Rosso sangue - Film (1981)

Rosso sangue

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 19/03/07 08:40 - 4932 commenti

I gusti di Puppigallo

Steso un velo pietoso sulla trama (mostro che si rigenera con cellule pazze…) e premesso che ci sono attese un po’ troppo lunghe, in questo film si respira comunque quella certa aria malsana (cinica e perversa) piuttosto piacevole. Violento e splatter (la trapanata, il testasegato, la picconata). Di rara cattiveria la scena del forno, che denota un quantità di cinismo non indifferente. L’espressione dell’assassino mentre uccide le sue vittime la dice poi lunga. Finale in un crescendo di violenza e sangue. Non male.

Undying 25/03/07 23:51 - 3812 commenti

I gusti di Undying

D'Amato gira un lungo e interminabile clip cinematografico raschiando "il fondo del barile": cerca di mettere insieme il meglio di Halloween (lo slasher) e Profondo Rosso (la musica), realizzando un serrato thriller basato su di un debole soggetto. Ma se ci si dimentica di avere di fronte attori/cani (Edmund Purdom su tutti) e ci si gode il clima delirante, alla fine il divertimento è garantito. Girato come Antropophagus 2, vanta nel cast Michele Soavi (costretto, per via delle ristrettezze del budget, a portare la sua moto sul set!).

Cotola 16/05/08 19:09 - 8450 commenti

I gusti di Cotola

Spacciato come seguito di Antropophagus ha in realtà ben pochi punti di contatto con l'altro film se non il protagonista (Eastman). La qualità è leggermente migliore del primo capitolo. La trama è delirante ma l'alto tasso di splatter potrebbe renderlo gradito agli appassionati del genere. Personalmente non l'ho certo trovato irresistibile. Tutt'altro!

Ghostship 1/06/08 14:27 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Apparente sequel di Anthropophagus, in realtà uno slasher molto particolare, che riesce a creare la tensione dal nulla ed è ricco di sangue (anche se gli effetti ad onor del vero non sono granchè). Mastodontico, in tutti i sensi, Eastman nel ruolo dello psicopatico.

Herrkinski 16/06/08 19:29 - 6954 commenti

I gusti di Herrkinski

Pseudo-sequel di Antropophagus, in realtà ne mantiene solo il protagonista Eastman nelle vesti di un imponente killer immortale.Più thriller che horror, anche se gli elementi splatter non mancano affatto: le teste sono particolarmente prese di mira venendo segate, cotte nel forno, prese a picconate ecc. in un tripudio di sangue tutto massaccesiano. Interpreti adeguati e bella la parte finale con la lotta tra il mostro e la paralitica. Buona tensione e messinscena povera ma funzionale. Non un classico, ma godibile.
MEMORABILE: Il macellaio a cui viene aperta la testa con una sega a nastro!

Spectra 6/11/08 11:52 - 84 commenti

I gusti di Spectra

Forse fra Antropophagus e Buio Omega è il meno riuscito. Presente anche in questa pellicola il mitico e gigantesco George Eastman (Luigi Montefiori) che interpreta il "mostro" frutto di esperimenti per scoprire il segreto dell'immortaltà. Discreta tensione, soggetto del film un po' scarso, ma una buona dose di scene splatter ne fa un horror sufficiente.

Homesick 18/01/09 09:32 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il sequel apocrifo di Antropophagus, imparentato con Halloween e gli zombi nati da esperimenti scientifici, si dispiega all’insegna del gore massaccesiano più estremo. L’ultimo quarto d’ora in villa è invece un lodevole saggio di tensione claustrofobica sulle insistenti note di Cordio: l’inseguimento tra il catatonico mostro autorigenerante – ancora Montefiori, scelta ottimale - e la paralitica e verginale Berger, che nella lotta citano pure Polifemo-Ulisse e Gorgone-Perseo. Tra gli uncredited, la Leadbetter e il maestro d'armi Unger.
MEMORABILE: La scena del forno. L’immagine finale.

