Per vivere meglio, divertitevi con noi

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1978
Genere: commedia (colore)
Note: Episodi: "Un incontro molto ravvicinato" (Vitti), "Il teorema gregoriano" (Dorelli), "Non si può spiegare, bisogna vederlo" (Pozzetto)
Numero commenti presenti: 17
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 3/03/07 00:56 - 4689 commenti

I gusti di B. Legnani

Pozzetto salva un film incredibile. Le pellicole a episodi sono disuguali, ma di rado si è visto un episodio d'ineguagliabile squallore come il primo, nei cui gorghi è travolta la Vitti. Il secondo è poverello ma, paragonato al primo, pare Oltre il giardino. Il terzo, per chi ama Pozzetto, è impagabile. Renato, nel "tòpos" al tavolo verde, cambia quattro carte (come Sordi a Majorca...), ma scartando poker servito. Nel finale, dall'ippodromo, troneggia la splendida voce di Alberto Giubilo.

Markus 22/06/17 08:53 - 3255 commenti

I gusti di Markus

Tris di fiacchi episodi con poche idee ben confuse. "Un incontro molto ravvicinato" (*): la storia della Vitti che si sblocca sessualmente con un marziano è uno dei punti più bassi della sua carriera; "Il teorema gregoriano" (*!): c'è il Dorelli anni Settanta che tutto conosciamo e pure la Spaak (allora sua moglie, ma coi mesi contati) ma la vicenda è poca cosa; "Non si può spiegare, bisogna vederlo" (**): Pozzetto salva la baracca con una vicenda non originale, ma che gli permette di sciorinare una buona dose di situazioni spassose.

Renato 9/03/09 12:00 - 1533 commenti

I gusti di Renato

Il primo episodio con la Vitti è solo una sciocchezzuola, anche piuttosto volgare. Il secondo con Dorelli così così, almeno accade qualcosa, ma non è niente di che e di certo non fa ridere. Cambia la musica con Pozzetto, che nel terzo -e più lungo- episodio riesce sicuramente a divertire con i suoi tentativi di truffa; notevoli sia la partita a carte con scambio dei guanti che la Lamborghini venduta a Guido Spadea. Questo episodio mi è parso tutto ambientato a Varese, ma chissà.

Edo 3/08/10 20:29 - 12 commenti

I gusti di Edo

Film in 3 episodi. Il primo episodio (con Monica Vitti) è una piccola barzelletta. Il secondo episodio (con Johnny Dorelli e Catherine Spaak) è una sorta de Il magnifico cornuto dei poveri (e dei poco ispirati): si ride qualche volta ma con un certo sforzo. Il terzo episodio (con Pozzetto) risolleva le sorti del film: è la storia di un accanito scommettitore di cavalli e delle truffe che mette in atto per trovare i soldi che gli servono per scommettere: folle e surreale.

Herrkinski 14/01/11 14:50 - 5032 commenti

I gusti di Herrkinski

Tre episodi non certo brillantissimi, specialmente se paragonati a prodotti del genere usciti nello stesso periodo. Il primo segmento, interpretato da una comunque brava Monica Vitti, è il peggiore; una storiella risaputa che non fa mai ridere. Il secondo episodio è leggermente meglio, salvato solo dall'ineffabile "savoir faire" di Dorelli, che strappa qualche risata quando interpreta il finto amante. L'ultimo episodio, che può contare su un simpatico Pozzetto e su qualche scena riuscita, diverte ma non troppo; è comunque il migliore del lotto.

Nando 14/01/11 16:12 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Commediola ad episodi abbastanza stralunata che strappa il sorriso con difficoltà, anzi presenta il primo episodio tendente alla farneticazione sessuale; il secondo flebile e poco brillante, mentre nel terzo un discreto Pozzetto alza lievemente la media con qualche simpatica gag tra cui menziono il giro in Lamborghini.

Dusso 20/07/11 07:14 - 1533 commenti

I gusti di Dusso

Non è male alla fine: il primo episodio è nettamente il peggiore, ma è comunque passabile (bella l'ambientazione nella villa vicentina). Divertente il secondo, specialmentente la scena della finta telefonata a letto dove la bellissima Spaak fa finta di niente. Il terzo episodio è tuttavia il migliore, con alcune trovate molto divertenti.

Graf 2/08/11 04:40 - 685 commenti

I gusti di Graf

Film ad episodi meramente commerciale. Il primo episodio é un pastrocchio imbarazzante senza senso nonostante Monica Vitti riconfermi di essere un’attrice di razza. Il secondo è un fievole e malinconico racconto che avrebbe la presunzione di farsi teorema morale ma che è invece un’occasione sprecata: Dorelli e la Spaak avrebbero meritato un testo di ben altro spessore e sviluppo. Il terzo episodio, nonostante il ritmo blando, è di ben altro livello, adeguato alle corde surreali ed astratte della comicità di Pozzetto. Occasione complessivamente sprecata.

John trent 17/08/11 10:25 - 326 commenti

I gusti di John trent

Film in 3 episodi discontinuo ma in crescendo. Primo episodio con la Vitti decisamente orrendo, secondo episodio con Dorelli e Spaak discreto, terzo con Pozzetto divertente e surreale. Notevoli le truffe del quadro, del guanto giallo e rosso e della vendita della Lamborghini. Insomma, almeno Pozzetto risolleva le sorti di questo film altrimenti dimenticabile (ma d'altronde le commedie di Mogherini lasciano sempre un po' a desiderare).
MEMORABILE: L'inizio del secondo tempo interamente dedicato a Pozzetto con il "film" proiettato nelle scale.

