Quasi nemici - L'importante è avere ragione - Film (2017)

Quasi nemici - L'importante è avere ragione
Media utenti
Titolo originale: Le brio
Anno: 2017
Genere: commedia (colore)
Regia: Yvan Attal
Note: Aka "Quasi nemici - L'importante è avere sempre ragione". Il film ha avuto un remake tedesco: "Contra - La parte avversa" (2020).

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/02/19 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 20/02/19 08:04 - 11775 commenti

I gusti di Daniela

Professore di diritto dai modi sprezzanti deve preparare per un concorso di oratoria una studentessa di origine araba: lo scopo è quello di evitare l'accusa di razzismo e quindi il licenziamento ma... Originale racconto, fortunatamente esente da risvolti sentimentali, del rapporto fra due persone divise da tutto (condizione sociale, età, razza, carattere) che riescono a trovare un punto di contatto attraverso l'uso della parola come strumento di affermazione/emancipazione. Attal dirige con garbo lasciando spazio ai due protagonisti che ripagano con interpretazioni convincenti.

Galbo 22/05/20 16:42 - 11932 commenti

I gusti di Galbo

Garbata commedia francese sull'arte della dialettica e dell'eloquenza. I due personaggi principali e i loro interpreti si contrappongono senza che la protagonista femminile patisca un senso di inferiorità rispetto al più maturo e carismatico Auteuil, anzi i loro duetti rappresentano (per ritmo e contenuto dei dialoghi) l'elemento migliore di un film, che ha anche il pregio di concludersi in modo non troppo conciliatorio. Regia briosa, come da titolo originale. Stendere un pietoso velo sull'orrido titolo nostrano.

Siska80 12/08/22 16:38 - 2487 commenti

I gusti di Siska80

Inferiore di poco al remake, almeno per due ragioni: la prima è il tono da satira francamente fuori luogo dinnanzi a un argomento tanto serio come quello del razzismo nella società odierna; la seconda il personaggio della studentessa discriminata, sempre con un sorrisetto sgradevole sulle labbra (e Jordana, la sua interprete, calca un po' troppo la mano con le smorfie); sul camaleontismo di Auteuil invece non ci piove, per cui il suo professore cinico dalla gestualità teatrale risulta (in)volontariamente simpatico. Il finale sinistro, però, è un colpo di genio alla maniera francese.
MEMORABILE: I ragazzi tirano fuori i cellulari in aula per documentare l'abuso di potere; In metropolitana.

Silvestro 26/09/22 00:08 - 277 commenti

I gusti di Silvestro

Film che ha carattere, esattamente come i due protagonisti. Ottime le interpretazioni, non solo quella di Auteuil, ma anche quella della controparte femminile. Forse manca quel qualcosa che innalzi ulteriormente il livello della pellicola, ma siamo di fronte a un buon lavoro, godibile per tutta la sua durata. Consigliato, specialmente agli appassionati di giurisprudenza.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.