Anna 9/02/09 20:00 - 90 commenti

I gusti di Anna

Nikos (George Eastman), a causa di un esperimento andato male viene trasformato in un (quasi) invicibile pazzo omicida; un prete lo insegue per evitare l'inevitabile. È un susseguirsi di scene truculente, il tutto accompagnato da un'azzeccata colonna sonora. L'enorme Eastman non proferisce parola per tutto il film, solo qualche suono gutturale. La tensione c'è ed in crescendo, così come non mancano abbondanti "secchiate" di sangue. Nell'insieme può definirsi un buon horror.

Trivex 11/02/09 21:33 - 1645 commenti

I gusti di Trivex

Pellicola a basso costo del mitico Aristide, con atmosfera da film per la tv ma con diffusi tratti macabri, abbastanza riusciti. Certo la trama è superficiale e non si può minimamente paragonare a Buio Omega (il film dall'atmosfera malata per eccellenza) e nemmeno al classico Antropophagus (con lo splatter di plastica, ma stracult!), in quanto qui tutto è precostituito. Non ci sono sorprese particolari, anche se nel finale qualcosa di anomalo accade, migliorando sensibilmente il prodotto. Fatto con passione, sudore e tanto sangue (finto!).

Deepred89 14/02/09 09:47 - 3535 commenti

I gusti di Deepred89

Exploitation-horror pieno di piccoli e grandi difetti ma non completamente da buttare. Si inizia blandamente, con qualche scena splatter alternata a lunghe pause transitorie, ma nell'ultima parte il film si riprende e si fa serrato nel ritmo e nel montaggio, sfruttando nel migliore nei modi una colonna sonora non eccellente ma godibile. Cast mediamente mediocre, dialoghi scarsi ed effetti speciali modesti. Non del tutto sufficiente.

George Eastman HA RECITATO ANCHE IN...

Brainiac 23/02/09 08:11 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Montefiori, che ne riscrisse parte della sceneggiatura, s'ispirò ad Halloween e in effetti la presenza della babysitter col taglio alla Jamie Lee Curtis lo testimonia. Ma questo film deve più a Buio omega, per ambientazione e tematiche (la malattia-morte, alcuni particolari chirurgici). Buon ritmo nell'incipit e nel finale, quando le taglienti tastiere di Cardio sostituiscono le languide chitarre pinkfloydiane. Sottotesto smaccatamente sessuale: le vesti dell'adolescente finaranno imbrattate di sangue manco fosse Carrie.
MEMORABILE: "E così questo Nikos Tanopulos è... lo vogliamo dire, immortale!"

Ale56 18/06/09 18:32 - 225 commenti

I gusti di Ale56

D'Amato con due soldi creava film fantastici. Luigi Montefiori (George Eastman) con pochi soldi sceneggiava e interpretava film fantastici. A loro aggiungete una colonna sonora piena di loop e rumori metallici eccezionale creata da Carlo Maria Cordio e il gioco è fatto. Certo, la recitazione e il doppiaggio in alcuni momenti non aiutano ma lo splatter è fuori del limite (trapanamenti, seghe elettriche, teste mozzate, teste nel forno) e la regia e fotografia sono davvero ben fatte, così come il film stesso. Un po' copiato dai vari Halloween.
MEMORABILE: La sega elettrica, il trapanamento dell'infermiera, sbudellamento del mostro (tipo Antropophagus).

Ilfigo 22/10/09 15:30 - 75 commenti

I gusti di Ilfigo

Uno dei migliori slasher che abbia mai visto (in accordo con Nocturno). Tensione, paura allo stato puro, ed anche se si assiste a qualcosa di già visto, Massaccesi è un genio nell'inserire la sua originalità, come quando mostra una scena del suo Sesso nero vista da un'infermiera. Il miglior film di Massaccesi.

