LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/01/17 DAL BENEMERITO TAXIUS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Taxius 1/01/17 19:53 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Un viaggio lungo 120 anni in ibernazione per raggiungere un nuovo mondo, ma per un guasto la tua sola capsula si apre 90 anni prima e ti ritrovi solo in mezzo al nulla. Passengers è un film d'amore ambientato nello spazio, opera di fantascienza dalle forti tinte romantiche e devo dire che il regista è bravo a equilibrare i due generi evitando di far prevalere uno sull'altro. Dunque siamo lontani "anni luce" dalla fantascienza stile Interstellar o Gravity. Il film si svolge principalmente all'interno della nave, gli esterni sono pochi.
MEMORABILE: I robot che cantano "tanti auguri".

Rufus68 6/01/17 23:06 - 3000 commenti

I gusti di Rufus68

Astronave affidabile come una Duna mette nei guai il bisteccone di turno che, per distrarsi, sveglia una bella addormentata... La prima parte, assolutamente indigesta e incrostata da musiche saccariniche, è insopportabile; poi arriva Fishburne (vale a dire: un attore) e si respira, almeno sino al finale spaccatimpani e credibile come una banconota da tre euro. Effetti speciali accattivanti e poco altro. La Lawrence, sempre a mollo, fa intuire un po' di mercanzia. Sheen, barista androide, è una spanna sopra tutti.

Pinhead80 9/01/17 17:41 - 3820 commenti

I gusti di Pinhead80

Cambiare vita facendosi ibernare per arrivare 120 anni dopo su di un nuovo pianeta potrebbe non essere proprio una passeggiata, o forse sì. Non c'è solo tanta fantascienza ma anche una bella storia d'amore che non guasta di certo. Tanti gli interrogativi che il film riesce a far emergere a conferma che la carne al fuoco è di buona qualità. Ognuno di noi per qualche istante può riuscire a immedesimarsi nei protagonisti e pensare a trilioni di cose differenti.

Saintgifts 10/01/17 11:15 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Una nuova genesi sul veicolo spaziale in viaggio verso un nuovo mondo. Jim-Adamo è condannato a rimanere solo per novant'anni (una vita) e da solo decide di avere una Eva. Non so se il barman androide Arthur (un notevole Michael Sheen) possa essere visto come il serpente tentatore, ma se così, risulta molto più sottile di quello originale. Implicazioni primordiali nel film non nuovo come idea, ma che la sviluppa con una storia di amore tanto forzata, quanto vera, dove l'uomo e la donna sono uniti per il loro scopo primario: preservare la vita.
MEMORABILE: Dentro la bolla d'acqua in assenza di gravità.

Puppigallo 10/01/17 22:10 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

Il fantascientimentale potrebbe anche essere un nuovo filone; e in questo caso, riesce a fatica a dare un perchè a questa pellicola. Ma dalla componente fantascientifica era lecito aspettarsi molto di più. Impossibile riuscire a farsi bastare qualche simpatica trovata, come il barista robotico (spifferone, purtroppo per il protagonista), una gigante rossa, o i robottini che puliscono le briciole (non male quando lui li "nutre" come fossero piccioni). Perchè il resto è poca cosa; e i "colpi di scena" lo sono a loro volta. Niente di che in un contesto di amore-odio-amore-guasti e moraluccia.
MEMORABILE: L'assenza di gravità in piscina.

Rambo90 11/01/17 23:35 - 6268 commenti

I gusti di Rambo90

Fantascienza sentimentale, dove contano più le emozioni e sensazioni dei protagonisti che gli effetti speciali. Infatti è proprio la trama a fare la differenza: ben scritta, incuriosisce ed evita di propinarci i soliti problemi spaziali (almeno fino al concitato finale) per raccontarci di due persone come tante che soffrono la solitudine e possono sbagliare. Bene la coppia Pratt/Lawrence, ottimo il cameo di Fishburne, inutile quello di Garcia. Un po' troppo prevedibile verso la fine, ma è una concessione necessaria al box office. Buono.

Ryo 18/01/17 00:28 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Storia d'amore contaminata da fantascienza e fiaba. Egoismo o romanticismo? La trama lascia intendere, senza giudicare eccessivamente il protagonista, che l'istinto umano porta a compiere scelte irrazionali quando è sull'orlo della disperazione. Sensazionale il design scenografico dell'astronave. Epilogo abbastanza fortunello e tutto sommato giusto, ma il troppo spazio lasciato a centinaia di interrogativi lascia un po' di frustrazione.
MEMORABILE: Aurora scopre la verità sul suo risveglio; La perdita di gravità in piscina.

Capannelle 7/03/17 00:21 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

Non era facile gestire l'incrocio tra le smisurate dimensioni spazio temporali del viaggio di Avalon e il rapporto più intimo tra i due giovani protagonisti. Tyldum ci riesce abbastanza bene, aiutato da gentili figure di servizio (il barista, i robottini) e trovate gustose (la piscina, sia con che senza gravità) che si accompagnano ad altre ampiamente prevedibili. Pause ce ne sono ma la sensazione generale è di un'inerzia positiva del racconto.

Galbo 9/04/17 07:32 - 11307 commenti

I gusti di Galbo

Nettamente diviso in due parti: la prima è una commedia romantica atipica perché ambientata in un astronave, la seconda rientra maggiormente nei canoni del cinema di fantascienza. L'insieme è abbastanza originale e godibile. Gli effetti speciali sono molto curati ed efficaci; la sceneggiatura alterna in modo efficace i momenti di tensione ad altri più brillanti o sentimentali. Buona la prova degli attori. Il finale è un po' "monco". Nel complesso non male anche se la durata è eccessiva.

Daniela 11/04/17 22:47 - 9075 commenti

I gusti di Daniela

Due cuori ed un astronave. Nella prima parte, duplice conferma: un uomo, lasciato a se stesso, ci mette poco a trasformarsi in un maiale e dato che ogni maiale è anche un poco porco, eccolo non resistere alla tentazione di farsi la bionda. Amo e poi odio (a ragione) e poi... con la comparsa di nonno Fishburne, giusto il tempo di sparare qualche ovvietà, si passa dalla modalità Robinson nello spazio alla fantascienza d'avventura emergenziale. Se i lati deboli sono tanti, la trama però non annoia e nel mezzo ci sono personaggi riusciti come il barman spione, nonchè qualche sequenza d'impatto
MEMORABILE: Sheen barista dietro un banco che richiama quello dell'Overlook Hotel; In piscina con assenza di gravità

Redeyes 18/04/17 08:12 - 2126 commenti

I gusti di Redeyes

Fantascienza con occhi a cuoricino e bei visetti. Tyldum punta molto sull'effetto sentimentale lasciando all'astronave Avalon il mero ruolo di location. Qui non si vuole porre quesiti da interpretare ma solo mostrare un uomo e la sua solitudine, e un amore poi. Gradevoli alcune trovate come i robot-pulitori nutriti con le briciole, uno Sheen estremamente in parte e l'assenza di gravità in piscina. Per il resto tutto va come ci si aspetta, fra capsule mediche simil elysiane, salvataggi alla 2012 e bei baci.
MEMORABILE: L'assenza di gravità in piscina.

Il ferrini 24/04/17 00:27 - 1642 commenti

I gusti di Il ferrini

Di questo Titanic nello spazio si apprezza più la prima parte: il principio introspettivo alla Moon e l'evoluzione romantica. Quando si tenta invece di inserirci il dramma in stile Gravity, la pellicola paradossalmente perde di mordente. Jennifer Lawrence se la cava, Pratt meno; a convincere di più sono invece i comprimari, dal droide barista Michael Sheen (palese omaggio a quello dell'Overlook Hotel) all'ufficiale Fishburne. Gli ambienti sono costruiti con cura, gli effetti speciali notevoli. Si lascia guardare, senza troppi entusiasmi.
MEMORABILE: L'appuntamento galante.

Didda23 16/05/17 11:20 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

Seppur non troppo originale nella trama, vedi i riferimenti che spaziano da Gravity a The martian (solo per restare in ambito recente), il regista Tyldum conferma di possedere delle solide basi come abile narratore (vedasi il bel The imitation game) tali da rendere più che vivace una storia sentimentale ambientata nello spazio. Alcuni effetti speciali sono notevoli (le scene con assenza di gravità) e qualche trovata (il barista androide) è più che riuscita. Per essere un sentimentale travestito da fantascienza il risultato finale è inaspettatamente buono.
MEMORABILE: L'incontro galante; I robot aspirapolvere; Le chiacchierate fra Sheen e Pratt.

Modo 3/06/17 16:31 - 815 commenti

I gusti di Modo

Film ben strutturato, in cui la solitudine prima e lo spirito di sopravvivenza poi rendono affascinante l'avventura di questa nave da crociera spaziale. Ottimamente realizzata la struttura del "Titanic" come buona è l'interpretazione dei due protagonisti. Nota di merito al bar ricostruito in perfetto stile decò. Alcune inquadrature sembrano omaggiare Kubrick. Tra sentimenti e qualche colpo di scena si assiste a un discreto viaggio tra le stelle.

Zardoz35 5/06/17 18:46 - 244 commenti

I gusti di Zardoz35

Storia d'amore più che altro di comodo. Lui, furbastro (un Pratt né sale né pepe) si accorge di dover passare la vita solo nello spazio e dopo averci pensato un po' sceglie l'ultima arrivata, una tizia che promette bene e che a sua volta si trova praticamente costretta a prendere quello che capita. Del tipo ti trovi in un'isola deserta non segnalata e che fai? Per il resto strepitoso Sheen robo-barista (anche se come i suoi colleghi umani troppo chiacchierone) e lunghezza forse eccessiva.
MEMORABILE: Interni e tecnologia della astronave semplicemente fantastici.

