Mondo trasho

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Mondo trasho
Anno: 1969
Genere: comico (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 3
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 7/08/06
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Giùan 24/10/12 18:41 - 3052 commenti

I gusti di Giùan

Primo lungo diretto da Waters e programmatica dichiarazione d'intenti, fin dal titolo, di un modo di vedere-filmare la provincia americana. Eccoci così sul set po(st)p-apocalittico di Baltimora, marginale per scelta di luoghi (campi, parchi, porcilaie) e protagonisti (travestiti, trans, feticisti, mad doctors, manicomiali da camicia di forza), di fronte al totale azzeramento dei codici cinematografici, assimilabile più a una operazione pasoliniana (vedi anche la rappresentazion del sacro) che alla Russ Meyer. Brillante farneticamento con materiali di risulta.
MEMORABILE: Le musiche; La scena dell'amplesso feticista; La pazza che balla il frenetico tip tap; Le ultra fantozziane apparizioni della Madonna.

Matalo! 1/12/14 21:47 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Accozzaglia di immagini ritagliate dal non regista Waters, grande Impertinente e grande Supponente. Autore con due idee in testa e tanto benessere da passare i pomeriggi a provocare la gente. Mondo trasho è il primo camp dell'autore e vede Divine e la Pearce muoversi tra fotogrammi scalcinati e ritmi da "I'm a juvenile delinquent". Tolta la provocazione resta il peggio. Il traghettare a Hollywood del regista denuncerà tutti i suoi limiti e la vacuità degli strumenti trasgressivi. Come sempre grande la Divine/Jayne Mansfield.
MEMORABILE: L'intervento chirurgico del "dottor" Lockary in una casa ammobiliata girato con tecniche che Ed Wood avrebbe giudicato preistoriche...

Schramm 8/01/17 17:34 - 2451 commenti

I gusti di Schramm

Dal primo frame, patti ambigui e inimicizia lunga: caro spettatore, la gallina che decapito, la monnezza colmante il bidone, gli scarafaggi raccatta-briciole, sono tuoi sosia. Franco tiratore sottozero in condotta e più deflattivo ancora in profitto e fierissimo d’esserlo, Waters si lancia alla garibaldina contro ogni aula magna, come un gremlin tutto cut-up comportamentali. Ipomaniaco, forastico, fa cadere a scappellotti sulla nuca corone d’alloro di laureati. Mare aperto senza boe né fari, scapocciato come un sonniloquio, ma come questo non privo d'una sua pur evanescente logica interna.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Undying • 23/04/10 20:04
    Scrivano - 7630 interventi
    Dopo lavori circolati in zone limitate (Baltimora), tipo Eat Your Make-Up (1968), Mondo Trasho figura come prima pellicola, firmata da John Waters, ad avere avuto distribuzione capillare sul territorio americano: esce prima a Provincetown, quindi a New York e poi a Los Angeles.

    Mondo Trasho viene realizzato a budget contenutissimo, solo duemila dollari, e sancisce il sodalizio "artistico" tra Glenn Milstead (ribattezzato, dallo stesso Waters, come Divine in omaggio al travestito protagonista di Nostra signora dei fiori di Genet) e l'iconoclasta regista, autoproclamatosi "cineasta dello schifo in trentacinque millimetri".

    Sull'importanza del titolo, basterà ricordare che recensendo Fellini Satyricon, una critica americana - Pauline Kael - arriva a definire il film come Mondo Trasho di Fellini.
    Ultima modifica: 23/04/10 20:06 da Undying
  • Discussione Schramm • 7/01/17 16:27
    Risorse umane - 6724 interventi
    zendy quanto riportato nelle note non è propriamente vero. per quanto in misura nettamente inferiore alla norma, alcuni dialoghi fanno qua e là capolino. diciamo che è a tratti una pantomima, anche ben riuscita, del muto. in ogni caso credo sia il waters che più di tutti mi ha tolto la sedia da sotto il culetto. non ha una struttura, eppure ce l'ha, astutamente criptata, nascosta, decodificabile a piacimento. non sembra avere una forma, eppure prende forma. va dalla a alla z come la linea di un elettrocardiogramma impazzito, eppure va dalla a alla z. il senso di quanto si percepisce è intermittente come un neon. riesce davvero a restituire la grana e la portata del linguaggio onirico. peccato che il suo cinema, dopo, non sia mai più stato così scelleratamente scapocciato.
    Ultima modifica: 7/01/17 16:29 da Schramm
  • Discussione Zender • 7/01/17 17:39
    Consigliere - 43744 interventi
    Ok, probbailmente lo scrissi all'epoca dell'inserimento. Quell' "in pratica" in effetti non è molto chiaro :) Cancellate le note.