LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 13/08/07 18:16 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Commedia proletaria e scanzonata, con una briosa sceneggiatura ricca di gag che hanno fatto scuola (come il fingersi ciechi per poter toccare le ragazze) e affidata ad interpreti che funzionano sempre: i vitelloni Salvatori ed Arena, la bellisisma e maliziosa Allasio (che appare anche in un bikini dal top molto succinto) e le adolescenziali Panaro e De Luca. «Neorealismo adattato alle esigenze della nostra società»: così Risi stesso definì questo film.
MEMORABILE: Arena e Salvatori si cambiano in quello che sembra essere un camerino ed invece... si ritrovano in vetrina in mutande!

Cotola 9/06/08 13:48 - 7521 commenti

I gusti di Cotola

Discreta commedia di Risi, forse un po' troppo sopravvalutata ma entrata ormai a far parte della storia del nostro cinema. Più che per la storia si segnala per aver dato vita a personaggi che restarono nella memoria e che costituirono dei veri e proprio "tipi" poi tante volte imitati in molte pellicole del cinema nostrano. In ogni caso gradevole: si lascia seguire dall'inizio alla fine senza problemi.

Galbo 11/06/08 07:24 - 11386 commenti

I gusti di Galbo

Film piuttosto ingenuo se rivisto con lo sguardo odierno ma efficace nel raccontare l'Italia della ricostruzione socio-economica del dopoguerra che guardava al futuro in maniera piuttosto spensierata ed ottimista. Il film che si avvale di attori piuttosto efficaci nei rispettivi ruoli, è ben scritto e sceneggiato (con alcune situazioni comiche piuttosto naif ma comunque divertenti) e si avvale di una buona regia di Dino Risi.

Cangaceiro 24/06/09 14:55 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

È uno di quei classici film da cinema italiano per antonomasia, calato in un' ambientazione popolare e con una storia d'amore/amicizia fresca ed agile girata benissimo. Vedere il bianco e nero poi fa sempre il suo splendido effetto anche oggi. I due protagonisti si esprimono al massimo delle possibilità in una parte adattissima a loro. Grandi gli indimenticabili Mario e Memmo Carotenuto. Una bella commedia, ormai intramontabile, secondo me da non perdere.
MEMORABILE: Salvatori quando finge di essere cieco.

Tarabas 14/08/10 22:08 - 1702 commenti

I gusti di Tarabas

Estate romana, belle ragazze, giovanotti fatti cor pennello... film fatto di niente che è entrato nella storia del nostro cinema e del costume. Attori perfetti per la parte, coi due bulletti innocui, la bellissima Marisa Allasio, le sorelline minori innamorate dei rispettivi fratelli. Regia tutta ritmo e Roma sullo sfondo. La storia, pur inevitabilmente legata al suo tempo, si lascia tuttora guardare con un sorriso e un pizzico di rimpianto per un'epoca che forse non è nemmeno mai esistita davvero, se non al cinema. Classicissimo.

Renato 24/02/10 11:57 - 1556 commenti

I gusti di Renato

Bella commedia che mette in mostra un'Italia fintissima ma senza dubbio divertente. La sceneggiatura (di Risi, Franciosa e Festa Campanile) procede speditamente fino all'ovvio finale, ed è valorizzata da interpreti molto in palla anche nei ruoli secondari (e per una volta, fa più ridere Memmo Carotenuto che non il fratello Mario). Inoltre la Allasio, in due pezzi sul Lungotevere, è un'apparizione che toglie il sonno... divina.

Daniela 5/09/10 14:29 - 9393 commenti

I gusti di Daniela

Cosa vorrà significare quel MA, dato che contrappone due qualifiche non omologabili? Vabbè, comunque, si tratta di una commedia fasulla MA gradevole, ruffiana MA amabile, datata MA sempreverde. Il merito è di una sceneggiatura leggera MA non stupida, con personaggi che rinviano a quelli dei racconti romani moraviani, di una regia spigliata, della naturale simpatia dei due bulletti perdigiorno pronti a seguire la prima gonnella che passa, della bellezza fresca e prorompente di Allasio, dei bravi caratteristi di contorno.

Mdmaster 9/11/10 19:23 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Il lontano e nobile parente delle attuali ignobile commedie italiane, una leggera e frizzantina storia di due amici innamorati della stessa bella pupa, contornati da personaggi divertenti (i due Carotenuto, straordinari). Come la miglior commedia dell'epoca, però, anche Poveri ma Belli disegnava la società attuale, quella patinata pre-boom economico, pronta a fronteggiare un decennio a testa alta, ignara del buio futuro prossimo. Regia di Risi più che buona, interpreti bravi e una Roma fascinosa. Ingredienti perfetti, da gustarsi ancora adesso.

