Prossima fermata: l'inferno

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Midnight Meat Train
Anno: 2008
Genere: horror (colore)
Note: Aka "Il killer della metropolitana". E non "The midnight night train". Tratto dal breve racconto di Clive Barker "Macelleria mobile di mezzanotte".
Papiro: cartaceo

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/01/09 DAL BENEMERITO SCHRAMM POI DAVINOTTATO IL GIORNO 21/11/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Schramm 15/01/09 18:34 - 2895 commenti

I gusti di Schramm

Clive Barker è un Bergonzoni dell'horror. La sua prosa lisergica e la sua fantasia scalmanata sono ai limiti del rappresentabile, e se traslate in immagini, richiedono testicoli a grappolo. Kitamura, in tutta la sua mediocrità slabbra in 87' un meccanismo altrimenti ottimo per un corto, annacqua il distillato e lo ingessa impunemente, tenendosi impersonale esangue e meccanico, eleggendo a protagonista una parodia di Terminator, ricamando laddove Barker prosciuga e viceversa. E di Clive, pedissequa trasposizione degli eventi a parte, nemmeno una stilla. Certo stilistico pavoneggiarsi non salva l'insieme dal declino, volendo si lascia vedere, ma siamo alla risicata sufficienza degli asini.
MEMORABILE: Lo stalking fotografico in macelleria.

Onion1973 1/02/10 19:36 - 157 commenti

I gusti di Onion1973

Un fotografo si imbatte in una serie di misteriose scomparse. Inizierà ad indagare scivolando lentamente in un incubo metropolitano. Tratto da uno dei racconti più truci e disperati di Barker - il male esiste da sempre e non lo si può sconfiggere (forse solo evitarlo) - il film ne è un dignitosa trasposizione (considerando che parola scritta e cinema sono cose diverse!). La regia governa adeguatamente tempi e spazi, gli attori sono in parte, su tutti il tombale Jones, la storia c'è, il grand guignol necessario pure. Complessivamente un buon film.
MEMORABILE: "Serviti, come facciamo tutti noi, e non porti mai domande."

Undying 19/03/09 22:50 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Non era certo facile confrontarsi con un "sanguigno" e contorto "racconto di sangue" quale Macelleria mobile di mezzanotte (editato anche da noi per i tipi della Sonzogno, nel primo libro-raccolta dei "books of blood" barkeriani, ovvero Infernalia). E purtroppo assegnare la direzione ad un autore fracassone e confuso quale Kitamura (nel suo curriculum anche Godzilla: final wars) si è rivelato passo falso. Certo: la sceneggiatura è curata dallo stesso Barker (che pure finanzia in parte l'opera) e nel complesso il regista nipponico è costretto a scatenare i suoi deliri "stilistici".
MEMORABILE: La martellata cava-occhi, vittima Ted Raimi; la scena girata in una reale macelleria; la "pulitura" dei cadaveri, con rimozione d'occhi, denti, unghie

Hackett 30/05/09 14:17 - 1830 commenti

I gusti di Hackett

Per la verità le storie di Clive Barker portate al cinema non sono mai un nulla di eccezionale e anche questo pseudo horror "metropolitano" non fa eccezione. La storia è fiacca, tenuta in piedi solo da un po' di splatter e il finale sembra un pretesto per arrivare al più banale dei "continua... ". Anche la scelta del monocorde ex calciatore Vinnie Jones appare infelice, essendo espressivo come un paracarro. Deludente filmetto.

Patrick78 11/06/09 11:10 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Le aspettative attorno a questo film erano molto alte ma puntualmente ed inevitabilmente il "buon" Kitamura è riuscito nel non invidiabile intento di far naufragare il suo progetto. D'altronde dal regista del becero Versus non era lecito aspettarsi un capolavoro, però neanche questo pasticcio che per la verità ha un inizio abbastanza promettente ma con il passare dei minuti diventa sempre più ridicolo con il suo culmine nel finale, fuori da ogni logica. Anche l'uso alle volte discutibile della CGI in dosi fin troppo massicce lascia molto perplessi.