Daidae 14/11/09 18:56 - 2968 commenti

I gusti di Daidae

La mitica coppia Montefiori-D'amato sforna un altro geniale film. Col precedente non ci azzecca nulla, ha solo l'attore principale in comune. Ovviamente si tratta di un film a basso costo, quindi non attendetevi chissà cosa, ma le scene violentissime di omicidi e la magistrale espressione di Montefiori-Eastman dovrebbero bastare.

Samtam90 3/01/10 21:41 - 56 commenti

I gusti di Samtam90

Il precedente Antropophagus era un onesto prodotto di genere con il pregio dell'originalità dell'ambientazione; questo pseudo-sequel scopiazza l'incipit da Halloween 2 e lo svolgimento dall'originale film di Carpenter, senza tuttavia mantenerne il ritmo (che latita tremendamente, soprattutto nelle sequenze all'interno della casa) o la tensione. Oltre ogni demenza la spiegazione "scientifica" dell'immortalità del mostro (con la necessità del colpo alla testa, evidente plagio dei film di Romero) - Eastman non recita e neppure lo splatter è granchè. Mediocre.

Schramm 11/04/10 12:49 - 3029 commenti

I gusti di Schramm

Una cosa è chiara circa quest'apocrifo sequel dell'autocannibale (che ironia del fato vuole ora a capo di un ristorante): perché tra i tanti nomi di battesimo vanta Absurd e perché Massaccesi abbia scelto Newton come moniker: con un'araldica filmica di soli limiti, difetti e improponibilità, nel farci cascare a terra i gioielli di famiglia la forza gravitazionale triplica. Certo, se bastasse un solo effetto speciale a farci chiudere un occhio (nel senso che preferite) e mandarci a casa fessi e contenti, sarebbe fatta. Ma gli occhi li si chiudono entrambi, e per il sopore.

Nando 12/08/10 01:51 - 3670 commenti

I gusti di Nando

Un energumeno geneticamente modificato, come i pomodori, genera morte e panico in una landa indefinibile ma comunque straniera. Tipico esempio di slasher associato allo splatter. Montefiori interpreta bene la parte del folle inoculato, la polizia latita vergognosamente e i ragazzini sanno il fatto loro. Prete praticamente assente, tuttavia una pellicola da rivalutare.

Lucius 11/07/10 19:31 - 2968 commenti

I gusti di Lucius

Splatter a profusione, recitazione a livelli medio-bassi e una sceneggiatura isterica pregna di cattiveria e di sangue. Pietoso nella sua banalità, girato sottocosto e "sottotalento" con una colonna sonora tipica di certi horror truculenti. Belli gli interni in cui è girato.

Gestarsh99 29/08/10 22:39 - 1393 commenti

I gusti di Gestarsh99

Massaccesi coglie al balzo la palla del successo dei primi due Halloween, per riallacciarsi al suo precedente Antropophagus, consentendo a Montefiori di tornare a vestire i panni del folle energumeno assetato di sangue. Nonostante un cast di livello nettamente superiore (c'è anche Edmund Purdom), questa volta lo sviluppo delle vicende è molto più prevedibile ed il montaggio approssimativo rende il ritmo disomogeneo e monotono. L'atmosfera è vagamente fulciana e gli effetti splatter non sono memorabili. Buona prova per Annie Belle (cucinata a puntino).
MEMORABILE: La baby-sitter ed il bambino che guardano in tv alcune scene di Sesso nero, primo hard diretto da Massaccesi!

Ciavazzaro 13/09/10 20:48 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Pur non essendo un capolavoro (ma molto meglio di Antropophagus), adempie al suo scopo: essere uno slasher pieno di scene sanguinolente ben realizzate. Gli attori sono indecenti, ma per fortuna vengono fatti fuori in massa: cito la povera infermiera trapanata, il poveretto nella rimessa... Cameo per Michele Soavi che muore subito, inquietante l'inquadratura finale. Per chi ama gli slasher, consiglio la visione.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Giùan 26/09/12 22:39 - 3855 commenti

