Non guardare in cantina

Media utenti
Titolo originale: The Forgotten
Anno: 1973
Genere: horror (colore)
Note: Aka "Don't look in the basement", "Death Ward #13" ma non "Non guardate in cantina". Seguito da "Don't Look in the Basement 2" (2015).
Numero commenti presenti: 16

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/12/07 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 7/12/07 21:45 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Interessante metàfora sulla crisi delle istituzioni, nello specifico di quella medico/ospedaliera. La clinica psichiatrica all'interno della quale è stata assunta Charlotte (Rosie Holotik), è al centro di una serie di misteriosi incidenti che coinvolgono sia il personale medico che quello degente: accettate alle spalle, lingue mozzate, punteruoli negli occhi, cadaveri sfigurati e nascosti in uno sgabuzzino. L'origine della violenza risiede all'interno della struttura, ed è cagionata dallo scambio di ruolo tra una psicolabile e una dottoressa.

Cotola 1/02/09 17:42 - 7556 commenti

I gusti di Cotola

Horror solo parzialemente riuscito (con qualche cliché di troppo) e che alterna momenti di stanca ad altri decisamente più riusciti. Pur non essendo un classico film di genere, si lascia guardare con piacere e senza particolari intoppi. L'ultima scena ricorda non poco il finale di Maniac.

Herrkinski 7/05/10 22:57 - 5202 commenti

I gusti di Herrkinski

Lo spunto iniziale e l'ambientazione promettevano bene, oltre ad essere tutto sommato innovativi per il genere; purtroppo non vengono sfruttati a dovere e il film nel complesso risulta solo discreto. Buona la prova del cast (soprattutto di Bill McGhee), che bene impersona i malati mentali senza andare sopra le righe o risultare ridicoli. Qualche buon momento di tensione c'è e anche un pizzico di sangue, ma spesso e volentieri è la noia a farla da padrona, specialmente nella prima parte; l'atmosfera desolata (e desolante) però è efficace.

Deepred89 1/07/11 19:48 - 3292 commenti

I gusti di Deepred89

Filmettino grindhouse ambientato interamente in una clinica psichiatrica. Molto lento e piuttosto privo di idee nella prima ora (discreto prologo a parte), riesce a riscattarsi nei buoni 25 minuti finali, piuttosto coinvolgenti e muniti di una discreta atmosfera exploitation, assente nel resto del film (se si esclude qualche timidissimo nudo o un paio di omicidi). Confezione corretta, cast passabile (anche se non manca qualche attore un po' catatonico), ma il film, finale a parte, non ha molti motivi per essere visto. Per appassionati.

Ciavazzaro 26/11/13 21:49 - 4765 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Buon thrillerino pre-slasher con la bella atmosfera dei 70's. Il cast pur non eccellendo risulta essere non mediocre e assai adeguato per il clima del film. L'atmosfera è clautstrofobica e malsana e non può non essere citato il sanguinosissimo finale, una gioia per gli appassionati del sangue. Chi ama il genere si divertirà, ma anche gli altri diano un'occhiata.
MEMORABILE: Il massacro finale.

Homesick 27/02/15 08:16 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Nonostante l'unità di luogo e le sue caratteristiche (un ospedale psichiatrico), l'attesa tensione claustrofobica non viene mai inoculata e la torpida sceneggiatura trascorre la quasi totalità del tempo a passare in rassegna i vari stereotipi degli internati (il bambinone, la ninfomane, il demente, la vecchia visionaria, l'ex giudice, il militare traumatizzato...), scuotendosi con qualche colpo slasher e urla lancinanti. Negli ultimi minuti di follia collettiva il sangue schizza copioso, ma l'interesse è andato scemando molto prima: in un simile contesto ci voleva un regista come Pete Walker.
MEMORABILE: La vecchia senza lingua; i discorsi dell'ex giudice.

John trent 3/04/15 16:03 - 326 commenti

I gusti di John trent

Sorprendente filmetto a basso costo dall'atmosfera malsana e morbosa. L'ambientazione in una clinica psichiatrica dove un paziente uccide un dottore con un ascia nei primi minuti è un ottimo viatico per 90 minuti tesi e angoscianti. La giovane dottoressa che giungerà dopo poco verrà letteralmente catapultata in un inferno. Il finale sanguinosissimo e feroce conclude poi in maniera perfetta questo autentico viaggio nella follia e nel delirio. Consigliato.
MEMORABILE: I monologhi del "giudice"; Gli avvertimenti della vecchietta con la lingua mozzata; Il finale.

