LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/02/14 DAL BENEMERITO PANZA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Panza 9/02/14 20:12 - 1501 commenti

I gusti di Panza

Buon remake di un film considerato (a torto o a ragione) un classico, ma questa volta con effetti speciali di ottima fattura. Fortunatamente si è impreziosito il film con considerazioni politiche che lo distaccano dalla solita americanata tutta azione e poco arrosto. Notare come tranne qualche particolare il futuro qui non sia così remoto come si possa credere. Regia abbastanza capace. Davvero bravo Samuel L. Jackson, che appare qua e là nel corso del film. Un film coinvolgente, sebbene sia pervaso da una pesantezza che lo fa sembrare più lungo.

124c 10/02/14 16:28 - 2775 commenti

I gusti di 124c

In un momdo cinematografico pieno di supereroi Marvel e Dc Comics si aggiunge anche il vecchio Robocop. Non siamo ai livelli stratosferici e politicamenti scorretti dell'originale, ma la pellicola non è come l'orribile serial tv degli anni '90. Non mi è piaciuta l'eliminazione della voce metallica, né che la Detroit di questo Robocop sia ben poco futuribile. Le scene d'azione sono più adatte a un film di guerra contro i terrorisrti arabi, ma Oldman, Keaton e Jackson timbrano il cartellino di presenza. Inadeguati la tuta nera e il protagonista.

Puppigallo 13/02/14 15:44 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

In pellicole come questa la confezione spesso è tutto, anche perchè il contenuto era già noto, trattandosi di un remake. Ma se la parte dedicata alla strumentalizzazione, distruzione e dolorosa ricostruzione mentale del protagonista, se non altro è trattata con un certa dignità, proprio l'importante contorno (ambientazione, tecnologia e azione) non è assolutamente di livello, limitandosi a presentarci una società identica alla nostra, con qualche spruzzata di futuro robotico; davvero troppo poco per affascinare lo spettatore. Poteva andare bene nell'originale, ma qui bisognava osare.
MEMORABILE: La scomposizione; "Stiamo a vedere, uomo di latta..."; L'intervento al cervello per escludere l'elemento umano destabilizzante (il test post modifica)

Herrkinski 17/02/14 04:10 - 5214 commenti

I gusti di Herrkinski

Un remake senza cuore, che sembra voler unire elementi sia del prototipo che del suo sequel, non raggiungendone minimamente l'impatto. Mancano la violenza, i cattivi a tutto tondo da fumetto pulp, l'atmosfera apocalittica e il pathos; non si riesce nemmeno a solidarizzare con il protagonista e il cast di contorno, a parte i discreti Keaton e Jackson, è incolore. Se l'introduzione sarebbe pure ben fatta, quando si entra nel vivo la vicenda si dimostra inconsistente e l'ora e 50 di durata è ingiustificata. CGI da videogioco e del tutto inutile.

Gestarsh99 19/04/14 14:11 - 1330 commenti

I gusti di Gestarsh99

Per pianificare questo adrenalinico reboot, Padilha "singolarizza" la sua Tropa de elite subordinando spettacolo e suggestioni futuristiche al discorso esplicitamente politico. La finalità intrinseca non è più satireggiare su un modello di civiltà oppresso dalla criminalità dilagante e dalle speculazioni corporative ma denunciare quella linea espansionistica a stelle e strisce basata su occupazione e repressione, oltre che evidenziare l'ingestibilità di una filosofia tecnologica improntata alla riprogrammazione meccanica di organismi senzienti insanabilmente castrati nei propri diritti umani e civili.
MEMORABILE: "Ehi, avete aggirato la legge creando una macchina che pensa di essere un uomo..."

Galbo 13/05/14 17:09 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Dal film di Paul Verhoeven al remake di José Padilha il passo è lungo; il regista brasiliano persegue la strada dell'action scevro (nonostante le velleità affidate al personaggio interpretato da Jackson) da implicazioni etiche e sociali. Visto da quest'ottica il film può diventare godibile limitatamente agli appassionati del genere, non essendo infatti privo di difetti, che risiedono nella non eccelsa fattura di alcune scene d'azione e soprattutto in un protagonista pochissimo carismatico e superato di molte lunghezza dai veterani del cast.

Greymouser 14/05/14 23:04 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

remake inutile, come spesso accade, ma soprattutto mediocre: nulla resta della carica corrosiva del cult di Verhoeven, di quella atmosfera inimitabile e della forza visionaria che quel film sprigionava. Ciò che rimane è un action-movie senza alcuna attrattiva, per di più melenso e senza mordente, con un protagonista insignificante e fuori parte. La delusione è accresciuta dal nome del regista, che aveva dato di sè prove più grintose e personali. Sono passati un po' di anni, ma il film che sembra più attuale e moderno è quello dell'87.