I gusti di Giùan

Slasher di derivazione Halloweeniana, con una scrittura (del buon Monte/Eastman) rigonfia di mostruose ridicolaggini (le figure del prete taurino e del poliziotto, destinate fortunatamente a perdersi per strada nelle loro improbabili ricerche) e un montaggio lontano da ogni idea di ritmo cinematografico. Aristide dal canto suo dirige con la consueta indolente freddezza, riscattata però dalla metodica attenzione riservata alla recitazione dei piccoli Berger (originale lui, intensa lei), mentre Annie oltre che Bell (e) è, permettete la fesseria, pure assai bravo.
MEMORABILE: Il signor Bennet e i suoi occhialoni alle prese coi sensi di colpa per l'investimento del mostro; La splendida Annie abbrustolita in forno; Il finale.

Tomastich 31/01/13 12:14 - 1248 commenti

I gusti di Tomastich

Premettiamo che il film non è Antropophagus 2. George Eastman si cala nella parte dello psicopatico semi-immortale non parlante ma molto avvincente. D'Amato cita Carpenter (Halloween) e Kubrick (Shining) facendoli propri tramite la sua estetica artigianale ma sempre pronta a stupire e provocare tensione nello spettatore. Finale magistrale!

Myvincent 11/02/13 15:41 - 3306 commenti

I gusti di Myvincent

Massaccesi e il solito pretestuoso assemblamento di scene splatter sanguinolente attorno alla solita idea scarna monotematica. Questa volta tocca a un essere sovrannaturale, mezzo Frankenstein e mezzo zombi che si diverte a uccidere e guarda caso ogni volta con uno strumento diverso. Attori mediocri e ambientazione pseudo-poliziesca. Buono per gli amanti del genere.

Maik271 10/04/13 18:15 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Nonostante una sceneggiatura lacunosa e attori non particolarmente espressivi, tra i quali si salva solo Eastman-Montefiori per la cattiveria, lo considero un buon film, grazie alla bella e sicuramente determinante colonna sonora. Le uccisioni sono ben confezionate, anche se già viste; notevole la splatterissima sequenza finale, quasi una citazione dell'Odissea di Omero. Per amanti del genere.

Enzus79 14/04/13 11:11 - 2396 commenti

I gusti di Enzus79

Horror non male, di chiara ispirazione Carpenteriana (Halloween). Pur con mezzi "grezzi" Massaccesi è riuscito comunque a dirigere una discreta suspence, con una scena finale da brividi. George Eastman perfetto nel ruolo.

Il Gobbo 6/05/13 09:10 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Montefiori e Massaccesi ricominciano da dove avevano finito in Antropophagus , ossia con le budella in mano. E non più che viscere ci sono in questo filmetto praticamente senza trama, senza recitazione, senza colonna sonora e senza guizzi, dedicato solo ai die hard fans della coratella, appunto. Tripudio di pseudonimi.

Saintjust 30/06/13 03:22 - 136 commenti

I gusti di Saintjust

Lo definirei così: un Massaccesi "politically correct" che ha deciso di girare un film con bambini eroi. La sceneggiatura è debolissima, con falle enormi (la miracolata diventa improvvisamente forzuta, ecc), il ritmo è totalmente assente, i protagonisti recitano male e soprattutto, il "body count" è risicato. I pochi ammazzamenti sono di discreta fattura, così come buono è il mestiere messo in campo dal regista che ha fatto i miracoli con un budget infimo. Citazioni a profusione da Carpenter, Romero, Argento, Kubrick e se stesso. Deludente.
MEMORABILE: La scena finale che rimembra Giuditta e Oloferne.

Il Dandi 4/07/13 03:22 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Pseudo-sequel di Antropophagus che insegue sfacciatamente la moda americana del momento, rinunciando all'ambientazione insolita che era l'ingrediente più apprezzabile del film precedente in favore di una improbabile ambientazione statunitense (tradita da location vistosamente italiche) e banalizzando il mostro Eastman in una sorta di Michael Mayers povero. Il buon mestiere del regista si intravede nella seconda parte con la ragazza disabile chiusa in casa col mostro.
MEMORABILE: La ragazza costretta a letto si libera.

