Pastoral: To die in the country

Media utenti
Titolo originale: Den-en ni shisu
Anno: 1974
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Pastoral hide and seek".
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/04/15 DAL BENEMERITO GIùAN
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Giùan 30/04/15 07:26 - 3056 commenti

I gusti di Giùan

Giovane ragazzo di un villaggio rurale sfugge alla madre iperprotettiva e diventa regista cinematografico in continuo confronto col suo passato. Iperbolico, turgido e ridondante, il film di Terayama è all'insegna di un autobiografismo parafelliniano che oscilla tra allucinazioni fantastiche (la donna cannone "gonfiata" dal nano) e immagini che vorrebbero esser allegoricamente emblematiche ma restano, per il pubblico non nipponico, perlopiù criptiche e oscure. Certamente originale ma troppo compiaciuto, estetizzante e autoreferenziale per coinvolgere.

Schramm 4/07/15 14:09 - 2454 commenti

I gusti di Schramm

Continente che vai, Jodorowsky che trovi. Un gavettone di spremuta di sogni che lascia impregnate iridi e sinapsi, ghermisce animo mente e occhio e spiazza di frame in frame: molteplici, da subito, le figure che picchettano la memoria. Un cine-haiku che non smette di dimostrare fin dove possono spingersi estro compositivo e epistassi immaginativa: Freud speronato da Dalì, erotismo a crudo, secchi quadretti di brutalità, elogio dell’ermetismo in un meta-maelstrom che manda la Poesia al potere, dove conta più carpire che capire. Cinema mostruoso, che stava, e ancora sta, avanti di un secolo.
MEMORABILE: Basterebbe da sola l’avanguardistica fotografia che gioca con l'omnipossibile cromatico a farne un capo d’opera immortale.

Cotola 30/06/16 23:54 - 7634 commenti

I gusti di Cotola

Follia al potere per questo trip giapponese che mescola Jodorowsky, Fellini e molto altro. Un ottovolante impazzito che delizia l'occhio, a più riprese e quasi senza interruzioni, e la mente. Un frullato di simbolismo, psicanalisi, ermetismo dove non tutto è sempre immediato e di facile comprensione: forse alcune cose sono comprensibili pienamente solo ai nipponici. L'unico difetto è quello che non riesce a coinvolgere del tutto lo spettatore, scuotendo più il cervello che il cuore e le viscere. Ma in ogni caso è una di quelle visioni imperdibili.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Schramm • 4/07/15 14:26
    Risorse umane - 6724 interventi
    una parola sola: empireo. questo film è il paradiso. se si è poi tra gli amanti di jodorowsky e affini, son gavettoni di Meraviglia. fate il vostro gioco.
    Ultima modifica: 4/07/15 18:10 da Schramm
  • Discussione Daniela • 4/07/15 19:02
    Consigliere massimo - 5298 interventi
    mamma mia, quante dritte: come direbbe la mi'mamma, troppa grazia Sant'Antonio, mi ci vorrebbero un paio di vite in più... e nessun muratore in casa nelle prossime due settimane :o(
  • Discussione Schramm • 4/07/15 19:37
    Risorse umane - 6724 interventi
    shht, non parlarmi di muratori che prima di ridarci dentro con queste dritte m'è toccato in sorte un allagamento -che ha meso a rischio un bel blocco di vhs- con conseguente invasione di idraulici e muratori: per circa una settimana sembrava di avere gli einsturzende neubauten che facevano in casa il soundcheck di un live...

    comunque qua siamo davvero alla Magnificenza fatta cinema. di tutte le dritte date e in arrivo, beh io partirei prioritariamente proprio da questo scrigno di gioielli visivi.
  • Discussione Cotola • 4/07/15 23:48
    Consigliere avanzato - 3646 interventi
    Lo avevo adocchiato anni fa e poi non so perché lascia cadere la cosa. Forse perché difficilmente reperibile. A questo punto appena torno dal mare darò inizio alla caccia!
  • Discussione Schramm • 5/07/15 00:36
    Risorse umane - 6724 interventi
    e fai bene. in un festival come quello in corso ci sarebbe stato perfettissimo e anche di più. e fest o non fest, è un film di nucleare potenza figurativa e visiva, che ridà senso all'abusata parola visionario. potrebbe davvero farti impazzire di piacere.