Flazich 15/06/09 11:48 - 659 commenti

I gusti di Flazich

La regia di Kitamura è asettica, quasi scolastica. Solo qualche guizzo stilistico ma è poco. La struttura narrativa regge ma in certi frangenti risulta prolissa anche se, fortunatamente, mai noiosa. Barker è ostico da rappresentare ma penso che il regista più di così non potesse fare. La quantità di sangue è presente in giusta misura. Complessivamente il compitino è stato eseguito correttamente.
MEMORABILE: Il piano sequenza nella stanza del macellaio.

Daniela 19/11/09 23:16 - 11451 commenti

I gusti di Daniela

Poco fortunato al cinema, Barker è invece rimasto soddisfatto di questo film, alla cui realizzazione ha direttamente collaborato. Soddisfazione comprensibile: in effetti gode di belle ambientazioni, per quanto non molto originali, la storia fila e diverse sequenze sono piuttosto efferate. Se Vinnie Jones, muto, è presenza minacciosa sia nelle vesti di macellaio che in quelle di colletto bianco, il televisivo Cooper ha l'aria un pò da bischero ma funziona mentre una bella sorpresa è trovare la Shields in un ruolo tanto aguzzo.

Travis76 6/02/10 09:45 - 28 commenti

I gusti di Travis76

Dal genio malato di Barker (qui in veste di produttore) un film ben riuscito nel dosare tensioni/splatter/macabra ironia, grazie soprattutto al personaggio del macellaio ottimamente delineato (più che nel racconto di Clive) e magistralmente interpretato da Jones, impeccabile e meticoloso quanto spietato. Difficilmente un horror recente mi ha inquietato e divertito allo stesso tempo. Tre palle e 1/2!
MEMORABILE: "Signori, state lontano dalla carne, per favore..."

Greymouser 6/06/10 00:14 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

La patetica traduzione italiana del titolo si riferisce a un film tratto da uno dei racconti più truculenti di Clive Barker, "Midnight meat train", già tradotto su carta col titolo "Macelleria mobile di mezzanotte", senz'altro più calzante. Che dire? il film non è da buttar via, il regista cerca di ricreare le sequenze iper-splatter del narratore inglese. Però il finale è un fiasco, a mio parere, perchè tralascia in toto la soluzione di Barker, che dava al racconto un tono conclusivo di mistero e orrore cosmico.

Jena 6/06/10 10:44 - 1373 commenti

I gusti di Jena

Il film funziona, eccome se funziona! C'è una perfetta atmosfera barkeriana a base di tormenti della carne e riti mostruosi che gorgoliamo sotto la superficie, tipo Hellraiser. L'impianto visivo è stupendo, gelido e barocco allo stesso tempo e Kitamura va senza dubbio tenuto d'occhio. Alcune scene sono francamente allucinanti e mettono paura, fatto abbastanza raro al giorno d'oggi. Infine il terzetto d'attori funziona: bene Lelie Bibb ma è soprattutto il macellaio muto di Vinnie Jones che non si dimentica, con una sguardo che fa paura...
MEMORABILE: L'inizio con la prima macellazione, la preparazione dei cadaveri, l'allucinante finale.

Roger Bart HA RECITATO ANCHE IN...

Myvincent 16/09/10 23:47 - 3190 commenti

I gusti di Myvincent

Tratto da un racconto di Clive Barker, il film è l'allucinata storia di un folle killer e del suo mattatoio infernale, allestito sinistramente sui vagoni della metropolitana di Los Angeles. Un fotografo è sulle sue tracce, ma la seconda parte del film sviluppa un tema decisamente fantastico. Ottimi effetti speciali e computer graphic al punto giusto. Attenti agli schizzi di sangue che abbondanti potrebbero dipingervi... Francis Bacon in salsa horror.

