Oltre ogni limite

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

E’ impossibile parlare di Farrah Fawcett senza rivederla mentalmente in azione con le Charlie's Angels (specie se anche qui le sue compagne di avventura e appartamento sono due donne), eppure con EXTREMITIES l’ex Angelo di Charlie ha saputo dare di sé un'immagine completamente diversa. Ancora donna volitiva e d'azione, dal carattere risoluto, ma questa volta in un ruolo che - almeno nella prima parte - è quello della vittima. A seguirne le tracce per tentare due volte di stuprarla è un giovane padre di famiglia (James Russo) evidentemente non troppo felice della propria vita. La prima volta lei scappa, la seconda il duello si prolungherà per un bel po' diventando...Leggi tutto il momento centrale del film. Assalita in casa, la Fawcett si trasformerà da vittima in carnefice secondo le regole del cinema “rape & revenge”, con l'appartamento che sostituisce il set della pièce di William Mastrosimone dalla quale il film è tratto. Ad interpretarlo sono stati chiamati gli stessi protagonisti di Broadway (Russo e la Fawcett, appunto) che infatti dimostrano di conoscere benissimo i ruoli dando all’opera il necessario clima di verismo. L’arrivo in casa delle due compagne d’appartamento amplia le possibilità della sceneggiatura, che tuttavia resta ferma alla superficie senza mai uscire dalla banalità di dialoghi prevedibili, cui l'espressività della Fawcett non basta a conferire spessore. La regia anonima di Robert M. Young, che dovrebbe provare a farci dimenticare l'origine teatrale del soggetto, si rivela statica e lima troppo il sesso e la violenza. Il tema e lo svolgimento sono coraggiosi (ma il VM18 è eccessivo), la conduzione deficitaria.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 9/10/07 09:06 - 2763 commenti

I gusti di Caesars

Farrah Fawcett, purtroppo per lei, rimmarrà per sempre legata al ruolo interpretato nei telefilm della serie "Charlie's Angels". Ogni tentativo di lanciarla cinematograficamente non ha avuto successo ed è un peccato, perché l'attrice, oltre ad essere bella, è pure brava. Lo dimostra anche in questo film diretto da Robert M. Young (il quale ha fatto deciasamente di meglio) dove praticamente regge la scena insieme a James Russo per tutta la durata della vicenda. Classica pellicola in cui la vittima si trasforma in carnefice; si lascia e vedere.

Lovejoy 22/10/08 18:17 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Una vicenda non nuova ma messa in scena con buon polso dal bravo Young e affidata al carisma di due interpreti particolarmente ispirati. In particolare, l'ottimo Russo nei panni del violentatore di turno. Questa probabilmente rimarrà la sua prova migliore (Poi finirà nel tremendo La Cintura). Non un capolavoro ma un buon film di genere da riscoprire.

Daidae 9/02/09 16:34 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Bello e impressionante. Un maniaco sessuale aggredisce per ben due volte una donna, ma alla seconda non gli andrà poi così bene.. Il film punta molto sulle scene di violenza e pare voler dare alla Fawcett la parte di una donna spietata: ottima la sua prova come quella di Russo. Finale così così.

Gestarsh99 31/08/10 13:49 - 1334 commenti

I gusti di Gestarsh99

Tra tutti i rapèn'revenge, il film di Robert Young è quello più marginalmente imparentabile al filone, dal momento che la violenza carnale e la relativa vendetta non vengono consumate. Una piccola opera minimalista che si regge tutta sulle due interpretazioni della Fawcett e di James Russo: l'una rabbiosamente rancorosa verso l'impotenza e l'insensibilità della giustizia, l'altro invece perfidamente approfittatore del menefreghismo delle leggi. Brutto calo di tensione nella seconda parte, con un finale incollato buonista ed intrinsecamente edificante.

Luchi78 17/11/11 14:14 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Non esaltante questo rape & revenge praticamente incompleto, o meglio dotato di un finale non all'altezza del resto del film. Palpabile la tensione emotiva, resa alla perfezione dall'interpretazione dei due protagonisti (la Fawcett e Russo) senza inutili morbosità o scene particolarmente proibite. Il tutto scade quando entrano in scena le restanti amiche della vittima, scadendo troppo banalmente in situazioni melodrammatiche per chiudersi in un improbabile lieto fine. Peccato.

Buiomega71 30/10/11 22:46 - 2296 commenti

I gusti di Buiomega71

Piccolo gioiello del rape and revenge, forse la sua parte più realistica e "teatrale". Decisamente claustrofobico e tesissimo, un confronto psicologico tra vittima e carnefice che si ribalterà improvvisamente,invertendo le parti. Per nulla incline a violenza o a exploitation gratuita, ma pervaso da dialoghi costanti e, a volte, durissimi. Young realizza il suo capolavoro dando a Russo un alone di solitudine e misoginia non indifferenti e alla Fawcett una risolutezza e un carattere davvero sorprendenti. Inspiegabile il vm 18. Da recuperare.
MEMORABILE: La confessione della Scarwid sul suo stupro subito da ragazzina, da far accapponare la pelle; Russo alla Fawcett: "Togliti quel vestito, sembri una puttana".

