LE LOCATION

I COMMENTI

In attesa di comparire nel box Ultimi commenti: Il Dandi (27/09/20 18:36)
TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/04/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 24/04/07 20:13 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Assicuratore indaga sulla morte di una signora e ne avvicina la figlia iniziando una relazione. Nasce giallo ma vira presto verso il dramma sentimentale molto "d'epoca" questo film di Comencini che accusa spesso battute a vuoto. Leroy poco adatto alla parte, la Pitagora caruccia ma senza carisma, una storia che delude. Nonostante i grandi nomi (D'Amico e La Capria in sceneggiatura, Morricone alla musica, e ancora P. De Santis, Baragli...) una riuscita modesta.

Cotola 1/03/09 20:01 - 7525 commenti

I gusti di Cotola

Giallo piuttosto mediocre nonostante la regia di Comencini ed una sceneggiatura scritta tra gli altri da Suso Cecchi D’Amico e Raffaele La Capria. Il problema principale è proprio lì: fallisce sia dal punto di vista contenutistico, sia da quello del puro intrattenimento visto che, nonostante il genere, non riesce mai ad avvincere davvero. Buona la coppia d’attori principale Pitagora-Leroy.

Homesick 2/10/09 17:58 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Occluso dalla preminenza dell’idillio tra l’intraprendente Leroy e la bella e disinibita Pitagora, l’esile spunto giallo affiora di rado e con immane fatica, estinguendo nel dramma sentimentale ogni conato di suspence: d’altronde la sovrabbondanza di dialoghi, l’azione pressoché nulla e le musiche di Morricone – suadenti ma monocordi – rammentano l’origine letteraria del film, tratto appunto dal romanzo “La morale privata” di Antonio Leonviola. Confermativo per i due attori capifila, apprezzabile per le energiche caratterizzazioni di D’Orsi e Geri.

Nando 4/01/11 08:36 - 3476 commenti

I gusti di Nando

Giallo con evidenti risvolti sentimentali che alla fine emergono proponderanti rispetto all'esile enigma da risolvere. L'improvvisa morte di un'anziana signora, mette sulle tracce dei suoi figli un avvocato delle assicurazioni che intraprenderà una relazione con una dei tre. Molti dialoghi fini a stessi e suspence inesistente, nonostante la coppia Leroy-Pitagora non sia così male.

Fauno 10/10/11 15:29 - 1919 commenti

I gusti di Fauno

In sè sarebbe anche un bel film e per recitazione, intelaiatura e colonna sonora non ho niente da dire. Invece il personaggio clou, interpretato dalla Pitagora, ha sì uno sguardo espressivo e sofferente, ma se all'inizio mi ha coinvolto, alla fine mi ha dato l'aria della classica ragazzina viziata, melodrammatica, mai contenta, piena di misteri inutili e col mal di vivere... una che neanche con la botte piena e l'amante ubriaco ne avrebbe avuto abbastanza. In una parola una persona da stare alla larga...
MEMORABILE: La scena del tentato suicidio è fatta molto bene. La solita faccia tosta di Moresco.

Dusso 1/10/12 17:19 - 1535 commenti

I gusti di Dusso

Passo falso di Comencini che azzecca la Pitagora ma fallisce nella scelta di Leroy (doppiato con voce fin troppo giovanile), il quale non mi ha convinto per niente. Giallo d'introspezione con finale telefonatissimo e altre ingenuità, però non tutto da buttare visto che ci son momenti anche discreti. Nel complesso un'opportunità sprecata.

Galbo 13/05/13 10:58 - 11387 commenti

I gusti di Galbo

Non conosciutissimo film di Comencini, ha la struttura di un giallo, ma forse la storia interessa poco al regista che punta maggiormente sulla caratterizzazione dei personaggi e dimostra una buona capacità di ricostruzione ambientale. Bene interpretato, ha tuttavia il limite di una certa freddezza narrativa e la scarsa attitudine a coinvolgere lo spettatore.

Saintgifts 11/09/14 19:56 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Credo che la storia amorosa tra i due protagonisti e l'impegno messo nel mostrare (nei limiti imposti dall'epoca) le grazie della "figlia di buona famiglia", Paola Pitagora (invero piuttosto graziosa) abbia distratto e sottratto molto alla struttura gialla del film che, anche se non troppo originale come spunto (assicurazione che indaga per non pagare il grosso premio), poteva offrire molto di più. Forse Leroy, anche se si impegna molto, non è il protagonista adatto, o forse la regia poteva aiutarlo a farlo sembrare più milanese.

Pessoa 3/09/16 03:54 - 1159 commenti

I gusti di Pessoa

Quasi una Fiamma del peccato de noantri questo giallo psicologico di Comencini, non ai suoi vertici narrativi. La trama appare spesso slegata e i dialoghi cerebrali funzionano solo a tratti, a dispetto dei nomi coinvolti nella scrittura. Anche il resto della troupe stellare (Baragli, Morricone, De Santis) sembra sovente lavorare con la mano sinistra. Nonostante tutto il film si fa seguire e la nemesi finale, seppur prevedibile, funziona. Ottima prova di Leroy e della Pitagora. Vale la pena.

Alex1988 25/10/16 18:08 - 652 commenti

I gusti di Alex1988

Incursione nel giallo da parte di Comencini che, per l'occasione, si serve di un gran cast tecnico, tra cui Morricone e Pasqualino De Santis. E' sì un giallo, ma le convenzioni del genere vengono quasi del tutto evitate puntando sulla psicologia dei protagonisti. Finale a sorpresa.