Viccrowley 15/05/14 02:14 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Bella sfida per Padilha quella di innestare un'anima cyberpunk sul corpo totalmente analogico della "Tropa de elite", una sfida per molti versi vinta. Abbandonato il corrosivo festival splatter dissacrante (anche per motivi di rating) di Verhoeven, Padilha vira tutto sulla spersonalizzazione che le nuove tecnologie possono provocare nella società come nel singolo individuo. In un mondo dove si punta tutto sulla macchina, la coscienza stessa diviene superflua, quasi ostacolante per i burattinai che, dietro le quinte, i fili li devono manipolare.
MEMORABILE: Quel che resta di Murphy una volta tolta l'armatura.

Mickes2 16/05/14 22:57 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Remake discutibile ma discreto soprattutto quando si sottolineano in modo abbastanza convincente – e staccandosi con coraggio dal modello di partenza - la ferocia e gli interessi capitalistici che si scaraventano sulla vita già distrutta di un uomo, uccidendolo due volte. Ma l’immaginario proposto da Padilha, tolta la copiosa e dominante tecnologia, appare edulcorato e asettico, i cattivi non sono poi così cattivi, il peso dell’opinione pubblica - fondamentale - è colpevolmente di carta velina e lo stampo “realistico” regge fino allo snodo melò.
MEMORABILE: Il sogno e il primo risveglio.

Didda23 20/05/14 14:45 - 2288 commenti

I gusti di Didda23

Il remake girato da Padilha produce un senso di smarrimento nei confronti degli spettatori che hanno a cuore la maestosa opera dell'olandese, perché non ne sono state recepite l'essenza e la potenza del messaggio. Ci si trova davanti a un action tecnologico simile a mille altri, con attori simbolo della "marchetta cinematografica" (Oldman e Jackson - manca Freeman incredibilmente) e con una regia spersonalizzata (altro che Robocop!) che non offre nemmeno una soluzione ficcante. Fra i remake "con pretese" uno dei meno riusciti in assoluto. Terrificante.

Zutnas 1/07/14 19:23 - 85 commenti

I gusti di Zutnas

Insignificante remake di un classico della fantascienza. In parte perché dagli anni ottanta a oggi di robot e uomini-macchina se ne sono visti fin troppi, ma soprattutto per l'assenza di originalità della trama, identica all'originale. Le fredde scene d'azione e la computer grafica non all'altezza. Eppure l'inizio prometteva bene... ma è questione di pochi minuti. Inutile.

Redeyes 3/11/14 08:19 - 2148 commenti

I gusti di Redeyes

Un pipistrello che fu finanzia una sorta di mechanic-bat che però si fa annunziare come Robocop. Invece di Gotham c'è Detroit, ma il reboot è del robot del 1987 e non di Batman e allora largo alle retate con intermezzi alla sparatutto, per quanto la deriva revenge sia alle porte. Kinnaman, già poliziotto in The killing, è piuttosto in parte e convincente e lo stesso dicasi per Keaton; Oldman, invece, galleggia senza incidere. Tralascio di proposito il paragone, ma questo film dice veramente poco o niente.

Piero68 16/12/14 09:49 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Più effetti speciali non necessriamente significano più qualità. Padilha è sicuramente bravo nel girare le scene action riuscendo ad avere un'ottima veduta dell'insieme, ma sceneggiatura e cast, nonostante i nomi altisonanti, impallidiscono al cospetto del piccolo capolavoro di Veroheven, che riusciva a trattare i risvolti etici e sociali in maniera molto più convincente e approfondita. Kinnaman nemmeno un unghia di Weir e i vari Jackson, Keaton & co. ridotti a poco più di comparse. Più spazio alla figura della di lui moglie, ma è ininfluente.

Mco 3/12/14 23:52 - 2156 commenti

I gusti di Mco

Alla smania di rifarsi il look non poteva sottrarsi nemmeno l'amato Robocop, qui affidato alle cure di un make-up director come Padilha. La grandeur americana si scontra con la delinquenza interna, propria di alcune metropoli, necessitando di un cyborg-agente con gli attributi (metallici). Qualche momento interessante c'è (la rivelazione allo specchio, le nutrizioni), ma quando si tratta di sfoderare la carica di repressa cattiveria al gore sfrenato si preferisce l'action à la Chuck Norris. Discreto entertainment, ma se ne poteva anche fare a meno.
MEMORABILE: L'autoconsapevolezza del nuovo Murphy.

