Nemicheamiche

Media utenti
Titolo originale: Stepmom
Anno: 1998
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Nemiche amiche".
Numero commenti presenti: 8

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/05/08 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 22/05/08 14:52 - 11350 commenti

I gusti di Galbo

Una coppia si separa e i figli di lui hanno un rapporto difficile con la nuova compagna del padre. Film dalle premesse non propriamente originali ma realizzato con indiscussa professionalità dall'esperto Chris Columbus che aiutato da una sceneggiatura piuttosto curata nella caratterizzazione dei personaggi e nell'indagare le dinamiche familiari, dirige con bravura un ottimo cast dove le due protagoniste (la Roberts e la Sarandon) sono affiancate da un efficace Ed Harris. Ottimo esempio di cinema di intrattenimento.

Renato 24/02/09 13:30 - 1534 commenti

I gusti di Renato

Confezione impeccabile, ma un tasso di ruffianeria che ho trovato francamente eccessivo in questo film di Chris Columbus. Il babbo si vuole risposare ma i due figli non sopportano la nuova matrigna? Nessun problema, tanto la madre vera sta morendo di cancro, quindi sotto con una bella riconciliazione generale in famiglia e "vai cor tango"! Fastidioso, per non dire di peggio... anche se, come detto, il tutto è portato avanti con buona tecnica.

Ciavazzaro 25/02/09 11:41 - 4759 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Insomma. Susan Sarandon cerca di sfruttare il suo talento d'attrice in un ruolo drammatico, ma non ci riesce. Julia Roberts offre un'interpretazione troppo stereotipata e il film, che ruota intorno al titolo (ex-moglie e nuova compagnia prima nemiche e poi alleate dopo la malattia della prima), risulta troppo melenso in certe parti e non riesce a creare buone scene drammatiche...

Stefania 3/03/11 19:26 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

C'è tutto un immaginario fiabesco (e dunque, universale e radicatissimo), legato alla figura della matrigna. Poi, c'è la realtà: la matrigna non è quasi mai né santa né strega: è una donna normale, che si assume un compito non facile. Questo film è abbastanza aderente alla realtà, non sfrutta polarizzazioni manichee, e racconta soprattutto una storia di complicità femminile. Spiace soltanto che si ricorra all'espediente strappacuore del male incurabile di Jackie. Perché due donne solidarizzino, a Hollywood, è proprio necessario che una delle due sia sul letto di morte?
MEMORABILE: La coppia Roberts-Sarandon, che oscura lo scialbissimo Ed Harris. Ma perché farne un personaggio tanto passivo?

Ale nkf 13/02/13 14:13 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Chris Columbus dirige un buon film drammatico che, nonostante le premesse non troppo entusiasmanti (un padre vuole risposarsi ma i figli non gradiscono la sua nuova compagna) si rivela apprezzabile. Una sceneggiatura più che discreta fa da sfondo a una storia incentrata sulle complicate vicende di una famiglia qualunque che vanta un cast di tutto rispetto con un'ottima interpretazione di Susan Sarandon e della Roberts, meno di Harris.

Cangaceiro 13/04/13 10:49 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Ci si aspettava un bel duello attoriale tra la carismatica Sarandon e la glamour Roberts. In realtà è un lungo e stantìo gioco delle parti, con dialoghi in punta di fioretto sempre uguali a loro stessi, scaramucce compensate subito dopo da prevedibili scene alla "volemose bene" e lieto (ma mica tanto) fine. Il male incurabile di una delle due spinge il film verso il pietismo più stomachevole, stile fiction italiana primi anni '90. Columbus omaggia con riconoscenza le riminiscenze culkiniane dando spazio alle diavolerie dell'antipatico bambino di turno.

Parsifal68 27/09/16 07:47 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Quando il padre si separa, i suoi due figli entrano in contrasto con la sua nuova giovane fidanzata, fino alla malattia della madre che addolcirà gli animi. Melenso e non credibile, nonostante tre ottimi attori che recitano con indiscusso mestiere. Il film sarebbe anche una buona opera, ma il tema, non proprio originale, viene trattato con dosi eccessive di zucchero che producono l'unico risultato di far venire le carie ai denti.

Zoltan 5/08/20 11:18 - 139 commenti

I gusti di Zoltan

Uno di quei tipici film di Hollywood che danno la totale sensazione di essere preconfezionati a tavolino per cercare la via del comodo melodramma, lasciando invece solamente un amaro retrogusto di plastica, come i prodotti senz'anima. Si cercano tutte le vie possibili (il bimbo che si rompe la gamba, il cancro della madre, ecc) per cercare la lacrimuccia facile, ma il lavoro di fondo è mediocre, con la psicologia dei personaggi (e non solo quella dei bambini) che cambia come niente da una scena all'altra senza apparente motivazione. Dialoghi di profondità nulla.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 26/07/09 11:50
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Alcuni dei titoli scartati per il film furono:
    Goodnight Moon
    Promises Kept
    Always,always
  • Curiosità Gugly • 26/07/09 11:52
    Segretario - 4678 interventi
    fonte?
  • Curiosità Ciavazzaro • 26/07/09 11:55
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Sempre imdb.