Rambo90 27/09/10 02:17 - 7064 commenti

I gusti di Rambo90

Ottimo horror con una partenza lenta e quasi da giallo e uno scatenato finale dove l'orrore viene mostrato in maniera impeccabile. Sempre il finale risulta molto amaro e triste nel suo scatenare un circolo vizioso. Se la cava bene Cooper (più a suo agio in ruoli comici), ma Jones (che pronuncia una sola parola in tutto il film) gli ruba la scena come cattivo. Il regista sfodera parecchie inquadrature di un certo livello, ma tutto il succo sta nella sceneggiatura di Clive Barker.

Mdmaster 10/03/11 08:30 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Non ho letto il racconto di Barker ma, conoscendo l'autore inglese, la vicenda si sarebbe giovata di un look più grigio e sporco; Kitamura invece gli dona toni digitali a là Saw davvero evitabili. Il cast è il problema maggiore. nessuno è davvero credibile e a volte si scade quasi nel ridicolo. Il finale si comincia a prevedere più o meno da metà pellicola e proprio per questo sarebbe stato meglio contenersi in tempi da mediometraggio; invece il tutto risulta diluito e appesantito anche da inutilissimi effetti CG!
MEMORABILE: Sul treno, alle due di notte, ci sono due pseudoadolescenti che vendono dolciumi. Eh sì.

Mickes2 3/06/11 17:21 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Tratto da un racconto di Clive Barker, il film racconta una sorta di discesa negli inferi. Purtroppo la regia di Kitamura non riesce a sorreggere uno script che risulta già piuttosto anonimo in partenza; solo Vinnie Jones riesce a dare la scossa con quello sguardo incattivito ed alienato. Buona la confezione dove spicca una fotografia degna di nota corroborata da FX (seppur in CG) di pregevole fattura. Il finale risulta ridicolo e privo di ogni logica e fondamenta. Solo per appassionati.

Lucius 12/07/11 23:33 - 2953 commenti

I gusti di Lucius

Dimenticatevi Non prendete quel metrò e Creep il chirurgo e date un'occhiata a Possession, prima di accingervi alla visione, per capire di cosa stiamo parlando. Un fotografo newyorkese attratto dagli scatti rischiosi della notte si imbatte in una storia più grande di lui. Una modella viene uccisa, ma quel che c'è dietro a questo e ad altri delitti, va oltre l'immaginazione. Estremo il gore, per una pellicola non solo spietata, ma che convince in un crescendo di terrore. Claustrofobica, rosso sangue.

Saintjust 28/06/13 15:38 - 131 commenti

I gusti di Saintjust

Kitamura è un regista psichedelico che va spesso sopra le righe: Versus era buono, Godzilla alterno, Alive e Sky High discreti, Azumi divertente (con un "cattivo" sublime); ma tutti erano in qualche misura eccessivi. Alle prese con un racconto di Barker mi pare invece che il risultato sia sorprendente. Riesce a essere misurato e teso, ma esplode in gustosi momenti gore ben serviti da CGI e da un ottimo Vinnie Jones (la poca espressività ben caratterizza il suo personaggio). Sceneggiatura così così, pessimo Cooper. Inquietante il finale. Cult.
MEMORABILE: La violenza del macellaio nelle esecuzioni; La spiegazione dell'inghippo.

Taxius 2/01/16 23:35 - 1652 commenti

I gusti di Taxius

Un fotografo curioso si imbatte in uno strano individuo e in una serie di sparizioni nella metropolitana; è l'inizio di una inarrestabile discesa negli inferi fatta di sangue e macelleria. Tratto da un racconto di Clive Barker, questo horror si rivela essere una vera e propria perla del genere grazie a un ritmo crescente fatto di violenza, sangue e tensione. L'unico vero difetto sono gli effetti speciali, di basso livello, di cui si poteva anche fare a meno. Cooper fa la sua parte, ma il vero protagonista è Vinnie Jones. Merita assolutamente.