Ira72 4/08/17 10:36 - 906 commenti

I gusti di Ira72

È sempre la stessa storia: nel genere gli americani danno il meglio (effetti speciali notevoli e scene impattanti, come la perdita di gravità mentre la Lawrence nuota in piscina). Ma. Succede poi che vogliono riempire i 45 minuti di troppo con moraline, moralucce, epopee d'amore e sentimentalismo spiccio. Rovinando, così, quello che sarebbe stato un discreto film di fantascienza. Furbescamente troviamo nel cast nomi notevoli: Garcia potrete ammirarlo (muto) per circa 5 secondi, Fishburne per 10 minuti (produzione americana, uomo di colore: che fine farà?!).

Belfagor 20/08/17 22:54 - 2619 commenti

I gusti di Belfagor

Risvegliatosi dall'ibernazione novant'anni prima del previsto, il passeggero di un'astronave cede lentamente alla follia finché non decide di procurarsi una compagna di sventure. La prima parte, fra paure ataviche, impersonale asetticità, citazioni kubrickiane, fa sperare in un'ormai rara combinazione di fantascienza e psicologia con tanto di implicazioni sociali latenti. Verso la metà, però, il film non resiste alla tentazione e cade nell'azione facile e prevedibile. Risultato ibrido con mezzo pallino in più per l'alchimia fra i protagonisti.
MEMORABILE: Il barista androide à la Shining; La bolla d'acqua in assenza di gravità; La prima passeggiata nello spazio.

Piero68 22/08/17 12:05 - 2750 commenti

I gusti di Piero68

Ancora una volta lo spazio e la solitudine sono il tema di un film sci-fi. Ma se altri simili come Moon, Solaris ma anche Pandorum avevano una sceneggiatura e un livello di preparazione di livello superiore, questo Passengers si tuffa presto nella noia e nella monotonia. La confezione sarà anche buona, con alcuni effetti davvero di spessore (la piscina a gravità zero) ma vuoi una regia altalenante, vuoi un cast non proprio scintillante bisogna mettersi i divaricatori alle pupille per rimanere attenti fino alla fine. Cameo di Garcia inspiegabile.
MEMORABILE: La piscina a gravità zero.

Tarabas 22/08/17 22:50 - 1681 commenti

I gusti di Tarabas

Nella nave interstellare con la peggiore intelligenza artificiale d'ogni epoca (basta vedere come rispondono male le interfacce, e sì che dai tempi di HAL qualche passo avanti lo si sarebbe dovuto fare) va in scena un piccolo campionario di idee rubacchiate ad altri film, in una confezione visivamente curata ma con poco rispetto del buon senso e dello spettatore. Una specie di sci-fi disaster romance con almeno due momenti semplicemente osceni (non rivelabili) nella sceneggiatura e ovvietà da popcorn movie sparse a piene mani.

Aco 25/09/19 09:18 - 41 commenti

I gusti di Aco

Film senza una vera identità di genere. Un po' di fantascienza, ma non particolarmente originale, un po' di storia romantica, ma senza troppa passione, un po' di thriller ma questo dura troppo poco per creare attesa nel pubblico. Lieto fine quasi scontato. Insomma, manca una precisa identità. Si salvano solo l'allestimento scenico, gli interni dell’astronave e Jennifer Lawrence, alla quale è stato affidato l'ingrato compito di salvare un film buono solo per passare una piacevole serata.

Xamini 25/02/20 11:22 - 988 commenti

I gusti di Xamini

Robinson Crusoe in chiave spaziale: Chris Pratt si risveglia prima del dovuto e dinanzi alla prospettiva di 90 anni di solitudine, preferisce forzare il risveglio della Lawrence (come biasimarlo?). Così il film mutua in romantico per poi tornare all'aspetto fantascientifico, regalandoci in entrambi i casi alcune scene memorabili. Nessun approfondimento di rilievo, niente che possa entrare nella storia del cinema, ma qualcosa che si lascia godicchiare per un paio di ore liete.
MEMORABILE: La scena in piscina; i due passi nel vuoto con vista
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Poppo • 4/11/17 20:50
    Galoppino - 415 interventi
    Filmetto..... Ok, due pallini e mezzo; magari tre. AC di Scott però ne vale meno, molto meno. Prometheus sta un filo sopra ai tre, come Gravity che quasi tocca i quattro, etc... Ok, la pianto subito :-) Però lasciatemi dire una cosa, l'originalità dovrebbe essere l'ultimo metro di giudizio quando la scena mondiale si fa piatta piatta piatta... Voglio dire, la nave investita da uno sciame di asteroidi/meteore...* Quanti film vi vengono in mente? (*limitiamoci a corpi celesti, non rottami...)