LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Tarabas 13/04/09 17:40 - 1716 commenti

I gusti di Tarabas

L'inizio è folgorante, per quanto guastato da uno stacco che mira a presentare la star Delon. Ottima la rapina da cui prende il via la storia, notevole il cast, ottima la messa in scena. La sceneggiatura (dello stesso Melville) non è impeccabile e ha parecchi buchi, ma il film ha qualità visive (la stilizzazione tipica della fase matura del regista) che ne riscattano i limiti di struttura. Peccato per la "super-rapina" in elicottero fatta coi modellini.
MEMORABILE: La sequenza iniziale sarebbe magnifica, se non ci fossero i quadri neri dei titoli e l'inserto con Delon.

Renato 30/05/09 11:18 - 1590 commenti

I gusti di Renato

Certo non tutto funziona a dovere, ma nel complesso è un buon film: nero, cupo e con scene d'azione magistralmente costruite e montate. Con un ottimo cast (grandioso Riccardo Cucciolla in particolare) e purtroppo qualche scivolata, come nella scena dei modellini del treno e dell'elicottero, francamente ai limiti del ridicolo per motivi di budget. Qualche passaggio non è propriamente a fuoco, ma l'atmosfera c'è tutta. Ultimo film di Melville, purtroppo.

Cotola 8/03/11 23:20 - 7603 commenti

I gusti di Cotola

L'ultimo film di Melville è un noir diretto nel suo solito stile: dialoghi ridotti all'osso e lunghe scene d'azione, quasi mute, girate (ovviamente) benissimo e di grande impatto. In particolare quella iniziale della rapina ma anche quella del furto in treno (che a mio avviso ha ispirato tanti giocattoloni americani d'azione) non è male. La storia è un pò la solita con sviluppi narrativi prevedibili. Ma a mancare sono un pò le emozioni e, forse, anche la scelta di Delon nel ruolo del commissario non ha pagato.

Homesick 27/02/12 17:44 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Con la sua faccia imbambolata che lo rende improbabile come commissario spiccio e malinconico, Delon è senz’altro fuori posto, ma a decidere le sorti del film è la regia di Melville: il suo noir sfuma in un rorido grigio crepuscolare e compone tese sequenze di maestria tecnica (l’incipit, la rapina in banca e quella sul vagone letto) con i dialoghi per lo più sostituiti dai rumori di fondo o dalla colonna sonora. Il nostro Cucciolla, impiegato di banca datosi al crimine in seguito al licenziamento, si accorda ai vari personaggi “politici” da lui più volte interpretati.
MEMORABILE: La calamita che fa girare la chiave;la reazione di Cucciolla all’arrivo della polizia; l’incontro finale tra Delon e Crenna.

Daidae 14/04/12 02:01 - 2761 commenti

I gusti di Daidae

Ultimo film di Melville, regista che ho apprezzato ne I senza nome e Frank Costello faccia d'angelo, ma questo l'ho trovato di una noia mortale, con poche idee, lentissimo e con un Alain Delon davvero poco espressivo in una delle sue interpetazioni meno riuscite. Anche il resto del cast non brilla. Si poteva fare di molto meglio.
MEMORABILE: L'inizio lascia ben sperare, ma poi..

Fauno 30/07/12 09:54 - 1934 commenti

I gusti di Fauno

Per quanto nel ruolo di una mente criminale, è infinitamente più azzeccato Crenna di uno spento commissario Delon. Anche il solito Cucciolla scalognato e la bella Deneuve opportunista non scaldano i motori di un film che non decolla, che è molto espressivo e poco parlato, anche se è una caratteristica di Melville. Buono però il bluff della sottrazione delle valigie sul treno mediante un elicottero e molto umano il perdono di Delon ad un trans, reo di non aver dato l'informazione giusta.