Saintgifts 20/04/11 09:58 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Non è ancora la Roma delle già nascenti periferie popolari, anzi, gli interpreti, tanto poveri da affittare un letto durante il giorno, abitano a piazza Navona (forse nel '55 questo era possibile). Si può ancora balneare sul Tevere proprio nel bel mezzo della città... insomma un'Italia che non esiste più, ma che in questo senso di certo non è migliorata. Ora Roma la conosco, ma quando uscì il film quella città era un sogno per me e tanti tredicenni come me, e quello che il film faceva vedere, oltre che divertire meravigliava.
MEMORABILE: Virgilio Riento, il sarto, che aggiusta a morsi le spalle delle giacche.

Giùan 4/09/11 12:59 - 2989 commenti

I gusti di Giùan

Fresca commedia borgatara e al contempo film-specchio di quella che si avviava ad essere l'italia del Boom: povera (ancora per poco) ma bella (dentro e fuori). Risi, insieme agli sceneggiatori Franciosa e Festa Campanile, ebbe il merito di portare sullo schermo una generazione di ragazzotti sfaticati, allupati, ma in fondo legati ai valori tradizionali (Arena e Salvatori), di ragazze sfrontate ma pie (Allasio) e di giovinette imbelli ma tenaci (Panaro e De Luca): insomma un nuovo che veniva da lontano e che i panni sporchi voleva continuar a lavarli in casa.

Nando 11/06/12 12:23 - 3475 commenti

I gusti di Nando

Commedia leggera generazionale in cui si analizza in maniera piuttosto efficace la gioventù romana degli anni cinquanta, alle prese con schermaglie sentimentali che sfociano in facili ripicche. Cast ben amalgamato che vede i due bulli nostrani contrapposti alla prorompente bellezza dell'Allasio.

Roger 12/06/12 18:25 - 143 commenti

I gusti di Roger

Una briosa commedia ambientata in un contesto proletario che nella realtà magari non era così idilliaco come viene qui dipinto, ma sicuramente vitale, genuino, verace. I due bulli in fondo dal cuore tenero e le varie figure di contorno strappano sempre un sorriso. Considerando la successiva filmografia di Risi, queste si possono considerare le innocue avventure di alcuni "poveri ma belli" prima che diventino magari benestanti, ma imbruttiti, se non addirittura... mostri!

Graf 25/09/13 03:34 - 697 commenti

I gusti di Graf

Un film che ha segnato uno spartiacque nel nostro cinema al di là del suo valore artistico: d’ora in poi la commedia saluta il retroterra bucolico-paesano della provincia e diventa cittadina seguendo le orme del boom economico. Ragazze e ragazzi belli, poveri ma ricchi di vitalità e di ottimismo organizzano schermaglie amorose, giocano a fare i dongiovanni da condominio o le smorfiose da Piazza Navona, ma il traguardo ideale rimane per tutti quello, sicuro e irrimediabilmente segnato: il matrimonio. Un ritratto fresco, spontaneo e naif su “come eravamo”. Nel 1956 i "poveri ma belli" abitavano nel centro di Roma a due passi da Piazza Navona!
MEMORABILE: Marisa Allasio, Lorella De Luca, Alessandra Panaro: le Tre Grazie.

Il Gobbo 5/01/14 11:07 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Certo erano altri tempi, c'è poco da dire. Eppure il film mantiene una sua verve, una sua freschezza, e tutto sommato continua a lasciarsi guardare ancora oggi. Merito del passo svelto di Risi, della scioltezza degli attori (ottima in tutti i sensi la Allasio), di dialoghi senza fronzoli. Tripudio al botteghino, secondo solo a Guerra e pace.

Belfagor 26/08/14 12:00 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Commedia un po' povera di contenuti (scaramucce romantiche fra due simpatici perdigiorno e tre belle ragazze) ma comunque piacevole, fresca e girata con grande capacità. L'Italia ritratta è quella che sta entrando nel boom economico pur restando attaccata alle proprie radici, un po' come i protagonisti: all'apparenza ragazzi chiassosi e ragazze civettuole, ma in fondo tutti innocui e di buon cuore. Film decisamente ottimista, considerate le opere successive di Risi.
MEMORABILE: Convinti di essere in un camerino, i due si tolgono i pantaloni e si ritrovano in vetrina.

