LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Caotico thriller di quelli in cui regista e montatore pare si accordino per rendere meno chiaro possibile il procedere dell'azione, già penalizzati dall'implausibilità delle situazioni e la debolezza dell'intreccio, che in più di un'occasione lascia interdetti per la sfacciataggine con cui propone svolte improbabili e personaggi al limite del ridicolo. Che dire ad esempio della coppia composta da padre (Kingsley) e figlia con lui, giudice in pensione, che gira la città utilizzando la ragazzina per adescare maniaci sessuali? Lei di norma porta il predatore in una camera e lo fa spogliare fino all'arrivo improvviso di papà, che lega al letto la vittima, la addormenta e la castra! La polizia,...Leggi tutto pur al corrente dell'insolita attività del pensionato, lo lascia agire come si stesse dedicando a un innocuo passatempo e, quando la figlia finisce nelle grinfie di un killer particolarmente ricercato, l'agente Superman (nel senso che è proprio Henry Cavill, l'attuale corpulento Clark Kent della saga DC) entra nella casa in cui il maniaco la tiene segregata assieme ad altre poverette e la libera. La polizia si trova così per le mani uno psicopatico in piena regola (Fletcher), di quelli altamente schizzati che perlopiù tacciono con gli occhi fuori dalla testa, bisbigliano e s'impauriscono; tocca alla psicologa Rachel (Daddario) cominciare a familiarizzare con lui nel tentativo di cavarci qualcosa. Storie che s'incrociano, personaggi di consistenza cartavelinica cui gli attori non sempre rendono un buon servizio: Cahill ad esempio risulta qui anonimo e scialbo, Stanley Tucci commissario completamente sprecato in un ruolo marginale buono per una sfuriata e poco più, la Daddario costantemente alle prese col suo pazzerello che pare uccidere a distanza, visto che i poliziotti muoiono a grappoli, dopo il suo arresto; Kingsley infine coltiva con la figlia il rapporto più raffazzonato che si possa immaginare (lei oltretutto è sboccata, ribelle, insofferente e nemmeno si capisce perché). Buchi a ripetizione in sceneggiatura, ellissi che tocca impegnarsi a ricostruire per seguire una storia il cui interesse si rivela basso fino alla conclusione sul lago ghiacciato, testimonianza almeno di una certa ricerca stilistica supportata da un'ottima fotografia. I mezzi infatti c'erano, un cast di peso anche, ma la regia di David Raymond - che il film se l'è scritto da sé esentando altri da ogni colpa - proprio non funziona, persa nel disperato tentativo di agganciarsi al treno dei thriller da blockbuster all'americana cui si accoda formalmente senza tuttavia saperne cogliere lo spirito. Lo si capisce fin dall'inizio che qualcosa non quadra e la stessa sensazione prosegue fino ai titoli di coda, con picchi insopportabili durante gli insulsi dialoghi tra il protagonista e sua figlia, adolescente da questi cresciuta con dotti insegnamenti del tipo "Uomini uguale maiali".
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/10/20 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rambo90 24/11/20 16:16 - 6442 commenti

I gusti di Rambo90

Un thriller in cui le singole parti sono più interessanti di come sono state messe insieme. C'è una buona fotografia (soprattutto le scene notturne sul ghiaccio sono molto suggestive), un cast di livello, un inizio anche intrigante. Peccato che la sceneggiatura peschi a piene mani da altri film di genere e non riesca in fin dei conti ad appassionare quanto dovrebbe. Così come la regia risulta a volte troppo statica. Kingsley e Cavill si impegnano abbastanza, molto meno la Daddario e un Tucci sprecato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.