Markus 26/04/12 08:23 - 3330 commenti

I gusti di Markus

Ennesimo tentativo di rilancio del volto-simbolo dell’emancipata donna americana Anni '70 (che purtroppo, oggi, dobbiamo definire "compianta", e non solo come tratto distintivo). Lo stupro, la violenza: una bella signora è nelle mani di un maniaco, dunque il tentativo estremo e claustrofobico di liberarsene. Il film semplicemente funziona perché attanagliante nella messa in scena e per l'ottima interpretazione della Fawcett. All'epoca (specie nei passaggi TV) ebbe ottimi consensi.

Fauno 6/10/13 19:55 - 1935 commenti

I gusti di Fauno

Il film non sarebbe particolarmente eccelso, ma recupera molto in quanto è saldo, breve, conciso. C'è poi la scena in cui il maniaco inizia a raccontar frottole e lei in un amen gli dà il suo avere fino a fargliela cantare giusta, che è semplicemente la fine del mondo... La rivalsa è totale. Quante volte si vorrebbe vedere far la stessa fine a chiunque sia marcio, in malafede fino al midollo, tanto da arrivare a negare l'evidenza più schietta? Il regista fa poi arrivare il lieto fine, ma questa volta si arranca davvero tanto per raggiungerlo...

Gabrius79 10/11/14 00:53 - 1206 commenti

I gusti di Gabrius79

Una credibile e intensa Farrah Fawcett è la protagonista di questo film claustrofobico e coinvolgente di un tentativo di stupro fra le mura domestiche. Un bravo James Russo ne è inizialmente il carnefice, anche se poi le parti si ribalteranno. Si resta col fiato sospeso per una buona parte del tempo.

Daniela 5/12/15 15:12 - 9636 commenti

I gusti di Daniela

Una donna riesce a sfuggire dall'aggressione da parte di un uomo mascherato ma questi, scoperta la sua identità, si introduce nella sua casa e la sottopone a torture fisiche e psicologiche fino a quando... Dimostra i suoi anni '80 nella colonna sonora e nelle acconciature, ma per il resto Young dirige un duetto teso come una corda di violino, privo di autocompiacimenti morbosi, ottimamente interpretato da James Russo, perfetto per la parte di psicopatico, e da Fawcett che, in un ruolo ben diverso da quelli abituali, offre una prova di sorprendente intensità drammatica.
MEMORABILE: La scena con la padella

Schramm 27/06/17 11:46 - 2450 commenti

I gusti di Schramm

Senza un vero e proprio rape (pur tentato due volte, ché perseverare, si sa…) al revenge non resta altra spettanza d’un processo a porte girevoli alle intenzioni dove vittima e carnefice si scambiano le parti del letto di chiodi. Young regala alla storia del cinema il più arrotato e arroventato dei kammerspiel: gioca a shanghai con fili scoperti e dita bagnate, senza mai passare la mascherina per l'ossigeno. Russo suona le free-jazzate trombe della psicopatia, la Fawcett risponde con campane interpretative a festa e a morto a un tempo. Una trasvolata da fare reggendosi agli appositi sostegni.

Cotola 5/08/17 10:55 - 7613 commenti

I gusti di Cotola

Di stupri, vendette e "processi" sommari è piena la storia del cinema. Eppure il film sa fare il suo lavoro e gli va dato in primo luogo il merito di mantenersi sobrio, di non esagerare in violenza, e sappiamo benissimo che, visto il contesto, avrebbe potuto. Se poi si chiude gli occhi su una certa illogicità di alcuni particolari importanti (la porta aperta, tanto per fare un esempio) e su un finale blando, ci si può godere un piccolo gioiellino ben realizzato che ha un'ultima parte spiazzante e convincente. Buona la prova del cast: io ho preferito Russo alla Fawcett.

Rambo90 22/06/20 17:51 - 6429 commenti

I gusti di Rambo90

Un buon thriller. In particolare è molto interessante la seconda parte, in cui a seguito di una classica intrusione casalinga con tentata violenza si passa ad un processo alle intenzioni con le amiche che non sanno se credere o meno alla protagonista. Molto brava la Fawcett, lontana dai suoi ruoli televisivi che l'hanno resa famosa, un po' compassata ed esasperata dalla situazione. Molto tesi alcuni momenti finali, regia di routine ma funzionale alla trama. Da vedere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Buiomega71 • 3/12/14 16:59
    Pianificazione e progetti - 22097 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (18 ottobre 1989) di Oltre ogni limite: