Room in Rome

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/08/12 DAL BENEMERITO SAINTGIFTS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Saintgifts 14/08/12 23:05 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Due giovani donne, una spagnola e una russa, si incontrano a Roma e finiscono per passare la notte più corta dell'anno (inizio estate) nella camera d'albergo della donna spagnola. È il sesso che dà vita a questa "avventura", ma ci sono anche riflessioni sulla vita di entrambe, bugie, mezze verità e confessioni. I corpi sono esibiti per l'intero film, esplorati fino quasi a renderli invisibili per fare apparire invece l'intimo della persona e sentimenti nuovi e forti. L'unica presenza maschile è quella del cameriere, inutile e mal tratteggiata.
MEMORABILE: "Nel blu dipinto di blu" cantata sotto la doccia.

Coyote 5/03/13 18:24 - 185 commenti

I gusti di Coyote

Un vero e proprio passo falso nella filmografia di Medem. Il regista cerca di ripetere la commistione tra sentimentale e erotico sperimentata con successo in Lucia y el sexo, ma sacrificando gli artifici della trama e la varietà di ambientazioni rimane ben poco. Il racconto è così scarno che i dialoghi appaiono pretestuosi e neppure la bellezza delle due protagoniste (che, bisogna dire, non viene lesinata) salva dalla noia e, in alcune scene, dall'imbarazzo. Fosse stato un cortometraggio, forse, l'operazione avrebbe avuto un altro sapore.

Homesick 16/06/16 09:22 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Non ci si perde in preamboli e convenevoli e viene subito introdotto il rapporto tra le due donne sconosciute in una camera d'albergo a Roma: prima una pura attrazione carnale, poi la progressiva curiosità, conoscenza e comprensione reciproca. Erotismo potente, minuzioso e raffinatissimo, giocato sulla differenza fisica e fenotipica tra le due passionali protagoniste, che recitano per la maggior parte del tempo con i corpi completamente nudi, valorizzati nella loro plasticità dalla fotografia chiaroscurale. Il lirismo e l'armonia predominanti si spezzano con le inopportune entrate di Lo Verso.
MEMORABILE: Il disinvolto nudo integrale della Anaya davanti al cameriere; la mappa di Roma antica; le storie personali inventate; la freccia di Cupido.

Lou 6/08/16 18:42 - 1031 commenti

I gusti di Lou

Normalmente sono scettico nei confronti di questo tipo di cinema erotico patinato, solitamente pretenzioso e fasullo, però devo ammettere che il film di Medem ha un suo fascino: le due ragazze protagoniste, quasi sempre svestite, vivono una notte di sospesa complicità in una stanza di un albergo romano, riuscendo a essere attraenti non solo per i loro corpi avvinghiati ma anche per il clima di sincera confidenza che riescono a creare. Fuori luogo gli interventi di Lo Verso, volti a sottolineare i tratti dell'italianità più becera e scontata.

Paulaster 17/03/17 10:32 - 3094 commenti

I gusti di Paulaster

Russa statuaria e moretta spagnola si infrattano in una notte di erotismo caliente. La confezione dagli ambienti caldi e le sviolinate a corredo riesce a non essere volgare nei continui nudi. Oltre ai momenti intimi però bisogna anche che ci sian dei dialoghi e i piccoli misteri e le bugìe per non svelarsi annoiano appena capìta l'antifona. Lo Verso raffigura il peggio dell'Italia e c'entra come il cetriolo (in un momento di recitazione terribile) a merenda.
MEMORABILE: La naturalezza dei corpi.

Ira72 18/06/18 18:37 - 1009 commenti

I gusti di Ira72

La versione saffica di Prima dell’alba giocata con dialoghi barbosetti in ambienti raffinati. Bella fotografia, attraenti e credibili le protagoniste, imbarazzante il cameriere (sia per la parte che per la recitazione). Il manierismo che permea l’intera pellicola avrebbe potuto essere accettabile, se supportato da un po’ di sostanza. Sostanza che si perde probabilmente, perché diluita da un’eccessiva durata del film. Come consigliava Dávila: “Scrivere breve, per concludere prima di annoiare” (anche se poi Lo Verso infierisce col colpo mortale).

Maurizio98 9/04/21 23:39 - 26 commenti

I gusti di Maurizio98

Ultimo Tango a Roma. Esclusivamente al femminile e riservato al fare l'amore, occasionale ma intenso, tra due donne diverse tra loro: una statuaria russa e una minuta ragazza spagnola, sensualissima e più bella e attraente, anche nei tratti del viso, rispetto alla stereotipata modella bionda. Le protagoniste rimangono integralmente nude per la maggior parte del film ma sono suggestive anche le inquadrature dei loro volti in primo piano durante i dialoghi e dei dettagli dell'appartamento al centro del loro incontro. L'unico maschio, Enrico Lo Verso, è superfluo e inutile.
MEMORABILE: Le due ragazze abbracciate nella vasca da bagno in un'unione che va oltre i corpi.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.