Seduzione pericolosa

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Sea of love
Anno: 1989
Genere: thriller (colore)
Numero commenti presenti: 22
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Fortemente appoggiato alla solita, impeccabile interpretazione di Al Pacino, il film di Harold Becker è costruito con un meccanismo tra il giallo e il thriller che si propone come una delle infinite varianti sul tema dell'hitchcockiano SOSPETTO, in questo caso a sessi invertiti come tre anni dopo farà Verhoeven nell'accostabile BASIC INSTINCT. Frankie Keller (Pacino) è un poliziotto chiamato a investigare (assieme al collega che gli ha soffiato la moglie) sulla morte di uomini che vengono contattati in una rubrica per cuori solitari e uccisi con un colpo di pistola dopo il rapporto con la donna misteriosa con cui...Leggi tutto avevano ottenuto l'appuntamento. Sembra che l'omicida ami chi scrive in rima e insomma, qualche indizio per mettere in relazione i delitti esiste. Da qui ad arrivare alla soluzione... Frankie intanto propone un'idea, al distretto: pagare per un'inserzione da comporsi con toni poetici e prendere le impronte sul bicchiere di tutte le donne che si presenteranno all'appuntamento, da confrontare poi con quelle rinvenute nell'appartamento della prima vittima. Trovata la frase giusta (peraltro opera della madre di Frankie stesso, che l'aveva usata per conquistare il futuro marito) si dà il via agli incontri in un bar dove a servire è chiamato il detective Sherman (Goodman), parte attiva nell'indagine. Uno stratagemma simpatico che servirà a mettere in luce la buona sceneggiatura di Richard Price (autore unico del copione). Gli scambi sono brillanti, utili anche per dare autenticità alla sospetta numero uno, Ellen (Barkin), con cui presto Frankie finirà a letto. Come indica il titolo italiano (quello originale è prelevato dalla "Sea of Love" di Phil Phillips, il 45 giri che il killer ama far suonare sul giradischi prima degli omicidi) la seduzione gioca un ruolo importante e cambia il rapporto distaccato che si richiederebbe nei confronti di una donna che Frankie sa benissimo poter essere la colpevole. Ellen Barkin non è propriamente bella ma è un tipo interessante, regge brillantemente una parte non facilissima e - anche se gli incontri tra i due distolgono l'attenzione da una trama piuttosto complicata con divagazioni "hot" pretestuose che spesso allentano la tensione - si propone come la figura necessariamente più ambigua del lotto; lotto completato poi da un John Goodman che duetta bene con Pacino recuperando un clima a tratti goliardico che si sposa argutamente alla sottile traccia ironica di molti dialoghi. Non si sottovaluti però l'intreccio giallo sotteso al film, perché due o tre ottime idee si ravvisano anche in quello, a conferma di un film che dosa discretamente ogni componente pur senza brillare davvero in alcuna di esse. Perché c'è anche molta routine, nel lavoro di Becker, e senza l'abilità di Pacino nel districarsi tra registri diversi lasciando in ognuno il segno è chiaro che i risultati sarebbero ben diversi. New York si guadagna il suo spazio, anche se non se ne colgono scorci particolarmente caratteristici.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/11/07 DAL BENEMERITO GALBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 1/07/19
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 25/11/07 18:53 - 11386 commenti

I gusti di Galbo

Discreto thriller in cui Al Pacino a caccia di un killer misterioso si innamora di un'indiziata, la conturbante Barkin. Premesse non particolarmente originali per un film che tuttavia appare ben realizzato, soprattutto per la discreta regia e per l'interpretazione dei due attori pricipali, specie Pacino che realizza bene l'interpretazione di un poliziotto piuttosto logoro e deluso dalla vita che viene trascinato in un vortice erotico dall'incontro con la bella (e brava) Barkin. Bella la canzone che dà il titolo (originale) al film.

Homesick 29/03/08 18:00 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Thriller semplice e compatto, con una sceneggiatura di buon livello e alcuni momenti di tensione disseminati qua e là ed in crescita verso il finale. Pacino – con doppiaggio ad hoc di Ferruccio Amendola – assomma in sé solitudine e nevrosi del poliziotto della metropoli newyorkese e la Barkin disegna con maestria una donna dall’irresistibile fascino ambiguo e scrutatore; simpatico l’enorme Goodman. Suggestiva la fotografia degli esterni di New York al crepuscolo.

