Rambo 2 - La vendetta

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Rambo: first blood part II
Anno: 1985
Genere: avventura (colore)
Numero commenti presenti: 38
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Tra i film più invisi alla critica, che chiaramente fatica a sopportare tanto spudorato nazionalismo accompagnato da massacri generalizzati, RAMBO 2 è stato premiato da un enorme successo di pubblico. Azzerato lo scavo psicologico dei personaggi, ridotto all'osso il soggetto (di Kevin Jarre), scarnificata fino all'essenziale la sceneggiatura (firmata da Stallone con - attenzione - James Cameron), quello che resta è soprattutto il gran lavoro registico di George Pan Cosmatos, che punta allo spettacolo senza pretese e fa roteare la mdp tra i suggestivi paesaggi vietnamiti. Stallone dopo un quarto d'ora è già nella giungla, pronto a recuperare i prigionieri americani che si dice esistano ancora da quelle parti. Inutile dire che - contrariamente...Leggi tutto a quanto i fatti hanno dimostrato - i poveretti ci sono davvero e che un Vietnam ancora in pieno assetto di guerra (con la complicità dei russi, naturalmente) farà di tutto per vanificare la missione di soccorso. Il problema è che anche gli americani (Charles Napier ha sostituito Brian Dennehy come antagonista principe) sembrano averci già ripensato e il solo Trautman (Crenna) non può, di nuovo, farci niente. Trovatosi di fronte ai propri nemici naturali (“Il Vietnam è la sua casa”, sentenzia Trautman) Rambo scatena l'inferno: fuoco e fiamme, agguati all’arma bianca, tortura, corse pazze in elicottero, stragi sommarie e perfino un inatteso break sentimentale (un paio di minuti, intendiamoci). RAMBO 2 non ha storia, è solo un violento videogame terribilmente spettacolare che ha in dono un gran ritmo, scenari magnifici e una mezz'ora finale esemplare in termini di action. Aggiungeteci una colonna sonora d’impronta eroica (Jerry Goldsmith), una fotografia scintillante e avrete la misura del film; sciocco quanto si vuole ma con uno Stallone in splendida forma.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 6/03/07 22:10 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Cambiano le location ma la storia è la medesima. Rispetto al primo episodio perde notevolmente, anche se la figura di Sly regge sempre bene. Purtroppo questo secondo capitolo cade nell'errore di ripetere sempre la stessa storia. Il successo della prima pellicola era dovuta anche ai luoghi in cui si svolgeva l'azione, più intriganti; qui risulta troppo banale ed esasperato. Comunque Stallone offre sempre il massimo, soprattutto nel pre-finale. Merita la visione.

B. Legnani 26/03/07 01:22 - 4752 commenti

I gusti di B. Legnani

Filmetto dalla trama semplice semplice, colorato e fumettistico, ovviamente manicheo. Si vede che Sylvester Stallone credeva veramente in quello che faceva. Pellicola accolta dalle immancabili polemiche politiche, finì col rivelarsi molto meno peggio di quanto si temesse. Vale il doppio, per dirla tutta, del mediocre Berretti Verdi, parimenti iper-nazionalista.

G.Godardi 26/03/07 18:43 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

All'origine vi è una sceneggiatura di James Cameron, riadattata poi da Sheldon Lettich, regista e sceneggiatore dei primi film di Van Damme. Già questo la dice lunga: spariscono tutte le implicazioni politiche (ma fuori dal film, nella realtà, la figura di Rambo diverrà un'icona della destra americana) e morali, in favore di un puro e semplice intrattenimento. Rambo da disadattato sociopatico viene promosso ad eroe nazionale! Tuttavia, come film d'azione, è perfetto: non dà un attimo di tregua. Napier cult.

Galbo 17/11/07 19:36 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Se il primo film della serie dedicata a John Rambo possedeva riferimenti morali, tanto da dare una sua personale simbologia al personaggio (che fu anche veicolo di propaganda di una certa fazione politica americana), questo vira verso il puro e semplice intrattenimento. Film semplicemente action dunque, decisamente ben realizzato, ma troppo simile a tanti film del genere tipici di una certa cinematografia americana (Alba Rossa di Milius ne è un esempio).