Cotola 22/05/16 01:23 - 8313 commenti

I gusti di Cotola

Visto l'eccellente racconto di partenza, si può dire di essere dinanzi ad una grandissima occasione sprecata. Non tanto dal punto di vista visivo che non manca di colpire lo spettatore con alcune belle scene, né per quello che riguarda il versante splatter che è bello abbondante. A mancare è la sceneggiatura che non solo risulta a tratti molto prevedibile (compreso il colpo di scena finale, piuttosto logico e comunque intuibile a metà pellicola) ma soprattutto manca del tutto di quello spirito critico che animava il racconto cartaceo di Barker. E' comunque un piacevole intrattenimento.

Pinhead80 26/06/17 20:33 - 4283 commenti

I gusti di Pinhead80

Nonostante le atmosfere siano molto più patinate di quanto ci si potesse aspettare (per chi ha letto il racconto di Clive Barker) il film, soprattutto nella seconda parte, riesce a mettere in subbuglio lo stomaco per la crudezza delle immagini. Il soggetto da cui è tratto è davvero inquietante ma Ryûhei Kitamura allunga il metraggio andando in certe situazioni ad annacquarne il contenuto. La scena è tutta per il cattivone interpretato da Vinnie Jones che con la sua "martellante" presenza asfalta il resto del cast.

Fedeerra 22/02/18 05:22 - 798 commenti

I gusti di Fedeerra

Ambientato quasi tutto in ambienti notturni, è un horror che sa accattivarsi il suo corteo di appassionati, ha una buona regia, attori in parte e una grande quantità di sangue. C'è qualche scivolone videoclipparo (in alcune sequenze si percepisce troppo l'uso della CGI) ma tutto sommato è un film che gode di un climax estremamente spaventoso e oscuro. Selvaggia la violenza finale.

Ryûhei Kitamura HA DIRETTO ANCHE...

Rufus68 19/12/19 22:14 - 3542 commenti

I gusti di Rufus68

La macelleria mobile di mezzanotte funziona, almeno nella prima parte: ricalcare un testo potente come quello di Barker aiuta; purtroppo, non sappiamo se in ossequio all'iperrealismo attuale, il buon soufflé si sgonfia alla luce di gratuite e sanguinose sequenze (enucleazioni oculari, il duello infinito a cazzottoni). Inadeguata la coppia protagonista; il più in parte è Jones, a suo agio come quando spaccava ginocchia col Wimbledon.

Puppigallo 18/04/21 10:28 - 4858 commenti

I gusti di Puppigallo

Pellicola con potenzialità da incubhorror (notevoli le riprese nei vagoni), che però, ogni volta che inizia la discesa nell'inferno della Metro macelleria, ne riesce dalla porta di servizio della vita all'esterno, assai meno curata nella costruzione e che non crea un vero, forte collegamento con l'incubo sottostante (capita solo nella scena degli scatti alla fidanzata). In più, il tentativo di recupero della macchina fotografica è piuttosto forzato e insensato. Comunque, nonostante gli inciampi, nel complesso non è male e un'occhiata la merita di sicuro.
MEMORABILE: Martellata alla nuca con fuoriuscita del bulbo oculare; Appesi come quarti di bue; Il finale "Per favore, allontanatevi dalla carne".

Lupus73 9/01/22 16:16 - 1187 commenti

I gusti di Lupus73

Fotografo sulle tracce di uno strano macellaio, che a tempo perso fa il pazzo carnefice con i passeggeri di un metrò. Confezione molto artificiosa, con tanto di pessimi effetti splatter in CGI, e sceneggiatura che mette nel calderone ingredienti su ingredienti con un senso generale ampiamente discutibile, tanto che lo scopo finale sembra quello di stupire lo spettatore in maniera fine a se stessa, fino ad arrivare alla trovata degli ultimi 15' tra l'apocalittico e lo sci-fi. Sicuramente troverete un po' di intrattenimento, e la performance di Bradley Cooper è pregevole, ma non basta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 6/04/09 21:59
    Scrivano - 7604 interventi
    Lo ha in catalogo l'Universal Pictures, che ne annuncia il DVD in vendita a partire dal 20 maggio.

