Scomparso. Missing

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Straziante ripresa da parte di Costa-Gavras di uno dei tanti incresciosi episodi seguiti al colpo di stato dell'11 settembre 1973 in Cile, che vide Pinochet sostituire grazie all'appoggio delle forze armate il presidente Salvador Allende, eletto tre anni prima. La storia di Ed Horman (Lemmon), giunto da Washington per ritrovare il figlio (Shea) scomparso proprio in quei giorni a Viña (del Mar), viene riadattata alle esigenze di Costa-Gavras occultando il nome della nazione (per quanto si legga “Chile” più volte sugli sfondi e si citi apertamente Santiago benché le riprese siano state fatte in Messico) per proteggere – lo si specifica all'inizio - “alcune persone innocenti e il film stesso”. La moglie dello scomparso, Beth (Spacek),...Leggi tutto è scossa, ha già cercato in ogni modo di ritrovare il marito col quale sarebbe dovuta essere se non avesse perso la sera prima l'autobus per raggiungerlo. In avvio le cose che colpiscono (in tutti i sensi) sono gli spari che echeggiano di continuo dalle strade, il fondamentale rispetto del coprifuoco... Poi, dopo aver fatto la conoscenza di Charlie, sua moglie Beth e l'amica Terry (Mayron), seguiamo l'entrata in scena di papà Horman: sconvolto dall'idea di non poter riavere il suo unico figlio, per quanto ne disapprovi in toto le scelte di vita, non vede di buon occhio nemmeno Beth, con cui dovrà dividere la tremenda avventura. Le rimprovera un idealismo anarchico stupido, ma naturalmente col passare del tempo saranno molte le cose che scoprirà su di lei e suo figlio, che combatteva a suo modo scrivendo e disegnando, giornalista per una rivista rivoluzionaria. Non si può tuttavia non accorgersi di come un ruolo importantissimo per la sua funzione di denuncia il film lo assegni agli apparati diplomatici degli Stati Uniti, nazione non estranea al golpe che si trova in imbarazzo a dover gestire le continue richieste di chiarimenti di Horman, deciso a non andarsene finché non avrà ritrovato il figlio. Si fronteggiano apertamente due diverse visioni del mondo e Horman si accorgerà di come la vita tranquilla che conduceva negli Stati Uniti prevedesse implicitamente anche la non pubblicizzata conduzione delle crisi secondo metodologie non proprio limpide. Il viaggio tra le miserie di un Paese devastato dalla guerra civile è portato in scena da Costa-Gavras con grande realismo ed efficacia, evitando patetismi che esulino dalla normale commozione di un padre affranto, prostrato cui Jack Lemmon regala un'interpretazione memorabile, non a caso candidata all'Oscar così come quella della Spacek, altrettanto centrata. La statuetta la vinse però solo la sceneggiatura, ben scritta ma che forse non infila tutti i flashback al momento giusto rischiando di confondere un po' le acque. E' comunque indubbio che anche la regia di Costa-Gavras sappia trovare eccellenti momenti (si veda l'agghiacciante visita all'obitorio dei non-identificati) e che l'indimenticabile tema di Vangelis – pur non sempre sfruttato al meglio – arricchisca la qualità di un film importante e maturo, che nell'ultima parte sublima le emozioni chiudendo nel migliore dei modi.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/12/07 DAL BENEMERITO LOVEJOY POI DAVINOTTATO IL GIORNO 1/02/18
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 24/12/07 16:32 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Ed Horman, importante uomo d'affari americano, si reca nella città sudamericana dove il figlio pare scomparso nel nulla. Insieme alla nuora si mette quindi alla ricerca del ragazzo ma... Diretto da un Costa-Gravas in splendida forma, che firma alcune sequenze di dolorosa bellezza, è un dramma lacerante, che fa riflettere. Ispirato al Cile di Pinochet. Grandissimo, memorabile Lemmon, giustamente premiato a Cannes. Brava la Spacek. Compare anche Jerry Harding, "Gola Profonda" di "X Files". Memorabile colonna sonora di Vangelis.
MEMORABILE: La ricerca di Charles allo stadio Nacional; La drammatica telefonata finale.

Cotola 30/01/08 09:24 - 7447 commenti

I gusti di Cotola

Splendido film in cui ancora una volta Gavras riesce a coniugare in maniera eccellente impegno civile ed intrattenimento trattando il tema dei desaparecidos. Il risultato è un film teso, vibrante ed angosciante che tiene sulla corda lo spettatore dall’inizio alla fine senza risparmiargli alcune scene forti e sobrie allo stesso tempo. Splendide le prove degli attori. La colonna sonora di Vangelis è molto bella e si fonde perfettamente con le immagini.

