LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/02/10 DAL BENEMERITO STEFANIA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stefania 26/02/10 00:37 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Diana, cattiva Biancaneve, vuole uccidere la buona matrigna, Frank è un principe-nanetto, che lei vuole tenere in salotto, in camera da letto, in giardino... Quando il nanetto vuole fuggire, non ci sta, Diana-Biancaneve, a restare ancora sola. Lontano dal capolavoro "Vertigine", è comunque di gran classe questo ibrido tra noir e dramma giudiziario. La Simmons, coi suoi occhi freddi ma tristi e la maniacale ripetizione di certi gesti regala profondità inattese al suo personaggio, un ibrido anch'esso, tra cinica dark lady e povera ragazza ricca, viziata e mai amata.
MEMORABILE: Diana che suona il piano, lo sguardo assolutamente distaccato, mentre l'auto della sua matrigna precipita dalla scarpata.

Enzus79 20/11/12 19:52 - 2338 commenti

I gusti di Enzus79

Otto Preminger è un regista che ha dato il meglio di sè nel genere noir. Questo ne è un esempio. Robert Mitchum e la Jean Simmons sono veramente due grandi attori. Le musiche di Dimitri Tiomkin sono a dir poco eccezionali. Finale da applausi. Davvero notevole.

Saintgifts 13/05/13 10:48 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

È una Jean Simmons lontana dai suoi ruoli più conosciuti. Lontana non per qualità, ma per carattere del personaggio, non positivo e razionalmente posato, ma freddo, maligno, calcolatore e... pronto a tutto. Anche Mitchum ha un ruolo abbastanza inusuale; tutto ciò rende il dramma interessante anche se, tutto sommato, piuttosto lineare nel suo svolgersi. La regia di Preminger sembra più distratta se paragonata ad altri suoi prodotti di classe alta; forse qui Preminger è più interessato come produttore, coperto da un grande cast e da un plot senza buchi.

Mickes2 10/11/13 18:53 - 1669 commenti

I gusti di Mickes2

Noir melodrammatico a tinte giudiziarie il cui valore principale sta nel tratteggio polivalente e ambiguo, glaciale, infantile e calcolatore della splendida Jean Simmons. Confermata l’assoluta adorazione del maestro austriaco per le figure femminili, in Angel face è tuttavia prorompente il lato fatalista e tragico della vita, dove anche la scelta più giusta e il sacrificio più grande possono rivelarsi armi a doppio taglio, contrappassi distruttivi che annullano la ragione accompagnandola verso l’autodistruzione. Regia ordinata, script solido.
MEMORABILE: Le candide note del pianoforte, lo sguardo neutro perso nel vuoto, mentre fuori si consuma la tragedia; Il finale.

Ciavazzaro 6/03/15 23:23 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Stupendo. Uno dei migliori noir senza ombra di dubbio ma soprattutto una delle dark lady più interessanti e complesse dell'intero genere: la straordinaria Jean Simmons, demonio e vittima allo stesso tempo. Una fredda assassina verso la quale però, allo stesso tempo, lo spettatore non può che provare una profonda pietà (molto più antipatico risulta Mitchum). L'omicidio è da manuale, il finale di grandissimo impatto, non completamente inaspettato ma veramente spiazzante. 50 oscar non basterebbero per tributare i massimi onori alla Simmons.
MEMORABILE: La diabolica trappola a quattro ruote; Il processo; La Simmons attende tutta la notte seduta su una poltrona l'arrivo di Mitchum; Il finale.

Daniela 28/05/15 13:14 - 11622 commenti

I gusti di Daniela

La seduzione del titolo italiano è quella messa in atto da una ereditiera viziata, morbosamente legata al padre, nei confronti di un modesto autista che cede più per pigrizia che per passione... Preminger, che aveva già toccato il vertice del noir in Vertigine, qui non si ripete per demerito di una sceneggiatura un poco sfilacciata e di interpreti di contorno opachi o insignificanti. Se è comunque un buon film lo si deve al fascino minuto di Simmons, alla sensualità indolente di Mitchum, ad un finale tragico di notevole impatto.