Puppigallo 14/02/08 10:05 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Scordatevi il primo Rambo, perché qui avviene la trasformazione in super eroe a tutti gli effetti. Un unico filo conduttore unisce le due pellicole: in entrambe viene inchiappettato dallo Stato. C'è molto Bim! Bum! Bam!, mitragliate e atti eroici (e pensare che, all'inizio, si impiglia col paracadute come un fesso). C'è però anche un limite alla povertà di contenuti e qui viene ampiamente superato. A mascherarlo ci pensa però l'azione (gli agguati, i russi cattivoni, ma non solo loro, la fuga continua). Più che inverosimile, ma allegramente vedibile.
MEMORABILE: Rambo si muove furtivo nella giungla, seguito dalla musica, che si interrompe ogni volta che lui si ferma (alla Tom e Jerry). Mazzate sull'elicottero.

Lovejoy 20/02/08 20:20 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Pessimo seguito di un film entrato nella storia. Anche questo purtroppo vi è entrato, ma per altri versi. Mentre nel precedente la storia era ben sviluppata e i personaggi ben disegnati, qui siamo finiti direttamente in un fumetto a tratti pesante da digerire, con macchiette per protagonisti. Tutto il dramma del reduce Rambo è inghiottito da botti e esplosioni varie. Della sceneggiatura scritta da Cameron non è rimasta, purtroppo, traccia (chissà che film ne sarebbe venuto fuori). Attori sprecati.

Undying 24/02/08 04:27 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Inizia la parabola discendente di un mito. Il reduce di guerra, nel primo film, sapeva coinvolgere emotivamente lo spettatore (merito di una trama particolarmente ispirata e delle valide interpretazioni degli attori, su tutti lo stesso Stallone). Qua la psicologia di John Rambo inizia a defluire verso semplicistiche dicotomie (bene/male, odio/amore, guerra/pace) sostenuta, in questo, da dialoghi striminziti, a mò di spot. L'azione è frenetica, la regia (del "veterano" Cosmatos) salda e gli effetti speciali eccellenti: se basta questo, piacerà.

Deepred89 24/02/08 22:00 - 3293 commenti

I gusti di Deepred89

La storia è banalissima, i personaggi tutti bidimensionali, i messaggi politici risibilissimi, ma tutto ciò finisce per risultare assolutamente funzionale a questa inarrestabile macchina di azione e adrenalina. Stallone perde i pochi tratti psicologici che aveva nel capitolo precedente, parla pochissimo pronunciando perlopiù frasi ad effetto e sparando e combattendo per tutto il film, con i muscoli unti e bisunti perennemente in bella vista. Fotografia così così, regia funzionalissima. Chi sta al gioco rischia di divertirsi un mondo.

Redeyes 6/03/08 08:18 - 2148 commenti

I gusti di Redeyes

Mentre il primo aveva un suo spessore, qui Rambo è semplicemente un SuperEroe alla Marvel che, armi e doti tecnico-militari alla mano, sovrasta i cattivi. È un esercizio di violenza che non ha nessun risvolto né artistico (il film non è certo Il Cacciatore) né di denuncia o altro; piuttosto somiglia molto a un pamphlet repubblicano pro guerra. Si poteva ampiamente evitare di girarlo. Peccato.

Capannelle 22/03/08 13:36 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

Il classico sequel che prende i personaggi vincenti del primo Rambo - intendo lui e il capitano istruttore – e li sposta nel contesto vietnamita per il solito recupero prigionieri. Fin qui nulla di male, ma scene e dialoghi sono scontati e non esiste confronto col primo episodio. Si salvano alcune scene di battaglia che presentano un tasso di inventiva e spettacolarità accettabile. E le rimostranze finali di John verso il capo operazione.

