Piccole donne - Scegli la tua storia

Media utenti
Titolo originale: Little Women
Anno: 2019
Genere: drammatico (colore)
Note: Soggetto dal romanzo della scrittrice statunitense Louisa May Alcott, pubblicato per la prima volta con un diverso titolo in due volumi nel 1868 e 1869, poi in un unico volume con il titolo definitivo nel 1880.
Numero commenti presenti: 11

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/01/20 DAL BENEMERITO 124C
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Didda23 9/04/20 15:55 - 2296 commenti

I gusti di Didda23

La trasposizione in celluloide della Gerwig (che sceneggia) si apprezza per la bontà della ricostruzione ambientale (soprattutto nei costumi premiati giustamente con l'Oscar) e per la straordinaria direzione attoriale. La Ronan (già presente nel precedente Lady Bird) calamita l'attenzione con un personaggio ben sfumato, ma non è da meno il resto del cast femminile (la Watson sotto la Pugh). Chalamet conferma un talento non indifferente e sorregge un ruolo delicato. La regista aggiunge gusto nella messa in scena, districandosi con delicatezza nei vari sbalzi temporali.
MEMORABILE: L'incontro fra la Ronan e Chalamet; Il pianoforte in regalo; Il lascito della zia (Streep).

Paulaster 26/04/20 12:24 - 2859 commenti

I gusti di Paulaster

Riadattamento del celebre racconto con la variante dei flashback. Confezione eccellente nel ricreare gli ambienti e dalla giusta, calda fotografia. Non tutte le quattro sorelle riescono a incidere e basta la fugace presenza della Streep per far capire la differenza a livello recitativo. La Gerwig aggiorna la storia ma non sempre gli sbalzi temporali sembrano chiari (a parte per il taglio di capelli della Ronan). Discreto Cooper.
MEMORABILE: Il ballo delle debuttanti; Le scene in spiaggia; La trattativa per i diritti; Come viene creato fisicamente un libro.

124c 13/01/20 10:39 - 2778 commenti

I gusti di 124c

Ennesima versione cinematografica della famosa novella; si gioca sul fatto che Jo, il maschiaccio della famiglia March nonché scrittrice in erba, non è altri che l'alter-ego dell'autrice stessa, Luisa May Alcott (vedi le diverse brevi scene fra la Jo adulta e il suo editore). Per una volta non è Emma Watson (Meg) al centro dei riflettori ma Saoirse Ronan (Jo) che, in un viavai di flashback, fa del suo personaggio un'eroina forte e romantica in cerca d'amore. Divertente l'apparizione di un'invecchiata Meryl Streep come zia March.
MEMORABILE: Zia March: "A che serve sposarmi, se sono ricca?".

Bruce 17/01/20 12:23 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

Viene, una volta ancora, rappresentato cinematograficamente il classico romanzo per ragazze di Louise May Alcott di fine Ottocento. Da parte della regista c'è un evidente desiderio di attenersi il più possibile al mondo descritto dalla scrittrice statunitense e di celebrare la forza innovativa e "femminista" delle sue idee. Detto ciò - e pur riconosciuta la cura nel ricreare l'ambientazione del romanzo - il film è troppo lungo e pure noioso, forse a causa della scarsa empatia dei personaggi e delle attrici protagoniste. in sintesi, evitabile.

Rambo90 1/02/20 17:33 - 6424 commenti

I gusti di Rambo90

Una trasposizione molto curata, dalla buona sceneggiatura, con una costruzione a flashback che in qualche modo rende inedita una storia già adattata molte volte. L'attenzione è spostata quasi tutta su Jo e la scelta della Ronan si rivela quanto mai azzeccata, capace di dare le giuste sfumature di volta in volta al suo personaggio. Bene anche il resto del cast, con menzioni speciali ai ruoli minori della Streep e di Cooper e molto bella la fotografia colorata che esalta scenografie e costumi. Notevole.

Lou 9/02/20 00:30 - 981 commenti

I gusti di Lou

Nuova proposta cinematografica del celebre romanzo, in una versione che si mantiene aderente al testo pur giocando molto sui tempi e facendo ampio uso dei flashback, fino a una fase finale più aperta agli sviluppi dell’emancipazione femminile. Così Jo può rinunciare al classico matrimonio dettato dalle convenzioni dell’epoca in nome di una scelta più personale e consapevole. Grande cast, con Saoirse Ronan che conferma il suo talento dopo l’ottima prova in Lady Bird, sempre diretta dalla Gerwig.