Galbo 3/02/08 17:22 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Coerente con il suo lavoro, segnato da un forte impegno civile, il regista Costa Gavras realizza con Missing uno dei suoi film più convincenti. Dedicato alla situazione politica e sociale cilena nei primi anni '70, il film presenta una forte connotazione realista ed è molto efficace nel fare partecipare lo spettatore all'abisso di angoscia e disperazione di una nazione precipitata nell'incubo della dittatura e a quella di un padre (il grandissimo Lemmon) alla disperata ricerca del figlio scomparso.

Magnetti 1/12/08 10:42 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Piacevole scoperta per il sottoscritto... Piacevole nonostante il tema sia tutt'altro che leggero. Lascia un vuoto incolmabile per una vicenda senza via di uscita affrontata da una eterogenea coppia: la moglie dello scomparso e il padre di lui, diversissimi ma accomunati dal coraggio e dalla determinazione. Jack Lemmon fornisce una prova che mi stupisce non sia stata premiata con l'Oscar (nonostante la nomination). Brava anche la Spacek. È un film che va al di là di ogni critica e che consiglio con il cuore.
MEMORABILE: Il finale accompagnato dal noto e efficace tema musicale.

Pigro 28/02/09 10:24 - 7727 commenti

I gusti di Pigro

Scrittore Usa scompare durante il golpe cileno del '73; il padre arriva da New York per cercarlo e scopre le connivenze del suo paese con i criminali al potere. L'ottimo Costa Gavras mette a segno un altro grande film di denuncia civile, raccontando il necessario svelamento della coscienza dei nordamericani e della Cia nei confronti dell'atroce golpe cileno. La scelta del racconto attraverso gli occhi del padre conservatore dello scomparso (un eccellente Lemmon) e di un coinvolgente ritmo da film d'azione è perfetta. Da vedere.

Homesick 13/06/10 17:55 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il coinvolgimento della Cia nel golpe cileno del 1973 e il tradimento dei principi liberal-democratici proclamati dalla Costituzione USA sono filtrati da un film che possiede l’immediatezza e la fredda oggettività di un resoconto giornalistico, pur con qualche scontata annotazione sul “generation-gap” (padre conservatore contrapposto al figlio e alla nuora idealisti sinistroidi) e flashback sdolcinati e futili sulla vita di coppia. Squarci emozionali si aprono con Lemmon, impegnatissimo nell’evolvente ritratto chiaroscurale di Ed Hormon, e con il solenne commento sonoro di Vangelis.

Markus 20/06/10 14:00 - 3250 commenti

I gusti di Markus

Una delle migliori prove d'attore di Jack Lemmon, qui nei panni d'un padre che cerca di indagare sulle sorti del proprio figlio in terra cilena nel periodo dell'assurda dittatura sanguinaria di Pinochet. La pellicola è molto realistica nelle ambientazioni: lo spettatore vive le paure di quell'uomo e di quei luoghi, in cui si ha sempre il terrore di essere improvvisamente portati in un lager. Ottime le musiche di Vangelis che si contrappongono al clima di terrore rappresentato. Oscar mancato per Lemmon, fatto che, a ripensarci, fa rabbia.

Enzus79 14/12/10 16:44 - 1753 commenti

I gusti di Enzus79

Indubbiamente questo è il miglior film di Costa-Gravas (anche se prende il volo quando entra in scena Jack Lemmon, che qui è perfetto, nonostante il doppiaggio). Ci mette del suo anche Vangelis, che coinvolge molto con le sue musiche. Tematiche così devono essere affrontate in questo modo.

Saintgifts 26/11/10 02:16 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Costa-Gavras riesce a coinvolgere lo spettatore nel clima di terrore instaurato durante i giorni del golpe cileno del 1973. Attraverso le angoscie di una moglie e di un padre (interpretati da un'ottima Spacek e da un Lemmon in grande forma) che si trovano ad affrontare non un nemico ma due, visto che anche le autorità americane sono in odore di connivenza con i militari cileni. Gavras racconta e denuncia, con grande precisione e chiarezza, quanto poco possa valere una vita umana, anche se "protetta" dalla nazionalità USA, in certe circostanze.