Magnetti 19/05/08 09:50 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Classico caso di filmone che ebbe gran successo all'epoca, ma che oggi risulta quasi inguardabile. Non ha il marchio di "classico del cinema" che detiene il primo Rambo: troppo schematici i personaggi, troppi luoghi comuni nella sceneggiatura, ma soprattutto prende il primo Rambo (e il bravo Stallone che lo aveva interpretato) e lo fa diventare una macchietta, cosa imperdonabile. Si fatica addirittura ad arrivare alla fine, tanto è prevedibile e scontato. Peccato.

Cangaceiro 6/02/09 10:31 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Torna Rambo e per l'occasione compie la sua prima inaudita ed iperbolica carneficina. Siamo più dalle parti dello sparatutto, con diverse escursioni al di là della linea della verosimiglianza, anzichè del melodramma del primo capitolo. Il film mantiene comunque molto dell'appeal originario così come Sly, che sceneggia assieme addirittura a Cameron, ripete fedelmente il suo personaggio. Rassicurante e pesante (in positivo) la presenza di Crenna. Buon cinema.

Herrkinski 15/11/09 22:41 - 5216 commenti

I gusti di Herrkinski

Il primo Rambo era un semi-capolavoro, molto più drammatico che action; qui è l'esatto contrario: vengono esaltati i lati più "americani" e tamarri del personaggio, mentre il lato psicologico viene spesso e volentieri messo in secondo piano. Preso appunto come film d'azione, questo sequel è sicuramente gradevole e coinvolgente, ma le varie spacconate e la trama risibile non lo distanziano molto da un qualunque film di Chuck Norris alla Missing In Action & co. Un peccato, anche se Stallone (in forma eccellente) ce la mette davvero tutta. **

Disorder 17/08/09 22:54 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

È un buon film d'azione, ma resta discutibile la morale di fondo che tenta di propagandare: è un dato di fatto che dopo aver perso la guerra, gli USA abbiano fatto di tutto per screditare l'immagine del Vietnam, costantamente dipinto come un paese selvaggio, dove il male ha trionfato e dominato da aguzzini che non hanno di meglio da fare che torturare i marines catturati durante il conflitto. Rambo non lotta più contro quel Sistema che lo ha ripudiato: qui torna ad esserne il braccio armato (e torna a farsi fregare dai potenti...). Un vero peccato.

124c 11/09/09 12:21 - 2775 commenti

I gusti di 124c

Dopo il successo del primo film, inevitabile il secondo capitolo della saga, che ribalta la situazione del berretto verde. Rambo non è più un anti-eroe incompreso, ma diventa addirittura eroe dell'America di Ronald Reagan, capace di far fuori, da solo, plotoni di soldati russi, mentre è alla ricerca dei prigionieri americani nel Vietnam, per conto di un funzionario americano, che non esita ad abbandonarlo alla sua sorte. Fumettone patriottico, con storia d'amore senza happy end. Inferiore.
MEMORABILE: Trautman - Signor Murdock, è lei che non capisce. Quello che lei chiama jungla, Rambo la chiama casa.

Rambo90 14/03/10 19:18 - 6402 commenti

I gusti di Rambo90

Riuscito almeno quanto il primo capitolo, questa nuova avventura ci mostra Rambo in azione direttamente in Vietnam, tradito dal suo governo e costretto a fare come al solito tutto da solo. Bellissime le scene d'azione, bravo Stallone, buona la sceneggiatura sua e di Cameron, regia veloce e ritmata e persino un po' di commozione nel vedere il protagonista che si innamora di una ragazza. Un ottimo action dove i personaggi sono ben caratterizzati.

Nando 26/04/10 02:08 - 3486 commenti

I gusti di Nando

La ricerca degli errori commessi in Vietnam porta il reduce alla ricerca di valorosi prigionieri nelle boscaglie sud asiatiche. Stallone è meno espressivo ma più a suo agio nel combattimento; sfortunatamente trova una donna da amare ma l'idillio termina, brevi manu, a causa di una raffica di mitra. Tutto sommato l'azione impera e la presenza russa genera un eroe pronto a combattere per il suo paese ed a mali estremi pure a morire per lui.