Fedemelis 6/03/15 12:00 - 31 commenti

I gusti di Fedemelis

Bel remake del film del 1987. Rispetto alla trama originale il film si interroga sull'uso dei robot nella società e sui principi di Asimov come nel successivo Io, robot, argomento oggi molto attuale ma troppo futuristico più di 25 anni fa. Ottimi l'uso degli effetti speciali e la ricostruzione dei robot, come l'aggiunta di più umorismo da parte del protagonista.

Rambo90 27/02/15 03:19 - 6400 commenti

I gusti di Rambo90

Remake aggiornato di un classico che perde il confronto con l'originale, pur rimanendo godibile. Interessante lo sviluppo maggiore dato alla famiglia e ai ricordi del protagonista (che questa volta non è da subito azzerato nelle emozioni), ma a latitare sono scene action coinvolgenti e una trama incalzante. Kinnaman se la cava (ma non è Weller), Oldman e Keaton sono sempre un piacere, Jackson puramente esornativo. La regia è buona, sa creare ritmo con nulla ma poteva essere fatto tutto molto meglio.

Ryo 9/03/15 02:22 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Sinceramente mi aspettavo di peggio dopo aver visto il primo trailer. Sia chiaro: Per me Robocop rimane quello dell'87, anche se in questo remake è stato operato un aggiornamento tecnologico plausibile e realistico (da non sottovalutare) della tecnologia installata (anche se quella mano destra umana c'entra come i cavoli a merenda). La trama e gli effetti speciali sono perfetti, cosi come regia e recitazione (un buon cast). Poi ovviamente, se andiamo a paragonarlo con il prodotto originale, sarebbero da discutere vari punti.
MEMORABILE: Lo scontro con gli ED209.

Myvincent 11/07/15 07:11 - 2579 commenti

I gusti di Myvincent

Chi non vorrebbe avere come amico un Robocop, vero Robin Hood metà macchina e metà umano, pronto a scagliarsi contro i malavitosi (specie le serpi che si annidano proprio nel suo ambiente)? Remake super-tecnologico del celebre film-culto, si beve tutto d'un fiato nelle sue due ore che paiono 20', visto il ritmo inarrestabile e "scivoloso". Finale "americanissimo" enfaticamente super-patriottico!

Marione 23/11/15 23:42 - 103 commenti

I gusti di Marione

Reboot di un classico. L'intro é geniale e spiazzante, con i droni in missione di "pace" e Samuel Lee Jackson a decantarne le lodi; poi si sonnecchia fino alla robotizzazione del protagonista (meglio a visiera abbassata, senza somiglia a Johnny Dorelli). Successivamente si incontrano buone scene d'azione, sparatorie coinvolgenti e begli effetti speciali, soprattutto quelli relativi al sistema informatico di Robocop. Un protagonista più incisivo avrebbe giovato e Keaton non caratterizza il personaggio del cinico boss al meglio. Sequel comunque da vedere.
MEMORABILE: L'attacco terroristico ai robot; Le scansioni ambientali.

Undying 5/01/17 14:56 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Padilha rilegge il tema senza farne un remake pedissequo ma anzi accentrando l'attenzione sull'aspetto morale, sulla deriva di certa democrazia in dittatura (il poliziotto ci si ritrova mezzo robot, senza opportunità di scelta), sulla corruzione politica e, più ad ampio raggio, sulla degenerazione delle istituzioni (anche quella familiare). Ma quel resta è uno sfolgorante blockbuster ricolmo di effetti speciali (eccellenti a dire poco) predominanti, in difetto, sui buoni propositi. Occasione sprecata quindi, per un film divertente e nulla più.
MEMORABILE: Lo specchio di fronte a Murphy svela quel che è rimasto del suo corpo...

Jena 30/09/17 13:08 - 1207 commenti

I gusti di Jena

Tra i vari reboot/remake degli ultimi tempi questo è uno dei riusciti meglio e che rispetto all'originale si ritaglia una sua discreta originalità. Buoni gli effetti speciali e le scene di combattimento stile videogioco, in cui spicca il nuovo look in armatura nera di Robocop. Interessante la tematica della "robotizzazione" dell'umano e gli inserti beffardi in stile Verhoeven sulla cultura americana (i divertentissimi TG con Samuel l. Jackson). Bene Kinnaman. Mancano un po' la ferocia e la spietatezza dell'originale, con cattivi un po' soft (Keaton...)

