Pickpock ne craint pas les entraves

Media utenti
Titolo originale: Pickpock ne craint pas les entraves
Anno: 1909
Genere: corto/mediometraggio (colore)
Cast: (n.d.)
Note: Aka "Jim, l'inafferrabile", "Jim le glisseur", "Slippery Jim". Non si sa a quale dei due registi sia attribuibile il corto, visto che su internet viene indicato come regista una volta l'uno e una volta l'altro. 

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/11/10 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 20/01/22 16:35 - 3336 commenti

I gusti di Caesars

Resta un mistero chi l'abbia realmente diretto (de Chomón? Zecca? Entrambi?), ma ce ne facciamo una ragione e ci gustiamo il prodotto. Divertente, soprattutto nella prima parte in cui il protagonista "elude" tutti i tentativi fatti per bloccarlo (compreso un tuffo nel fiume, legato come un salame). Poi con la parte di mezzo, con la fuga in bicicletta, i trucchi si fanno molto evidenti, facendo perdere in parte la godibilità (ma all'epoca l'effetto doveva essere diverso). Curioso il fatto che il nostro continui a fumare la pipa, in ogni situazione. Non male davvero.

B. Legnani 3/11/10 22:57 - 5173 commenti

I gusti di B. Legnani

Comica "a trucchi" della Pathé, per la regìa di Segundo de Chomón. Molto divertente nella parte inziale, quando il carcerato, contorsionista provetto, elude ogni tipo di incatenamento, è un po' meno brilante nella parte "ciclistica", quando il trucco è ben più vistoso. Finale in stile da cartone animato (Willy il Coyote), con corpi che prima si sfanno e poi si ricompongono. Carino, ma Les Kiriki sono un'altra cosa.

Pigro 3/12/10 09:42 - 8754 commenti

I gusti di Pigro

Un ladro davvero imprendibile, questo che non teme gli ostacoli e che sfugge nelle maniere più incredibili, svitando il proprio corpo o assottigliandosi come un foglio. Film curioso e fantasioso, sulla falsariga del precedente Pickpocket, con un intrigante tocco pre-surrealista o pre-cartoon, che regala alcuni momenti molto piacevoli, soprattutto nelle trasformazioni più bizzarre, mentre la parte con la bicicletta che vola o le sparizioni scendono più nella consuetudine.

Galbo 8/12/10 07:37 - 11853 commenti

I gusti di Galbo

Sorta di Arsenio Lupin ante litteram, il protagonista del cortometraggio di Segundo de Chomón è un maestro della fuga che gli riesce sempre, nonostante tutti gli sforzi dei gendarmi. Simpatico cortometraggio che “gioca” tutto sulle gag fisiche e sulla plasticità di corpi ed oggetti. Originale.

Mdmaster 10/12/10 11:10 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Segundo si riconferma bravissimo regista e animatore, in questo corto comico con un ladro davvero imprendibile che sfugge a ogni tipo di trappola e gabbia. Spettacolari alcune trovate, tra cui l'imbianchino che rimette insieme una guardia tagliata a metà (!!!). Prevedibile invece il finale. Chomon dimostra la sua capacità unica di utilizzare trucchi e gag tutt'ora in voga. Carinissimo.

Ciavazzaro 25/02/11 21:07 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Non una delle opere di Chomon che preferisco, ma gli va riconosciuta una certa perizia tecnica. Simpatici gli inutili tentativi dei poliziotti di bloccare il protagonista sino alla drastica scelta di gettarlo legato in un sacco in acqua. Nella media.

Stefania 18/05/11 14:07 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Viscido come un'anguilla, furbo come una volpe e veloce come un gatto (del quale sembra possedere anche le proverbiali sette vite), questo borseggiatore è surreale, cartoonesco: l'illusionismo scende dal palcoscenico e si cala nella realtà quotidiana: la prosaicità dell'ambientazione e la magia del personaggio formano un contrasto piacevolissimo. Le trasformazioni del corpo, il ritmo dell'inseguimento, il ridicolo sussiego dei signori derubati e l'inutile agitarsi delle guardie sono comicità di buon livello. Gustoso!

Faggi 25/10/16 13:55 - 1527 commenti

I gusti di Faggi

Il personaggio di un ladro con poteri di fuga sovrannaturali (forse ispirati alle coeve prodezze di Houdini) è utilizzato dai due artefici per dar fuoco alle polveri degli esperimenti effettistici, formalizzati in ingegnose trovate umoristiche. Tutto funziona (meno nella parte col treno) a tal punto da essere in largo anticipo sul linguaggio dei disegni animati più moderni e mirabolanti dove, come si sa, non ci sono limiti al sorprendente antinaturalistico.

Ferdinand Zecca HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Pigro • 16/06/11 20:27
    Consigliere avanzato - 1578 interventi
    Su questo film c'è una cosa molto buffa che neanche Imdb aiuta a risolvere. Ebbene: "Pickpock ne craint pas les entraves" e "Slippery Jim", come scritto giustamente nella scheda sono la stessa cosa (e come si può vedere cercando su You Tube: stesso video, cercando separatamente i due titoli).
    Orbene: Imdb dà il primo come opera di Segundo de Chomon, e il secondo come opera di Ferdinand Zecca!
    Ho provato a cercare di venirne a capo, ma è davvero impossibile: gli schieramenti tra chi lo attribuisce all'uno o all'altro sono pari.
    Propongo una soluzione salomonica: e se come regista nella nostra scheda mettessimo tutti e due, specificando poi in nota che l'attribuzione tra i due è incerta?
  • Discussione Zender • 16/06/11 21:19
    Pianificazione e progetti - 45706 interventi
    Ok, aggiunto. Strano caso...