Bubobubo 12/02/20 16:10 - 1231 commenti

I gusti di Bubobubo

È una buona occasione per vedere all'opera, per la prima volta in questa combinazione, un cast che raccoglie alcune tra le migliori attrici delle loro rispettive generazioni (conferme di livello, in particolare, Pugh e Ronan, meno incisiva Watson), spalleggiate da buoni interpreti maschili (ottimo Chalamet) e dirette con mano sicura da una Gerwig che azzarda, riuscendoci, anche la carta dello scombinamento di piani temporali. Non aggiunge nulla a quanto già era stato girato sulla base del romanzo di Alcott, ma è un prodotto di gran classe.
MEMORABILE: Il triangolo fra Jo, Amy e Laurie.

Caesars 20/02/20 09:17 - 2758 commenti

I gusti di Caesars

Confezione tecnica notevole, con un'ottima fotografia e una bella ricostruzione d'epoca. Le interpreti fanno il loro dovere (soprattutto la protagonista Ronan) e la regia è al completo servizio della storia. Però il film è decisamente lungo (145') e ciò lo rende pesante in alcune parti. La scelta di alternare scene ambientate in periodi diversi dovrebbe servire a tener vivo il ritmo, ma ha come effetto quello di causare una certa confusione, aiutata dal fatto che l'aspetto delle ragazze a distanza di sette anni rimane identico. Così così.

Galbo 19/04/20 07:24 - 11445 commenti

I gusti di Galbo

Ultima, in ordine di tempo, trasposizione cinematografica del celebre romanzo americano, trova nella Gerwig una regista in grado di sottolinearne i passaggi fondamentali e utilizzare con grande eleganza i flashback. La regista sceglie con grande attenzione il cast e individua nella Ronan la perfetta protagonista. Speciale menzione anche per Meryl Streep che dimostra la sua grandezza anche in un piccolo ruolo. Ambientazioni ricercate per un film di buon livello.

Leandrino 7/09/20 22:35 - 50 commenti

I gusti di Leandrino

Non del tutto convincente questo adattamento di Gerwig, che gode di un’ottima fotografia e di un buon cast (spicca la Pugh), ma che risulta un po' troppo confuso nella struttura a flashback. Inoltre la regia è depotenziata da un uso quasi esclusivo di piani e campi medi - sia negli esterni che negli interni - che prediligono il gioco degli attori a scapito del quadro generale, poco arioso e non sempre armonico. C’era da aspettarsi molto di più, dopo l’exploit di Lady bird.

Anthonyvm 24/09/20 16:10 - 2113 commenti

I gusti di Anthonyvm

Sontuosa trasposizione del celeberrimo romanzo, riunisce un cast favoloso (specie il comparto femminile, fra stelle nascenti come la deliziosa Pugh e intramontabili dee del calibro della Streep) attorno a un impianto curato sotto ogni aspetto con precisione millimetrica: la cura per i dettagli, dalla composizione delle inquadrature all'attenzione per i costumi e le scenografie, è quasi entusiasmante. Riuscita e intelligente anche la sceneggiatura, caratterizzata da una continua alternanza di passato e presente, con raccordi analogici fra i vari flashback. Opera pregevolissima.
MEMORABILE: Le uscite ciniche della Streep; Mr. Laurence commosso da Beth che suona il piano; L'editore assillato dalle figlie che hanno trovato il manoscritto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 18/01/20 11:37
    Consigliere massimo - 5285 interventi
    Soggetto dal romanzo della scrittrice statunitense Louisa May Alcott, pubblicato per la prima volta con un diverso titolo in due volumi nel 1868 e 1869, poi in un unico volume con il titolo definitivo nel 1880.

    Prima di questa, il romanzo ha avuto varie altre trasposizioni già a partire dal periodo del muto.
    Le più famose sono queste:
    Piccole donne (1933) regia di George Cukor con Katharine Hepburn e Joan Bennett;
    Piccole donne (1949) regia di Mervyn LeRoy con June Allyson, Elizabeth Taylor e Janet Leigh;
    Piccole donne (1994) regia Gillian Armstrong con Winona Ryder, Susan Sarandon, Claire Danes e Kirsten Dunst.
  • Curiosità Cotola • 10/02/20 03:01
    Consigliere avanzato - 3641 interventi
    Oscar 2020 per i migliori costumi.
  • Curiosità Siska80 • 12/02/20 12:07
    Call center Davinotti - 421 interventi
    Greta Gerwig ha spiegato di aver voluto girare in Massachusetts, dove è cresciuta la scrittrice, e che proprio le location l'hanno aiutata a creare l'atmosfera voluta, oltre a ispirarsi a dipinti ottocenteschi. Nel film Jo, ispirandosi alla vera storia dell'autrice di Piccole Donne, si veste con indumenti maschili e si lamenta della propria femminilità, oltre a mostrare il suo rapporto con il vicino: "Jo è una ragazza con un nome maschile e Laurie è un ragazzo con un nome femminile. In vari modi sono quasi gemelli. Si incontrano prima di decidere il proprio genere. Entrambi hanno degli elementi androgini che li rendono perfetti per questi personaggi".
    Saoirse ha sottolineato che non si voleva etichettare in nessun modo Louisa May Alcott, anche se le sue lettere e i diari fanno ipotizzare che fosse a favore dell'amore libero dalle costrizioni sociali.
    La vita dell'autrice è stata inoltre all'insegna di problemi economici e il film darà particolarmente importanza ai tentativi di Meg di farsi accettare dalle coetanee di diversa estrazione sociale. Tutte le sorelle March, inoltre, esprimeranno la propria creatività, tramite varie forme d'arte, e saranno ambiziose.

    Fonte: https://movieplayer.it/news/piccole-donne-foto-curiosita_68323/
  • Discussione Galbo • 19/04/20 07:15
    Gran Burattinaio - 3776 interventi
    Non si capisce mai il senso dei titoli italiani, in questo caso il motivo per cui si è dovuto aggiungere l’insulso sottotitolo
  • Discussione Caveman • 19/04/20 11:31
    Pulizia ai piani - 292 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Non si capisce mai il senso dei titoli italiani, in questo caso il motivo per cui si è dovuto aggiungere l’insulso sottotitolo

    Ma veramente. Cosa mi vorrebbe significare quell'aggiunta senza alcun senso?
  • Discussione Daniela • 19/04/20 15:18
    Consigliere massimo - 5285 interventi
    Bah, forse l'aggiunta è stata fatta solo per differenziare un poco il titolo, dato che il romanzo della Alcott ha già avuto tante trasposizione tra cinema, tv e manga, e quasi tutte si attenevano al titolo originale, comprese le tre cinematografiche più famose del 1933, 1949 e 1994.
  • Discussione Caveman • 19/04/20 15:51
    Pulizia ai piani - 292 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Bah, forse l'aggiunta è stata fatta solo per differenziare un poco il titolo, dato che il romanzo della Alcott ha già avuto tante trasposizione tra cinema, tv e manga, e quasi tutte si attenevano al titolo originale, comprese le tre cinematografiche più famose del 1933, 1949 e 1994.

    Capisco il voler differenziare, però è proprio bruttarello. Parere personale.
  • Discussione Galbo • 19/04/20 15:52
    Gran Burattinaio - 3776 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Bah, forse l'aggiunta è stata fatta solo per differenziare un poco il titolo, dato che il romanzo della Alcott ha già avuto tante trasposizione tra cinema, tv e manga, e quasi tutte si attenevano al titolo originale, comprese le tre cinematografiche più famose del 1933, 1949 e 1994.

    Sarebbe stato meglio “Piccole donne- Il ritorno” :)
  • Discussione Caveman • 19/04/20 16:50
    Pulizia ai piani - 292 interventi
    Peccato perché il sottotitolo non invoglia a vedere un film che invece è ben fatto.
  • Discussione Daniela • 19/04/20 18:52
    Consigliere massimo - 5285 interventi
    Sulla scorta del suggerimento di Galbo, altre proposte alternative: Piccole donna La vendetta, Piccole donne colpiscono ancora, Piccole donne Capitolo finale, Piccole donne The End Game...