Taxius 2/09/18 19:35 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Remake senza infamia né lode girato non poi così male del buon José Padilha. Rispetto all'originale migliorano gli effetti speciali ma viene a mancare quella sensazione di tamarro anni 80 che ha reso il film di Verhoeven un cult. Questo nuovo Robocop è uno di quei film che si fa dimenticare piuttosto in fretta pur non essendo brutto. Cast stellare un po' sprecato, ma forse è proprio quello che tiene a galla (anche se parzialmente) tutto il film.

Anthonyvm 15/02/20 19:25 - 2037 commenti

I gusti di Anthonyvm

Robocop viene restylizzato per il ventunesimo secolo: il suo look si fa più dark, così come il tono del film. La satira anarchica del cult di Verhoeven fa spazio a una critica più sottile e convenzionalmente distopica sulle limitazioni del libero arbitrio nella società tecnologica. Il concept è più maturo e i personaggi meglio caratterizzati, ma questo reboot non ha una briciola della personalità e dell'esaltante verve del film dell'87. Buono comunque il cast con Keaton sobriamente detestabile, Jackson in gran forma e Oldman sempre memorabile.
MEMORABILE: I commenti entusiastici di Samuel L. Jackson; Murphy si vede sotto l'armatura di metallo; Robocop in azione con "Hocus Pocus" dei Focus in sottofondo.

Jdelarge 15/05/20 12:12 - 881 commenti

I gusti di Jdelarge

Remake del celebre film di Verhoeven che funziona maggiormente nella prima metà, in cui viene perfezionato l'ibrido robot-umano. Qui risulta interessante la disquisizione tra interazione software-cervello. Nella seconda parte, invece, prevale la componente d'intrattenimento e l'azione si alterna a situazioni e personaggi decisamente stereotipati. Anonimo il protagonista.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 22/05/14 22:05
    Pianificazione e progetti - 22028 interventi
    Brainiac ebbe a dire:
    Pensa, Brainiac, che a proposito del remake filologico di Van Sant l'ho preferito a quello originario di Hitch (sì, ok, sono pronto per la lapidazione in pubblica piazza ) lo dico piano-piano-piano: l'ho rivisto ultimamente Psyco, penso che sia uno degli Hitch che funziona di meno. O meglio, non funziona per me.

    Sì, sì, Brain, comincio a pensarlo anch'io: SEPARATI DALLA NASCITA!

    Allora non sono solo, questo mi risolleva :) (per la cronaca, adoro alla follia Psycho 3)
  • Discussione Buiomega71 • 22/05/14 22:07
    Pianificazione e progetti - 22028 interventi
    Brainiac ebbe a dire:
    Rilancio con La Cosa, La Mosca ed il cultissimo spielberghiano e underratedissimo La guerra dei mondi.

    Tre remake che adoro pure io, guarda caso. Ci metto pure La Notte Dei Morti Viventi saviniana :)
    Ultima modifica: 22/05/14 22:08 da Buiomega71
  • Discussione Gestarsh99 • 22/05/14 22:07
    Scrivano - 14792 interventi
    Brainiac ebbe a dire:
    Poi ci sono i remake frame-by-frame, come lo Psycho di Van Sant che pare abbia riprodotto pure i ciuffi d'erba del film di Hitchcock e di cui all'epoca lessi un gran bene.

    Buiomega71 ebbe a dire:
    a proposito del remake filologico di Van Sant l'ho preferito a quello originario di Hitch (sì, ok, sono pronto per la lapidazione in pubblica piazza )

    Poi ci sono anche gli auto-remake.
    Secondo alcuni ad esempio, Haneke si è anche migliorato nel suo nuovo Funny games.

    Ma la categoria ha anche mele marce (ogni riferimento al 13 di Babluani è voluto).
  • Discussione Brainiac • 22/05/14 23:09
    Addetto riparazione hardware - 1469 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:Ci metto pure La Notte Dei Morti Viventi saviniana :)mamma mia, ancora mi ricordo quando l'affittai in videoteca bamboccissimo dai miei nonni al mare che fascino-macabro e che strizza. Tra l'altro ho visto prima questo di quello di Romero, quindi super-cult pure per me.
  • Discussione Buiomega71 • 23/05/14 00:27
    Pianificazione e progetti - 22028 interventi
    Brainiac ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:Ci metto pure La Notte Dei Morti Viventi saviniana :)mamma mia, ancora mi ricordo quando l'affittai in videoteca bamboccissimo dai miei nonni al mare che fascino-macabro e che strizza. Tra l'altro ho visto prima questo di quello di Romero, quindi super-cult pure per me.