Lucius 5/06/15 15:35 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Bisogna riconoscere che nonostante il basso budget il film è in grado di coinvolgere e di lasciare appiccicata addosso una forte angoscia, funzionale alla messa in scena, angoscia che poche pellicole sanno trasmettere. In questo il film si può dire riuscito. Allo stesso tempo, come arma a doppio taglio, la cosa fa sì che uno prima di rivederselo ci pensi non due, ma tre volte. Exploitation scarna e delirio serviti su un vassoio di latta, buone idee e buon soggetto, che avrebbe meritato un budget più consistente.

Myvincent 24/12/16 08:46 - 2575 commenti

I gusti di Myvincent

Una specie di Qualcuno volò sul nido del cuculo in salsa horror-slasher con quel tanto di trash da renderlo indigesto. Buona l'idea di descrivere il manicomio come regno isolato, fuori dal mondo e incontrollato. Peccato per la discontinuità dei dialoghi e per la trama stiracchiata. Finale come cento altri e senza fantasia.

Fedeerra 12/12/17 05:59 - 433 commenti

I gusti di Fedeerra

Posseduto da un parterre di personaggi davvero malati, morbosi e ambigui, "Non guardare in cantina" è il grindhouse che ti aspetti: sgangherato ma sincero, eccessivo ma con un retrogusto realistico. Macelleria d'alta classe, con asce, siringhe, coltelli e persino bambole usate come armi contundenti. L'ambiente ospedaliero/psichiatrico fa il resto. Finale dal climax claustrofobico e spaventoso.

Caesars 18/12/18 11:54 - 2723 commenti

I gusti di Caesars

Il giudizio, a distanza di tanti anni, non cambia rispetto alla prima visione: poco riuscito e abbastanza noioso, anche se qualcosina funziona. La storia è poco interessante, proponendo una serie di illogicità (far usare liberamente un'ascia in un manicomio non pare propriamente un'ottima idea...) e di personaggi stereotipati, ma l'atmosfera è discreta e l'aria di ultra low-budget fa guardare all'opera con un pizzico di benevolenza. Il cast attoriale non fa certo gridare al miracolo ma tutto sommato non è neanche indecente.

Berto88fi 5/03/19 10:07 - 199 commenti

I gusti di Berto88fi

Thrillerino ambientato in una clinica psichiatrica (con le porte senza serrature) dove un dottore applica la teoria dello "sviluppo delle ossessioni", lasciando quindi libero sfogo agli atteggiamenti violenti dei pazienti. Confezione rudimentale (regia approssimativa, effetti sonori incerti), trama che arranca nella parte centrale; gradevole atmosfera seventies malsana e curiosi personaggi ambigui, finale divertente nella sua follia. Per essere un "poveristico", non male.
MEMORABILE: Il dialogo tra il giudice, la vecchia signora e il tecnico del telefono.

Daniela 13/01/20 02:24 - 9518 commenti

I gusti di Daniela

Direttore di clinica psichiatrica probabilmente laureato al CEPU sperimenta con un paziente una cura che prevede l'uso di un'ascia per sfogare le pulsioni violente. Tempo pochi minuti ed il matto lo accetta a morte... Un promettente inizio demenziale, a cui però fa seguito un horror ospedaliero piuttosto moscio, oltre che fitto di stereotipi, che favorirebbe la penichella se i personaggi urlassero meno forte. Il regista sembra darsi una mossa grandguignolesca verso l'epilogo, senza però riscattare dalla mediocrità questo simil-splatter volenteroso ma pasticciato.

Siska80 23/09/20 12:36 - 747 commenti

I gusti di Siska80

Splatter con punte esilaranti di grottesco (la ninfomane che si strappa i vestiti come Bruce Banner quando si arrabbia) che ha tuttavia ispirato film migliori (l'ambientazione in un manicomio e l'omicidio compiuto dal taglialegna li ritroveremo in Venerdì 13: il terrore continua, la sequenza sotto la pioggia in Suspiria di Argento), una suspense che cresce gradualmente, un cast in parte e un finale delirante con un bel colpo di scena. Avvincente nonostante le assurdità (la Polizia che non chiude la clinica dopo i primi due delitti, l'infermiera che non si decide a mollare tutto).
MEMORABILE: Tutti contro uno come ne Il giorno degli zombi di Romero.

Anthonyvm 6/10/20 15:34 - 2025 commenti

I gusti di Anthonyvm

Piccolo esemplare di exploitation anni '70, memorabile più per il titolo (con il "Don't..." tipico di molti horror a seguire) e per la tagline ("È solo un film... solo un film...", presa in prestito da L'ultima casa a sinistra) che per i contenuti. In effetti, a parte la grana rozza e sleazy, c'è poco di davvero accattivante: la prima noiosa parte è dedicata alla routine del manicomio (con tanto di dottoressa tiranna che porta alla mente il nido del cuculo), il finale si rianima (e culmina in un massacro che sta fra La bestia uccide a sangue freddo e Maniac), ma ormai è un po' tardi.
MEMORABILE: L'omicidio con l'ascia; I primi piani over-the-top sulla vecchia; La vecchia con la lingua strappata; La paziente licenziosa; Lo spillone nell'occhio.