Homesick 29/01/16 13:54 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

A volte un'assoluzione può essere la condanna più tremenda. Lo sentenzia Preminger dirigendo una sceneggiatura minima e sbrigativa che si addensa, bruciante, intorno ai suoi tre punti di riferimento del noir, del melodramma psicologico e del film giudiziario, tutti valorizzati con precisi tocchi registici. La Simmons effigia una femme fatale dall'animo turbinoso e complesso, Mitchum si impegna sino alla fine nel ritratto di un autentico pirla, la Freeman in quello della brava ragazza e Ames nella parte dell'avvocato impassibile e implacabile. Il marchio Rko non tradisce.
MEMORABILE: L'invito a colazione della Simmons alla Freeman; il processo; la confessione ormai inutile.

Nicola81 29/05/17 10:50 - 2450 commenti

I gusti di Nicola81

Uno di quei noir vecchia maniera, in cui amore e morte vanno di pari passo. Trama che si segue senza sforzo, personaggi ben disegnati, bella parentesi giudiziaria e ottima recitazione da parte dell'intero cast, ma su tutti domina la figura di Jean Simmons: non la solita femme fatale, ma un personaggio complesso e ricco di sfumature inattese, una spietata calcolatrice ma anche una ragazza viziata vittima di un bisogno d'amore inappagato. Preminger lo definì "un incidente solo casualmente riuscito" e a mio avviso peccò di modestia.
MEMORABILE: La trappola mortale; Il processo; La confessione della Simmons; Il tragico finale.

Jdelarge 27/11/18 00:22 - 992 commenti

I gusti di Jdelarge

Noir atipico con al centro una figura femminile che riscrive un po' le caratteristiche classiche della femme fatale. Qui, infatti, la bravissima Jean Simmons veste i panni di una donna che sì riesce a sedurre il malcapitato maschio di turno (Robert Mitchum) ma che risulta, allo stesso modo, essere vittima di se stessa. Oltre a questa peculiarità il film, però, è piuttosto statico e non regala grandi colpi di scena e la regia di Preminger risulta, stranamente, un po' sottotono.

X offender 2/06/18 13:22 - 39 commenti

I gusti di X offender

Gli ingredienti del noir classico americano ci sono tutti: Los Angeles, il sole della California, il villone isolato in collina, l'ingenuo protagonista che si lascia coinvolgere in qualcosa di più grande di lui da cui non potrà più uscire, un tragico destino che appare già scritto e soprattutto una femme fatale fredda e mentalmente instabile. Jean Simmons, la faccia d'angelo del titolo, offre un ritratto indimenticabile del suo personaggio (un'ereditiera viziata e morbosamente legata al padre); una distaccata dark lady da antologia.
MEMORABILE: Il finale: semplicemente scioccante.

Mona Freeman HA RECITATO ANCHE IN...

Bubobubo 14/12/21 19:00 - 1722 commenti

I gusti di Bubobubo

Per quanto un po' macchinoso e opaco nell'intreccio narrativo (che, alla fine, si condensa in una scena conclusiva di sicuro impatto, sebbene non esattamente imprevedibile) e interpretato da un cast di valore diseguale (ottima la femme fatale Simmons, stolido Mitchum), si tratta comunque di un noir interessante, curato nelle ambientazioni (il contrasto fra la downtown di Beverly Hills e la grande villa dei Tremayne) e impreziosito dall'adeguata colonna sonora del maestro Temkin. Delle celebri scene processuali si ricordano le arringhe della difesa, capolavori d'equilibrismo retorico.
MEMORABILE: Pranzo fra Mary (Freeman) e Diane (Simmons); L'arringa della difesa; La scena finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.