Noi due sconosciuti

Media utenti
Titolo originale: Strangers when we meet
Anno: 1960
Genere: sentimentale (colore)
Note: Scheneggiato da Evan Hunter a partire da un suo best seller.
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/05/11 DAL BENEMERITO ATTICUS85
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Atticus85 18/05/11 09:21 - 107 commenti

I gusti di Atticus85

Splendido melodramma che all'epoca fece scandalo per il resoconto senza filtri di una relazione extraconiugale nell'America puritana e bacchettona. Grande pathos e struggente senso del reale per un film lungamente sottovalutato che riesce ancora oggi a parlare dell'ipocrisia sociale con grande forza drammatica. Forse il miglior film di Quine, che qui dirige la sua compagna Kim Novak in uno dei ruoli più belli e intensi della sua carriera e un Douglas davvero impeccabile. Straordinario il lavoro sul colore.
MEMORABILE: La confessione della violenza sessuale di Maggie e il finale struggente.

Saintgifts 27/07/15 12:09 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Una storia di infedeltà, dove l'amore prenderà il sopravvento, è il tramite per fotografare l'America fine anni cinquanta, il suo sogno, le sue ipocrisie, ma anche un'umanità che si trova disorientata di fronte a scelte che infrangono le regole della società cosiddetta moderna, che tenta, invano naturalmente, di controllarne anche i sentimenti. Una buona e discretamente approfondita sceneggiatura mette in campo tutti gli elementi per dare forza al dramma sentimentale, che trova negli interpreti (e non solo in quelli principali) i giusti volti.

Daniela 22/12/16 10:56 - 9370 commenti

I gusti di Daniela

Entrambi sposati con prole, ma lui è un architetto ambizioso che non si sente compreso dalla moglie acidina, lei una casalinga inquieta trascurata dal marito poco passionale, donde ippericiò... Confezione impeccabile (fotografia sgargiante, colonna sonora esortativa) e buona prova del cast, ad eccezione di Novak, bellissima ma auto-commiserativa ai confini della lagna Se il risultato non va oltre il fotoromanzo per signore con tormenti di routine, la colpa è di una sceneggiatura banale che l'onesto Quine dirige diligentemente ma senza l'estro che avrebbe potuto elevarla alla sirk-potenza.
MEMORABILE: Novak racconta di quella volta che un camionista.... (ma dai, a chi vuol darla a bere?); Matthau ci prova con la moglie dell'amico

Paulaster 1/07/20 09:06 - 2773 commenti

I gusti di Paulaster

Architetto di successo vive una relazione clandestina. Sceneggiatura classica con tradimento matrimoniale tra approccio, emozione di coppia e drastica decisione. Sia i momenti romantici che quelli turbolenti sono vissuti con la giusta dose d'enfasi (come il finale). Ben delineati i personaggi con Douglas nei panni del professionista riflessivo, la Novak cui tocca il ruolo della tiramolla e Matthau notevole come cinico profittatore. Lievi ammiccamenti sessuali che si risolvono al massimo in un paio di schiene nude.
MEMORABILE: La frase "Ti amo" sul foglio poi gettato; Matthau che ci prova con la moglie di Douglas; La visita alla casa finita.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Lucius • 4/01/15 13:12
    Scrivano - 8326 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale italiano:

    Ultima modifica: 4/01/15 16:41 da Zender
  • Homevideo Digital • 21/03/17 08:15
    Segretario - 3035 interventi
    Dvd Golem disponibile dal 19/05/2017.