LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/08/06 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 10/12/09 13:32 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Non male, anche se siamo pur sempre in un bellico italiano Anni Sessanta, cioè ad alto rischio di abbiocco. Una discreta sceneggiatura con qualche buon dialogo (farina del sacco del regista pugliese? Facile immaginarsi di sì) mentre le scene d'azione sono confuse e ben poco interessanti. Nel cast, tra gli uncredited, si riconoscono il vecchio Alessandro Tedeschi, Giancarlo Badessi ed una giovane e bella Francesca Romana Coluzzi.

Kowalski 30/01/10 02:51 - 40 commenti

I gusti di Kowalski

Lo stesso Fernando Di Leo definì questo film "il festival dell'ovvio e della banalità", realizzato ricalcando i tipici film del genere, evidentemente per pure ragioni commerciali. Il regista ammise però di aver lavorato con una certa libertà, pur senza alcuna convinzione. Per cui non ce la sentiamo di assolvere il maestro del noir italiano dalla poca significatività del prodotto, pur dignitoso e arricchito da qualche buon dialogo (opera di Di Leo).
MEMORABILE: L'inno nazista cantato durante la festa.

Homesick 3/01/11 13:19 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Attivo sceneggiatore western e futuro monarca del noir italiano, Di Leo esordisce nel lungometraggio con un film bellico e infila, nel rosario di stereotipi del genere, spessi grani di antimilitarismo, anticlericalismo e pacifismo, rivelatori delle sue note simpatie politiche. Il cast è un pot-pourri ove trovano posto, tra gli altri, l’americano sul viale del tramonto Wilding, il felliniano Polidor e membri fissi del team Di Leo (Galimberti, Lovecchio, Ammirata); Garko si doppia da sè. Volendo, nella rabbia ultrice di Daly si potrebbe persino scorgere un’anticipazione di quella di Adorf in MC9.
MEMORABILE: I nazisti che cantano "Horst-Wessel-Lied"; Daly che si vendica a mitragliate e la sua invettiva antimilitarista.

Dusso 30/12/13 00:20 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

L'esordio di Di Leo è un bellico un po' confuso nella sceneggiatura (meno interessante di altri film di guerra del periodo) però con buoni dialoghi e una resa emotiva non comune. Si nota qualche errore di continuità di troppo, ma il cast variegato non è per niente male. Bello il titolo e la ost di Peguri si fa valere.

Panza 4/05/16 20:17 - 1559 commenti

I gusti di Panza

Sorprende abbastanza, questo bellico d'imitazione americana diretto da un Di Leo agli esordi ma già comunque con una marcia in più. Il regista infatti riesce a inserire in un prodotto di consumo alcune scene che criticano la guerra e il nazismo (la festa con l'inno nazista e il finale). Rispetto ad altri film simili del periodo non è nemmeno così pesante e datato, riuscendo a farsi vedere tranquillamente fino alla fine. Simpatici i siparietti comici affidati a Polidor, qua nei panni di un prete.

Ronax 10/02/18 01:36 - 972 commenti

I gusti di Ronax

Per la sua prima vera e propria regia Di Leo sceglie il più classico dei generi e la più convenzionale delle trame: un bellico con movenze da spy-story a base di commando alleati che si intrufolano fra le file tedesche, preziosi memorandum crittografati da recuperare, belle e romantiche partigiane, spie, traditori e doppiogiochisti di ogni risma, agguati, assalti e l'immancabile dicotomia fra il generale tedesco "buono" e il perfido aguzzino delle SS. Detto questo, la sceneggiatura è abbastanza ben congegnata e il film scorre agevolmente.
MEMORABILE: Il volto intenso della povera Anna Maria Pierangeli in una delle sue ultime interpretazioni.

Jurgen77 12/02/18 09:04 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Povero film bellico dell'artigiano Di Leo. Rispetto ad altri italiani del periodo spicca una maggiore cura nella trama, nei ruoli dei vari personaggi e nel messaggio antimilitarista. Tuttavia, vista la pochezza di mezzi a disposizione, il film risulta più drammatico che di guerra. Attori discreti, già visti nel cinema di genere italico. Poca azione e mezzi scarsi per spacciarsi come bellico...

Caesars 20/04/20 10:40 - 2992 commenti

I gusti di Caesars

A salvare, parzialmente, la baracca c'è il colpo di scena finale. Per il resto un filmetto senza grandi pretese che fa capire come il bellico non sia un genere in cui Di Leo eccella. La trama è abbastanza confusa, con interpreti non certo memorabili a cominciare dal protagonista James Daly. Le scene di battaglia non entusiasmano ma sono realizzate discretamente. Alla fin fine il film il suo lavoro lo fa, lasciandosi seguire con interesse fino alla conclusione, momento che come già detto è sicuramente il più riuscito della pellicola.

Fernando Di Leo HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Kowalski • 30/01/10 03:24
    Galoppino - 11 interventi
    Il film rappresenta in qualche modo un tratto d'unione tra momenti distanti e diversissimi della storia della settima arte: girato nell'Italia degli anni'60 (terra vivace di cinema come sappiamo), vede tra gli interpreti Anna Maria Pierangeli (che era andata molto vicina a diventare una star di Hollywood), Polidor (uno dei primi grandi comici della storia del cinema, i cui primi film risalgono al 1910), e nel cast tecnico, come aiuto regista Franco Lo Cascio/Luca Damiano e come operatore Aristide Massaccesi/Joe D'Amato, che accompagneranno il cinema popolare italiano durante tutta la traiettoria del suo declino, fino al porno girato in video.
  • Musiche Panza • 30/06/16 21:08
    Contratto a progetto - 5015 interventi
    La canzone dei titoli di coda è Canto della libertà (Di Leo - Paguri) di Don Powell.
  • Curiosità B. Legnani • 27/11/18 19:10
    Consigliere - 14245 interventi
    L'inno cantato dai Nazisti durante la festa è Horst-Wessel-Lied (Il canto di Horst Wessel), il quale era l'inno del Partito, non l'inno della Germania.
    A questo link, dal quarto secondo in poi, si sente il testo, confrontabile al link da wikipedia.
  • Homevideo Caesars • 20/04/20 11:13
    Scrivano - 13193 interventi
    Per qualche stranissimo motivo la versione reperibile sul sito RAIPLAY, ha l'incipit "monco", dura circa 1', portando la durata finale della pellicola a 1h32'18" (compare il logo RAI3hd)

    https://www.raiplay.it/video/2017/03/Rose-rosse-per-il-Fuhrer-01d2234c-ca57-4bc8-8358-b85b55230469.html



    La stessa pellicola è sicuramente stata proposta da RAIMovie con il prologo corretto, della durata di più di 5', e durata complessiva di 1h36'37". Ad esempio si può vedere qui (con audio inglese)

    https://www.youtube.com/watch?v=oLyzyeyE-Os



    Davvero strana questa cosa.