Il Dandi 11/12/13 01:53 - 1842 commenti

I gusti di Il Dandi

Ben prima della fortunata saga di De Cataldo ci aveva già pensato il buon vecchio Melville al triangolo che vede un bandito di classe e un determinato commissario dividersi una donna ambigua e bellissima. L'ultimo film del Maestro non è il migliore, ma contiene un paio di blocchi da antologia (la rapina iniziale e quella sul treno). Straniante vedere Delon vestire, per una volta, i panni dello "sbirro": del resto "Flic", il titolo originale, è un vocabolo dispregiativo e il suo confronto con l'informatore trans è una delle scene più toccanti.
MEMORABILE: Delon ripete la frase dei titoli di testa: "L'unico sentimento che un uomo abbia mai ispirato a un poliziotto è l'ambiguità o la derisione"

Galbo 13/07/14 07:40 - 11445 commenti

I gusti di Galbo

Luci ed ombre in questo noir di Jean Pierre Melville, peraltro il suo ultimo film. Lo stile delle riprese è senz'altro encomiabile anche se è a volte autocompiaciuto e patisce una lentezza eccessiva. La storia (sia quella criminale che quella riguardante il triangolo amoroso) non è molto originale, ma risente positivamente del contributo di un gruppo di ottimi attori (anche Delon convince nel complesso). Da dimenticare gli effetti speciali.

Nicola81 19/08/14 19:31 - 2002 commenti

I gusti di Nicola81

Ultimo film di Melville e come congedo poteva essere migliore. Lo stile è quello dei suoi lavori precedenti, ma la profondità no e la noia si fa sentire, nonostante l'innegabile maestria di sequenze come quella iniziale della rapina in banca e quella del treno. Bravi Crenna e Cucciolla, Delon troppo giovane e affascinante per essere credibile nei panni del poliziotto cinico e disilluso, la Deneuve è solo un nome di richiamo sulla locandina nonché la conferma della difficoltà di questo regista a costruire personaggi femminili di rilievo.

Lythops 17/05/15 16:40 - 975 commenti

I gusti di Lythops

Visto oggi sembra una grande lezione di cinema. Allora, quando il noir francese era sacro e tutti accorrevano, era normale visto che le lunghe sequenze senza una parola non dico che erano la norma, ma non meravigliavano nessuno (anzi, l'azione la si viveva di più). Il film è cupo, notturno, con un Delon che svolge freddamente la routine del proprio lavoro, grande nell'affrontare il proprio compito quasi inevitabilmente annoiato. Lui e Paul Crochet riescono ad affossare tutti gli altri, Deneuve compresa. Ultimo film di Melville. Che peccato.

Alex1988 17/07/15 18:21 - 665 commenti

I gusti di Alex1988

E' vero, Melville non è per un pubblico omogeneo; il suo è un cinema secco, asciutto, fatto di pochi dialoghi e musica, difficilmente digeribile in quanto a ritmo e questa sua ultima opera ne è la prova. Ma è stupendo nel raffigurare una Parigi sempre cupa e nuvolosa e sempre attento nei dettagli (vedi tutta la scena del treno). Quanto agli attori, fanno tutti la loro parte senza strafare.

Nando 20/11/15 18:09 - 3495 commenti

I gusti di Nando

L'ultima pellicola del maestro Melville, che da lì a un anno ci avrebbe lasciato per sempre. Un noir classico con atmosfere plumbee e un intreccio amoroso. Inizio folgorante, poi qualche momento lievemente prolisso; ma globalmente la pellicola è godibile, avvalendosi di un discreto Delon, una bellissima Deneuve, un anonimo Crenna e un sofferente ma bravissimo Cucciolla.

Maik271 26/03/18 21:28 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Simpatico questo noir francese con il belloccio Delon nei panni di un commissario sulle tracce di una banda di rapinatori. L'incipit sul lungo mare di Saint Jean de Monts con vista sull'Atlantico è notevole, poi lo svolgimento della storia si sposta a Parigi; un film ben diretto e interpretato, con un buon cast. Alcuni effetti speciali mi hanno ricordato quelli del nostro Margheriti, per cui un punto a suo favore. Tutto sommato non male.

Parsifal68 15/02/17 17:27 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Quattro uomini rapinano una banca. Il colpo serve per finanziarne uno di più grossa entità, ma sulle loro tracce vi è un tenace commissario. L'ultimo lavoro del controverso regista Melville è un noir che non soddisfa appieno e denso di momenti di stanca. Troppo frammentario e disordinato nella prima parte quanto sbrigativo nella seconda. Esasperatamente lento in certe scene (la svestizione di Crenna in treno), il regista perde troppo tempo e non riesce ad approfondire i personaggi che sono interpretati da grandi attori mal utilizzati.

