LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/09/15 DAL BENEMERITO LOU
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rebis 21/09/15 23:24 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Diacronico nell'intercettare analogie, campi semantici e omogeneità contestuali tra passato e presente di una piccola comunità emiliana - Bobbio, paese d'origine del regista - è un film meditativo che mira all'indagine proustiana, all'enigma identitario, all'epifania antropologica, i cui tentativi di universalizzazione finiscono con l'appiattire l'humus locale nel macchiettismo. L'allusione che non si fa sostanza lascia posto al sospetto di inconsistenza. Inflazionatissimi Rohrwacher ed Herliztka; Timi nel pantano dell'istrionismo.

Myvincent 12/09/15 07:50 - 2575 commenti

I gusti di Myvincent

Bellocchio e i suoi familiari in un'opera probabilmente per lui psicoanalitica (ma di sicuro politica), gira con una "cinepresa" libera, spaziando dal '600 ai giorni nostri e descrivendo le paure di sempre, i feticci del potere e tanto altro ancora. L'impressione è di indurre ciascuno di noi all'ascolto delle proprie voci interne, a briglia sciolta, come solo un'operazione simbolica può provocare. Dietro e dentro, il profilo della sua Bobbio, come un ritorno alle origini.

Puppigallo 12/09/15 00:36 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Pellicola poco convincente, soprattutto nella parte ambientata nel presente. Infatti, se nella prima metà almeno si può apprezzare l'impegno nella ricostruzione degli eventi che avevano avuto come fulcro il monastero di Bobbio; nella seconda, complici personaggi poco convincenti (il truffatore e il russo), o semplicemente grotteschi e fastidiosi (i mantenuti dallo stato), si finisce per perdere anche quel minimo interesse scaturito dalle passate tribolazioni della protagonista. L'unico a salvarsi è l'anziano conte, che rifiuta la modernità e che era riuscito a "non vivere" nel suo limbo sereno
MEMORABILE: Lo scambio verbale tra l'anziano conte e il dentista.

Lou 11/09/15 00:58 - 972 commenti

I gusti di Lou

In quest'ultimo film Bellocchio gioca in casa ancor più del solito, per ambientazione e per libertà di movimento. Interamente girato a Bobbio, ripropone i temi cari al regista con due storie ambientate in epoche diverse. Il legame tra le due parti, così diverse tra di loro, si presta a varie interpretazioni; è evidente comunque come la critica alle disumane prove dell'inquisizione della prima parte si trasformi nella seconda in ironico atto d'accusa nei confronti dell'amministrazione pubblica corrotta. Spiazzante e indefinibile.

Maxx g 17/09/15 19:10 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Tre anni dopo Bella addormentata si rivede Bellocchio con un'opera piuttosto surreale (fatto non nuovo nel suo cinema), ma che riesce a catturare l'interesse dello spettatore: ci si appassiona, ci si disorienta, ma alla fine si rimane quasi abbacinati. Peccato che la logica non ci sia, anche quando verrebbe richiesta (ma perché il salto temporale?). Un'opera da vedere, anche se non si è necessariamente esperti o ferrati sull'autore. Ottimo il cast.
MEMORABILE: La prestazione di Herlitzka, novello Nosferatu; Lidya Liberman che esce dalla prigione.

Capannelle 29/01/16 13:46 - 3730 commenti

I gusti di Capannelle

Visione deludente per una storia che prende poco, non fa capire bene dove vuole andare a parare e soprattutto rivela una grave inconsistenza di fondo. A quel punto anche il cast è sprecato (risaltano più alcune figure secondarie che i nomi famosi) e Bellocchio non riesce a cavarne fuori granché. Finale metaforico ma neanche quello convince.

Ira72 6/01/17 18:52 - 953 commenti

I gusti di Ira72

Due film in uno, accomunati da una legge opprimente del passato e da una odierna legge pressoché assente ove la giustizia, però, sembrerebbe trionfare in entrambi i finali. Atmosfere caravaggesche nella prima parte, godibili e grottesche nella seconda (banalissima). Nel complesso un film lento da dimenticare ben presto.

Saintgifts 10/08/16 12:03 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Bobbio e le trasparenti acque del Trebbia. Bellocchio torna a giocare in casa, ispirato dalle antiche prigioni del convento di San Colombano. Film temporalmente spezzato in due, dove l'aggancio tra l'una e l'altra parte diventa una questione politica, come il regista stesso racconta. Affascina di più la prima parte con un'inquisizione nostrana e una fotografia pittorica, molto inerente al tema. La seconda parte, contemporanea, è dominata da Herlitzka, che rappresenta il conservatorismo ma anche la decadenza di tutto ciò che non si può rinnovare.
MEMORABILE: Lidya Liberman esce di prigione.

Nando 15/01/17 11:47 - 3485 commenti

I gusti di Nando

Una vicenda che si snoda su due spazi temporali ben distinti avendo come denominatori comuni Bobbio e le acque del Trebbia. Una prima parte affascinante in cui regna l'oscurantismo inquisitorio, una seconda più riflessiva e politica in cui comunque non manca una lucida analisi sul tempo attuale. Cast assortito in cui Timi appare sprecato. Buono e metaforico il finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Capannelle • 29/01/16 13:49
    Scrivano - 2506 interventi
    Mercoledì l'ultimo di Wenders e ieri questo film deludente/inconcludente.
    Stasera scelgo qualcosa di gagliardo eh, basta con la noia.
  • Discussione Neapolis • 16/06/17 23:03
    Fotocopista - 2052 interventi
    Chissà Bellocchio cosa voleva dire con questo film inutile.