Quella strana ragazza che abita in fondo al viale

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The little girl who lives down the lane
Anno: 1976
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 18
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 24/04/07 01:49 - 4778 commenti

I gusti di B. Legnani

Un concerto per piano di Chopin accompagna questo dolce, intimo film, adolescentemente drammatico, che non fa pesare la sua sostanziale staticità, inserendo spunti garbati, talora pure divertenti, ma senza mai rovinare il filo conduttore principale, fino al finale, col gioco delle tazzine, che chiude, con l'ennesimo inganno (e auto-inganno), la sequenza delle cose che paiono ma non sono (non è, però, un film alla Umberto Lenzi...). E la Foster, rimirata anche prima, va guardata specialmente in quelle ultime decine di secondi, ascoltando Chopin.
MEMORABILE: Come detto, il finale con lei e Chopin.

Undying 7/12/07 21:33 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Questo dramma psicologico testimonia come Jodie Foster sia attrice alla quale la natura ha fatto dono prezioso, per quel che riguarda la recitazione. Alla tenera età di 14 anni (è nata nel 1962) riesce a rendere credibile l'esperienza drammatica di Rynn, una giovane fanciulla abbandonata dal padre. La sicurezza economica, garantitale dal genitore, è inversamente proporzionale alla ricchezza di spirito, motivo per cui la triste bambina si sbarazza (in maniera non teatrale) di coloro i quali tentano di prendersene cura.

Cotola 4/03/09 23:47 - 7605 commenti

I gusti di Cotola

Strano film a metà tra il thriller e il dramma sentimentale-adolescenziale che si ricorda soprattutto per la buona prova attoriale di una giovanissima Jodie Foster. Anche la sceneggiatura, seppure un po' bucherellata dal punto di vista della logica, è discreta soprattutto nel descrivere i turbamenti, le angosce ed i sentimenti della ragazzina.

Caesars 27/07/09 09:53 - 2763 commenti

I gusti di Caesars

Bel film, tipicamente Anni Settanta, diretto da Nicolas Gessner e magistralmente interpretato dall'allora giovanissima Jodie Foster. Il ritmo è molto lento e questo potrebbe renderlo "pesante" presso il pubblico odierno, ma la cosa e tutt'altro che un difetto, visti il genere di film e l'acuta analisi psicologica dei personaggi. Merita di essere citato anche Martin Sheen, che interpreta un personaggio veramente odioso. Sicuramente da riscoprire.

Aal 28/08/09 13:51 - 322 commenti

I gusti di Aal

Film asciutto che nulla concede all'azione e molto al dialogo e all'analisi psicologica, con un'ottima prova d'attrice dell'ancora giovanissima Jodie Foster. Un film con tempi più teatrali che cinematografici, con un ritmo lento ma assolutamente non noioso. Non capisco quale esigenza di sceneggiatura imponesse di mostrare un nudo integrale della Foster, all'epoca molto lontana dalla maggiore età; detto questo rimane un film riuscito ed interessante.

Stefania 30/08/09 16:27 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Non ridete: da piccola avevo il libro di Pippi Calzelunghe, una bambina che vive sola con una scimmia e un cavallo, ma ha tanti amici e tutti l'adorano. Ryin, la protagonista di questo bel film, è la versione sbagliata, malata, di Pippi: impaurita e rabbiosa, sovrastata dall'ombra di un padre assente. Film doloroso, potente metafora dell'adolescenza, terra di nessuno della quale Ryin non riesce, tragicamente, a varcare i confini. Ottima l'ambientazione nella semisperduta cittadina del Maine!

Capannelle 11/09/09 10:56 - 3742 commenti

I gusti di Capannelle

Una Jodie Foster quattordicenne, impressionante per la maturità dimostrata, è il faro di un film particolare per l'atmosfera di mistero, anche macabro, che lo caratterizza. Mistero combinato con e raccontato dal viso adolescenziale della protagonista. Un po' fiacco come sviluppo (le inquadrature sono statiche, di stampo teatrale) ma le sfumature del racconto e degli interpreti non passano inosservate. Discreto quindi e meritevole di una visione. Del tutto fuori luogo la locandina italiana.

