LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Almayer 30/03/07 13:10 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Delizioso film di Citti. Una sorta di "Spoon River" in Italia, con un Gassman inarrivabile e un cast corposo ed eterogeneo: Malcom Mc Dowell (cosa doveva essere in originale!), Benti (!), la Melato, Rubini, Frassica, Luotto (bravissimo), O'Brien, Vitali (grande), la Miti (sempre splendida), Carol Alt (bella e basta), i Gemelli Ruggeri (!). Un film "povero" ma ben realizzato, Citti in un certo senso avevo "scoperto" il dogma con anni d'anticipo. Divertente, arguto, ben interpretato, straconsigliato. Interessante ed attuale l'episodio del soldato.

Homesick 14/07/07 20:18 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Riflessione giocosa e goliardica sulla morte, a tratti foscoliana (da morti si continua a vivere finchè c'è qualcuno che ci ricorda) e messa in scena da Citti con toni grotteschi. Grande ed eterogeneo cast, in cui svettano la bravura di Gassman, di Benti, di McDowell e della Melato e la comicità di Vitali, Rubini e Luotto; c'è pure Donal o'Brien che recita in inglese con la sua vera voce!

Caesars 8/11/07 11:36 - 2766 commenti

I gusti di Caesars

Operazione originale e curiosa questa portata sul grande schermo da Sergio Citti. Si narrano le storie di un gruppo di defunti che alloggiano un cimitero custodito da Vittorio Gassman. I racconti sono stravaganti, come si conviene ad un film di questo tipo e nel complesso sono simpatiche e ben realizzate. L'assunto è che i morti non sono veramente tali finché qualcuno in vita li ricorda, la "stranezza" è che essi anelano al riposo eterno e quindi non vedono l'ora che trapassino tutti coloro che lo impediscono. Attori bravissimi. Tre pallini.

Matalo! 15/09/08 17:44 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Come sempre Citti cerca gli accostamenti incongrui, l'alto-basso, Gassmann/Vitali, per costruire un'umanità grottesca e deformata come le differenze che la realtà propone. Anche in questo simpatico ma parzialmente riuscito film si respira un'aria di vita vera, bizzarra, assurda e sospesa nel magico. Senza retoriche, ruspante. Episodi migliori quello di Alvari/Giuffrè/O'Brien, Gemelli Ruggeri. Un po' penoso McDowell. Grande Gassmann becchino filosofo/truffatore.
MEMORABILE: "Ma dopo morti dove andremo a finire?" "Tutti a Parigi".

B. Legnani 12/11/09 23:26 - 4785 commenti

I gusti di B. Legnani

Un grottesco italiano piuttosto riuscito è una rarità. Qui l'esorcizzazione della morte operata da Citti funziona pure grazie ad un cast particolarissimo. Geniale la scelta di Galeazzo Benti (fa colpo vedere lui e Gassman...), ma tutto il cast è notevole, pure Luotto, qui forse in una delle sue prestazioni migliori. Curiosamente la parte con McDowell è quella con più cali. Finale allegorico. Strano, intrigante, quasi buono. Frassica gioca non con le parole, ma con le frasi (ipàllage: ore meritatissime di riposo --> ore di riposo meritatissimo).

Fabbiu 13/11/10 18:39 - 1954 commenti

I gusti di Fabbiu

In Mortacci abbiamo in fin dei conti la ricetta Sergio Citti: malinconia (buone musiche), amarezze e diversi difetti dell'uomo. La confezione è comica e venata di tristezza, l'ambientazione cimiteriale è ben rappresentata con le sue incongruenze ed ipocrisie. Insomma non una solita commedia di racconti in flashback (le storie dei morti, tutte interessanti) ma anche un insieme ben curato di tante piccole particolarità amare e comiche insieme. C'è una bella invenzione teorica sull'aldilà. Il cast è buonissimo, tutti validi.

Enzus79 11/10/10 16:26 - 1847 commenti

I gusti di Enzus79

Simpaticissimo film di Sergio Citti sulla morte, che ha i suoi punti deboli solo nel finale, che ho trovato un po' troppo "affrettato". I flashback non annoiano, anzi, quelli dei fratelli Ruggeri e di Sergio Rubini mi hanno fatto divertire molto. Storia più che originale.

Nando 10/01/11 17:18 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Cinicamente grottesco e satirico, il film è una miscellanea di vicende raccontate dagli ospiti di un cimitero che ogni notte s'incontrano. Cast assortito guidato da un laido Gassmann, tuttavia non tutte le vicende affascinano e la pellicola si perde in un'eccessiva lunghezza nonostante l'idea di fondo sia particolarmente apprezzabile.

Il Dandi 11/01/11 14:10 - 1849 commenti

I gusti di Il Dandi

Citti torna alla dimensione corale del Casotto spostandosi in un cimitero. L'umorismo nero però non è troppo calcato, esorcizzato da una dimensione candida e fiabesca in cui la morte è distacco, mentre la ferocia (il morto di vergogna riprende i "piedi neri" di Accattone e Casotto) appartiene solo ai vivi. La qualità degli episodi (e degli interpreti) che si intrecciano è eterogenea: a tratti troppo programmatico da irritare (Rubini, Carol Alt), altrove straordinariamente garbato (Luotto e i gemelli Ruggero), capace di slanci poetici. ***
MEMORABILE: Guarda: Scopone sa anche ballare!

Giacomovie 12/06/11 19:57 - 1355 commenti

I gusti di Giacomovie

Humour grottesco che merita una segnalazione per l'originalità della costruzione e del filo conduttore dei divertenti mini-episodi che compongono il film. Tutti bravi gli attori del super-cast diretti con mano leggera ed autorevole da un talentuoso Citti. Cinema dagli esiti semplici ma d'autore. ***

Ducaspezzi 8/09/11 18:31 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Una riflessione satirica sulla vita e sulla morte, ma più sulla morte che guarda alla vita senza vero rimpianto, con soffuso e divertito disincanto, sulla morte che appare come un approdo indefinibilmente (e a-confessionalmente) auspicabile. Non è l'innocenza a garantire una misteriosa (e attesa) forma di pace assoluta alle anime, ma l'oblio del mondo. Idea interessante ma poco maneggevole. Clima di autorialità che, ad esempio, sublima il divertente episodio di Luotto che, pari pari in altro contesto, sarebbe spiccato per grevità. Ozpetek aiuto regista.
MEMORABILE: Lucillo e l'ipocrisia collettiva più ferale di un anatema; la lapide di Luotto riporta come cognome Cuoco (un caso?!); "A me Casanova me la sgrulla"..

Jandileida 9/09/12 23:20 - 1276 commenti

I gusti di Jandileida

La poetica cittiana fatta di momenti di poesia, di battute fulminanti e del connubio alto/basso e dolce/amaro si coglie lungo tutta la pellicola, riflessione malinconicamente giocosa sul tema dei morti e delle bassezze dei vivi. E uno dei grandi doni del regista romano era proprio quello di saper farci riflettere ridendo con leggerezza (valga come esempio l'episodio di un grandioso Luotto). Il cast di grandi nomi fa il suo: delude solamente la parte di un inguardabile McDowell, usato purtroppo per chiudere, non in bellezza, un film altrimenti buono.
MEMORABILE: "Tiè guarda: Scopone sa pure ballà!"

Galbo 28/05/13 17:54 - 11451 commenti

I gusti di Galbo

Non particolarmente avvezzo al grottesco, il cinema italiano ha in Sergio Citti il massimo rappresentante del genere. Questa è forse la sua opera migliore, quella in cui lo spirito dissacratore, l'ironia caustica e la "pittura" dei personaggi trovano la loro realizzazione massima. Forse non molto organico come film, "recupera" nella caratterizzazione dei personaggi e brilla per la scelta degli attori assolutamente indovinata, con la grande sorpresa di un efficacissimo Malcolm McDowell.

