Passaggio in India

Media utenti
Titolo originale: A passage to India
Anno: 1984
Genere: drammatico (colore)
Regia: David Lean
Note: Roimanzo omonimo di DI E.M. Forster. Oscar per la migliore colonna snora e per la miglior attrice non protagonista "Dame Peggy Ashcroft".
Numero commenti presenti: 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/02/08 DAL BENEMERITO GUGLY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Gugly 12/02/08 17:05 - 1015 commenti

I gusti di Gugly

Anni 20: due donne inglesi si recano in India, allora colonia britannica, dove osservano il razzismo esercitato sulla popolazione locale; il contatto luogo e cultura diverse, e, soprattutto l'incontro con un medico, produrrà conseguenze inaspettate... Lean oltre al consueto kolossal volge con un occhio cinico lo sguardo sui caratteri, soffermandosi sul volontarismo quasi pasticcione di Aziz e sulla repressione sessuale di Adela, che esploderà drammaticamente. Alec Guinnes insolito ma efficace nella parte di un santone.
MEMORABILE: Le grotte di Mahlabar.

Flazich 10/08/08 23:51 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Uno spaccato sociale dell'India degli anni venti sotto il dominio degli inglesi. Le tensioni sociali, le contraddizioni, i dissapori degli indiani che vedono il popolo inglese come invasore vengono filtrati attraverso un fatto di cronaca nera (o presunta tale) dove viene incolpato un dottore indiano. La vittima dovrebbe essere una donna inglese. Il processo è il momento topico del film: all'interno dell'aula avviene lo scontro, metaforico, dei due paesi. Ottimo spaccato di un mondo lontano e perduto.

Galbo 14/08/08 07:40 - 11350 commenti

I gusti di Galbo

Ultima regia del grande David Lean, Passaggio in India e' un ben riuscito ritratto di un'epoca ormai tramontata. Ambientato negli anni '20 del secolo scorso, e' centrato sullo scontro tra la civilta' inglese rigidamente formale e quella indiana impregnata di esotismo. Sceneggiato con professionalita' a partire dal romanzo di Foster, il film presenta le riprese di ampio respiro (con un'ottima fotografia) degne dei classici della cinematografia mondiale e un validissimo cast.

Ercardo85 23/12/08 13:49 - 81 commenti

I gusti di Ercardo85

Grande accademico della regia, Lean qui va ben oltre i dialoghi zuccherosi da fotoromanzo di molti film sulla stessa falsariga di questo e crea un affresco epico e doloroso sul colonialismo inglese e lo scontro fra due culture apparentemente inconciliabili. Bravissima Judy Davis ma il migliore resta Alec Guinnes, indimenticabile qui nei panni di un distaccato professore indiano.

Nancy 17/08/12 14:16 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Kolossal noioso oltremisura. Donne inglesi arrivano nell'India anni 20 ultra-colonizzata da Sua Maestà l'Inghilterra: dopo un'ora e più succede finalmente qualcosa e poi...? È uno spaccato di un'epoca, il ritratto di un'India assoggettata al potente, ma la storia che si vuole raccontare è veramente solo questa? Peccato: poteva dare di più e interessare maggiormente. Cast non del tutto incisivo (tuttavia Guinness memorabile nel ruolo di un santone indiano!), ma fotografia eccellente.

Rocchiola 9/02/16 14:04 - 858 commenti

I gusti di Rocchiola

Uno dei migliori melodrammi in costume di sempre. In questo genere di film l’anziano Lean si dimostra più passionale di Ivory e firma forse la sua opera migliore, in perfetto equilibrio tra eleganza formale (splendida la ricostruzione scenografica) e impegno (il doloroso incontro-scontro tra due diverse culture, la condanna del colonialismo). Ultimo baluardo di un certo classicismo hollywoodiano che sa unire lo spettacolo alle suggestioni più profonde, resta una delle opere più intense e appassionate degli anni 80. Cast corale di gran qualità.
MEMORABILE: Il giro in bicicletta nelle rovine infestate dalle scimmie; La vista alle grotte; Il processo; La morte lievissima di Mrs. Moore in mare.

Paulaster 11/07/20 10:27 - 2731 commenti

I gusti di Paulaster

Un presunto caso di stupro nell'India del 1920. Se l'attenzione al caso giudiziario resta limitata a un breve processo, è la convivenza tra gli inglesi colonialisti e il popolo indiano ad essere ben approfondita. Si evita di scadere nel folclore locale anche se il personaggio di Guinness diverte con uno humor particolare. Bene la Ashcroft come spalla, non troppo espressiva la protagonista e ultima mezz'ora fin troppo diluita. Anche alcuni passaggi son romanzati al punto da apparire artificiosi.
MEMORABILE: Appeso fuori dal treno; Le scimmie incattivite; La cerimonia col cadavere in mare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rocchiola • 9/02/16 14:15
    Call center Davinotti - 1125 interventi
    Questo è uno dei titoli inspiegabilmente mai usciti in DVD o BD sul mercato italiano. Con l'audio in italiano si può avere solo il VHS ovviamente pessimo e superato.
    Però se si è ben disposti all'audio originale, c'è uno splendido Bluray regione 2 (edizione inglese, francese e spagnola), acquistabile a prezzi interessanti su Amazon. Video favoloso e ottimo audio che esalta la sempre bella musica del maestro Maurice Jarre!!!!
    Ultima modifica: 18/11/19 11:08 da Rocchiola
  • Curiosità Buiomega71 • 18/06/18 10:33
    Pianificazione e progetti - 21770 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (martedì 1° dicembre 1987) di Passaggio in India: