LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Massaccesi ritorna all'horror cinque anni dopo il non esattamente felice KILLING BIRDS e fa pure peggio. Del fascino malsano in cui erano avvolti i suoi must del genere (BUIO OMEGA e ROSSO SANGUE) non è rimasto nulla, se non una brillante fotografia che permette di non rabbrividire totalmente di fronte a una pellicola che si avvicina semmai agli altrettanto tristi tramonti fulciani stile AENIGMA. A colpire negativamente è prima di tutto la recitazione dell'intero cast, con una Cinzia Monreale spesso involontariamente...Leggi tutto comica nel ruolo di Georgia, sorta di Patrick in gonnella: dopo aver visto ripetutamente in sogno il proprio figlioletto massacrato in qualsiasi modo (la testa “modello Cicciobello” con caschetto biondo del piccolo vola via decapitata regolarmente ogni fine incubo), la bella e snella bionda finisce a tiro dei tre ragazzacci del paese. Questi una sera le si introducono nottetempo in casa eludendo la sorveglianza del pugile suonato che staziona in zona (Donald O'Brien) e danno il via all'Arancia meccanica: in due stendono Georgia sul divano e cominciano a palpeggiarla un po' come capita, il terzo frigna e perde in terra la lente a contatto. La cosa più incredibile è che a un certo punto uno degli stupratori (figlio del riccastro locale, Maurice Poli), senza un vero motivo (Massaccesi non sa bene come giustificare l'azione e si vede) colpisce la donna in testa con un portacenere di vetro massiccio spedendola in coma. E chi viene accusato del crimine? Il povero pugile suonato! Colpa di una polizia compiacente che, non contenta, lo impicca in cella fingendo che si sia suicidato. Lo ritroveremo sul lettino dell'obitorio con la fronte rabberciata (perché poi?) pronto a trasformarsi in una sorta di automa guidato a distanza da Georgia, seppellita dagli elettrodi in ospedale, la quale lo condurrà a vendicarsi e ad accoppare chi capita. Prima all'obitorio stesso come in HALLOWEEN II, dove farà esplodere gli occhi dalle orbite al povero coroner (tra effetti poco speciali e l'agitarsi ridicolo dell'uomo, forse il momento top trash del film), poi a una festa neonazista, quindi alla villa del riccastro, dove si divertirà a fulminare ripetutamente il proprietario coi cavi elettrici in una scena da circo equestre... Lo splatter è di bassissima qualità, le scene inserite come riempitivo non si contano (tutti gli incubi col bimbo inseguito e decapitato da un mezzo scemo nel bosco, per esempio), quelle allungate oltre il lecito pure (anche per colpa di un cast che per mettere insieme due frasi impiega una vita) e quanto a credibilità stiamo sotto lo zero. L'impressione è che la sceneggiatura sia solo abbozzata e che lo stesso Massaccesi, in regia, non sappia come dirigere degnamente un cast che, da par suo, s'inventa espressioni, pause e atteggiamenti che lasciano a bocca aperta. Ma forse il top è l'indagine, condotta un po' come passatempo dal nuovo compagno di Georgia il quale, per puro caso (forse inciampandoci?), ritrova sul pavimento di casa la lente a contatto dello stupratore “buono”! Aggiungiamoci un po' di Bava (senior o junior, a scelta) con la solita palla che pare il divertimento massimo di ogni bimbetto horror e il quadro è completo! Discrete le musiche synth-simonettiane di Piero Montanari.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/04/07 DAL BENEMERITO HOMESICK POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/01/16
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 25/04/07 09:22 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il titolo si richiama all’opera di Mary Shelley, ma i contenuti del film si ricollegano ad “Aenigma” di Fulci. Qualche sequenza ben riuscita: il tentativo di stupro della Monreale – commessa in un negozio di home video - da parte di una banda di teppisti mascherati, anticipata dall’inquadratura della locandina di Arancia meccanica; il ricorrente incubo in cui la donna sogna la morte per decapitazione del figlio; la vendetta di Donald o’Brien. Ottima la fotografia, discrete le musiche.