Fauno 13/10/20 01:02 - 1927 commenti

I gusti di Fauno

Stuzzicante e fantastico come immediatezza, anche perché per quanto ci sia qualcosa di marcio non si crederebbe mai di pervenire a un putridume così estremo. Poco didattico nel suo genere (clinica psichiatrica), a differenza del cuculo mondiale, ma assai più realistico, incisivo e spietato, tanto che alla fine i tappi di spumante granguignolesco saltano all'unisono. Certo che il più pazzo di tutti è il giudice con l'ascia, ma anche il fulvo ricciolino sembra il folletto dei più terribili incubi dell'infanzia e la paziente ninfomane rende un'acqua di rose la Neri nel medesimo ruolo.
MEMORABILE: Il "momento perfetto".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Buiomega71 • 30/01/15 18:40
    Pianificazione e progetti - 22008 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Credo che la notizia farà gioire più di uno.
    Leggo sul forum di Nocturno che il 18 marzo dovrebbe uscire il dvd di questo film, edito da Cult Media
    http://forum.nocturno.it/index.php?topic=33344.0


    STRAORDINARIA NOTIZIA, Caesars, grazie mille!

    FINALMENTE! Si potrà così snobbare la proibitiva vhs della Cvr (unico supporto, fin'ora, per gustarlo in italiano) e metterò in soffitta il dvd inglese (che pagai una bazzecola, ma con SOLO l'audio inglese)
    Ultima modifica: 30/01/15 18:44 da Buiomega71
  • Homevideo Buiomega71 • 30/01/15 19:13
    Pianificazione e progetti - 22008 interventi
    E UFFICIALE! In dvd per Cult Media, disponibile dal 18/03/2015

    http://www.amazon.it/Non-Guardare-Cantina-Camilla-Carr/dp/B00SW03YLM/ref=sr_1_517?s=dvd&ie=UTF8&qid=1422641559&sr=1-517
  • Homevideo John trent • 3/04/15 16:04
    Servizio caffè - 511 interventi
    Dvd in 4:3 full frame dalla qualità piuttosto mediocre.
  • Homevideo Didda23 • 3/04/15 17:15
    Comunicazione esterna - 5721 interventi
    Grazie dell'informazione!
  • Homevideo Buiomega71 • 3/04/15 17:20
    Pianificazione e progetti - 22008 interventi
    L'ho messo a confronto con il dvd inglese della Elstreel Hill. La qualità e pressapoco la medesima...
  • Homevideo John trent • 5/04/15 23:53
    Servizio caffè - 511 interventi
    Dvd Kult media
    Durata 1h 29' 19"
    minuto 11:06

    Ultima modifica: 6/04/15 08:19 da Zender
  • Discussione Caesars • 27/05/15 09:05
    Scrivano - 10999 interventi
    Aggiungerei negli aka anche il titolo "Don't look in the basement" (titolo con cui credo uscì in UK e in riedizione in USA)
  • Discussione Zender • 27/05/15 09:17
    Consigliere - 43611 interventi
    D'accordo, aggiunto.
  • Discussione Caesars • 18/12/18 13:30
    Scrivano - 10999 interventi
    Scopro solo oggi che nel 2015 Tony Brownrigg, figlio del regista del film originale, ne ha diretto un sequel intitolato "Don't Look in the Basement 2".
    Tra le interpreti di questa pellicola anche Dawn McGhee, figlia di quel Bill McGhee che appariva nella pellicola di S.F. Brownrigg, e Camilla Carr già interprete della pellicola originale.

    Inoltre attualmente dovrebbe essere in fase di pre-produzione (chissà se uscira mai?) un remake de Non guardare in cantina, intitolato Death Ward 13 (uno dei titoli alternativi della pellicola originale era Death Ward #13)
    Ultima modifica: 18/12/18 13:41 da Caesars
  • Homevideo Caesars • 18/12/18 13:50
    Scrivano - 10999 interventi
    Se a qualcuno interessasse, in USA è stato editato in bluray (però solo regione A/1, quindi non leggibile con lettori europei) in copia con il sequel diretto dal figlio di S.F. Browrigg.
    Si trova, ad esempio, qui:

    https://www.amazon.it/DonT-Look-Basement-Edizione-Stati/dp/B06VVBWBTH/ref=sr_1_4?s=dvd&ie=UTF8&qid=1545140687&sr=1-4&keywords=S.F.+Brownrigg
    Ultima modifica: 18/12/18 14:46 da Caesars