Tarchetti 18/11/14 18:59 - 34 commenti

I gusti di Tarchetti

Cultissimo di Massaccesi che non sfigura assolutamente tra i prodotti del periodo (oltreoceano compreso) girati con maggior budget. Uno splatter classico dove l'ottimo Eastman semina il panico in una tranquilla cittadina (presumo americana) seminando cadaveri ovunque si fermi. La pellicola è davvero inquietante e sinistra e il finale da brivido. Supercult.
MEMORABILE: La faccia spiritata di George Eastman.

Rigoletto 18/02/15 20:10 - 1737 commenti

I gusti di Rigoletto

Se persino io che detesto gli slasher ho trovato convincente questo prodotto è segno che qualche buona trovata deve averla. Ed effettivamente Massaccesi firma un film importante nel suo genere, angoscioso quanto basta per creare il surrealismo di un incubo, gratuitamente violento oltre il tollerabile. In fondo coglie nel bersagio perché quando un horror suscita questi sentimenti ha realizzato la sua vera natura. Eastman, volto inquietante, riesce nell'impresa di accostarsi a "pazzi" ben più celebrati.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Ryo 13/01/15 20:23 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Incantevole slasher dai toni cupi e dallo splatter esagerato e abbondante. Orrore allo stato puro e tutto viene mostrato senza fughe d'inquadratura dal dettaglio disturbante, che ci mostra in primo piano teste segate, tempie trapanate e volti avvampati dal calore di un forno. Il gigante Eastman è inquietante e nonostante qualche piccola incongruenza la sceneggiatura asserve bene al suo compito (specialmente al gustoso e dissanguato finale).
MEMORABILE: Le uccisioni più brutali con la sega a nastro; La testa nel forno e la tempia bucata; Il finale.

Almicione 6/04/15 01:37 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Lo scarso budget non giustifica questo malsano "horror puro" di Joe D'Amato, regista prolifico ma impreciso, come spesso capita per i lavori di questo genere. L'idea è anche passabile, ma non si possono perdonare le incomprensioni (i ragazzi che girano in moto), gli errori grossolani in una trama sciatta e per niente coinvolgente. L'unica scena di tensione è quella in cui Niko tenta di buttar giù la porta chiusa a chiave; per il resto è già tanto quando non si cade nel ridicolo e nella banalità delle azioni dei protagonisti.
MEMORABILE: Tristemente memorabile: Niko viene accecato da Emily l'inferma, la quale avendo 200 stanze in cui nascondersi gli passa accanto e si fa acchiappare.

Ira72 8/04/17 14:45 - 1205 commenti

I gusti di Ira72

Credo che la maggior parte del budget si sia volatilizzato in litri di sangue finto e comparse che appaiono con la testa integra e scompaiono col cranio fracassato nei modi più disparati. Il colosso artificiere è un mix tra uno zombi, Frankestein e Hulk che - ça va sansa dire - di crapa ferisce e di crapa perisce. In tutto questo la Frida degli anni 80 (Katia) disegna innumerevoli cerchi col compasso. Un film assurdo, delirante, privo di suspence e dal finale prevedibile. Apprezzeranno i cultori slasher/splatter. Salvo il candore di averci creduto.

Xtron 17/04/17 21:56 - 80 commenti

I gusti di Xtron

Horror diretto da Joe D'Amato in cui giganteggia - in tutti i sensi - George Eastman. Edmund Purdom nella parte del prete sembrerebbe un personaggio chiave all'inizio, ma la sua presenza risulta invece ininfluente. Tutta la seconda parte del film (circa 40 minuti) si svolge in un'unica location: una villa. Memorabile la scena conclusiva, ma non bastano un paio di effetti molto splatter per renderlo passabile.
MEMORABILE: La fulminea partecipazione di Michele Soavi.