Manowar79 24/02/10 16:33 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Un film atipico: l'allora giovane Foster conferisce la dovuta freddezza al suo improbabile personaggio, a cui poco serve entrare in contatto con emozioni e sentimenti grazie all'"amichetto" di circostanza, in un dramma anarchico e surreale che disintegra qualsiasi forma di buonismo e tocca vertici di inaudita crudeltà. Metaforicamente, il film in sè è una visione, disegnata in una decadente (ed eloquente) cornice autunnale, sull'impossibilità di essere liberi. Amaro e veramente "sui generis": la visione è consigliata ad un pubblico selezionato.
MEMORABILE: L'agghiacciante destino del piccolo criceto.

Buiomega71 15/12/10 19:46 - 2296 commenti

I gusti di Buiomega71

Dramma teatrale intimista, sofferto, nebbioso e autunnale. Ritratto dell'infelicità di una ragazzina, tra madri che non esistono, viscidi approfittatori, giovani disabili ricchi di sensibilità, terribili "virago". Un'atmosfera penetrante, malinconica, che entra sottopelle, come la plumbea stagione che tutto avvolge. La Foster regge quasi tutto il film da sola: di incredibile bravura, nasconde solitudine e bisogno d'amore. Gessner sfrutta le location quasi fulciane, regala stoccate di ottimo cinema di una dolce, mesta e pacata tristezza.
MEMORABILE: Martin Sheen che dà sfoggio della sue arti "pedofile" provandoci con la Foster; La botola dello scantinato per La Casa; Il numero di magia.

Mdmaster 21/03/11 09:18 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Visione tipicamente seventies su un'adolescenza vissuta introspettivamente e in solitudine. Dal ritmo placido e dall'andamento teatrale, ci si scuote ogni tanto con delle interessanti venature thriller quasi tenute nascoste, come nella lunga inquadratura finale sul volto della Foster. È naturalmente lei il fulcro della vicenda, brava attrice ragazzina (e tale è rimasta in realtà) con un inquietante Martin Sheen a insidiarla. Film ben confezionato, dalla giusta durata e che tiene desta l'attenzione.
MEMORABILE: La prima visita di Martin Sheen, che sembra già dover finire male.

Homesick 8/12/12 09:01 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dal complesso di Elettra e dalle pericolose inquietudini di un’adolescente sola in un mondo di adulti oppressivi si sviluppa un thriller che applica con eleganza gli strumenti della tensione filmica: la claustrofobia dell’unità di luogo, dialoghi aggressivi, silenzi, attese, rimandi, lente panoramiche su stanze vuote, musiche vigili. Come in Taxi driver, l’appena quattordicenne Foster possiede la sicurezza di sé di una grande diva; Sheen ritrae un subdolo e schifosissimo pedofilo, per il quale ci si augurerebbe la medesima fine da lui riservata al povero criceto. Cianurico.
MEMORABILE: L’intenso profilo della Foster durante i titoli di coda: un’immagine in cui resta scolpito l’intero film.

Rebis 21/09/14 18:29 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Nella grande casa vicino all'oceano, la piccola Rynn resiste all'assalto del mondo adulto: come Joan Crawford in un western autunnale e desaturato, Jodie Foster lotta per la sua indipendenza mentre la pubertà si cristallizza in forme abnormi e raggelanti. Film inusuale, delicatissimo e refrattario al morboso, in cui le note di Chopin coabitano con i sintetizzatori seventies di Christian Gaubert, il rigore dello sguardo stempera le ingenuità del racconto e la rarefazione delle luci fa tutt'uno col dissolversi dell'identità della protagonista in un impulso irresistibile alla lotta vana. Prezioso.

Furetto60 13/04/15 10:48 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Thriller gotico in cui omicidi ed eventi terribili accadono quasi scivolando, l'azione è ridotta al minimo e tutto si gioca su dialoghi e atmosfera. Mirabile la prova di forza di una carismatica e giovane Jodie Foster, ben accompagnata da Sheen alle prese con un personaggio pericoloso e viscido. Un lavoro dal sapore teatrale.
MEMORABILE: Il the...

Deepred89 14/10/15 00:08 - 3307 commenti

I gusti di Deepred89

Autunnale nel profondo (per chi ha in mente Quella villa di Fulci, l'atmosfera è simile), un raffinato, sapiente ritratto di adolescenza alternativa (alternativa anche ai cosiddetti giovani alternativi hollywoodiani), vissuta in solitudine in un plumbeo e desolato scenario, con un altro "numero primo" (zoppo e deriso) come punto di riferimento e piccoli omicidi all'ombra di Hitchcock per risolvere i piccoli e grandi problemi della vita. Cast notevole (Sheen sotto gli altri), sceneggiatura piena di finezze, finale un po' tronco ma fascinoso.
MEMORABILE: La polmonite: finissimo, quasi fiabesco, risvolto dello script; Il sorprendente nudo posteriore della Foster.