Deepred89 15/10/08 18:44 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Non è male questo thriller alla Hitchcock con venature poliziesche, erotiche e romantiche. Spesso la storia della relazione tra i due protagonisti sovrasta quella gialla e questo è evidente negli ultimi 10 minuti, ma l'insieme è brillante e il coinvolgimento non manca. Notevole interpretazione di Al Pacino e discreta colonna sonora, tipicamente anni 80 (non male soprattutto i pezzi che accompagnano le scene di suspense).

Stefania 26/06/09 21:57 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Un thriller tradizionale: ambientazione metropolitana, una vecchia volpe di poliziotto, un serial killer, labili indizi, una dark lady... Ciò che rende molto piacevole la visione di questo film è la storia d'amore tra Al Pacino e l'indiziata numero uno, Ellen Barkin: una storia emozionante, come sempre avviene quando i protagonisti hanno, entrambi, una paura folle di innamorarsi. Il finale lascia davvero... soddisfatti (anche se non proprio esterrefatti). Bella la canzone "Sea of love" nella versione di Tom Waits.

Matalo! 27/06/09 16:25 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Piccolo film che si fa adorabile per l'interpretazione dei due protagonisti (un Pacino assai in palla e una torrida, lussureggiante Barkin). L'incrocio tra la trama (un giallo nel mondo dei cuori solitari) e le solitudini dei protagonisti (lei una sospettata con pedigree sentimentale difficile, lui di mezza età, professionalmente deformato e che trema a presentarsi come poliziotto, col vizio della "bibita") permette ai protagonisti dei gustosi duetti, fuori e dentro il letto. Goodman è un'adorabile, gigantesca spalla di Pacino. Non eccezionale ma amabile.
MEMORABILE: La forza erotica di Ellen Barkin; Pacino con scarpe color giaguaro.

Siregon 9/03/10 20:13 - 353 commenti

I gusti di Siregon

Ha segnato il ritorno di Al Pacino al successo, questo ottimo thriller vecchia scuola con due protagonisti al top della forma in grande sintonia anche nelle bollenti scene erotiche. Bravo John Goodman e più stereotipato Michael Rooker, ottime la colonna sonora e le ambientazioni newyorkesi. Scorre a tratti prevedibile ma intriga e trascina nella storia. Davvero consigliato. Il miglior ruolo di Ellen Barkin.

Giacomovie 17/06/10 10:37 - 1347 commenti

I gusti di Giacomovie

Giallo diverso dal solito che alterna buoni momenti di tensione ad altri di scherzosità. La sceneggiatura è stata articolata in modo da creare e risolvere dubbi, con una bella sorpesa finale. Pacino primeggia trovandosi in uno dei ruoli per lui congeniali, ed Ellen Barkin si mostra nel suo fascino passionale. Tra i due c'è qualche scintilla trasgressiva accompagnata dalla bella canzone "Sea of love". ***!

Il Dandi 23/10/10 19:47 - 1774 commenti

I gusti di Il Dandi

Purtroppo avevo già letto l'albo di Dylan Dog n. 71 "I delitti della mantide" ad esso ispirato, ma nonostante questo ho trovato il film comunque avvincente e stiloso. Il protagonista è pieno di nevrosi (il classico detective di città maturo e divorziato), ma Pacino riesce a tenere a freno la sua gigioneria. Ottimamente assortito il collega ciccione Goodman, buona la dark lady Barkin, ma il vero punto di forza del thriller è l'ambientazione newyorkese, abusatissima ma qui davvero bella come poche volte.
MEMORABILE: Lui intravede una pistola nella borsetta di lei e, terrorizzato, la chiude nello sgabuzzino: "Questa città riduce la gente a pezzi!"

Lucius 24/10/10 17:47 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Thriller brillante: nella sceneggiatura, nella prova degli attori, (ottimi i protagonisti con le loro interpretazioni), nelle atmosfere e nei movimenti di macchina. La solitudine interiore che accomuna i due, la passione che li pervade, il rischio per la situazione in cui si trovano ne fanno un thriller avvincente e coinvolgente. L'erotismo è calibrato e la suspense assicurata.