Rufus68 22/07/17 20:21 - 3087 commenti

I gusti di Rufus68

Le speranze perdute, il disagio psichico, la grettezza: Comencini immerge i suoi personaggi dilaniati in un'ambientazione sospesa tipica della provincia più chiusa in cui sembra che non accada mai nulla. I tocchi romantici e autunnali di Morricone aggiungono valore a tale scelta di stile. Bravi i due protagonisti, in particolare la Pitagora, essenziale e sommessa. Il classico film che migliora nel tempo.

Myvincent 1/06/18 08:38 - 2553 commenti

I gusti di Myvincent

Anziché svilupparsi come giallo, il film si concentra sulla nuova storia d'amore dei due protagonisti, fatti avvicinare l'un l'altro per motivi professionali di interesse: un cospicuo premio assicurativo che sembra sospetto vista l'enigmatica morte della benestante sottoscrittrice. Poi lo scatto felino di Philippe Leroy e il volto espressivo di Paola Pitagora fanno il resto. Il finale è un insieme di finali l'ultimo dei quali, inaspettato, lascia l'amaro in bocca.

Beffardo57 9/12/19 22:46 - 262 commenti

I gusti di Beffardo57

Comincia come giallo, dal ritmo molto lento, per trasformarsi in un dramma sentimentale e concludersi poi in modo repentino e inaspettato. Opera assai irrisolta; non si comprende quali fossero le intenzioni originarie degli autori ma in ogni caso i risultati appaiono confusi. Ha un suo datato fascino l'ambientazione fine anni Sessanta: le auto, l'arredamento, gli oggetti, persino la stazione di Milano, l'impermeabile e il borsalino di Leroy, peraltro inadatto al ruolo di mediocre con qualche ambizione. Pitagora bella, fragile e letale.

Daidae 7/08/20 13:36 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Giallo mediocre, dal ritmo lento, ad arrivare in fondo si fatica; e dire che non ha neppure una durata eccessiva... La trama è alquanto banale e così un ottimo regista e un valido cast (Leroy, D'orsi, Tranquilli) non bastano. Da segnalare anche una discreta colonna sonora e le solite ambientazioni eleganti di un'Italia per tanti versi molto più bella di quella attuale.
MEMORABILE: Il finale

Renato 19/08/20 11:02 - 1557 commenti

I gusti di Renato

Interessante opera oggi poco nota di Comencini, che parte come un giallo ma scolora poi nel dramma sentimentale con il passare dei minuti. Ed è un peccato, perché il film ci perde. Splendida e bravissima Paola Pitagora, che conferma le sue indubbie doti in un ruolo ambiguo, mentre Leroy era forse poco adatto alle sottigliezze interpretative richieste dalla sua parte. Ambientato tra Livorno e una Milano fredda e piovosa, merita la visione ma non convince fino in fondo.

Il Dandi Ieri 14:09 - 1777 commenti

I gusti di Il Dandi

Avvocato di una compagnia di assicurazioni indaga sulla morte sospetta di una cliente e intreccia una relazione con la scapestrata figlia minore. Anomalo film di Comencini che mescola giallo, noir e dramma sentimentale: un evidente omaggio all'hard-boiled (con trama intricata e un Leroy che bogarteggia con impermeabile e cappello) ma anche un aggiornamento degli stilemi del genere, con la Pitagora (capello a caschetto e seno tanto minuto quanto generosamente offerto) che incarna una insospettabile femme fatale beatnik e lolitesca.
MEMORABILE: Umberto D'Orsi prepara un cocktail Martini (agitando e non scuotendo, come di rigore); Le foto della Pitagora sulla rivista per uomini "Kent".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Squash • 10/09/14 12:32
    Galoppino - 198 interventi
    Philippe Leroy l'attore francese che aveva iniziato in Francia con il film il buco, in questo film continua a lavorare nel cinema italiano ed il suo forte accento francese farà sì che sarà spesso doppiato. In questo film ha la voce di Giacomo Piperno.
  • Curiosità Zender • 20/02/16 14:58
    Consigliere - 43526 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Homevideo Il Dandi • Ieri 14:07
    Contratto a progetto - 1437 interventi
    Visionato in una registrazione tratta da Rete 4 (non troppo antica, a giudicare dal logo del canale) che sospetto essere cut.

    SPOILER:
    mi pare di ricordare che nel finale si vedesse Leroy morto in auto con la testa insanguinata, mentre nella copia da me appena vista non ce n'è traccia e il cadavere è sempre fuori campo. 
  • Homevideo Buiomega71 • Ieri 15:16
    Pianificazione e progetti - 21911 interventi
    Il Dandi ebbe a dire:
    Visionato in una registrazione tratta da Rete 4 (non troppo antica, a giudicare dal logo del canale) che sospetto essere cut.

    SPOILER:
    mi pare di ricordare che nel finale si vedesse Leroy morto in auto con la testa insanguinata, mentre nella copia da me appena vista non ce n'è traccia e il cadavere è sempre fuori campo. 
    Curiosa questa tua segnalazione, Dandi. In teoria (ma solo in teoria) in televisione dovrebbe passare integrale in seconda serata o a notte fonda (visto il divieto ai soli 14 anni), a meno che tu non abbia registrato una messa in onda pomeridiana del film (ciò spiegherebbe, in parte, il taglio).

    Curioso, poi, che in home video il film di Comencini, da noi, sopravviva solo su una vetusta vhs della Domovideo, e manchi un edizione , al momento, in dvd.



    Ultima modifica: Ieri 15:21 da Buiomega71
  • Homevideo Il Dandi • Ieri 16:58
    Contratto a progetto - 1437 interventi
    Non posso sapere l'orario della messa in onda da cui ha origine questo tv rip che circola in rete, ma sarà stata sicuramente notturna vista la presenza del bollino rosso.

    Peraltro è invece presente il topless di Paola Pitagora.