Pinhead80 19/05/10 14:05 - 3970 commenti

I gusti di Pinhead80

Rispetto al primo parte in sordina, per poi dare il meglio di sè nella seconda parte. La figura di Rambo è ancor di più centrale, perché al posto dello sceriffo rompiscatole troviamo Stallone contro un nemico indefinito (i vietcong, piuttosto che gli americani stessi). Film che non perde il suo fascino con il passare degli anni. Evergreen.
MEMORABILE: "Murdock... Murdock... sono io che ti vengo a prendere".

Ishiwara 21/05/11 21:08 - 214 commenti

I gusti di Ishiwara

Classico esempio di seguito inutile e terribilmente peggiore di un buon film. Aumentano l'azione e la spettacolarità delle scene, ma cala la qualità di tutto il resto. Sceneggiatura penosamente patriottarda, con appiccicata una puerile ed insulsa storia d'amore interetnica. Il classico action movie hollywoodiano di consumo, che scorre sullo schermo strepitando senza lasciare altro ricordo che un brusio alle orecchie. Stallone in gran forma fisica, ma espressivo come un merluzzo, rimane comunque nell'immaginario collettivo. Peccato.

Markvale 3/09/11 10:29 - 143 commenti

I gusti di Markvale

Con "Rambo 2" l'indomito guerrigliero diventa un'icona del reaganismo, una marionetta pronta all'uso e al servizio di una retorica vuota e becera. Anche come semplice film d'azione risulta alquanto inattendibile: con una sicurezza e una facilità degna di miglior causa il nostro falcidia un numero impressionante di sovietici. Fra l'altro il soggetto è copiato da Rombo di tuono con Chuck Norris. La gamma espressiva di Stallone è agghiacciante, ma se la qualità di una pellicola si misura con il suo successo...

Belfagor 15/12/11 15:16 - 2625 commenti

I gusti di Belfagor

Per ottenere la libertà, Rambo accetta di tornare in Vietnam per salvare dei prigionieri di guerra. Girato in piena epoca reaganiana, è un sequel vuoto, manicheo, propagandistico, che conferma l'incapacità quasi infantile degli Usa di accettare il fatto di aver scatenato e perso un'autentica guerra di aggressione in Vietnam. Tutti i quesiti sollevati nel primo film qui sono allegramente dimenticati, con Rambo che diventa il braccio armato (e pompato) del sistema. Esplosioni e proiettili a go-go.

Mutaforme 6/02/12 16:17 - 392 commenti

I gusti di Mutaforme

Pronti via, Rambo è subito alle prese con una nuova missione. I temi del primo film sono affrontati in modo decisamente meno forte, ma Rambo II è comunque un ottimo film d'azione. Coinvolgente dal primo all'ultimo minuto. Nonostante qualche esagerazione di troppo rimane un buon sequel.

Homesick 23/03/12 16:23 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Fascia intorno alla testa, torso nudo e mitra in pugno, Rambo-Stallone è assurto a buon diritto ad icona del cinema muscolare per il grande pubblico: l’eroe solo contro tutti, che difende il sano amor patrio sia dalle barbarie dei “Musi gialli” e dei sovietici (siamo in piena epoca reaganiana), sia dalle trame nere della burocrazia statunitense. Del primo capitolo abbandona ogni approfondimento psicologico, dilatandone invece l’azione spettacolare e le iperboliche imprese belliche in cielo, terra, monti, boschi e paludi. Indispensabile il galvanizzante score di Jerry Goldsmith.
MEMORABILE: «Murdock... sono io che vengo a prenderti!!!»; Rambo mimetizzato nel fango.

Markus 24/04/12 11:19 - 3311 commenti

I gusti di Markus

L'obbligato seguito commerciale di Rambo perde la poeticità del capostipite per orientarsi su aspetti più diretti atti a rinforzate il carisma del personaggio, ma anche a divertire un pubblico desideroso di sana azione e ritmo (a scapito della verosimiglianza). Il compito è perfettamente realizzato e Rambo II è sicuramente un film di grande impatto e ricco di spunti (anche ridicoli, se vogliamo) che l'hanno reso una delle icone cinematografiche degli Anni '80.
MEMORABILE: La scena della tortura inflitta a Rambo dai russi.

Lucius 16/06/12 16:50 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Secondo capitolo della saga. Stallone torna a vestire i panni del reduce del Vietnam. Dalle prime immagini, da come parte la storia, si intuisce la poca credibilità della sceneggiatura. Rambo viene ingaggiato per una nuova pericolosa missione ai limiti dell'impossibile. Buona la prova fisico/attoriale di Stallone, soprattutto spettacolari risultano le scene d'azione, nel Vietnam. Un film dal sottotesto politico realizzato dagli americani per gli americani. Rispetto a Rambo perde di significato e cade nella ripetitività.

Rigoletto 26/06/12 11:39 - 1607 commenti

I gusti di Rigoletto

Perso il lato introspettivo del primo film, con i suoi disagi e i suoi malumori, Rambo viene trasformato in una macchina da guerra inarrestabile, una sorta di Terminator umano con l'unico scopo di poter vincere una guerra persa. Siamo in epoca reaganiana e c'è la necessità di mostrare i muscoli al nemico sovietico, come in ogni film "di propaganda" che si rispetti. Il film gode di un buon ritmo e si lascia vedere senza causare incubi. Bravi gli attori, con i cattivi e corrotti Berkoff e Napier in testa e con un Crenna/Trautman in evoluzione. ***
MEMORABILE: Le imboscate di Rambo ai nemici comunisti. Trautman: "Non vorrai passare altri 5 anni a spaccare pietre in prigione?". Rambo: "Qui so dove mi trovo".

Stuntman22 8/11/13 20:32 - 114 commenti

I gusti di Stuntman22

In questo kolossal del mitra, piuttosto ben diretto dal mestierante Cosmatos, c'è la prima involuzione di Rambo: l'antieroe crepuscolare del primo film si tramuta in superomistica macchina da guerra (roba da rendere simpatici i branchi di soldati che fa fuori con sguardo eccitato), salvo il pistolotto conclusivo. I russi equipaggiati con elicotteri americani Bell 204 sono quantomai eccentrici. Sprecato il caratterista kubrickiano Berkoff, inutilissimo e irritante Martin Kove. Resta nella memoria il cocciuto e cattivissimo ufficiale vietnamita.
MEMORABILE: Rambo che si becca una bomba in testa e si salva buttandosi in acqua.

Lythops 30/05/14 15:24 - 975 commenti

I gusti di Lythops

Abbandonata qualunque velleità di denuncia e i tentativi a volte riusciti di giustificazione psicologica del primo Rambo, eccoci catapultati nel solito "spara spara" con tanto di bella orientale partecipe al sogno amiercano coi capelli sempre in ordine nonostante la giungla umida e fetida. Il film piacque molto a Ronald Reagan che pensò di elevare il personaggio a eroe nazionale. Brutta favola per adulti che rende indigesti eventuali pop corn e birra assunti per ingannare il tempo.

Bruce 21/07/14 16:55 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

Un’altra ora e mezza che passa in un lampo, senza potersi staccare dallo schermo. Rambo Stallone (impossibile scinderli) viene fatto uscire dal campo di lavoro dove sta scontando la pena per essere catapultato, di nuovo, nell’inferno vietnamita. Avrà modo e tempo per combattere e vincere, questa volta, la sua personale guerra. Spettacolare e avvincente. La sua forza sta nell'assoluta semplicità del plot, diretto e privo di inutili sovrastrutture, come il suo protagonista.

Marione 16/10/14 01:12 - 103 commenti

I gusti di Marione

Visto da bambino mi divertì abbastanza (ricordo tuttavia le risate dei miei fratelli maggiori durante il discorso finale già allora, nonostante fossero ancora gli anni '80). Rivisto, è tremendamente noioso, banale, irrealistico e cafone. Viste ora, alcune scene sembrano addirittura ironiche. Inutile, per me Rambo è il triste vagabondo di First blood. Non so se sia peggio questo o il numero tre.
MEMORABILE: Il supersoldato che si impiglia come un pirla con il paracadute.