Markus 23/07/14 10:42 - 3294 commenti

I gusti di Markus

La vicenda in sé, diciamolo, è poca cosa: due bellocci coatti impomatati che hanno la passione dell’eterna caccia alle ragazze; quando poi l’oggetto del desiderio è la bella Allasio iniziano i guai. La pellicola, rivista con gli occhi di oggi, risulta datata, eppure rivela come Risi, con straordinaria lungimiranza, concepì situazioni e gag tipiche di quello che poi, in anni più recenti, sarà definito “giovanilistico”. Il bello di essere giovani e la fortuna di essere belli in una Roma solare degli Anni ’50; insomma, la leggerezza fatta film.

B. Legnani 19/10/14 15:00 - 4722 commenti

I gusti di B. Legnani

Tre le cose che oggi colpiscono maggiormente: la freschezza della Allasio, il talento di Mario Carotenuto, la lentezza dello sviluppo narrativo. Film di clamoroso successo, fatto nel momento giusto, con attori giusti e moraleggiante al punto giusto, almeno secondo i canoni dell'epoca, fino al trionfo della "ragazza della porta accanto" ottenuto con gli sforzati e simultanei snodi conclusivi.
MEMORABILE: Mario Carotenuto, non giovane tombeur de femmes: "Magda, la vedo turbata. Venga: le faccio ascoltare un microsolco..."

Parsifal68 21/03/16 12:16 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Quanto era ingenua e romantica l'Italia del secondo dopoguerra, spensierata nei volti solari dei "poveri ma belli" Salvatori, Arena e la prorompente Allasio. Un film che è una cartolina difficile da dimenticare e che contribuisce, insieme ad altre pellicole di quel tempo, a farci riscoprire un paese ancora alle prese con la ricostruzione delle macerie belliche, un paese però dai sentimenti puri e dalle emozioni vere. Il maestro Dino Risi muove le sue pedine con grande padronanza dei mezzi. L'Allasio è mozzafiato.

Rambo90 23/09/16 02:22 - 6345 commenti

I gusti di Rambo90

Divertente commedia giovanile di Risi, ispiratrice di un vero e proprio filone ma che rimane la migliore nel suo genere, grazie a una trama semplice ma veloce e ricca di situazioni simpatiche. La coppia Arena/Salvatori funziona bene, i loro duetti sono divertenti così come i tentativi di approccio con la bella Allasio. Fondamentale l'apporto dei caratteristi dai grandi Carotenuto a Riento fino a Bocci. Sceneggiatura sicuramente non impegnata ma che riesce comunque a essere spaccato di un'epoca. Notevole.

Lou 19/10/16 20:23 - 958 commenti

I gusti di Lou

Un ritratto leggero e brioso della gioventù popolare romana degli anni '50, dove le condizioni di vita e la sincera esuberanza dei due amici interpretati da Salvatori e Arena, in lotta per conquistare la stessa donna (la procace Allasio), mettono bene in evidenza lo spirito del tempo, senza però particolari approfondimenti di analisi sociale. Buone le caratterizzazioni e il ritmo, che rende ancor oggi godibile la pellicola.

Il Dandi 7/07/18 19:04 - 1774 commenti

I gusti di Il Dandi

Manifesto (a posteriori?) di un'epoca di mezzo, sospesa tra la solidarietà paesana di una Roma ancora antica e l'ottimismo post-bellico di un'Italia già pronta a tentare il "sorpasso": Piazza Navona appare come un quartiere popolare e i più machi gallismi e le più maliziose civetterie come manifestazioni genuine di buoni sentimenti. Il ritmo impresso da Risi è ancora valido e gli interpreti tutti perfetti: la nostra era una gioventù che non bruciava (anche se magari sognava di farlo).
MEMORABILE: Il cartello "Cic tu Cic" (sic!, con incorporata traduzione "guancia a guancia") sulla pedana da ballo dello stabilimento balneare Ciriola sul Tevere.

Modo 30/08/18 00:29 - 824 commenti

I gusti di Modo

Film di Risi leggero e gradevole che si avvicinerà molto a quella che sarà presto la commedia all'italiana. Attori sconosciuti che diventeranno famosissimi grazie a questa commedia. Fra bulli e belle ragazze (su tutte Marisa Alassio) si racconta egregiamente senza strafare la vita ancora rionale di una Roma che si sta preparando al grande boom economico. Sempre d'effetto il bianco e nero.

