Most beautiful island

Media utenti
Titolo originale: Most Beautiful Island
Anno: 2017
Genere: drammatico (colore)
Note: Presentato al XXXV Torino film festival nella sezione "After hours".
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/11/17 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 26/11/17 00:48 - 7521 commenti

I gusti di Cotola

Luciana è una donna in serie difficoltà economiche e così accetta, dietro lauto pagamento, l'invito ad una festa misteriosa: cosa succederà? C'era materiale per un corto al massimo di 25-30 minuti: ed invece si è costretti a sorbirsi 80 minuti di pellicola. Peccato perché gli ultimi venti minuti sono esplosivi e di grande tensione ma sono preceduti da un'oretta quasi del tutto inutile che fa arrivare al momento clou stremati dalla noia. La Asensio sa essere anche delicata (vedi come tratta la perdita del figlio): ma forse dirigere, scrivere e recitare è un po' troppo per le sue possibilità.
MEMORABILE: Il disvelamento del mistero e la "sfida" finale.

Herrkinski 12/12/17 04:43 - 5135 commenti

I gusti di Herrkinski

In sostanza, un dramma dalle tinte noir sull'immigrazione in America, che in questo teso momento storico degli Usa assume ovviamente un certo significato. L'autrice di Madrid mantiene un taglio europeo per la maggior parte del film, con molta mdp a spalla a spiare le difficoltà di vita della protagonista, prima di un finale clou che riporta a certo torture ma declinato in una veste differente. Forse troppo statico e con tempi sbilanciati ma dall'ottima atmosfera, sullo sfondo di una NY periferica e inquietante. Giudizio positivo ma con riserve.
MEMORABILE: Le blatte nel muro; La parte finale.

Fedeerra 15/04/18 00:08 - 422 commenti

I gusti di Fedeerra

Il film inizia prendendosi cura di un tema assai pruriginoso; quello dell’immigrazione femminile negli USA. E mentre si snocciolano piccole parentesi sociali la pellicola inizia a tessere anche un misterioso intreccio thriller dalle sfumature torture porn. Una combinazione che inizialmente viene sfruttata bene, ma che però perde di mordente proprio quando il film inizia a svelare il suo lato più sadico e crudele.

Bubobubo 12/09/18 23:09 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Lo spunto di grande attualità (la permanente precarietà esistenziale degli stranieri irregolari nell'America first trumpiana) viene volto in favore di un thriller minimale in cui nulla, se non la riaffermazione e la declinazione di genere della tesi principale, accade davvero. Considerato che il grosso si svolge negli ultimi venti minuti si poteva forse pensare a un build up diverso o, semplicemente, più sostanzioso; il risultato non è comunque male, anche nel finale agrodolce. Buona la prova di Ana Asensio nelle vesti della protagonista.

Marchcav 2/08/20 22:51 - 7 commenti

I gusti di Marchcav

Thriller indipendente a budget ridotto che riesce sia a ricreare una descrizione convincente della condizione delle giovani donne immigrate negli USA, ex (?) Terra Promessa, sia a offrire una suspense progressiva piuttosto solida. L'intreccio in sé è modesto ma il ritmo curato e la prova della protagonista riscattano il tutto. Personaggi secondari bidimensionali. Interessante.
MEMORABILE: La scena finale del gelato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.