Miserere

Media utenti
Titolo originale: Pity
Anno: 2018
Genere: drammatico (colore)
Note: Presentato in concorso al XXXVI Torino Film Festival.
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/12/18 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 15/12/18 08:35 - 7549 commenti

I gusti di Cotola

"Teorema" greco firmato dallo sceneggiatore di Lanthimos, qui anche regista. E si vede, eccome se si vede: specie nello stile glaciale e distaccato. Si procede lentamente fino alla svolta narrativa che avrà effetti dirompenti e spiazzanti. Si arriva così ad un mezz'ora finale grottesca, feroce e potente che dà un senso a quanto visto sino ad allora. Fin lì la pellicola era abbastanza normale. Il crescendo è quindi riuscito così come alcune battute e situazioni intrise di umorismo nero che vanno a segno. Se vi piacciono Lanthimos ed il cinema ellenico, potreste gradire.
MEMORABILE: Il marito alla moglie: "Quando hai fatto l'ultima mammografia?".

Bubobubo 9/01/19 01:30 - 1223 commenti

I gusti di Bubobubo

La pietà, come la fiducia e il credito, sono a tempo: una volta esauriti non si può tornare indietro. Che fare, allora, se ci si sente vivi solo attraverso la pietà altrui e le sciagure, vere o immaginarie, cominciano a scarseggiare? Il detonante cinema greco contemporaneo sgancia un'altra testata nucleare con un grottesco soggetto in perfetto equilibrio tra Ferreri e Lanthimos (le pause raggelanti, i tempi dilatati, il nonsense quotidiano). Difetta di ritmo nella parte centrale, ma l'allucinato finale ripaga della pazienza. Molto bene.
MEMORABILE: Quando nemmeno sacrificare l'adorato cagnolino serve a risvegliare la pietà in chi lo circonda, il protagonista passa alla fase successiva.

Daniela 13/02/20 00:02 - 9494 commenti

I gusti di Daniela

Il protagonista è un omino triste che piange disperato perché la moglie è in coma a seguito di un incidente. Dovremo provare compassione per lui, così come la provano quanti lo circondano ma invece avvertiamo un senso di ribrezzo. Sensazione giustificata perché si tratta di un essere che si nutre della pietà (e delle torte) altrui... Piccolo trattato su un caso di sindrome di Münchhausen per procura, girato con uno sguardo entomologico che ricorda quello dei primi film di Lanthimos (lo sceneggiatore è lo stesso): il risultato è una commedia nera sottilmente sadica, ferocemente divertente.
MEMORABILE: La torta della vicina.

Myvincent 1/02/20 14:11 - 2571 commenti

I gusti di Myvincent

Un uomo facoltoso che sembra avere tutto dalla vita non ha invece un bel niente, dal momento che gode solo se commiserato (a spese altrui però). Dramma contemporaneo ma contaminato dalla tragedia classica greca, ha l'unico pregio in una nitida, piacevole fotografia. Il resto è troppo cervellotico per arrivare da qualche parte del sistema limbico o è per palati super-raffinati. Complimenti al cane, così eroico ed espressivo.

Kinodrop 19/02/20 20:07 - 1532 commenti

I gusti di Kinodrop

Un uomo incapace di provare affetti se non per interposta persona attraverso la pietà degli altri per i suoi casi; quando le cose cambiano, il rischio di restare senza identità lo induce ad azioni estreme. Dalla Grecia un dramma sulla follia che, sottotraccia, punteggia una quotidianità "normale" che dovrebbe colpire ed emozionare, ma la lentezza estenuante e la scarsezza di empatia che circolano si trasmettono in negativo anche allo spettatore e un cast senza personalità fa il resto. Musica con citazioni classiche, bella ma inopportuna.
MEMORABILE: La moglie si risveglia dal coma e lui va in "apnea"; Il pianoforte sabotato; L'unico "personaggio" positivo, la simpatica cagnolina.

Paulaster 10/09/20 09:55 - 2817 commenti

I gusti di Paulaster

Avvocato ha bisogno di ricevere misericordia. Humor nero per descrivere la condizione dell’ultimo decennio greca in cui l’infelicità, per cause economiche, regnava e l’Europa compativa il suo popolo. Stilisticamente Makridis si avvicina alla regia di Andersson con inquadrature rigide che accompagnano siparietti indovinati (le finte urla, l’altro palmo del maestro). Dominato dal grottesco, il film evita di far pensare al patologico fino ad arrivare all'ultima parte, decisamente amara.
MEMORABILE: Il film strappalacrime; La canzone per la moglie; La mammografia; Il pianoforte sabotato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 9/01/19 07:06
    Consigliere - 43586 interventi
    Bubo, forse è meglio evitare di usare certe lettere particolari, perché il sistema finisce per strpiarle. L'ultima parola del tuo commento risultava essere:

    Polý o& #817; raía!

    Che significa?
  • Discussione Bubobubo • 9/01/19 09:22
    Call center Davinotti - 221 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Bubo, forse è meglio evitare di usare certe lettere particolari, perché il sistema finisce per strpiarle. L'ultima parola del tuo commento risultava essere:

    Polý o& #817; raía!

    Che significa?


    Colpa mia, sì, me ne sono ricordato subito dopo. Il fatto è che non so quali lettere il sistema legga e quali invece no... Significa "molto bene" in greco. Se al posto della lettera incriminata metti "w" va benissimo lo stesso. Altrimenti il corrispettivo italiano. Scusa!
  • Discussione Zender • 9/01/19 15:02
    Consigliere - 43586 interventi
    Purtroppo non dipende solo dalle lettere ma da chi le immette, cioè dai sistemi operativi e molto altro. Se scrivo io non ho problemi con nessuna lettera, altri sì, altri no, non ci si capisce nulla. Poi col greco ognuno traduce i caratteri greci come vuole, accenti che ognuno ette come vuole, v doppie al posto delle singole e via dicendo... Se non necessario e se non son parole utilizzatissime anche da noi (pathos per dire) meglio optare per la nostra lingua.
  • Discussione Cotola • 24/10/19 13:53
    Consigliere avanzato - 3631 interventi
    Al cinema col titolo Miserere.