Quando la città dorme

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/08/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 31/08/07 00:02 - 4743 commenti

I gusti di B. Legnani

Grande regìa di Lang e bel film, a partire dal titolo (quello italiano traduce fedelmente l'originale), con cast assai stimolante (Andrews, la Fleming, la Lupino, George Sanders e il grande Vincent Price) e divertente ambientazione in ambiente giornalistico (donde viene il titolo). Sappiamo da sùbito chi è l'assassinio: vi ricorda qualcosa?

Capannelle 13/08/08 16:12 - 3729 commenti

I gusti di Capannelle

Quello che sembra un thriller è in realtà un magistrale affresco sui vizi umani, dove arrivismo, slealtà e sospetti incrociati diventano pane quotidiano per tutti. Il ritmo è discreto e la conduzione ricca di spunti intelligenti. Geniale l'incrocio di sequenze tra la garconnière di Kritzer e l'appartamento di Nancy. L'epilogo thriller passa poi in secondo piano, le scene d'azione sono infatti le meno felici. Efficace il casting, dalla pregevolissima Fleming alla opportunista Lupino, da Price a Andrews, per non parlare dello psicopatico.
MEMORABILE: Lo psicopatico e sua madre, la Fleming che si aggiusta le calze, i direttori che credono di aver vinto la gara per il posto di DG

Myvincent 9/01/13 19:51 - 2571 commenti

I gusti di Myvincent

Uno psicopatico serial-killer molto "misogino" è l'occasione per mettere in rilievo personalità diverse in lizza per la direzione di un giornale newyorkese: chi riuscirà a smascherarlo avrà il premio. Fritz Lang va oltre la direzione del giallo, cucendo una commedia con risvolti psicologici e sociologici, fotografando la natura umana.

Saintgifts 21/07/09 10:05 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

La vita all'interno della redazione di un quotidiano, con i vari personaggi ben caratterizzati e le loro ambizioni che esplodono alla morte del proprietario, fanno passare in secondo piano le vicende del serial killer psicopatico che pure servono per la grande gara a chi lo scoprirà per primo. La regia di Lang non è felicissima, ma è pur sempre notevole. Sono anni nei quali i personaggi, anche di livello sociale alto, fumano e bevono tanto e senza vergognarsene: altra America... Brave le attrici, rappresentative di diverse emancipazioni in atto.
MEMORABILE: Mezzo sbronzo, Dana Andrews (Ray) saluta la fidanzata: scopre il trucco della serratura e usa le parole scritte dal killer con il rossetto Ask Mother.

Rebis 10/10/09 15:41 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

All'infittirsi e complicarsi del narrato non corrisponde un'adeguata stratificazione degli assunti: arrivismo e corruzione nel mondo dell'informazione. Il ritratto di un "giornalismo sciacallo" capace di tradurre in vittima persino un serial-killer è tanto cinico e spigliato quanto privo di affondi concreti. Il carosello dei personaggi è calibrato al milligrammo, non mancano le sequenze memorabili (la metro), ma l'indagine e l'epilogo lasciano inappagati. Sottostimato dai critici americani (non è certo un giallo classico), ma sopravvalutato dai nostrani (i capolavori di Lang sono altrove).
MEMORABILE: Il titolo.

Homesick 20/12/09 18:58 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Poliziesco solo di facciata, in quanto l’indagine per la cattura del serial killer è vissuta dalla parte dei redattori di un giornale, alla ricerca di quello scoop che determinerà la promozione di uno di essi; l’attenzione di Lang è dunque focalizzata sulle relazioni tra i numerosi personaggi e sul cinismo dei media, più che sull’accumulo delle componenti thrilling, che invero si palesano solo nell’epilogo (l’aggressione alla Fleming e la cattura, previa colluttazione, dell’assassino). Ottima prova collettiva di un cast esemplare per professionalità e carisma.

Cotola 23/09/11 23:46 - 7546 commenti

I gusti di Cotola

Non un vero e proprio noir, come spesso si sente dire, ma piuttosto un film sul giornalismo e più in generale sulle relazioni umane. Quelle che si instaurano tra i protagonisti sono ben poco cordiali e genuine: seguirà gioco al massacro. Atto d’accusa verso la carta stampata o forse qualcosa di più complesso? Per l’epoca è sicuramente valido, avendo il merito di anticipare certi stilemi dei film sul giornalismo che si troveranno a pacchi in tante pellicole successive. Onestamente però mi aspettavo di più. Leggermente sopravvalutato.