Jcvd 28/06/11 17:30 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Al Pacino e John Goodman sono due poliziotti a caccia di una spietata serial killer che uccide uomini conosciuti tramite appuntamenti al buio. I due così si fingono scapoli alla ricerca dell'assassina. Al Pacino però finirà per innamorarsi di una indiziata e... Buon giallo, poco misterioso e con poca suspense, retto soltanto da un buon Pacino e dal sempre ottimo Goodman. Alla lunga stanca. Evitabile il lungo epilogo mentre buono è il colpo di scena sul killer.

Jofielias 11/11/11 08:32 - 170 commenti

I gusti di Jofielias

Cosa accade quando il poliziotto che indaga su una serie di omicidi s'innamora del suo maggiore sospetto? Becker mette in scena un thriller ad alta tensione e lo dirige come una coreografia sino al gran finale, senza perdere un battito. Per quanto incredibile (per i tempi in cui è stato girato) la vena di sensualità non insegue la moda, ma è fortemente tematica. Tridimensionali i personaggi: Al Pacino ci regala un'interpretazione magistrale, supportato da un'Ellen Barkin capace di turbare i sogni e un John Goodman semplicemente perfetto.
MEMORABILE: Gli incontri di Pacino e Goodman con le inserzioniste in un locale pubblico.

Coyote 19/02/12 18:16 - 185 commenti

I gusti di Coyote

Il poliziotto in crisi, il serial killer, una donna ambigua: tutti elementi che caratterizzano un thriller classico, molto ben sceneggiato e affidato a ottimi attori. Il personaggio di Helen Cruger è costruito benissimo e la Barkin è brava a sostenere un ruolo sfaccettato e sfuggente. Al Pacino, come al solito, non delude mai.

Nicola81 21/10/14 23:33 - 1956 commenti

I gusti di Nicola81

Nonostante un buon colpo di scena, questo ibrido thriller/poliziesco/sentimentale si lascia apprezzare più per il disegno psicologico dei personaggi che per l'intreccio narrativo. Al Pacino è bravo nel tratteggiare un poliziotto stanco e vulnerabile cui una complessa indagine offre un inatteso riscatto, Goodman è una validissima spalla, ma la scena se la prende quasi tutta la Bakin: sexy, ambigua e intrigante, per lei il ruolo della vita. La regia di Becker non è entusiasmante, ma confeziona comunque un prodotto onesto.

Daniela 6/10/14 13:49 - 9393 commenti

I gusti di Daniela

Indagando su una serie di omicidi di uomini che avevano risposto a inserzioni per "cuori solitari", un poliziotto sotto copertura avvicina donne in cerca di compagnia e finisce per intrecciare una relazione proprio con la principale sospettata... Se la vicenda poliziesca in se stessa è ben poco originale, nonostante la presenza di una spalla gustosa come Goodman, il film risulta affascinante come thriller sentimentale, grazie all'alchimia fra i due protagonisti: la sensuale Barkin, dal fascino ambiguo, e Pacino, febbrile e disperatamente solo.

Taxius 23/08/15 02:05 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Ottimo thriller che riesce a tenere alta la tensione dell'inizio alla fine e assolutamente imprevedibile perché fino agli ultimi minuti non si riesce a capire chi sia l'assassino/a. Importante è la struttura psicologica dei personaggi, entrambi soffocati da una New York sempre più indifferente alle sofferenze del singolo individuo. Al Pacino è Al Pacino e anche la Barkin è perfetta; in secondo piano Goodman, ma molto divertente. Il thriller che non ti aspetti.
MEMORABILE: Al Pacino che "perquisisce" la Barkin.

Saintgifts 21/08/15 16:08 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Chi uccide i poeti degli annunci per cuori solitari? Una dark lady naturalmente... Il detective Frank (Al Pacino) escogita una semplice trovata per acchiappare la ragazza con la pistola: tendere una rete con un annuncio poesia e incontrare decine di donne, fra le quali individuare quella buona. La rete si avviluppa intorno a lui, inevitabile. Al Pacino è sempre lui ma nell'89 era ancora una sorpresa, la Barkin e Goodman sono ottimi comprimari, il thriller, più che teso, è rilassante ma non privo di interesse; ci si aspetta sempre il lieto fine.