Daniela 9/10/17 21:57 - 9624 commenti

I gusti di Daniela

Quattro uomini mettono a segno un colpo in banca con l'intenzione di finanziare con il bottino un colpo ancora più grosso, ma un commissario si mette sulle loro tracce... Melville si congeda dal cinema con un film non molto originale nella trama ma pregevole nella messa in scena in cui le sequenze migliori sono quelle d'azione, quasi mute e orchestrate con precisioni millimetrica. Buona nel complesso la prova del cast internazionale, anche se Delon è troppo giovane e glamour per il ruolo di poliziotto scafato. Bella la resa dei conti finale.
MEMORABILE: Elicottero e treno: realizzazione molto modesta dal punto di vista degli effetti speciali ma grande idea

Faggi 11/11/17 19:17 - 1508 commenti

I gusti di Faggi

La rapina, il crimine; le loro geometrie, sanguinarie o cristalline; la loro cinegenia non scontata. Un poliziotto (asciutto il titolo originale), che è prima di tutto un uomo; la donna fatale, ambigua e tagliente; la rarefazione oggettivante delle atmosfere: cupe, notturne, malinconiche; i tempi dilatati con cognizione di causa, la sospensione dei dialoghi che evidenzia le azioni, specialmente quelle minime; gli stati d'animo evocati con le immagini. Melville colpisce ancora; e ci consegna il suo ultimo, non perfetto ma sensibile polar.

Lucius 17/12/17 08:43 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Appena passabile, nonostante l'ottimo incipit lasciasse presagire un miglior seguito. Delon sempre in grado di calamitare l'attenzione è forse l'unico motivo di interesse in una pellicola che fa uso di effetti speciali dilettanteschi. La sceneggiatura appena abbozzata va di pari passo con una messa in scena mediocre. Qualche passaggio suggestivo qua e là, grazie alla fotografia ombrosa, ma nel complesso una tappa all'acqua e sapone nella filmografia di Melville.

Rocchiola 30/12/18 18:26 - 878 commenti

I gusti di Rocchiola

L'addio al cinema di Melville appare oggi piuttosto fiacco e raffazzonato. Il film sembra la versione brutta dei Senza nome con un finale copiato da Frank Costello. Sceneggiatura ai minimi storici incapace di dare spessore ai personaggi. Cast sprecato con la Deneuve che dice quattro frasi in tutto e un Delon spaesato. E poi dicono che questi film li fanno meglio gli americani... per forza, basta guardare la rapina in treno-elicottero fatta con i modellini. Si salvano Crenna e Conrad e la rapina iniziale alla banca girata in un clima di tempesta.
MEMORABILE: Gaby l'informatore travestito; La rapina inziale tutta silenzi e sguardi; Delon che suona malinconicamente il piano nel locale di Crenna.

Rufus68 22/07/19 00:08 - 3147 commenti

I gusti di Rufus68

Straordinari bagliori noir filtrano ancora fra le tapparelle di una sceneggiatura risaputa. Ciò che conta è lo stile; e i volti. La rapina iniziale rimane un capolavoro di stilizzazione difficilmente eguagliabile. E poi il volto di ciascun protagonista che vive come se fosse già condannato da un destino implacabile. E quindi il segreto di Melville: i silenzi. Non si può apprezzare in pieno se non esiste il vuoto con cui confrontarlo: in tale metafisica sospensione consiste "lo" stile. Ottimo Cucciolla, Delon troppo glam, ma va bene lo stesso.

Keyser3 23/04/20 17:53 - 130 commenti

I gusti di Keyser3

Deludente e tedioso commiato del grande Melville, che spreca un cast invero ben nutrito (Delon, Crenna, Cucciolla, Crauchet, la Deneuve, qui algida più che mai). Il regista cita sé stesso (l'interminabile e artificiosa sequenza senza dialoghi sul treno), ma lo spessore è ben altro; l'introspezione psicologica dei personaggi, uno dei punti forti del maestro del polar, è praticamente assente. Elegante la fotografia, con toni freddi e predominanza del blu, che restituiscono un effetto di notte perenne.
MEMORABILE: "Lo scetticismo rende scettici".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rocchiola • 30/12/18 18:30
    Call center Davinotti - 1152 interventi
    Reperibile ormai a prezzi stracciati il DVD della 01 Distribution è discreto. L'immagine presentata nel corretto formato panoramico 1.85 è piuttosto pulita anche se non molto incisiva sotto il profilo della definizione. L'audio dual mono 2.0 è molto potente e discretamente chiaro. Anche se il film non è granché, chi volesse comunque dargli un'occhiata, trova un prodotto economico e dalla buona resa generale.
    Ultima modifica: 30/12/18 20:16 da Zender