Rambo90 16/11/13 19:16 - 6435 commenti

I gusti di Rambo90

Commedia grottesca ma con spunti poetici e quasi felliniani, divertente e riflessiva allo stesso tempo, con molte battute riuscite e un cast che può sembrare pazzesco ma in fin dei conti funziona: Gassman batte tutti, McDowell si lancia in monologhi di grande maestria, Benti è simpaticissimo e tutti gli altri collaborano alla riuscita della pellicola, persino Andy Luotto. Belle musiche e ottimi dialoghi, per nulla scontati.

Belfagor 13/01/14 11:58 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

Grottesca commedia che vede protagonisti i fantasmi di un cimitero romano in attesa dell'agognato aldilà. La struttura a episodi permette a Citti di incastrare fra loro diversi argomenti, dall'ipocrisia collettiva al ruolo del ricordo e della memoria (un'anima puà lasciare il limbo solo quando è stata dimenticata) con un tono ora dissacrante, ora quasi compassionevole. Fra gli alti e bassi nel cast i migliori sono Gassman (lo spregevole custode), Vitali e la Melato. Deludente invece McDowell.

Herrkinski 3/11/14 23:01 - 5292 commenti

I gusti di Herrkinski

Ottima commedia grottesca sul tema della vita dopo la morte. Bella l'atmosfera crepuscolare e rarefatta; il nutrito cast dà prove attoriali generalmente convincenti, anche se i vari episodi non sono tutti allo stesso livello; buonissima la partenza con Rubini, ma in seguito non si raggiungono più gli stessi apici, seppur rimangano momenti molto riusciti come l'episodio di Luotto. McDowell gigioneggia in maniera teatrale, forse fin troppo; è compensato da un sempre bravo Gassman, da un Vitali in forma e dall'ottima Melato. Un buon film...

Vitgar 31/12/14 11:35 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Il cinema di Citti non è certo da salotto buono, eppure riesce sempre a lasciare qualcosa nello spettatore. Qui viene preso in esame il senso della vita dopo la morte, che esiste fintanto che il defunto viene ricordato. Situazioni tra il grottesco e il paradossale si inseguono mantenendo viva la curiosità. Cast molto eterogeneo che pure si fonde bene creando una serie di azzeccate caratterizzazioni.

Saintgifts 24/08/15 20:00 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Come Citti sia riuscito a mettere assieme un simile cast per me è un mistero. Fatto sta che lo fa funzionare alla grande, dando così "vita" a un soggetto notevole per originalità e per come riesce a trattare con leggerezza (ma non superficialità) l'argomento morte. Si potrebbe dire che scavalca il fatto tragico del fine vita parlando del dopo vita, di un'altra vita finalmente senza problemi, se non quello di essere dimenticati il più in fretta possibile. Il titolo è perfetto e meglio di tutti si attaglia a un Gassman che aveva intuito.

Faggi 31/08/16 20:29 - 1509 commenti

I gusti di Faggi

Divertente ma di qualità non omogenea. Non dubito, comunque, che sia un buon grottesco all'italiana, con un Gassman esilarante che sembra improvvisare con gran mestiere; alcune tranche sono più riuscite di altre e c'è una gustosa atmosfera da umorismo macabro. L'episodio che mi ha più convinto è quello con il bravo Andy Luotto e la bella e sensuale Michela Miti (che però poteva essere utilizzata meglio).
MEMORABILE: Le espressioni tra lo schifato e il sospettoso della Miti, notevole barista; I soliloqui di Gassman.

Ryo 13/03/17 23:49 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Grottesco e a tratti stordente, come del resto vari film del regista, sempre in bilico fra sogno e realtà. Curioso e accattivante il soggetto, simpatica l'idea della struttura a episodi con qualcuno più riuscito (quello del soldato è il migliore) e qualche altro meno (debole quello con Alvaro Vitali). Gassman è un matatore, bravissimi Rubini, Frassica e un ottimo Malcolm McDowell. D'atmosfera nostalgica la banda musicale e le loro musiche.
MEMORABILE: Il paesino del soldato caduto in guerra, tema attualissimo; Il feticista dei culi; La morte del custode.