Rufus68 2/04/17 16:22 - 3147 commenti

I gusti di Rufus68

La Foster ragazzina è già un'attrice (hollywoodiana) completa: il suo inquietante personaggio, angelico, bugiardo e calcolatore, dalla quieta e spietata volontà, è veramente degno di ammirazione. Il resto, però, si dipana con ritmi blandi da telefilm anni Settanta e qualche improbabilità di troppo. L'immagine finale è la cosa migliore della pellicola, riuscendo a concentrare nel volto della protagonista, in pochi secondi, l'assurdo latente della storia.

Minitina80 14/01/18 00:42 - 2392 commenti

I gusti di Minitina80

Una giovane Jodie Foster è la protagonista principale di un film drammatico piuttosto particolare in cui il mistero è la chiave principale su cui gli autori devono aver deciso di far leva. Rimane, infatti, sempre sul vago non permettendo di capire mai troppo e concedendosi piccole incursioni tra l’horror e il giallo. La Foster dimostra una buona personalità nel lasciar trasparire quell’ambiguità e quella freddezza che possono appartenere alla sfera adolescenziale, non sempre rassicurante e innocente. Non privo di difetti, ma stimolante.

Bubobubo 8/10/18 00:11 - 1231 commenti

I gusti di Bubobubo

Per quanto alcuni (meditati) rallentamenti ne smorzino il potenziale narrativo e non sempre l'insolita alternanza tra mystery e dramma funzioni al meglio, varrebbe la pena dedicarci del tempo per l'originalità dell'intreccio e per la curiosità di vedere la prima, grande prova attoriale di un'allora giovanissima Jodie Foster. Orchestrato molto bene il crescendo che conduce verso il finale risolutivo: ce ne si rende conto una volta di più a una seconda visione.

Giùan 19/11/19 10:51 - 3045 commenti

I gusti di Giùan

Eccentrico, sfuggente kammerspiel, il film di Gessner ha il merito di tener desta la curiosità intellettuale per gran parte della sua durata proprio grazie alla propria fluidità e all'intreccio (spesso inconsapevole) di elementi eterogenei, se non antitetici. Così la confezione da "telefilm" (musiche, scelte di ripresa/montaggio) fa attrito (paradossalmente fertile) con sottigliezze narrative (il rapporto Rynn/Mario, l'ossessione di Frank per Rynn) e prodigiose prove recitative (la giovane Jodie ma anche Jacoby). Bell'esempio di imperfetto melò adolescenziale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 22/05/14 00:45
    Pianificazione e progetti - 22093 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:

    Al di là dell'affezione (fù una delle prime vhs che i miei mi comprarono nel lontano 1987-insieme a L'abominevole Dr. Phibes e L'esorcista-) lo sempre trovato affascinante e penetrante, quanto sottovalutato e incompreso (anche se , erroneamente e colpevolmente, la vhs Multivision lo spacciava per un horror)


    Non mi pare che sia stato sottovalutato: se ne è parlato assai bene, anche al tempo dell'uscita.


    A parte gli appassionati voglio vedere chi conosce il film...Non mi pare abbia avuto risonanza come titoli più blasonati (un conto e la critica, un conto e essere conosciuto al grande pubblico, e il film di Gessner non mi pare lo sia)

    Talmente conosciuto e stimato che da secoli non passa più manco in tv...

    Ma se lo dici tu...

    Markus Non saprei se ti possa piacere, magari puoi trovarlo un pò noiosetto, avrei dubbi a riguardo...La (mala)adolescenza qui è tristissima e intimista...Io lo adoro, cult personale...Se lo vedi fammi sapere...
    Ultima modifica: 22/05/14 01:15 da Buiomega71
  • Discussione Fauno • 22/05/14 09:31
    Contratto a progetto - 2538 interventi
    Buio, mi meraviglio di questo discorso.

    Io l'ho visto una volta sola ma lo ricordo quasi tutto, e sostengo che tagliare anche solo 50 secondi di questo film sarebbe un'eresia; inoltre per impostazione e argomenti trattati un buon 80-85% dei telespettatori lascierebbe perdere poco dopo, anche perchè una bestemmia ancora più grande sarebbero le interruzioni pubblicitarie, che prenderebbero solo a calci il tuo intercalarti in quell'atmosfera tutta particolare.
    Quindi, se non è gia uscita,c'è da augurarsi una prossima riedizione in dvd.