Ultimo 29/03/15 19:12 - 1371 commenti

I gusti di Ultimo

In questo secondo capitolo dedicato a Rambo si mantiene intatta la potenza delle immagini: fuoco a non finire, esplosioni, bombardamenti e chi più ne ha più ne metta, il tutto in mezzo a quelle foreste asiatiche tanto ammirate nei film sul Vietnam, paragonabili a un labirinto. Manca, rispetto al primo film, una buona dose di "discorsi morali", ma merita tra pallini, se non altro per la spettacolarità.

Vito 29/04/16 06:47 - 662 commenti

I gusti di Vito

Rambo questa volta viene mandato in missione in Asia a dimostrare l'esistenza dei prigionieri di guerra americani nei campi di concentramento vietnamiti. Passato centinaia di volte sulle reti televisive nostrane, il film (scritto dallo stesso Stallone con James Cameron) è un concentrato d'azione dall'inizio alla fine: novanta minuti di esplosioni e sparatorie. Tamarro, reaganiano, reazionario ma divertentissimo. Rambo non si limita a uccidere soldati vietnamiti e russi ma li disintegra proprio. Bravi Crenna e Napier. Belle le musiche di Goldsmith.
MEMORABILE: La sfida tra Rambo e il colonnello russo elicottero vs elicottero.

Minitina80 7/05/16 08:19 - 2368 commenti

I gusti di Minitina80

C’è meno introspezione, i personaggi sono meno approfonditi, ma è in definitiva il capitolo che consacra John Rambo al cinema d’azione. È proprio l’azione a essere il punto di forza del film le cui scene sono in grado di trasmettere adrenalina a galloni, soprattutto nell’ultima mezz’ora. Non manca il substrato ideologico, forse questa volta un po’ ruffiano, che fa il verso alla politica di quel periodo americano. Cambia la forma, ma il giudizio complessivo non ne risente eccessivamente.
MEMORABILE: "È come se vieni invitato a una festa: non ci vai e nessuno se ne accorge".

Piero68 31/03/17 09:46 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Se il primo aveva ampi risvolti psicologici, con il secondo parte la saga che si tramuterà in semplice intrattenimento super action con i soliti comunisti a fare la parte dei cattivi. E' anche plausibile: erano gli anni 80 e il reaganismo cercava a tutti i costi modelli da prendere d'esempio. Resta comunque, cinematograficamente parlando, un buon prodotto zeppo anch'esso di frasi e sequenze cult come era già successo per il primo. Stallone si riconferma macchina produci dollari e nonostante i 4 Razzie Awards risulterà il secondo film più visto nell'85.
MEMORABILE: "Rambo, dicci dove sei che veniamo a prenderti", "Murdock... sono io che vengo a prendere te"; L'arco, le frecce esplosive e la morte di Vinh.

Pesten 13/08/17 10:34 - 639 commenti

I gusti di Pesten

Buon film, un pelo sotto il suo predecessore per via della storia. Se il debutto cinematografico di Rambo è un capolavoro anche grazie all'importanza data nella pellicola alla psicologia e alla politica di certe situazioni, qui invece l'attenzione si concentra tutta su Rambo macchina da guerra. Pungolato nell'orgoglio, viene spedito di nuovo in Vietnam dove farà vedere a tutti chi è quando si mette in moto. Anche qui siamo al cospetto di un grandissimo film d'azione, che ha segnato la storia del cinema e delineato i connotati del genere.

Taxius 14/11/17 16:33 - 1645 commenti

I gusti di Taxius

Rambo torna più indiavolato che mai e questa volta dovrà vedersela con i russi e i vietnamiti per liberare dei prigionieri di guerra. Rispetto al precedente capitolo c'è un abisso in quanto viene a mancare quella sottile critica sociale che tanto aveva colpito e pure trama e ambientazione risultano meno affascinanti. Comunque è un bel film d'azione molto adrenalinico che non deluderà gli appassionati del genere e di Sly.