Rufus68 12/09/17 22:30 - 3602 commenti

I gusti di Rufus68

D'Amato e i suoi complici (musichette anni Ottante, attori anonimi, ambientazioni casarecce) contribuiscono a donare al film quell'aria malaticcia e fradicia di brutalità che già rese Buio omega un cult notevole. Purtroppo stavolta manca l'elemento morboso (quello davvero disturbante) e la trama, del tutto gratuita, si risolve in una passarella tediosa di colature di vernice rossa.

Markus 19/02/18 12:33 - 3540 commenti

I gusti di Markus

Seguito del ben più noto Antropophagus, dal quale Aristide Massaccesi trasborda il serial killer impersonificato da George Eastman. Rispetto al capostipite ci sono ancor meno soldi e si vede, ma in definitiva si inscena un discreto horroraccio campagnolo con molte scene truculente che in parte coprono le evidenti falle di sceneggiatura. Film che si può vedere oggi con l'occhio un po' nostalgico per un cinema di genere italico "coraggioso". Discrete le musiche.

Anthonyvm 20/02/18 22:07 - 4172 commenti

I gusti di Anthonyvm

Un bell'horror firmato Joe D'Amato, sicuramente debitore nei confronti del classico Halloween di Carpenter (e infatti anche qui vediamo una baby sitter fronteggiare l'uomo nero di turno). Ci sono tuttavia diversi elementi interessanti, come la giovane Katya Berger immobilizzata a letto che si rivelerà la vera final girl o la mera presenza del gigantesco George Eastman che ruba la scena ovunque si trovi. Imperfetto ma curato, con musiche goblineggianti niente male ed effetti gore notevoli per quanto economici. Sequel fasullo di Antropophagus.

Ronax 20/06/18 01:22 - 1100 commenti

I gusti di Ronax

Girato con due lire e dominato dall'inquietante presenza di Montefiori, serial killer sovrumano frutto di un esperimento di ingegneria genetica andato male, il film rubacchia idee qua e là, nel tipico modus operandi di Massaccesi che in quegli anni alternava truci horror agli hard allegrotti con Mark Shanon e compagnia. Il risultato è modesto senza essere infimo: quache buon momento c'è, soprattutto nella resa dei conti finale fra la ragazzina e il mostro, ma la povertà produttiva e la mediocrità degli attori lo costringono a volare besso.
MEMORABILE: Il trapano che trapassa la testa dell'infermiera da parte a parte.

Bubobubo 7/12/18 20:20 - 1758 commenti

I gusti di Bubobubo

Evidentemente non si può cercare il Malick delle grandi occasioni in uno slasher tricolore a budget limitato, ma l'abilità imprenditoriale di D'Amato - che in questo periodo si era già diretto verso l'hard - si conferma vincente. Una volta accettata l'assoluta illogicità della trama, il gioco è fatto: la tensione si mantiene sempre elevata e svariate scene (quella del forno sugli scudi) si ricordano a lungo. Dell'intera operazione è il finale, raffazzonato sebbene cruento, il vero punto debole: ma questo è un difetto atavico della ditta...
MEMORABILE: L'uso anticonvenzionale del forno acceso.

Von Leppe 14/02/19 12:27 - 1156 commenti

I gusti di Von Leppe

Un uomo alto e minaccioso uccide nei modi più sadici e fantasiosi sopperendo così a una trama un po' stiracchiata ma comunque interessante: c'è anche qualche rimando fantascientifico. Malgrado le ambientazioni siano scarne hanno il loro fascino, specialmente l'interno della villa dove si svolge gran parte del film. Nella parte finale si sviluppa una buona tensione e è impressionante la scena del forno. Le musiche, come tutto il resto, sono minimali e niente male.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Pumpkh75 11/11/19 13:42 - 1541 commenti

I gusti di Pumpkh75

Ci può bastare l’inspiegabile perizia e abilità di Eastman con forbici, seghe, trapani e un forno da cucina? I litri di sangue che ne conseguono teoricamente sì ma, una volta appurato che anche gli omicidi sono girati con i piedi, tocca arrendersi intristiti alla desolazione e alla approssimazione del film, distrutta da attori scadenti e dall’andatura flemmatica, senza voglia e senza passione. Il punto esclamativo se lo prende per gli ultimi secondi, il guizzo in una giornata storta. Modestissimo.