    Il film by-passa la sala cinematografica ed esce direttamente in Home Video con il titolo di Prossima Fermata: L'Inferno.

    Sotto: cover del DVD
    Ultima modifica: 7/04/09 06:00 da Undying
  • Homevideo Undying • 26/05/09 20:48
    Scrivano - 7604 interventi
    Sugli scaffali, comprensivo dei seguenti extra:

    - Anatomia di una scena dell'omicidio
    - Clive Barker: L'uomo dietro il mito
    - Il racconto di Mahogany
    - Commento di Clive Barker (Audio inglese con sottotitoli)
    Ultima modifica: 26/11/09 18:41 da Undying
  • Discussione Undying • 14/06/09 16:44
    Scrivano - 7604 interventi
    Jeff Buhler, lo sceneggiatore del film, nel corso del 2008 ha anche diretto l'inguardabile Insanitarium.
    Ultima modifica: 15/06/09 00:45 da Undying
  • Homevideo Undying • 26/11/09 17:53
    Scrivano - 7604 interventi
    DVD Universal semplicemente perfetto.

    Film in altissima qualità video (anamorfico 2.35:1) con audio sapientemente distribuito sui 5.1 satelliti dell'impianto home theatre.

    Extra (della durata complessiva di 30 minuti) interessanti, in particolare Clive Barker: L'uomo dietro il mito ci porta in casa di Clive Barker (paurosamente invecchiato) e ci svela parecchie cose sulla sua vita privata, in prima la passione per la pittura.

    Il film è, inoltre, rigorosamente UNCUT e presente scene tagliate per la versione cinematografica estera.

    Il commento di Clive Barker e dello stesso regista (sottotitolato in italiano) è decisamente interessante e svela come lo scrittore non neghi nulla del suo vissuto.
    Curioso notare come, Barker, più volte ricordi la sua regia/debutto, ovvero Hellraiser...

    Sotto: menù EXTRA


    Sotto: Ted Raimi: vittima di Mahogany

    Ultima modifica: 27/11/09 05:26 da Undying
  • Discussione Undying • 27/11/09 05:06
    Scrivano - 7604 interventi
    Sicuramente uno dei migliori film ispirati ai testi di Clive Barker, che può piacere o meno ma, cosa rara, fà leva su un soggetto nuovo e ben si guarda da citare (Scream docet) lavori precedenti.

    La forza di pellicole come The Midnight Meat Train sta nell'originalità e nella serietà di approccio alla materia: di orrore ne esce parecchio dallo schermo, e la figura del villain Mahogany - portata in campo da un silenzioso e parecchio inquietante Vinnie Jones - lascierà il segno nel cinema horror del nuovo millennio...
    Ultima modifica: 23/02/15 13:34 da Zender
  • Curiosità Undying • 27/11/09 06:14
    Scrivano - 7604 interventi
    Parola di Barker ...

    Sai cosa diceva il marchese De Sade?
    "I godimenti più sublimi sono avversioni superate."
    Se qualcosa non ti piace ma riesci a superare la ripugnanza, diventerà un grande piacere...

    Clive Barker, audiocommento al film
  • Discussione Buiomega71 • 24/03/20 14:08
    Pianificazione e progetti - 23913 interventi
    Zendy, per le solite traversie misteriose che se in tv non cambiano il titolo rispetto a quello in dvd (o per l'home video) non sono contenti, il film viene trasmesso da italiauno con titolazione da thrilleretto da discount, ovvero: Il killer della metropolitana

    Non chiedermi il perchè
    Ultima modifica: 24/03/20 14:14 da Buiomega71