LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Il sergente Gringo (Raimondo Vianello) e il soldato semplice Ringo (Lando Buzzanca) sono due sudisti rinchiusi da otto anni a Forte Jackson. Convinti che la guerra civile non sia ancora finita, proseguono la vita militare come nulla fosse. Gringo dà ordini e Ringo, da solo, trattato come un intero plotone, li esegue tutti. Una volta fuori trovano due guerrigliere sudiste irredente (una è Marilù Tolo) che approfittano dell'ingenuità dei due per combattere contro gli ormai pacifici nordisti. Costruito come un western comico alla Franco e Ciccio, con Buzzanca nella parte dell’esagitato e Vianello in quella del pacato “leader” (la parte di Ciccio, quindi), il film di Bruno Corbucci inizia molto bene (le scene al forte sono le più indovinate)...Leggi tutto per spegnersi gradualmente con una serie di situazioni spesso insopportabili (vedi quando i due si aggregano a una carovana di mormoni, con Buzzanca travestito da donna che approfitta delle molte mogli di fratello Isaia). La colpa, a dire il vero, non è della coppia, perché tutto sommato i due sono abbastanza affiatati (nello stesso anno girano anche PER QUALCHE DOLLARO IN MENO di Mattioli), ma di una sceneggiatura troppo povera, che necessiterebbe di qualcuno capace di improvvisare meglio (Franchi e Ingrassia, per l'appunto). Le trovate a volte sono davvero insulse e a Buzzanca non basta fare le facce da bambino capriccioso e dalle vaghe tendenze omosessuali per provocare le risate. Si vede che i due sono attori di una certa qualità, poco adeguati a interpretare la parte degli stupidi. Tra i caratteristi in secondo piano Gino Buzzanca e la spalla di Totò Mario Castellani (qui anche aiuto regista), riconoscibilissimo nel ruolo dello sceriffo. A tratti qualche buona gag c'è, ma i due, pur bravi, non riescono sempre ad interpretarla al meglio. La parodia western non fa per loro.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Plauto 13/04/09 17:16 - 120 commenti

I gusti di Plauto

Come quei giapponesi che non sapevano di aver perso la guerra, anche Ringo e Gringo (due sudisti) continuano la loro battaglia, ignari che ormai la guerra è finita e il nord ha vinto. Forse uno dei migliori film di Vianello, uno dei più comici e anche uno dei migliori di Buzzanca. I due sono molto affiatati, una coppia comica (che poteva dare anche di più) che procede spedita dall'inizio alla fine (cosa ormai rara). Pur con un "budget" simile, la parodia è nettamente migliore di quelle di Franchi e Ingrassia.

B. Legnani 10/07/12 23:46 - 4981 commenti

I gusti di B. Legnani

Terribile (*) western comico (meglio: che cerca di esserlo) di Bruno Corbucci, prodotto da Bistolfi, con Vianello e Buzzanca. La storia è sgangheratissima, piena di ellissi funamboliche e di approssimazioni (basti pensare alle mani che si vedono mentre gettano dalla finestra due fantocci...). Non si sorride (figurarsi ridere) proprio mai. Si riciclano, inoltre, trovate antiquate e barzellette belliche di inizio Novecento.

Panza 12/12/12 21:30 - 1566 commenti

I gusti di Panza

Moltissimi comici (Ric e Gian, I Brutos), attratti dai forti incassi ottenuti dalle allora parodie western di Franco e Ciccio, interpretarono film simili producendo epigoni di questo genere molto sgangherati. Qui l'accoppiata Vianello-Buzzanca (non così campata in aria) non riesce a salvare una trama esile e inconsistente basata su una commedia degli equivoci che non fa proprio ridere nessuno. I due protagonisti sembrano spaesati in tal contesto e completamente alla deriva. Meglio guardarsi una parodia con Franchi e Ingrassia...

María Martín HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.