Jurgen77 16/11/17 15:58 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Stallone all'apice della carriera. Film schietto senza tanti fronzoli, orgoglio americano al 100%. Il riscatto dei reduci bistrattati dalla madrepatria. Azione, tensione, avventura e finale epico. Per chi lo ha "vissuto", una pietra miliare del genere che ha influenzato migliaia di giovani. Stallone e Crenna, da soli, tengono alto il livello della pellicola. Ottime pure le ambientazioni.

Smoker85 2/10/18 22:12 - 393 commenti

I gusti di Smoker85

Questo secondo capitolo della saga ci offre la possibilità di vedere pienamente in azione il micidale berretto verde incarnato alla perfezione da Stallone. La trama offre maggiore spazio anche all'apprezzata figura del colonnello Trautman, ancora una volta interpretato con grande efficacia da Crenna. Rispetto al primo, storico, film, questo sequel appare avere una trama un po' troppo farraginosa e il personaggio, forse perché ormai noto al pubblico, perde parte del suo smalto. Un lavoro onesto ma (fisiologicamente) inferiore al capostipite.
MEMORABILE: Rambo, sul punto di crollare per le torture e il ricatto, avverte Murdock che sta per andare a fargli visita.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 6/02/09 19:55
    Consigliere - 43619 interventi
    Devo dire simpatico il trailerino trasmesso da Italia 1 un paio di giorni fa del film:

    "Quando un uomo con l'arco incontra un uomo con un elicottero o si chiama Rambo o non si chiamerà più..."

    Rende bene l'idea delle esagerazioni contenute nel film...
  • Discussione Cangaceiro • 6/02/09 20:04
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Devo dire simpatico il trailerino trasmesso da Italia 1 un paio di giorni fa del film:

    "Quando un uomo con l'arco incontra un uomo con un elicottero o si chiama Rambo o non si chiamerà più..."

    Rende bene l'idea delle esagerazioni contenute nel film...
    Sicuramente è migliore del trailer di Rambo che Mediaset ha usato nella primavera nel 2008:la musica di sottofondo era ALL YOU NEED IS LOVE dei Beatles,che fa molto dottor Stranamore ma non c'azzecca niente col film.
  • Curiosità Ciavazzaro • 23/06/09 12:23
    Scrivano - 5604 interventi
    Il film e' dedicato alla memoria del tecnico degli effetti speciali Cliff Wenger,jr.
  • Curiosità Karim • 12/07/10 11:59
    Galoppino - 45 interventi
    L'elicottero sovietico che ingaggia la battaglia con Rambo, è in realtà un Sikorsky di fabbricazione statunitense!
  • Discussione Gestarsh99 • 6/12/10 00:47
    Scrivano - 14801 interventi
    Il TRAILER ORIGINALE
  • Musiche Lucius • 14/11/11 19:27
    Scrivano - 8319 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:

    Ultima modifica: 14/11/11 22:03 da Zender
  • Homevideo Xtron • 7/02/12 12:31
    Servizio caffè - 1831 interventi
    Io ho la versione in dvd contenuta nel cofanetto "Rambo - La tilogia"

    Durata 1h31m29s (immagine a 21:04)

    Ultima modifica: 12/03/15 07:43 da Zender
  • Discussione Vito • 28/02/14 20:53
    Fotocopista - 91 interventi
    Sceneggiatura iniziale di James Cameron,ritoccata poi da Stallone stesso.Il risultato finale a quanto pare è completamente diverso dalla visione originale di Cameron.
  • Homevideo Noncha17 • 2/07/19 09:47
    Magazziniere - 1073 interventi
    Il 5 settembre uscirà l'edizione in Blu-ray + Blu-ray 4K Ultra HD per la collana 4Kult della Eagle Pictures.
    Ultima modifica: 2/07/19 14:31 da Zender