P.S. I love you - Non è mai troppo tardi per dirlo

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/12/08 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 21/12/08 07:42 - 11612 commenti

I gusti di Galbo

Holly una giovane donna felicemente sposata perde improvvisamente il marito a causa di una malattia. Subito dopo comincia a ricevere dall'uomo una serie di lettere che l'aiuteranno a continuare la propria vita. Film difficilmente catalogabile (commedia o drammatico?) P.S. I Love You affronta il tema della perdita e dell'elaborazione del dolore in modo decisamente originale e pur non essendo un capolavoro appare discretamente scritto (raramente cade nell'effetto lacrimevole) e ben interpretato da un cast all'altezza.

Capannelle 18/06/09 14:59 - 3874 commenti

I gusti di Capannelle

Commedia dolceamara che non manca di alcune sequenze riuscite, dialoghi brillanti e di una buona confezione stilistica (fotografia e location). Risente di una eccessiva lunghezza (troppe canzoni, gite in barca e incontri floreali) e di un assunto, quello delle lettere, che tirato così in lungo perde credibilità. Il genere non sembra adattarsi benissimo alla Swank, meglio la Bates; agli interpreti maschili non viene chiesto nulla di attoriale.

Schramm 24/09/17 17:34 - 2558 commenti

I gusti di Schramm

Post e pre fanno tutt'uno nel fait accompli che Butler lascia in eredità alla Swank: un gioco dell'oca post-mortem per aiutarla a marcare il segno tra memoria che sanguina e perdita da rivalutare almeno in parte come trasformazione e liberazione. Si tratti di immalinconire come di divertire, di mostrarsi raggiante come deformata dal lutto, la Swank manda a segno ogni colpo accomodandosi in prima fila nel cuore e nell'anamnesi del fruitore: merito di una regia capace di fare di ogni istante scena madre, e di uno script che annulla ogni iato tra fondo e superficie. La Bates maestosa come sempre.
MEMORABILE: Il karaoke finito in degenza ospedaliera

Rambo90 18/01/21 23:12 - 6731 commenti

I gusti di Rambo90

Storia di elaborazione del lutto, incredibilmente godibile nonostante il tema, perché la sceneggiatura riesce a mantenere i toni brillanti senza mai cedere a facili patetismi. Vincente quindi la scelta di stemperare spesso con ironia momenti ad alto potenziale drammatico, e altrettanto vincente la scelta di Hilary Swank come protagonista visto come riesce a destreggiarsi tra i vari registri con disinvoltura. Buona la regia, ricco il cast e valido il cast di contorno. Buono.

Giosac70 16/05/21 23:03 - 10 commenti

I gusti di Giosac70

Un dramma nel sentimento, in cui il regista si sofferma sul vero significato della parola "amore", quello vero, quello che non ti soffoca ma ti completa e che neanche la morte può far finire. La storia d'amore tra Gerry e Holly "Butler Swank" che va oltre e che il destino decide di separare. Gerry muore con un tumore, una morte che fa piombare Holly nel buio più totale. Ma si può amare oltre la morte aiutando chi resta ad andare avanti dandole la forza di innamorarsi di nuovo e credere in se stessa. I dialoghi sono convincenti. Paesaggi irlandesi incantevoli.

Harry Connick jr. HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.