Rambo90 8/05/16 17:23 - 6345 commenti

I gusti di Rambo90

Un bel thriller, dalla trama non molto intricata ma con un buon ritmo e un ragionevole dubbio che coinvolge l'affascinante Barkin, dubbio che dà modo ad Al Pacino di fornire una prova convincente, spalleggiato da un simpaticissimo Goodman. Oltre alla trama poliziesca è apprezzabile anche il rapporto tra i due protagonisti, non banale e con alcuni momenti pseudo-erotici abbastanza riusciti. Notevole.

Il ferrini 28/08/17 19:51 - 1680 commenti

I gusti di Il ferrini

Pellicola che poggia quasi interamente sulle spalle di Al Pacino, come sempre impeccabile, ma non lascia il segno. Colpa di una sceneggiatura prevedibile, che se non dà certezze su chi sia l'assassino di certo ne concede parecchie su chi non lo possa essere, smontando gran parte della tensione che intenderebbe creare. La regia è solida, i dialoghi sono ben scritti, gli attori sono capaci, Goodman il mestiere ce l'ha e anche la Barkin; insomma, tutto è lì dove dovrebbe essere. E forse è questo il suo più grande difetto.
MEMORABILE: Il cameo iniziale di Samuel L. Jackson; Goodman che fa il cameriere.

Rigoletto 3/02/20 12:05 - 1565 commenti

I gusti di Rigoletto

Misteriosi omicidi inducono il detective Keller, già depresso per un matrinomio finito, a compiere indagini approfondite, notata la matrice comune dei delitti; la ricerca lo porterà in un vortice passionale incontrollabile. Thriller urbano di sicuro valore, diretto da Becker con piglio deciso. Pacino è in gran forma, Goodman gli tiene testa ma gli occhi sono tutti per la Barkin che con bravura (e non solo) ruba loro la scena. Sicuramente una visione la merita.

Berto88fi 19/04/20 17:42 - 199 commenti

I gusti di Berto88fi

Una trama semplice per un thriller notevole e originale, soprattutto perché riesce a trattenere nell'incertezza lo spettatore per quasi tutta la durata e, pur con tensione altalenante, ne mantiene vivo l'interesse. Ben assortito il cast; Pacino è un perfetto sbirro "hard-boiled" e l'ambigua Birkin, con la sua carica erotica, è perfetta per la parte. Gradevoli l'ambientazione "by night" di New York e la colonna sonora.
MEMORABILE: Gli incontri per "cuori solitari".

Rocchiola 9/08/20 19:14 - 864 commenti

I gusti di Rocchiola

Spacciato come thriller erotico è un poliziesco urbano più attento alle caratterizzazioni che al sesso e all’azione. Un’indagine fuori orario tra le inserzioni dei cuori solitari traccia una mappa piuttosto credibile delle solitudini urbane. L’inizio è incisivo, poi la storia sentimentale tra i due protagonisti prende il sopravvento e smorza un po' l’impatto in attesa della sorpresa finale. Azzeccato il ricorso al classico “Sea of love” come leitmotiv dell’omicida, Pacino sempre bravo nei panni del poliziotto stanco e disilluso. Efficace anche la bellezza “particolare” della Barkin.
MEMORABILE: Il ricorrente tormentone di “Sea of love”; I finti incontri al ristorante; “I rapporti umani sono impegnativi, troppo impegnativi”.

124c 27/08/20 14:21 - 2771 commenti

I gusti di 124c

Film che rilancia la carriera di Al Pacino dopo anni di insuccessi e di esilio; il nostro incarna benissimo il ruolo di poliziotto depresso che deve risolvere il caso di alcuni morti violente. Fatale, ma anche sensuale è l'incontro con il personaggio misterioso di Ellen Barkin, che duetta splendidamente con lui. Bravi John Goodman,Richard Jenkins e Michael Rooker, ma occhio alla breve comparsata di Samuel L. Jackson all'inizio. Bollente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Il Dandi • 23/10/10 20:14
    Contratto a progetto - 1435 interventi
    Visto la prima volta mi venne subito in mente il Dylan Dog n. 71 "I delitti della mantide".

