LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/10/15 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 7/10/15 16:44 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Se davvero l'ha diretto lui, Pastore verrà sempre ricordato come regista del cult Sette scialli di seta gialla; qui invece aderisce ai tòpoi della commedia alla siciliana - dalla vedova inconsolabile al padrino italo-americano - con una debole svolta avventurosa finale in quel di Marsiglia. La Lenzi ha modo di esibire più volte il prosperoso décolleté, mentre Cerusico e Urzì se la cavano con la consueta professionalità; tra i caratteristi si distingue Sorrentino nel suo breve siparietto di notaro arrapato e affetto da lombaggine.
MEMORABILE: Fangareggi postino che si annuncia a colpi di fucile; il discorso del sindaco mafioso (Ardia) sul cambio del segno zodiacale; dal notaro.

Panza 25/10/15 12:58 - 1506 commenti

I gusti di Panza

La filmografia di Sergio Pastore rimane uno dei grandi misteri del cinema di genere italiano. Autore di una manciata di titoli dei generi più disparati, qui si cimenta nel filone della commedia erotica. Trama singolare, qualche battuta centrata, ambientazioni ben curate, una certa bizzarria di fondo, ma non c'è niente che non si sia già visto in altri film coevi. Il codazzo francese nel finale (con cameo di Sylvia Koscina!) è abbastanza tirato per le lunghe e fa calare decisamente il ritmo, che nella prima parte era accettabile.

Giacomovie 5/03/20 22:45 - 1355 commenti

I gusti di Giacomovie

La mafia fa sparire Oreste, il marito della procace Concetta, alla quale non mancheranno di certo altri pretendenti. Film di sostanza quasi nulla che sfrutta qualche luogo comune sulla mafia, sulla cultura siciliana e qualche flash erotico per un tentativo di intrattenimento che si rivela inconsistente, facendo arrivare con una certa fatica a concludere la visione.

Ronax 20/05/20 01:59 - 921 commenti

I gusti di Ronax

Oltre alla sua inseparabile musa, Pastore riesce a mettere in campo un discreto parco attoriale che comprende un cameo di Sylva Koscina, un cast tecnico di buon livello e un budget meno risicato del solito che gli consente anche una trasferta a Marsiglia. Peccato che sprechi il tutto per un'inutile farsaccia in cui allinea tutti i peggiori luoghi comuni di ambiente siculo, fra vedove vogliose e mafiosi da operetta, toccando il fondo con un finale a torte in faccia. Si guadagna il mezzo pallino in più solo per il generoso decolletè della Lenzi.
MEMORABILE: Gli arredi della casa marsigliese di Cerusico.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Panza • 25/10/15 19:58
    Contratto a progetto - 4960 interventi
    La canzone dei titoli di testa è Inquieto amore di Pino La Licata.