Only murders in the building (2 stagioni)

Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

10 brevi puntate di mezz'ora per risolvere un caso di omicidio verificatosi all'interno di un grande palazzo di Manhattan. La vittima è un giovane orientale (Cihi) non particolarmente amato dagli altri inquilini. Tra questi ultimi sono in tre a unirsi per cercare di capire cosa sia successo, dal momento che la polizia derubrica la morte a semplice suicidio. Sono tutti appassionati di un podcast di grande successo ("True crime") e decidono che le loro indagini meritano di comparire a loro volta in un podcast a episodi che chiamano per l'appunto "Only Murders in the Building". Charles (Martin), ex divo di un telefilm poliziesco Anni Novanta in cui interpretava Brazzos, erede dei tanti Kojak...Leggi tutto, Oliver (Short), regista teatrale di scarsa rilevanza e la decisamente più giovane Mabel (Gomez) cercano, attraverso un approccio amatoriale ma sfizioso, di lanciare il podcast dando modo alla serie di mescolare realtà e finzione e agendo su diversi livelli di intrattenimento: si strizza l'occhio ai nuovi social mentre si prova a intraprendere con un certo scrupolo la strada del giallo classico, inizalmente assai subordinato alle fasi da commedia. Le prime puntate infatti non funzionano granché: troppo dispersive, danno l'impressione di indirizzare la serie in una direzione vaga e poco efficace. Un'ampia sfrondatura avrebbe sicuramente giovato perché risulta difficile, ai registi che si alternano, bilanciare le due anime e la qualità dei dialoghi, nonostante la buona vena dei protagonisti. Il risultato insomma non pare proprio dei migliori: piazza accenni di battute modeste proponendo nel contempo una visione fastidiosamente banale nei confronti dei social media. Non è nuova l'idea di confondere i due piani di realtà (un tempo, invece che per un podcast, si fingeva di girare per un film o per una trasmissione televisiva, ma il concetto era il medesimo) né lo è quella di ambientare un caso di omicidio all'interno di un palazzo (l'aveva già fatto Allen con tutt'altra grinta e qualità nella scrittura umoristica). Tuttavia l'avere a disposizione dieci puntate permette di ampliare il raggio dei possibili colpevoli (ci finisce di mezzo addirittura Sting nella parte di se stesso, uno dei coinquilini dei nostri) e delle indagini, che inglobano più di uno spunto (relativamente) sorprendente. E' però solo dalla metà della storia in poi che la traccia gialla prende progressivamente il sopravvento sulla commedia portando la serie a stimolare con decisione la nostra attenzione. Le dispersioni diminuiscono e si segue meglio lo sviluppo del caso anche grazie all'introduzione di flashback chiave, che collegano il primo omicidio con un altro accaduto - sempre nello stesso palazzo - molti anni prima. Ci si aggancia insomma agli elementi tipici del genere per riassestare la sceneggiatura dosando sempre meglio gli spunti ironici che due cavalli di razza come Short e Martin - coppia affiatata fin dai tempi dei TRE AMIGOS e del PADRE DELLA SPOSA - sfruttano con bravura, nonostante l'età non più verde ne attenui la verve. Buona la trovata del ragazzo non udente con conseguente eliminazione delle voci in molte delle scene in cui è presente, eccellente la caratterizzazione di Amy Ryan, invecchiata a bella posta per essere affiancata a un Martin che deve apparire più o meno suo coetaneo. Selena Gomez chiude il cerchio senza brillare troppo ma rivelandosi funzionale per uno dei ruoli centrali. Finale in crescendo con soluzione classicissima ma condotta con coerenza e arguzia, per quanto si sfori abbondantemente nel grottesco nell'ultima parte perdendo ogni parvenza di plausibilità.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/10/21 DAL BENEMERITO CAVEMAN POI DAVINOTTATO IL GIORNO 13/12/21
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caveman 19/10/21 20:36 - 445 commenti

I gusti di Caveman

Appassionante mix tra giallo comedy e drama. Martin; anche autore, è protagonista con Short e la Gomez, i tre sono appassionati di podcast (attualità eccola qua) crime e si troveranno coinvolti nelle indagini dell'omicidio avvenuto nel complesso in cui vivono. Colpi di scena continui e sensati, cosa non da poco al giorno d'oggi, personaggi ottimamente scritti e frizzanti dialoghi. I tre sono un fiume in piena, anche se Short merita la palma di migliore tra i migliori. Una serie fresca ed appassionante che merita assolutamente la visione.
MEMORABILE: Sting!