Manfrin 6/10/11 12:47 - 324 commenti

I gusti di Manfrin

Film composto da tre episodi dove ad un primo inguardabile con la Vitti che sembra quasi in difficoltà a reggere la parte e ad un secondo con un Dorelli più ordinario che mai, fa seguito lo splendido episodio con Pozzetto nei panni di un "mattatore" di provincia in una delle sue più belle caratterizzazioni.

Mark70 9/10/11 21:17 - 118 commenti

I gusti di Mark70

Tre episodi piuttosto mosci: il primo vede la Vitti ingabbiata in una stupida storiella di sesso e alieni, nel secondo Dorelli mette alla prova le virtù di sua moglie, nel terzo troviamo Pozzetto scommettitore e truffatore: trame banalotte e sceneggiature sciatte non fanno raggiungere la sufficienza a nessun episodio. E non aiuta nemmeno la regia di Mogherini, come sempre lento e privo di ritmo ma che almeno la smette di fare il Fellini dei poveri: colonna sonora al risparmio, con musiche riprese da Culastrisce nobile veneziano.
MEMORABILE: L'inizio dell'episodio di Pozzetto, proiettato sulle scale e che inizia in ritardo perché "il protagonista non si è ancora svegliato", dice la Vukotic...

Motorship 7/06/14 17:59 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Discreto film a episodi. Il primo è nettamente il peggiore, pessimo, sebbene ci sia una Monica Vitti sempre molto brava. Le cose vanno meglio nel secondo, con Dorelli e una bellissima Catherine Spaak, un episodio piuttosto gradevole e con qualche buona trovata. Ma il segmento migliore e decisamente buono è quello con Renato Pozzetto, grazie alla trama migliore, alla verve surreale del comico milanese e per via di gag ottime come quella del quadro e soprattutto della vendita della Lamborghini (la più riuscita). Non male.
MEMORABILE: L'inizio del secondo episodio con il "film" di Pozzetto proiettato sulle scale perché questi non si era ancora svegliato....

Modo 6/04/15 20:22 - 820 commenti

I gusti di Modo

Film a episodi decisamente scarso e poco divertente se si esclude il terzo capitolo con Pozzetto. Oltre a non godere di storie particolarmente avvincenti, è di una lentezza incredibile. Capisco che i ritmi all'epoca fossero diversi, ma così è troppo! Gli attori comunque sono tutti bravi, con Pozzetto una spanna sopra per merito del racconto più azzeccato e surreale.

Saintgifts 14/11/15 01:33 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Deve essere stata una faticata trovare un titolo così brutto, presuntuoso (con quel suo "per vivere meglio") e alla fine anche controproducente. Il film comunque non è male. I tre episodi hanno in comune un certo surrealismo che ha il suo culmine nell'episodio di Pozzetto (finale a parte), specialista del genere. Dorelli è perfetto come marito credulone e in cerca di guai, che finisce per trovare e la Spaak si esibisce in una mise che esalta la sua giovane bellezza. Alla Vitti spetta l'episodio più "difficile" ma che supera con abilità.

Gabrius79 26/03/16 20:33 - 1186 commenti

I gusti di Gabrius79

Visto il risultato del film, il titolo è decisamente fuorviante. Infatti assistiamo a tre episodi dove si salva per il rotto della cuffia quello con Renato Pozzetto che almeno qualche risata la fa fare. Gli altri due sono veramente insipidi e da dimenticare e spiace che in questi due grossi pasticci siano stati coinvolti due validi attori come Monica Vitti e Johnny Dorelli.

Trivex 15/06/16 08:36 - 1480 commenti

I gusti di Trivex

Diversi episodi di riuscita diversa, molto diversa. C'è però anche l'emozione di rivedere un film visto da piccolo al cinema con i miei, e questo inciderà un po' nel giudizio. Il primo episodio rimane pienamente insufficiente: non diverte, anzi annoia per la sua inconcludenza (*!). Il secondo si salva per il grande Dorelli, assicuratore sospettoso che ce la mette proprio tutta per farsi del male (**!). Il terzo è molto buono: grandissimo Pozzetto e una storia adatta a tutti, quasi una fiaba dove il nostro (anti?)eroe ne combina davvero di tutti i colori (***!).

Rufus68 1/11/16 22:47 - 3050 commenti

I gusti di Rufus68

Imperdonabile il primo episodio, di rara scempiaggine; idem per il secondo, pur soccorso dalla signorile presenza di Dorelli. Accettabile, invece, il terzo e conclusivo grazie alla stralunata e impacciata rotondità di Pozzetto, qui non ancora divenuto l'insopportabile maniera di se stesso. Sprecato il ricco cast femminile: nella memoria resta solo la timida e occulta bellezza di Milena Vukotic.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 13/11/07 20:54
    Consigliere - 43514 interventi
    L'episodio di Pozzetto avrebbe dovuto essere, nelle intenzioni degli autori della sceneggiatura (i Vanzina e Pozzetto), il copione di quello che sarebbe invece diventato Luna di miele in tre. Leggete (qualora ne abbiate voglia, ben s'intende) negli approfondimenti di Luna di miele in tre cos'ha raccontato proprio stasera Enrico Vanzina a Zender (sì, a me insomma...)
  • Discussione B. Legnani • 28/05/09 16:31
    Consigliere - 13723 interventi
    Nell'episodio finale, all'ippodromo, si sente solo la voce del grande Alberto Giubilo o lo si vede anche?
    Proprio non mi ricordo...
  • Homevideo Gestarsh99 • 30/05/11 00:07
    Scrivano - 14053 interventi
    Disponibile in edizione dvd dal 06/07/2011 per Titanus:



    DATI TECNICI

    * Lingue Italiano
    * Schermo Anamorfico 16:9
    * Audio Dolby Digital 2.0