Fedeerra 17/07/21 07:10 - 792 commenti

I gusti di Fedeerra

Negli anni 80, si sa, c’era una grande libertà creativa da parte di registi, sceneggiatori e produttori. Una libertà che molto spesso dava i suoi buoni frutti soprattutto nel circuito del cinema di genere. Uno fra tanti “Rosso sangue” di Massaccesi, slasher furibondo a metà fra Argento e Carpenter. Tensione spacca nervi, omicidi inscenati quasi come fossero torture e un tappeto sonoro fortemente straniante. Notevoli gli effettacci gore, che conservano ancora oggi un fascino per il macabro eccessivo ma sbalorditivo.

Paulaster 27/05/22 09:53 - 3769 commenti

I gusti di Paulaster

Pazzo fugge da un laboratorio di biochimica. Partenza col botto che affronta il tema dell'immortalità (salvo ovvio piccolo tallone d’Achille) col prete salvatore in stile Esorcista e splatter da trapano. Il seguito è una sequela di ammazzamenti con indagini ridicole (il prete armato e dotato di macchina) e situazioni a corredo di dialoghi trash. Risoluzione con bambina in trazione che si ristabilisce prontamente e mette sul piatto tutte le sue buone intenzioni. Fotografia accesa che non dispiace e musichette sufficienti. Eastman ha il fisico ma si muove come uno zombi.
MEMORABILE: L'infermiera cotta al forno; Il goniometro negli occhi; La partita col sole vista di sera.

Leandrino 5/06/22 17:41 - 431 commenti

I gusti di Leandrino

Eastman gigante sanguinario frutto di non meglio specificati esperimenti biologici che lo rendono immortale. C'è solo l'ombra del fascino primordiale, quasi occulto, che esercitò il festino antropofagico del film precedente. Qui c'è un'antagonista a piede libero e un per niente carismatico prete greco a dargli la caccia, insieme a un poliziotto in odore di pensione (come il più classico dei cliché impone). Meno male che a creare l'atmosfera ci pensa la musica di Cordio, mentre le esecuzioni stanno a risollevare una generale fiacchezza di idee.

Teddy 11/08/22 14:59 - 327 commenti

I gusti di Teddy

Con la possente colonna sonora di Carlo Maria Cordio e un generoso défilé visivo - arricchito anche dalle scenografie kitch di Helen Crosby- in un clima di perenne follia e oppressione, il film Massaccesi si può definire tranquillamente come uno dei più scintillanti esempi di slasher italiano. I difetti ci sono e pure ben evidenti, ma il sangue scorre a fiumi annegando non solo i personaggi ma anche le ingenuità dello script, mentre la chiusa finale regala una sequenza orririfica di puro delirio nonsense. Cult.

Metakosmos 26/09/22 23:50 - 277 commenti

I gusti di Metakosmos

In alcune edizioni viene spacciato come seguito di Antropophagus, film con cui non ha nulla a che fare se non la presenza di George Eastman. Si riprende invece la lezione di Halloween per un'opera comunque dignitosa (seppur derivativa), con buchi di sceneggiatura non indifferenti ma che non annoia e intrattiene con una solida atmosfera cui però forse manca il tocco definitivo di malsano e morboso tipico di altri horror del regista. Sostenutamente splatter e, benché il basso budget sia evidente in molte sequenze, D'Amato non risparmia sul sangue e su omicidi fantasiosi e brutali.
MEMORABILE: Le sequenze del porno Sesso nero, sempre di D'Amato, passate in tv come un telenovela qualunque.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.