    Vedo però che Cotola non lo cita nel suo ottimo speciale dedicato agli omaggi cinefili dell'indagatore dell'incubo.

    Mi piacerebe sapere il tuo parere: secondo te si potrebbe aggiungere, o l'influenza è solo una mia impressione?
    Ultima modifica: 23/10/10 20:15 da Il Dandi
  • Discussione Zender • 23/10/10 21:02
    Consigliere - 43513 interventi
    Beh sai, gli albi di DD son talmente tanti che non penso che lo speciale possa pretendere di avere troppe pretese di completezza, anche perché il citazionismo di DD è veramente frequentissimo e beccarli tutti è pressochè impossibile direi. Bisogna anche vedere se Cotola ha letto quell'albo in particolare. Se però tu hai quel famoso n.71 e ricordi il film e sei in grado di dire che esistono dei precisi riferimenti non vedo perché non potremmo aggiungerlo.
  • Discussione Il Dandi • 24/10/10 11:54
    Contratto a progetto - 1435 interventi
    Sì, dunque:
    - in quella storia Dylan Dog segue il caso di un serial killer che miete vittime dopo amplessi occasionali.

    - Come Al Pacino nel film, anche lui finisce per frequentare la principale sopsettata, ovvero la donna che si scopre essere uscita per ultima con le vittime. La donna in questione per l'appunto si chiama addirittura Ellen!

    - Oltre tutto anche questa Ellen, come quella del film, è commessa in un negozio elegante, è divorziata e ha una bambina piccola sulle spalle.

    p.s.
    ricordo nella storia anche un mini-mini- riferimento a Ghostbusters, con la figura del vicino di casa petulante e impiccione ricalcato sulle fattezze di Rick Moranis ;)
  • Discussione Zender • 24/10/10 12:44
    Consigliere - 43513 interventi
    Buona a sapersi, grazie. Attendiamo la conferma del titolare dello special e inseriamo.
  • Curiosità Lucius • 24/10/10 17:52
    Scrivano - 8325 interventi
    Golden Globe Awards:
    nomination golden globe per il miglior attore in un film drammatico
    Al Pacino
  • Discussione Cotola • 24/10/10 19:20
    Consigliere avanzato - 3628 interventi
    Come detto da Zender il citazionismo di DD è talmente spinto che è difficile se non impossibile pretendere esaustività. Devo anche
    essere sincero: ho letto tutti gli albi fino al
    200 ma molti di essi li ho letti alla loro uscita. Questo è il numero 71: credo quindi che la sua uscita sia stata più di dieci anni fa.
    Non ricordo se ci possano essere attinenze.
    Tuttavia poiché il Dandi ha dato informazioni più che circostanziate, non vedo perchè non aggiungere alla lista di omaggi e citazioni fatti dal fumetto in questione.

    Un saluto.
  • Discussione Zender • 24/10/10 19:44
    Consigliere - 43513 interventi
    L'ho inserito in un ultimo capitoletto dedicato alle segnalazioni degli utenti e ho linkato anche questo film allo speciale. Un grazie a Il Dandi!
    Ultima modifica: 25/10/10 08:49 da Zender
  • Discussione Il Dandi • 25/10/10 00:37
    Contratto a progetto - 1435 interventi
    Sì Cotola è un albo di più di dieci anni fa, anzi diciamo pure venti! Nell'occasione dico anzi complimenti per il tuo monumentale speciale: mi fa tornare in mente di colpo tante cose che non ricordavo io.
    grazie a voi!
  • Musiche Lucius • 25/06/12 10:06
    Scrivano - 8325 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale francese:

    Ultima modifica: 25/06/12 10:12 da Zender
  • Homevideo Rocchiola • 9/08/20 19:15
    Call center Davinotti - 1134 interventi
    Sia il BD che il DVD della Universal sono fuori catalogo ed hanno raggiunto quotazioni ragguardevoli. Speriamo in una ristampa !!!