Mark 26/05/11 00:42 - 264 commenti

I gusti di Mark

Un esempio di cinema dal raro potere di coinvolgimento. Finiti gli anni settanta iniziano ad aprirsi i primi squarci di denuncia sulla complicità degli Usa nell'istaurazione delle dittature sudamericane. L'attesa è il fulcro centrale del film, l'orrore il suo contorno. Ma attraverso questa attesa il volto di Jack Lemmon costruisce un'interpretazione sublime. Una sceneggiatura livida, fatta di silenzi assordanti che alludono inquietantemente al prevedibile epilogo. Un capolavoro.

Nicola81 1/03/14 22:58 - 1924 commenti

I gusti di Nicola81

Dei legami tra gli Usa e le dittature sudamericane, Costa-Gavras si era già occupato in L'amerikano; stavolta opta per un approccio meno politicizzato, concentrandosi maggiormente sul conflitto generazionale che emerge dal rapporto tra il padre e la moglie del giovane scomparso e finendo con l'avvicinarsi più al melodramma che al cinema di denuncia tout court. Bravissima Sissy Spacek, ma il film inizia a ingranare con l'entrata in scena di un Jack Lemmon in una delle sue migliori interpretazioni. Indimenticabile il tema musicale di Vangelis.

Myvincent 15/09/15 14:22 - 2520 commenti

I gusti di Myvincent

Un padre ricompone i tasselli della figura del proprio figlio arrivando a "conoscerlo" solo nella sua scomparsa. Un modo originale per raccontare la presa di potere militare in Cile nei primi anni '70, così drammatica e politicamente ambigua. Costa-Gavras gira un film dettagliato nella espressività e con esito quasi documentaristico aiutato da un cast di professionisti. Eccellente Sissy Spacek, mente Jack Lemmon a volte sembra esagerare nella mimica facciale.

Il ferrini 13/04/16 09:45 - 1661 commenti

I gusti di Il ferrini

Film di rara intensità; molte sequenze lasciano veramente il segno (il riconoscimento dei cadaveri è agghiacciante) così come la prova di un grande Jack Lemmon, nei panni di un padre tremendamente credibile: ideologicamente distante dal figlio ma umanamente disperato, lacerato e tormentato da domande che si infrangono contro un muro di gomma. La forza del film è proprio quella di riuscire a trasmettere efficacemente la paura, la drammaticità di quei giorni, in cui non si poteva uscire di casa senza rischiare la vita. Davvero una grande opera.

Pinhead80 14/07/16 20:17 - 3879 commenti

I gusti di Pinhead80

Un giornalista scompare nel nulla all'alba del golpe cileno del 1973 (anche se non viene mai esplicitato). La moglie e il padre non si daranno per vinti pur di scoprire la verità. E' un film molto duro da digerire per la natura del tema trattato e per come emerge poi la verità. Sia Lemmon che la Spacek dimostrano di essere due mostri di bravura regalandoci un'interpretazione intensa e malinconica. Anche questo film può servire a non dimenticare l'orrore che si cela di fronte a ogni violazione dei più basilari diritti umani.

Rambo90 28/04/17 18:31 - 6316 commenti

I gusti di Rambo90

Film impegnato, che ricostruisce con accuratezza una triste vicenda reale senza ricorrere a eccessi melodrammatici ma anzi cercando di mantenersi su un realismo coinvolgente, che rasenta a tratti il thriller. Lemmon e la Spacek offrono due prove maiuscole, di grande spessore, aiutando lo spettatore a immedesimarsi nella loro determinazione (prima) e nel loro dolore (dopo). Ritmo altalenante, ma non è una pecca, perché la buona sceneggiatura fa sì che non si perda mai l'interesse. Ambientazione più che efficace.

Magi94 20/09/17 23:21 - 656 commenti

I gusti di Magi94

Forse il miglior film d'inchiesta di tutti i tempi, incorona Costa-Gavras come maestro del genere. Realtà storica, tensione, riflessione sui fatti e sul pensiero dell'americano si mescolano per raccontare un fatto realmente accaduto. Regia superba, sceneggiatura che non perde un colpo e Jack Lemmon magnifico anche in questo ruolo drammatico, forse ancora più che nelle migliori commedie. Importante e commovente.