    Grande Brain! Non ho dubbi ora..."Dead ringers" :)
    Ultima modifica: 23/05/14 00:50 da Buiomega71
  • Discussione Raremirko • 23/05/14 00:35
    Addetto riparazione hardware - 3484 interventi
    Gestarsh99 ebbe a dire:
    Brainiac ebbe a dire:
    Poi ci sono i remake frame-by-frame, come lo Psycho di Van Sant che pare abbia riprodotto pure i ciuffi d'erba del film di Hitchcock e di cui all'epoca lessi un gran bene.

    Buiomega71 ebbe a dire:
    a proposito del remake filologico di Van Sant l'ho preferito a quello originario di Hitch (sì, ok, sono pronto per la lapidazione in pubblica piazza )

    Poi ci sono anche gli auto-remake.
    Secondo alcuni ad esempio, Haneke si è anche migliorato nel suo nuovo Funny games.

    Ma la categoria ha anche mele marce (ogni riferimento al 13 di Babluani è voluto).


    Migliorato?

    e in cosa?


    i 2 tizi pazzi son molto meno cattivi
  • Discussione Gestarsh99 • 23/05/14 01:14
    Scrivano - 14792 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Gestarsh99 ebbe a dire:
    Brainiac ebbe a dire:
    Poi ci sono i remake frame-by-frame, come lo Psycho di Van Sant che pare abbia riprodotto pure i ciuffi d'erba del film di Hitchcock e di cui all'epoca lessi un gran bene.

    Buiomega71 ebbe a dire:
    a proposito del remake filologico di Van Sant l'ho preferito a quello originario di Hitch (sì, ok, sono pronto per la lapidazione in pubblica piazza )

    Poi ci sono anche gli auto-remake.
    Secondo alcuni ad esempio, Haneke si è anche migliorato nel suo nuovo Funny games.

    Ma la categoria ha anche mele marce (ogni riferimento al 13 di Babluani è voluto).


    Migliorato?

    e in cosa?


    i 2 tizi pazzi son molto meno cattivi



    Personalmente sono più affezionato all'originale del 1997, anche perchè all'epoca fu una discreta mazzata tra capo e collo.

    Molti di quelli che però hanno visto i due film in ordine cronologico inverso, hanno trovato il remake molto più incalzante e i due protagonisti molto più "fighi e cool" rispetto alla fastidiosità estrema della coppia originale.

    Diciamo che il remake, pur essendo pari pari fedele al prototipo, è molto più commerciale e appetibile.

    Il che può essere inteso sia in senso positivo che in senso negativo.
  • Discussione Galbo • 23/05/14 05:47
    Gran Burattinaio - 3764 interventi
    Brainiac ebbe a dire:
    Galbo ebbe a dire:
    credo che quando si realizza un remake, attendersi il paragone con il film originale sia abbastanza ovvio, altrimenti si dovrebbe lasciare perdere....
    non è detto che debba essere così, caro Galbo, nient'affatto. Ti faccio un paragone musicale: a volte una cover è bella perchè è identica all'originale (la The Chauffeur dei Deftones mima nota per nota l'originale dei Duran Duran e spacca nella medesima identicissima maniera), ma gajarda è pure "What a wonderful world" rifatta dai Ramones, che rispetto all'originale viaggia al doppio dei beat e c'ha il fuzz al posto dei fiati. Sono molti i motivi che spingono un regista verso il "rifacimento", leggevo di Stanley che voleva remekkare il Dr Moreau perchè l'originale gli faceva ribrezzo. Si può remekkare, quindi, anche per "allontanarsi" dal prototipo, per stravolgerlo e riviverlo (oltre che -ovviamente- per celebrarlo o aggiornarlo).


    non ho detto che si debba riprendere il lavoro originale ma che chi fa il remake non possa sottrarsi ai paragoni perché sono impossibili da evitare
  • Discussione Brainiac • 23/05/14 09:30
    Addetto riparazione hardware - 1469 interventi
    D'oh hai ragione, scusa, ebbi a leggere male!
  • Discussione Raremirko • 25/09/17 01:08
    Addetto riparazione hardware - 3484 interventi
    Inferiore ai primi due della serie, ma comunque un discreto remake.

    Protaognista anonimo, buon cast di contorno (Oldman non fa più il pazzo da tempo ormai) e scene action ben fatte.

    Se ne poteva fare magari a meno, ma è un discorso valido per migliaia di altri prodotti; vedibile e fa parte delle rimpatriate di films ci-fi degli ultimi anni (come il nuovo Terminator o Total recall).

    I dilemmi umano/cyborg son discretamente approfonditi.