Paulaster 9/01/19 11:22 - 2781 commenti

I gusti di Paulaster

Due bellimbusti romani si innamorano della stessa ragazza. Commedia sulla gioventù che vuol vivere spensierata con minima voglia di lavorare. Baci pudicissimi, case di ringhiera e adulti con la stessa voglia di lasciarsi andare. Più che neorealismo è una neoleggerezza che il pubblico desiderava e che funziona grazie a Salvatori (meglio di Arena) e a una desiderabile Allasio (facile nei modi ma senza essere scostumata). Nella fase della gelosia ha un lieve calo.
MEMORABILE: L’affittuario sollevato con tutto il letto; Carotenuto che approfitta del suo negozio di dischi; Salvatori che finge di essere cieco.

Pinhead80 12/05/19 14:34 - 3948 commenti

I gusti di Pinhead80

Due ragazzi che sono amici sin dall'infanzia finiscono per innamorarsi della stessa ragazza, una procace bionda di nome Giovanna. Tra un bisticcio e l'altro finiranno per fidanzarsi entrambi con lei. Commedia riuscita e prima di una trilogia che vedrà coinvolti molti degli stessi personaggi qui presenti. E' bello poter dare uno sguardo a quegli Anni Cinquanta con tanto disincanto. La semplicità con cui i giovani si divertivano tra balli sulle terrazze e piccoli scherzi fa tenerezza. La fotografia di un'Italia che era tra le più belle.

Faggi 11/08/19 09:31 - 1504 commenti

I gusti di Faggi

Brio popolare in forma di schermaglie amorose (schermaglie che sono un pretesto, anche, per figurare altro): un dolcetto confezionato con ispirazione e cognizione di causa post-neorealista (o di neorealismo normalizzato), al quale il cinefilo contemporaneo non può resistere. Concettualmente una fotografia - in nitido bianco e nero a grana fine - di un periodo storico frizzante, saturo di desiderio, dell'Italia che fu. Bravi, come presi da incantamento, gli attori: Marisa Allasio memorabile, continuamente infonde ebbrezza erotica.

Gabrius79 11/04/20 01:20 - 1192 commenti

I gusti di Gabrius79

Commedia giovanilistica e spensierata diretta da Dino Risi con un cast affiatato di attori in rampa di lancio. La pellicola ha una sceneggiatura all’insegna del disimpegno che ci regala qualche momento divertente grazie a Salvatori e Arena che tentano di conquistare una bella e procace Marisa Allasio. Grande successo all’epoca, tanto da generare due seguiti. Un tenero ricordo di un’Italia oramai scomparsa.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Homesick • 23/06/09 08:54
    Capo scrivano - 1379 interventi
    Uscito in dvd per 01 Distribution.
  • Discussione Matemalex • 7/08/11 21:51
    Galoppino - 394 interventi
    Aggiungerei nel cast Gildo Bocci, simpatico ed apprezzato caratterista, nel ruolo del portiere dello stabile in cui vivono Romolo (Arena) e Salvatore (Salvatori), nonché padre dello stesso Romolo.
  • Discussione Romano1984 • 15/02/12 12:54
    Disoccupato - 1 interventi
    Sapete in quale palazzo sono i balconi di Romolo e Salvatore? L'uscita è in Piazza Navona, ma il dentro del palazzo è là? ne sapete qualcosa?
  • Discussione B. Legnani • 10/01/14 15:50
    Consigliere - 13814 interventi
    E' morta Lorella De Luca.
  • Discussione Markus • 10/01/14 15:57
    Scrivano - 4789 interventi
    Mi dispiace! Moglie di Duccio Tessari e mamma della bella Fiorenza Tessari (che è uguale alla mamma).
  • Discussione Zender • 10/01/14 17:59
    Consigliere - 43513 interventi
    Ah non sapevo proprio della parentela. Dispiace, sì.
  • Discussione Ciavazzaro • 10/01/14 21:49
    Vice capo scrivano - 5599 interventi
    Mi dispiace,la cito in un giallo la farfalla con le ali insaguinate del marito.
    R.I.P.
  • Discussione Orsobalzo • 11/01/14 14:10
    Magazziniere - 1036 interventi
    Addio Lorella.
  • Discussione B. Legnani • 19/10/14 14:55
    Consigliere - 13814 interventi
    Romano1984 ebbe a dire:
    Sapete in quale palazzo sono i balconi di Romolo e Salvatore? L'uscita è in Piazza Navona, ma il dentro del palazzo è là? ne sapete qualcosa?

    Probabilmente sono scene girate in studio.