunciare a qualche nota ironica) che colpisce per la brillantezza della mise en scène e per la cura formale dell'impostazione quasi teatrale. Un'opera intimista e dai tratti tipicamente europei; Allen esplicita la propria passione per il grande regista svedese. Lavoro mostruoso sugli attori, con una fragilissima Mia Farrow da applausi. Un Woody minore, ma interessante.

Minitina80 25/02/17 07:38 - 2268 commenti

I gusti di Minitina80

Allen gioca ancora una volta a fare Bergman mettendo tre uomini e tre donne chiusi in uno chalet, ognuno dei quali perso in una profonda crisi d’identità e smarrito in un turbine affettivo fatto di sofferenza e confusione. Tuttavia qualcosa non funziona e malgrado la durata inferiore alla media i secondi non passano mai a causa di un muro di dialoghi privi di ispirazione. Finisce subito per essere sfiancante e noioso, vuoi anche per gli attori troppo montati e una Farrow decisamente sottotono che finisce per essere irritante. Da dimenticare.
MEMORABILE: Mia Farrow vestita da “profugo polacco”.

Ryo 4/05/20 18:57 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un po' legnoso ma ricco di scene dai dialoghi brillanti e dalla trama travolgente. Sembra che Allen abbia voluto scavare in profondità, sotto la superficie, all'apparenza perfetta, delle famiglie borghesi. Come molti film del regista, Settembre comporta relazioni con scambi di partner e una sana dose di dramma. Ottimo il cast, che sa perfettamente come trasmettere sottilmente le emozioni represse in un modo davvero meraviglioso.

Giùan 17/05/20 12:10 - 2874 commenti

I gusti di Giùan

Come nell'altro tentativo esplicitamente drammatico, di dieci anni precedente, sono palpabili la necessità e verità intima del film, pur progressivamente minate dallo schermo delle molteplici, talora invadenti ispirazioni di superficie. Così tra Cechov e Bergman il tempo dilatato e disteso dei dialoghi deflagra negli interni straordinariamente disegnati da Santo Loquasto, concedendo agli attori e soprattutto alle primedonne di consumare l'autunno dei sentimenti. Farrow nel ruolo più congeniale concessole da Woody ma strepitose Wiest e Stritch.

Daniela 23/05/20 10:46 - 9091 commenti

I gusti di Daniela

In una casa di campagna del Vermont, tristi amori e macerazioni familiari tra un gruppo di residenti ed ospiti di passaggio... Dopo Interios girato nel 1978, Allen dirige un altro film alla maniera di Bergman, questa volta mescolato a a Cechov e Ibsen: formalmente molto curato, soprattutto per quanto riguarda la fotografia dai toni morbidi e le scelte musicali, il film assomiglia alla sua protagonista, interpretato da Farrow, molto calata nel ruolo: mestissimo, uggioso nel suo compiacimento auto-commiserativo. Insomma, una lagna che fa rimpiangere l'Allen ruspante degli esordi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 22/05/20 21:20
    Consigliere massimo - 5011 interventi
    Il riferimento al caso Stompanato-Turner In una delle sequenze iniziali, Lane (Mia Farrow) confessa allo scrittore ospite della sua casa di campagna (Sam Waterston) i motivi del suo rapporto conflittuale con la madre ex attrice: sconvolta dalla separazione dei genitori, a 14 anni Lane aveva sparato all'amante della madre, un gangster violento, subendo poi un processo. Questa vicenda è un chiaro riferimento ad un famoso caso di cronaca nera avvenuto nel 1958: l'omicidio del malavitoso Johnny Stompanato, amante possessivo e manesco di Lana Turner, ufficialmente attribuito alla figlia quindicenne dell'attrice anche se molti credettero che in realtà a pugnalare l'uomo fosse stata l'attrice e non la ragazzina. Sul caso di cronaca: https://www.corriere.it/cronache/18_luglio_13/lana-turner-johnny-stompanato-delitti-hollywood-cinema-beltramin-34fa77a6-8692-11e8-83d7-334832af0f98.shtml