Rufus68 1/09/17 22:29 - 3152 commenti

I gusti di Rufus68

Più bizzarro che davvero grottesco. L'intuizione centrale (l'uomo è nulla senza il compianto dei vivi) rimane lodevole; le varie storie, invece, sono storielle, alcune al limite dello scherzo (e non sempre di buon gusto). L'episodio migliore, di quella visceralità ruspante che fa scattare il grottesco, è quello con Alvaro Vitali e Giuffré: qui si respira davvero l'aria dei "mortacci". Gassman e McDowell sono bravi, ma la loro nobiltà mal si sposa al registro cittiano.

Myvincent 5/11/18 08:03 - 2603 commenti

I gusti di Myvincent

Una parata di stelle fra cui primeggia un Gassman mattatore, un camposanto vero e proprio e dissertazioni semi-filosofiche, ma anche picaresche, sulla signora Morte. Aneddoti stile Creepshow, ma in versione decisamente romanesca, i cui dialoghi poco curati, a volte spenti e improvvisati male, non indulgono in una profondità che il tema avrebbe meritato. Così la noia fa capolino, lasciandoci con una ciambella senza buco in mano.
MEMORABILE: I Gemelli Ruggeri e la loro recitazione sospesa su una fune...
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione B. Legnani • 29/07/17 22:46
    Consigliere - 13999 interventi
    Herbie, come è la situazione del borgo vecchio? Cintato, pericolante...
  • Discussione Herbie • 29/07/17 23:48
    Disoccupato - 1052 interventi
    c'è un recinto tuttora. Le foto le ho fatte pochi metri oltre questo recinto, che in realtà in questo punto ha un cancello legato con due fili di ferro, quindi facilmente apribile. Spingersi più in là nel resto del paese in rovina mi è sembrato quasi impossibile a causa della quantità di erbe e rampicanti che hanno, mi pare, avvolto tutto.
  • Curiosità Zender • 4/10/17 18:49
    Consigliere - 43736 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Curiosità Mauro • 20/02/18 17:21
    Disoccupato - 9604 interventi
    L'aiuto regista di Citti in questo film era Ferzan Özpetek
  • Curiosità Mauro • 20/02/18 17:29
    Disoccupato - 9604 interventi
    In un'intervista rilasciata per il libro "Sergio Citti. Lo "straniero" del cinema italiano", il regista rivelò che i ruoli che poi saranno affidati a Sergio Rubini, Vittorio Gassman e Malcolm McDowell, inizialmente erano stati proposti a Roberto Benigni, Carlo Verdone e Massimo Troisi. I tre inizialmente accettarono ma poi litigarono con Citti, che bocciava tutte le proposte che gli facevano per modificare la trama del film.
    In un'altra intervista, rilasciata per il libro "Francesco Nuti. La vera storia di un grande talento", Benigni ha rivelato che anche Francesco Nuti era stato inizialmente coinvolto nelle riprese.

    I ruoli che avrebbero dovuto interpretare Benigni, Verdone e Troisi furono poi assegnati rispettivamente a Rubini, Gassman e McDowell.

    Fonte: Wikipedia
  • Discussione Mauro • 22/02/18 11:54
    Disoccupato - 9604 interventi
    Il ruolo ufficiale interpretato da Aldo Giuffré è quello del becchino al quale Torquato Guglielmi (Vitali) si rivolge per far portare in Italia la bara del padre.

    Nel finale del film lo stesso attore è stato richiamato sul set per un altro ruolo: è il parente di un defunto, mischiato nella folla che si accalca protestando ai cancelli del cimitero, rimasto chiuso a causa della morte del custode Domenico (Gassman)

    Nel secondo fotogramma ridotto a 424 non si nota, ma entrambi i personaggi hanno il punto-neo sulla guancia destra
    Ultima modifica: 1/05/20 09:46 da Zender
  • Discussione B. Legnani • 22/02/18 14:01
    Consigliere - 13999 interventi
    Non mi pare lui.
    Ultima modifica: 1/05/20 09:46 da Zender
  • Discussione Zender • 22/02/18 14:16
    Consigliere - 43736 interventi
    Nemmeno a me francamente...