Galbo 26/09/11 07:13 - 11414 commenti

I gusti di Galbo

Film dalle molteplici chiavi di lettura: è contemporaneamente un thriller e un film che osserva con sguardo attento e vivisezionatore il mondo (corrotto e bieco secondo l'autore) del giornalismo americano del quale ricostruisce l'ambiente con grande efficacia. Nessun personaggio è totalmente integro secondo Lang e forse questo sguardo così pessimista è la chiave nonché un limite del film che presenta un non impeccabile intreccio poliziesco.

Giùan 6/11/11 13:53 - 3009 commenti

I gusti di Giùan

Uno degli ultimi film americani di Lang è, al contempo, in ordine decrescente di importanza tematica: un thriller morale, uno spaccato impietoso sul mondo giornalistico e un allucinante sguardo sull'alveare New York con le sue api regine e le sue bramose operaie in lotta per il potere, miele che rende lecita ogni bassezza. L'implacabilità da entomologo del Maestro tedesco è quella di sempre, lo stile però rispetto al passato è più concitato e moderno, contribuendo a rendere il film brulicante, vivo e attuale. Stuolo d'attori da inumidir i polpastrelli.

Pigro 19/11/12 08:51 - 7814 commenti

I gusti di Pigro

Quindici anni dopo Welles, Lang riflette sullo stato dell’informazione e del potere: così, ecco il molle Kyne, erede improbabile di Kane. Ed ecco le manovre degli aspiranti direttori che usano cinicamente la notizia di un serial killer, non esitando a barattare gli affetti per il successo. Un mondo squallido, dove non lampeggia più la sinistra mole tragica di Kane, ma dove l’arma della democrazia è in mano a debosciati o avvoltoi di mezza tacca, che si muovono in una società senza più nerbo, dove non esiste né vera innocenza né vera colpa.

Tarabas 11/03/14 12:21 - 1706 commenti

I gusti di Tarabas

Kyne-Kane. Le assonanze con il titanico tycoon wellesiano finiscono qui, nel cognome dell'editore-manipolatore. Per alcuni (Mereghetti) un capolavoro assoluto, questa riflessione sul potere dei "nuovi" media, condotta con grande classe da Lang ma che manca di equilibrio tra le sue componenti (thriller, satira politico-sociale, commedia). Nonostante un cast eccellente e buone caratterizzazioni dei personaggi, manca di vero mordente e ha un finale posticcio. Sempre difficile giudicare i Giganti, ma onestamente non mi pare sia invecchiato troppo bene.

Il Gobbo 20/05/15 10:06 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Da come spiattella subito l'assassino si capisce che a Lang il plot poliziesco serve solo come pretesto per uno scavo morale e psicologico, intinto in un divertito sarcasmo (al punto che l'happy ending appare quasi fuori posto e fastidioso) e affidato a un cast solidissimo e pimpante. Regia funzionale e discreta. Grandi doppiatori. Buono.

Rambo90 18/09/17 16:39 - 6380 commenti

I gusti di Rambo90

Uno dei migliori film di Lang, un mix riuscitissimo di dramma, commedia e giallo. Tutti gli elementi si incastrano alla perfezione in un meccanismo che porta alla ribalta i temi della competitività, dell'avidità ma anche della giustizia. La sceneggiatura è abile nel tratteggiare i personaggi (forse indugiando solo un po' troppo sulla storia d'amore del protagonista) e i dialoghi sono veloci senza tempi morti. L'intrigo giallo ci fa sapere subito chi è il colpevole, ma è interessante la trappola che permette di catturarlo. Grande cast.

Daniela 20/04/19 14:40 - 9490 commenti

I gusti di Daniela

Quando un magnate dell'informazione annuncia che intende nominare un direttore generale per sovrintendere tutti i rami dell'azienda, la competizione per aggiudicarsi il posto si intreccia con la ricerca di un serial killer di giovani donne... Film interessante diretto con grinta, anche se la denuncia del giornalismo d'assalto non è sempre limpida e la trama thriller mostra più di una smagliatura. Notevole il cast in cui Price interpreta un ruolo da imbecille per lui non inconsueto prima dei fasti cormaniani e Lupino veste i panni meno consueti di femmina scaltra e tentatrice.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Noir • 7/12/10 12:01
    Galoppino - 575 interventi
    Prossimamente per Sinister Film (fonte dvd-store)

  • Homevideo Homesick • 20/12/10 14:07
    Capo scrivano - 1378 interventi
    Fissata la data di uscita: 1 febbraio 2011.
  • Homevideo Cotola • 20/12/10 16:03
    Consigliere avanzato - 3629 interventi
    Finalmente! Ottima notizia.
  • Homevideo Rebis • 10/02/11 19:08
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    è disponibile!