Rambo90 19/10/21 22:16 - 7137 commenti

I gusti di Rambo90

Serie decisamente riuscita: ironica e veloce, riesce ad essere sia parodia che effettivo esercizio di stile sul genere giallo. La sceneggiatura si dipana in maniera spesso sorprendente, non perdendo mai d'occhio la rapidità delle battute, e la confezione è elegante con una bella fotografia e una adeguata colonna sonora. Ottimo il terzetto composto da Martin, Short e Gomez, con il primo piacevolmente tornato a recitare dopo un po' di tempo. Da non perdere.

Galbo 20/10/21 18:41 - 11900 commenti

I gusti di Galbo

Dopo un omicidio in un lussuoso stabile di New York, tre condomini appassionati di podcast del genere “true crime” iniziano ad investigare. Prodotta da Disney una serie che combina il giallo con i toni della commedia retta da due assi del cinema americano, Steve Martin e Martin Short affiancati dalla giovane star Selena Gomez, con illustri partecipazioni straordinarie come quella di Sting. Ricca di citazioni, una serie dai dialoghi brillanti e dal ritmo elevato, con il plus di un'indagine con annessi colpi di scena. Godibile e destinata ad un pubblico anagraficamente trasversale.

Daniela 28/10/21 02:50 - 11622 commenti

I gusti di Daniela

Un regista in disarmo, un attore tv da tempo lontano dallo schermo, una ragazza con molti segreti: abitano nello stesso condominio di lusso newkorkese e li unisce la passione per il podcast "True Crime". Così, quando la polizia liquida la morte di un loro vicino come suicidio, cominciano ad investigare per proprio conto... Creata da Martin, una serie TV garbata che richiama le atmosfere alleniane di Misterioso omicidio a Manhattan. Più che la trama, anche qui contano i personaggi, tratteggiati con bonaria ironia ma con un sottofondo di amarezza e rimpianto che li rende vividi. 

Ultimo 1/11/21 12:33 - 1547 commenti

I gusti di Ultimo

Una serie tv davvero ben fatta, a metà tra il giallo puro e la commedia. I tre protagonisti sono in parte e l'indagine sulla morte di un condomino (in un primo momento scambiata per suicidio...) prende piede molto bene, aprendosi a diverse piste e a colpi di scena talvolta inaspettati. Essendo girato prevalentemente in interni viene dato maggior risalto ai dialoghi, quasi sempre ben costruiti. Chiari i rimandi a un famoso giallo di Woody Allen. Stra-consigliato ai fan del genere.
MEMORABILE: I titoli di testa.

Kinodrop 13/11/21 18:34 - 2314 commenti

I gusti di Kinodrop

In una New York dai chiari tratti alleniani, due ex uomini di spettacolo e una giovane designer accomunati dalla passione per il podcast, dopo la morte di un inquilino del palazzo si improvvisano investigatori per scoprirne le cause. Una gradevolissima e brillante serie, molto curata anche dal lato grafico e musicale, che si affida al mestiere e alla disinvoltura di Martin, Short e Gomez nel dipanare la matassa degli indizi e dei colpi di scena, con una bella dose di ironia unita a un pizzico di melanconia, con in più una semiseria critica all'ormai inaggirabile potere dei social.
MEMORABILE: Le animazioni della sigla; La creazione del podcast, i fans, i gadget; Il tacchino al forno per Sting; La fagottista; La sosia di Charles.

Hackett 24/11/21 14:40 - 1833 commenti

I gusti di Hackett

Divertente e ben scritta, la serie poggia sulle spalle degli effervescenti e redivivi Martin e Short, cui fa brillantemente da spalla la Gomez. La brevità delle puntate contribuisce a rendere veloce una narrazione comunque ben organizzata, che regala momenti davvero divertenti e personaggi non banali. Gustosi il cameo di Sting e il finale aperto alla seconda stagione.

Puppigallo 7/02/22 22:12 - 4904 commenti

I gusti di Puppigallo

Buona serie grazie ad attori in parte e a una sceneggiatura che riesce a dosare piuttosto bene le informazioni sul caso che i tre riaprono e quelle sulla loro vita (ma non solo) pre incontro in ascensore. I botta e risposta funzionano piuttosto bene, anche se non tutte le battute sono allo stesso livello, come alcuni episodi. La simpatia e singolarità dei tre investigatori improvvisati, con tutti i loro problemi e traumi, resta comunque la chiave principale della riuscita di questo prodotto; e le varie piste abbandonate e riprese ne sono la linfa vitale.
MEMORABILE: A casa del gattaro; "I 70 sono i nuovi 40"; "Merda cazzo merda!". "È una cosa positiva?"; I fan; Steve Martin avvelenato striscia per il palazzo.

Michdasv 2/07/22 13:25 - 95 commenti

I gusti di Michdasv

Serie molto graziosa, elegante nelle location eppure quotidiana e sboccata nei personaggi, spesso depressi ed emarginati nonostante le residenze lussuose. Come spesso accade alle serie, registi e sceneggiatori cambiano quasi ad ogni episodio; così, ad esempio, l'episodio settimo (la sordità, fisica e metaforica di chi non vuol sentire) e ottavo sono migliori di altri. Molto interessante la gestione del fandom creatosi attorno al podcast, con l'idea (già usata per collezionisti, radioascoltatori e spettatori tv) che i fan spesso ricordano dettagli che sono sfuggiti ai protagonisti.
MEMORABILE: La partita a Scrabble (Scarabeo) in cui comunicano senza parlare.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Galbo • 20/10/21 18:36
    Consigliere massimo - 3920 interventi
    Gli episodi che compongono la serie sono 10 e non 11
  • Discussione Caveman • 20/10/21 19:19
    Servizio caffè - 390 interventi
    Veramente una bellissima serie, piacevole frizzante attuale ed adatta a tutti.

    Mi fa piacere leggere i (per ora pochi) commenti molto positivi da due persone che apprezzo molto come Galbo e Rambo.
  • Discussione Daniela • 28/10/21 02:56
    Gran Burattinaio - 5821 interventi
    x Zender
    Il genere va cambiato da giallo a fiction.
    Si tratta infatti di una serie televisiva statunitense, creata da Steve Martin e John Hoffman, composta da 10 episodi come riporta la scheda in IMDB
  • Discussione Caveman • 28/10/21 07:00
    Servizio caffè - 390 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    x Zender
    Il genere va cambiato da giallo a fiction.
    Si tratta infatti di una serie televisiva statunitense, creata da Steve Martin e John Hoffman, composta da 10 episodi come riporta la scheda in IMDB

    Fiction vuol dire tutto o niente, se non è giallo nella concezione e nell'effettiva realizzazione (oltre ad avere inserti comedy e pure realmente comici) Only Murder non so cosa lo sia.

    Hai visto gli episodi? O il commento era solo un voler fare le pulci?
  • Discussione Zender • 28/10/21 08:21
    Pianificazione e progetti - 45966 interventi
    No Caveman, semplicemente perché PER REGOLA da noi ogni filmtv composto da più di una puntata va sotto la dicitura fiction, come per regola ogni film sotto l'ora diventa cortom/mediometraggio. Daniela non è proprio il tipo che si metta a far pulci a nessuno, questo posso assicurartelo io. Lo segnalava a me giustamente perché non me n'ero accorto.
    Ultima modifica: 28/10/21 08:23 da Zender
  • Discussione Caveman • 28/10/21 10:33
    Servizio caffè - 390 interventi
    Ah ok, se è una regola, alzo le mani.

    Quindi per capire: In quel caso "filmtv composto da più di una puntata va sotto la dicitura fiction" che sia poi horror giallo rosa o altro non cambia? Ok. 
  • Discussione Caveman • 28/10/21 10:43
    Servizio caffè - 390 interventi
    Comunque non è un film TV.
  • Discussione Zender • 28/10/21 14:22
    Pianificazione e progetti - 45966 interventi
    Ma questo non è un filmtv, è una semplice serie da quel che capisco... Dicevo che ogni filmtv in più di una puntata (e a maggior ragione una serie) va sotto la dicitura fiction, tutto qui. No, il genere non cambia nulla, sempre fiction resta.
  • Discussione Galbo • 28/06/22 12:21
    Consigliere massimo - 3920 interventi
    Uscita la seconda stagione, anno 2022