Undying 18/11/07 14:33 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Con tutto il bene e la simpatia che si può provare per Massaccesi, questo Frankenstein 2000 è davvero poca cosa. Il soggetto, apparentemente scritto da Michele Soavi, viene sceneggiato con competenza da Antonio Tentori (non è casuale che ci siano rimandi all'Aenigma di Fulci) e gli attori sono davvero convincenti (l'andatura claudicante di Donald O'Brien nei panni della creatura è da attribuire ad un reale incidente occorso all'attore), ma sul piano degli effetti speciali regna il ridicolo. D'Amato cita Rosso Sangue nella scena dell'ustione.
MEMORABILE: Cinzia Monreale aggredita nel video-noleggio ricorda la scena (identica) del Porno Shop della 7a Strada.

Ghostship 6/05/08 13:46 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Frankenstein 2000 è il canto del cigno dell'horror italico. Buono l'assunto di base, che presenta notevoli similitudini con Aenigma di Fulci e con Buio Omega dello stesso D'Amato; messa in scena penalizzata da effetti molto scadenti ma nobilitata da un'ottima fotografia e da una dignitosa prova degli attori. Vale un'occhiata anche come testimonianza di produzioni che, purtroppo, in Italia non si fanno più.

Trivex 13/05/10 22:56 - 1489 commenti

I gusti di Trivex

È stato molto gradevole ritrovare alcuni miti di sempre come la sempreverde Cinzia Monreale ed il poliedrico Donald O'Brien (quello del mio cult Il sesso della strega), insieme e diretti da Joe D'Amato. Non mi aspettavo sinceramente di incappare in un capolavoro e così è stato. A parte la povertà di mezzi e la storia non entusiasmante, la pellicola manca dell'atmosfera macabra e malata dei migliori film del maestro. Ci sono alcuni spunti dove si ritrova la dignità di un tempo; naturalmente la fotografia è ottima e il coraggio va comunque sottolineato.

Myvincent 23/12/12 10:38 - 2549 commenti

I gusti di Myvincent

Non fa tanto male questo bislacco racconto che mescola il tema dell' "oltrevita" con la telecinesi e ancora Frankenstein. Alcune trovate sono geniali (come quando il neo-Frankenstein piomba in una festa di carnevale, senza ovviamente destare alcun sospetto), il resto è il solito Massaccesi a buon mercato e irresistibilmente naif. Imperdibile, per i cultori.

Arrapaho 15/08/13 08:01 - 18 commenti

I gusti di Arrapaho

Nonostante l'idea vincente e un protagonista convincente, il film non decolla. Purtroppo si respira un'aria da film tv. Certo la pellicola ha momenti in cui riesce a regalare una buona dose di suspance e di tensione, ma i momenti sono veramenti pochi e in più la pessima recitazione generale degli attori e una sceneggiatura che dopo una buona prima parte sembra perdersi completamente, confermano la tesi di un film non riuscito. Dignitoso, ma non riuscito.

Corinne 26/08/13 21:46 - 401 commenti

I gusti di Corinne

Un D'Amato horror minore, molto minore. La storia non ha nulla a che spartire con Frankenstein, se non per l'aspetto del pugile "tornato dalla morte" e ricorda l'Aenigma fulciano (a cui, pur nella sua mediocrità, mangia comunque in testa), con qualche ammiccamento a precedenti film del regista. Mediocre ma con una sua dignità (tralasciando il primo omicidio, dagli effetti speciali veramente trash).

Herrkinski 29/06/14 02:44 - 5125 commenti

I gusti di Herrkinski

Fuori tempo massimo per un certo tipo di horror all'italiana e proprio per questo molto coraggioso; purtroppo il risultato non è all'altezza delle aspettative. Nonostante una regia corretta, un cast di facce note niente male, molte citazioni e un ritmo discreto, manca qualcosa; lo splatter è presente, ma visto il regista avrebbe potuto essere più audace; o forse è proprio la trama a essere sviluppata con poco coinvolgimento, fatto sta che manca il respiro di classici come Buio omega o Antropophagus. Si fa vedere, ma avrebbe potuto venir meglio.

Anthonyvm 10/05/18 22:01 - 1925 commenti

I gusti di Anthonyvm

Niente di eccezionale questo stanco horror anni '90 del buon Massaccesi, che ripesca un paio di volti conosciuti nel panorama bis italiano (un O'Brien ormai claudicante a seguito di un infortunio e la Cinzia Monreale di Buio omega dello stesso D'Amato) e li mette insieme in una storia poco originale (il parallelismo con Aenigma è evidente) e che poco ha a che fare con il Frankenstein di Shelley. Non c'è molto da segnalare: il gore non è un granché, gli effetti speciali sono poveri, il ritmo non dei migliori. Resta la nostalgia legata al cast.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 27/01/09 00:39
    Scrivano - 7630 interventi
    Undying ebbe a dire nella SEZIONE HOME VIDEO:
    (...)
    ma la traccia audio italiana dove è andata a finire? Era proprio impossibile recuperarla?


    Per correttezza e per rispetto nei confronti della Raro Video: la traccia italiana è andata persa causa fallimento della Filmirage ed è, ad oggi (come al tempo del riversamento in DVD), irrecuperabile.

    Fonte: Joe D'Amato - Nocturno Dossier n. 78.
  • Discussione Undying • 6/03/09 19:38
    Scrivano - 7630 interventi
    Complimenti a Zender per l'accurata selezione di foto inserita nella sezione Location...
  • Discussione Zender • 7/03/09 08:43
    Consigliere - 43512 interventi
    Neanche troppi complimenti, caro Undying. Se non facevo il recupero delle vecchie location mail me la sarei bevuta e sarebbe stato criminoso...
  • Discussione Raremirko • 17/10/12 22:15
    Addetto riparazione hardware - 3475 interventi
    Ne ricordo bene sopratuttto visivamente (D'Amato del resto il suo mestiere lo sapeva fare), per il resto l'idea era buona (modernizzare un classico) ma non sfruttata a dovere
  • Discussione Herrkinski • 29/06/14 02:49
    Scrivano - 2294 interventi
    Nella versione anglofona gli attori sono stati ridoppiati, ma m'è parso che non siano gli stessi attori a ridoppiarsi, in particolare Maurice Poli mi dà l'impressione che sia stato ridoppiato da qualcuno di più giovane. Se ne sapete di più fate un fischio.. Comunque pessimo ridoppiaggio in generale.
  • Discussione Mauro • 8/04/16 21:04
    Disoccupato - 9471 interventi
    Zender, secondo imdb il film è del 1991, per wikipedia del 1992 ma sulla stessa pagina si legge che il film fu presentato al Fantafestival di Roma del 1993, ma non è mai uscito nelle sale cinematografiche italiane. Qual'è l'anno giusto?
  • Discussione Raremirko • 8/04/16 22:29
    Addetto riparazione hardware - 3475 interventi
    Il film me lo ricordo tecnicamente notevole, ancora più di certi film blasonati di D'Amato.
  • Discussione Zender • 9/04/16 08:54
    Consigliere - 43512 interventi
    In effetti bisognerebbe capire come mai Imdb mette 1991 e se la serata al Fantasfestival fu la prima del film o no... Non è ben chiaro...
  • Discussione Mco • 9/04/16 12:21
    Scrivano - 9683 interventi
    Mi rifaccio al risalente Nocturno dossier dedicato alla figura del grande Joe (Joe D'Amato, guida al cinema estremo e dell'orrore, gennaio 2009, pagg.44-45):
    Il film fu girato nel 1989 ma proiettato (nella versione doppiata in italiano) solamente al Fantafestival del 1993.
    Da ciò si potrebbe arguire, per controdeduzione, che la versione in lingua inglese sia stata proiettata anche prima di quella data.
    I misteri restano...
    Ultima modifica: 9/04/16 12:22 da Mco
  • Discussione Zender • 9/04/16 16:01
    Consigliere - 43512 interventi
    Eh sì, infatti è quel che temo.