Nessuno mi può giudicare - Film (1966)

R
Nessuno mi può giudicare
Media utenti
Anno: 1966
Genere: musicale (colore)
Note: Remake non dichiarato dei "I grandi magazzini" di Mario Camerini. Ha un seguito: "Perdono", anch'esso di Fizzarotti.
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/02/10 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 4/06/10 17:22 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Su un canovaccio praticamente identico a quello de I grandi magazzini, Fizzarotti riunisce nei locali Standa il cast dei suoi film musicali (Moroni al posto di Morandi, la Efrikian, Congia, Taranto, Bramieri) per una storia romantica che convoglia al lieto fine nonostante le insidie del “diábolos” Terrani. La materia scorre rapida e leggera senza incepparsi negli eccessi frivoli, trascinata dall’affabile guardia giurata Taranto e dal paterno direttore Bramieri. Alle canzoni provvede la Caselli e sui titoli di coda appaiono gli autografi degli attori principali. Commestibile.

B. Legnani 5/06/10 13:07 - 5276 commenti

I gusti di B. Legnani

Se è il meno peggio di Fizzarotti il merito è dovuto al fatto che il film plagia, Terminillo compreso, I grandi magazzini di Camerini (per cui un po' di trama stavolta c'è) e che c'è Terrani, ovviamente nel ruolo del cattivo, dopo il boom televisivo con Copperfield. Efrikian leziosa e Moroni impacciato sono coppia mal assortita (improponibile il confronto con De Sica e la Noris). Qualche siparietto azzeccato con Taranto-Matania e con Bramieri. Assai brutto, ma guardabile, anche se forse è il film che presenta sugli sfondi il numero di ombre più alto nella storia mondiale del cinema.

Nando 29/05/11 14:44 - 3670 commenti

I gusti di Nando

Primo musicarello per la Caselli che con il suo casco d'oro e la sua magnetica voce incanta parecchio; per il resto il film è scontato: amori ed incomprensioni in un grande magazzino sotto la bonaria supervisione del solito Taranto e del direttore Bramieri.

Il Gobbo 27/07/12 15:01 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Bruttino, con una coppia di protagonisti intollerabile: se la Efrikian è scipita come sempre Moroni ha una paresi facciale, seri problemi di postura e il proverbiale palo collocato nel proverbiale sito. Si salvano le canzoni della Caselli, certo (anche se il testo italiano di Baby please don't go dei Them è allucinante) ma sembrano giustapposte a un film di una decina d'anni prima. Nei titoli si ringrazia la Standa per aver messo a disposizione i locali, in compenso ripresi con parsimonia...

Vitgar 31/01/15 18:13 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Già la trama è quello che è. Aggiungiamo la Efrikian e Moroni che sono l'insipienza totale, la Caselli che canta ma soprattutto si muove con una goffaggine preoccupante e il gioco è fatto. Per il resto onesta interpretazione di Taranto, Bramieri e Congia. Alla fine il più simpatico è il cattivo Terrani. Simpatico, anche per il filnale imprevisto.

Giacomovie 26/01/20 19:55 - 1379 commenti

I gusti di Giacomovie

Tra i componenti del personale di un grande magazzino sorgono attriti e schermaglie amorose. Pseudo-musical casereccio con una sceneggiatura da minimo sindacale per una storiella evasiva con sottofondo romantico. Gradevoli risultano sia gli inserimenti musicali (con qualche brano famoso) della brava e grintosa Caterina Caselli che il contentino comico d'autore della coppia Taranto/Bramieri.

Gabrius79 1/04/21 21:10 - 1337 commenti

I gusti di Gabrius79

Musicarello tutto sommato piacevole nonostante la recitazione della Efrikian e di Moroni che lascia qui molto a desiderare. Piacevoli intermezzi musicali della Caselli che aggiungono un pizzico di brio, così come l’innesto dei fratelli Taranto e di Clelia Matania. La sceneggiatura è piuttosto scontata ma i ritmi sono abbastanza sostenuti. Successone al cinema e immediato sequel.

Markus 11/08/22 14:41 - 3540 commenti

I gusti di Markus

L'arguzia del regista è l'aver capito che il pubblico fruitore di questo film era di giovanissimi, perché i più anziani sicuramente avrebbero colto il plateale plagio da I grandi magazzini, il luogo in cui si sviluppa tutta la vicenda, senza alcuno sforzo narrativo. In un simile contesto di copia carbone appare quasi accozzata la presenza di Caterina Caselli come mero contorno canterino a una tiritera amorosa tra timidi commessi della "Standa". Il film ha una sua dignità solamente perché ci sono i grandi caratteristi ancora in forma, a partire dal mai troppo ricordato Nino Taranto.

Ettore Maria Fizzarotti HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione B. Legnani • 5/06/10 15:10
    Consigliere - 14694 interventi
    Questo forse è il film che presenta sugli sfondi il numero di ombre più alto nella storia mondiale del cinema.
    Se ne vedono tre di Moroni e due di Congia!

  • Discussione B. Legnani • 6/06/10 19:40
    Consigliere - 14694 interventi
    Credo che vada messo il segnalino REMAKE, con dicitura in nota del film capostipite.
    Chiedo parere a Homesick, che nel suo commento fa la mia stessa considerazione.
  • Discussione Homesick • 7/06/10 07:53
    Scrivano - 1370 interventi
    In effetti si tratterebbe di un remake non dichiarato (cioè un plagio) del film di Camerini. Strano però che nessuno (Mereghetti, Giusti, Film TV o altri) abbia fatto la nostra stessa considerazione...
    Ultima modifica: 7/06/10 07:55 da Homesick
  • Discussione Zender • 7/06/10 20:24
    Pianificazione e progetti - 46240 interventi
    Accettato e inserito il simbolino con nota relativa.
  • Homevideo Homesick • 23/08/10 18:15
    Scrivano - 1370 interventi
    Dall'8 ottobre in dvd per 01 Distribution.