    La gente oggi vuole i film apocalittici e i crani spappolati e rigenerati, o al massimo i capolavori ufficializzati dagli Oscar. Siamo in una società di trogloditi, come vuoi mai che possano piacere film come questo? Dovrebbe solo crearsi un'ennesima stupida moda o peggio la cuginetta Jodie dovrebbe drammaticamente ritirarsi dalle scene (e dal gran che mi piace spero che reciti anche nonagentenaria!).
    Oppure lo si vede solo per congetturare la solita frase fatta: "Guarda che bella f... era già la Foster poco più che bambina"

    Ovvio che questo discorso non vale per noi, ma per la media della gente, purtroppo...FAUNO
  • Discussione Buiomega71 • 22/05/14 10:02
    Pianificazione e progetti - 22093 interventi
    Fauno ebbe a dire:
    Buio, mi meraviglio di questo discorso.

    Io l'ho visto una volta sola ma lo ricordo quasi tutto, e sostengo che tagliare anche solo 50 secondi di questo film sarebbe un'eresia; inoltre per impostazione e argomenti trattati un buon 80-85% dei telespettatori lascierebbe perdere poco dopo, anche perchè una bestemmia ancora più grande sarebbero le interruzioni pubblicitarie, che prenderebbero solo a calci il tuo intercalarti in quell'atmosfera tutta particolare.
    Quindi, se non è gia uscita,c'è da augurarsi una prossima riedizione in dvd.

    La gente oggi vuole i film apocalittici e i crani spappolati e rigenerati, o al massimo i capolavori ufficializzati dagli Oscar. Siamo in una società di trogloditi, come vuoi mai che possano piacere film come questo? Dovrebbe solo crearsi un'ennesima stupida moda o peggio la cuginetta Jodie dovrebbe drammaticamente ritirarsi dalle scene (e dal gran che mi piace spero che reciti anche nonagentenaria!).
    Oppure lo si vede solo per congetturare la solita frase fatta: "Guarda che bella f... era già la Foster poco più che bambina"

    Ovvio che questo discorso non vale per noi, ma per la media della gente, purtroppo...FAUNO


    In dvd e stato editato tempo fà (con una cover orribile, tra l'altro)

    Sinceramente la Foster, come ragazza, non mi e mai piaciuta (se non , sorprendentemente, in Siesta)

    Il film lo adoro per l'atmosfera, la tristezza cupa che emana, per la solitudine della protagonista, per quell'impianto teatrale che rapisce, disorienta e ammalia, non certo per la Foster
    Ultima modifica: 22/05/14 10:03 da Buiomega71
  • Discussione Markus • 22/05/14 12:03
    Scrivano - 4803 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:

    Al di là dell'affezione (fù una delle prime vhs che i miei mi comprarono nel lontano 1987-insieme a L'abominevole Dr. Phibes e L'esorcista-) lo sempre trovato affascinante e penetrante, quanto sottovalutato e incompreso (anche se , erroneamente e colpevolmente, la vhs Multivision lo spacciava per un horror)


    Non mi pare che sia stato sottovalutato: se ne è parlato assai bene, anche al tempo dell'uscita.


    A parte gli appassionati voglio vedere chi conosce il film...Non mi pare abbia avuto risonanza come titoli più blasonati (un conto e la critica, un conto e essere conosciuto al grande pubblico, e il film di Gessner non mi pare lo sia)

    Talmente conosciuto e stimato che da secoli non passa più manco in tv...

    Ma se lo dici tu...

    Markus Non saprei se ti possa piacere, magari puoi trovarlo un pò noiosetto, avrei dubbi a riguardo...La (mala)adolescenza qui è tristissima e intimista...Io lo adoro, cult personale...Se lo vedi fammi sapere...


    A beh, il "noiosetto" è il meno (sono cresciuto con film tediosi!) piuttosto, come detto, mi turba l'ambientazione americana che nel genere mi indispone parecchio. Il film fatica a scendere...
    Ok, ti faccio sapere.
  • Discussione B. Legnani • 22/05/14 13:39
    Consigliere - 13980 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:

    Al di là dell'affezione (fù una delle prime vhs che i miei mi comprarono nel lontano 1987-insieme a L'abominevole Dr. Phibes e L'esorcista-) lo sempre trovato affascinante e penetrante, quanto sottovalutato e incompreso (anche se , erroneamente e colpevolmente, la vhs Multivision lo spacciava per un horror)


    Non mi pare che sia stato sottovalutato: se ne è parlato assai bene, anche al tempo dell'uscita.