Rocchiola 26/01/18 14:39 - 854 commenti

I gusti di Rocchiola

Primo film hollywoodiano di Costa-Gavras che non cambia di molto le sue coordinate stilistiche basate su un realismo di stampo giornalistico qui impegnato a denunciare il coinvolgimento della CIA nel golpe cileno del 1973. Un grande Lemmon ci regala un altro ritratto di borghese americano le cui certezze entrano in crisi di fronte alla realtà degli eventi. Brava anche la Spacek e tra i comprimari segnalo Bradford e la Rule, già coppia di subdoli amanti nel La caccia di Penn. Il miglior risultato di un regista spesso sopravvalutato.
MEMORABILE: Il falso riconoscimento all'interno dello stadio; Il ritrovamento del corpo dell'amico tra centinaia di cadaveri; L'arringa finale di Lemmon.

Paulaster 27/09/18 12:15 - 2723 commenti

I gusti di Paulaster

Scrittore americano sparirà nel golpe cileno. Cinema civile e di forte denuncia delle connivenze tra Usa e regime militare. Basato su una drammaticità non accentuata, viene accostato però a immagini di repressione esplicite e da depistaggi che fanno gridare allo scandalo. Lemmon è più indignato che turbato, nota positiva per la Spacek che gli tiene testa. Brevi intermezzi di Vangelis sempre azzeccati.
MEMORABILE: Il corpo nel fiume; La distesa di corpi morti; Il cavallo che corre per strada di notte coi militari che sparano in aria.

Noodles 11/03/20 16:36 - 804 commenti

I gusti di Noodles

Pur col suo ritmo lento e compassato è una perla tra i film di denuncia ed è tra quelli che meglio ha descritto una delle pagine più indegne della storia dell'uomo, con freddezza e secchezza narrativa e una sceneggiatura ordinata. Poco spazio per il mero senso artistico, tranne per la colonna sonora di Vangelis, eccezionale come sempre. Gigantesco Jack Lemmon in un ruolo drammatico, non gli è da meno Sissy Spacek. Tratto da un storia vera. Per riflettere.

Jandileida 13/02/20 10:54 - 1246 commenti

I gusti di Jandileida

Un maestro del cinema inchiesta-verità come Gavras non poteva esimersi dal delineare le atrocità compiute dal regime di Pinochet e dallo svelare sordide comunelle a stelle e strisce. Seppure con un ritmo non troppo trascinante, l'affannosa ricerca del figlio da parte di Lemmon (coadiuvato da una brava Spacek) coinvolge, fa stringere i pugni, lascia a tratti basiti e distrugge ogni residua speranza sulla moralità della politica statunitense in America Latina. Insomma, ci si emoziona nonostante gli anni passati e i libri letti sul golpe cileno. Dolente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Magnetti • 17/06/10 12:56
    Call center Davinotti - 213 interventi
    Il famoso tema di Vangelis:

    http://www.youtube.com/watch?v=n8kmJKuJxdY

    Questo tema fu utilizzato anche dalla Gialappa's Band, con la loro tipica ironia, a sottolineare i momenti "tristi" del calcio (esoneri allenatori specializzati in strafalcioni etc).
  • Musiche Zender • 17/06/10 14:37
    Consigliere - 43542 interventi
    Ahah, è vero Magnetti, è proprio così, infatti a me vengono in mente subito immagini di allenatori cacciati, calciatori che tornano a casa con le valigie, aerei che partono malinconicamente...
  • Musiche Lucius • 29/05/11 11:07
    Scrivano - 8351 interventi
    Dirattamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:

    Ultima modifica: 29/05/11 11:27 da Zender
  • Homevideo Rocchiola • 26/01/18 14:47
    Call center Davinotti - 1123 interventi
    A quanto pare è uscito in Bluray solo in Italia in controtendenza con il trend imperante che ci vuole agli ultimi posti della produzione home video.
    Sulla provenienza del master utilizzato per questa edizione curata dalla Cult Media, nulla ci è dato sapere.
    In ogni caso sembra di guardare un buon DVD, privo di difetti, ma poco definito e dai colori un po' slavati.
    Attenzione all'audio perché la versione italiana 5.1 è stata ridoppiata con perdite (la voce di Lemmon è monotona e mono-espressiva), pertanto andate sul sicuro con il doppiaggio originale 2.0.
  • Curiosità Buiomega71 • 28/05/18 19:11
    Pianificazione e progetti - 21732 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (venerdì 7 febbraio 1986) di Missing - Scomparso:

  • Curiosità Fauno • 3/10/19 23:14
    Compilatore d’emergenza - 2528 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, un flano del film: