LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 10/01/11 21:33 - 5123 commenti

I gusti di Herrkinski

Risi confeziona un film italiano di notevole caratura, che pur includendo tutti i tratti tipici del cinema "d'autore" italico riesce a non risultare pretenzioso, mostrando anche diversi punti d'unione con la nostra commedia di una volta (quella intelligente). Sfruttando un tema e una location interessanti, Risi dirige bene un manipolo di attori apparentemente male assortiti, ma che invece interagiscono perfettamente; a parte un misurato Grillo e un bravo Testi, a rubare la scena è Coluche, veramente eccezionale. Assolutamente da riscoprire.

Zardoz35 11/07/14 01:34 - 248 commenti

I gusti di Zardoz35

Pellicola senz'altro sottovalutata, che tratta un tema serio come la malattia mentale, per di più nel corso di una guerra, curiosamente interpretata da una serie di attori notoriamente dediti al genere comico. Coluche mattatore sempre più stravagante, mentre Grillo appare riflessivo e misurato; Testi fa il compitino e Bisio è solo un giovane a inizio carriera. Buona la prova dei tanti caratteristi, tra cui svetta il sardo Ghiani.
MEMORABILE: Il "Dogui" Guido Nicheli, nella sua breve apparizione, parla siculo!

Galbo 17/10/14 06:24 - 11382 commenti

I gusti di Galbo

Tra le ultime opere di Risi, un film ambientato in Libia nel 1940, in pieno conflitto bellico. La vera sorpresa del film è la recitazione dimessa e "sottrattiva" di Beppe Grillo che convince più qui che in altre incursioni cinematografiche. Migliore la prova istrionica di Coluche. Il film non è memorabile forse a causa della difficoltà a trasporre l'opera letteraria da cui è tratto sullo schermo. Il ritmo langue e la sceneggiatura è povera di spunti. Buona l'ambientazione.

Saintgifts 30/04/15 18:30 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Tratto dai racconti autobiografici di Mario Tobino, a cui attingerà anche Monicelli per il suo Le rose del deserto, racconta l'importante problematica relativa ad ufficiali che, in posti di responsabilità, soffrono di disagi psichici gravi. Il titolo e il cast traggono quindi in inganno: non è propriamente un film comico, semmai una tragicommedia che si svolge in un presidio medico militare nel deserto libico. Un Grillo misurato è l'alter ego di Tobino, mentre Coluche recita bene la parte del capitano con problemi. Misurata è anche la direzione di Risi. Cast notevole.
MEMORABILE: La commissione giudica idoneo il capitano Pilli (Coluche) quando viene messa al corrente che è intimo di un importante ufficiale; Il nudo di Fatima.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.