    A parte gli appassionati voglio vedere chi conosce il film...Non mi pare abbia avuto risonanza come titoli più blasonati (un conto e la critica, un conto e essere conosciuto al grande pubblico, e il film di Gessner non mi pare lo sia)

    Talmente conosciuto e stimato che da secoli non passa più manco in tv...

    Ma se lo dici tu...

    Markus Non saprei se ti possa piacere, magari puoi trovarlo un pò noiosetto, avrei dubbi a riguardo...La (mala)adolescenza qui è tristissima e intimista...Io lo adoro, cult personale...Se lo vedi fammi sapere...


    Il film ebbe successo anche di pubblico. Non folla che s'accalcava, ma fu visto, eccome. Come dice giustamente FAUNO, è un film che oggi non induce molti giovani alla visione, ma è quasi impossibile che chi oggi lo vedesse ne resterebbe scontento (spero di aver azzeccato i verbi....).
  • Discussione Buiomega71 • 22/05/14 13:43
    Pianificazione e progetti - 22093 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:

    Al di là dell'affezione (fù una delle prime vhs che i miei mi comprarono nel lontano 1987-insieme a L'abominevole Dr. Phibes e L'esorcista-) lo sempre trovato affascinante e penetrante, quanto sottovalutato e incompreso (anche se , erroneamente e colpevolmente, la vhs Multivision lo spacciava per un horror)


    Non mi pare che sia stato sottovalutato: se ne è parlato assai bene, anche al tempo dell'uscita.


    A parte gli appassionati voglio vedere chi conosce il film...Non mi pare abbia avuto risonanza come titoli più blasonati (un conto e la critica, un conto e essere conosciuto al grande pubblico, e il film di Gessner non mi pare lo sia)

    Talmente conosciuto e stimato che da secoli non passa più manco in tv...

    Ma se lo dici tu...

    Markus Non saprei se ti possa piacere, magari puoi trovarlo un pò noiosetto, avrei dubbi a riguardo...La (mala)adolescenza qui è tristissima e intimista...Io lo adoro, cult personale...Se lo vedi fammi sapere...


    Il film ebbe successo anche di pubblico. Non folla che s'accalcava, ma fu visto, eccome. Come dice giustamente FAUNO, è un film che oggi non induce molti giovani alla visione, ma è quasi impossibile che chi oggi lo vedesse ne resterebbe scontento (spero di aver azzeccato i verbi....).


    Lasciando perdere giovani e mica giovani...Sono passati quarant'anni, oggi non l'ho ricorda quasi nessuno, in tv e da secoli che non passa più...Ergo, sottovalutato e dimenticato
  • Discussione Digital • 22/05/14 14:27
    Segretario - 3039 interventi
    Questo film bene o male è uscito in dvd, e proprio sconosciuto non è.
    Un film veramente sparito nell'oblio (con la Foster protagonista) è l'oscuro Carny un corpo per due uomini.
    Ecco, di quello mi piacerebbe proprio sapere se è passato in tv (in vhs non dovrebbe essere uscito). ;)
  • Discussione Buiomega71 • 22/05/14 14:53
    Pianificazione e progetti - 22093 interventi
    Digital ebbe a dire:
    Questo film bene o male è uscito in dvd, e proprio sconosciuto non è.
    Un film veramente sparito nell'oblio (con la Foster protagonista) è l'oscuro Carny un corpo per due uomini.
    Ecco, di quello mi piacerebbe proprio sapere se è passato in tv (in vhs non dovrebbe essere uscito). ;)


    Carny so che passò una notte su Raiuno (credo primi anni novanta)

    Un conto e dire sconosciuto (non credo di averlo mai scritto), un altro e sottostimato (non per nulla dimenticato dai palinsesti televisivi)
    Ultima modifica: 22/05/14 14:55 da Buiomega71
  • Curiosità Lucius • 10/07/15 00:25
    Scrivano - 8308 interventi
    Direttamente dall'archivio cartaceo personale Lucius, il flanetto originale inglese:

  • Homevideo Digital • 10/07/15 14:38
    Segretario - 3039 interventi
    Dvd e Blu-ray della Quadrifoglio disponibile dal 25/09/2015.
    Ultima modifica: 10/07/15 14:39 da Digital