Minaccia d'amore

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1988
Genere: thriller (colore)
Note: aka "Ragno Gelido", "Love threat". Il film più raro di Ruggero Deodato insieme a "The Washing Machine" del 1993. Passato in tv il 4 Gennaio 2008 su Rete 4
Numero commenti presenti: 6
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/10/08 DAL BENEMERITO TOMASTICH POI DAVINOTTATO IL GIORNO 16/12/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Tomastich 14/10/08 11:20 - 1218 commenti

I gusti di Tomastich

Contemporaneo del bellissimo Un delitto poco comune, questo "Minaccia d'amore" è proprio un brutto calo di qualità per "monsieur Cannibal". Pur avendo una buon budget, una Charlotte Lewis che buca lo schermo e l'ambientazione in una Roma notturna e metropolitana, la trama non regge: cosa c'entrano i telefoni assassini? Come merito, a Deodato, c'è da dare l'originalità per l'argomento trattato, la costruzione della suspense "senza l'assassino", però a mio parere non tutto è andato come doveva andare. Buone le musiche hard rock di Simonetti.

Daidae 10/04/09 00:31 - 2829 commenti

I gusti di Daidae

Che pena! Una trama intricatissima (una tizia che per errore fa un numero e scatena...), un finale incomprensibile e uno svolgimento brutto per un film davvero mediocre. Non basta mostrare la stupenda attrice-modella seminuda e dei bellissimi panorami di Roma. Fa una delle sue prime apparizioni Giorgio Tirabassi, che qui viene preso a spicciolate dalla forza misteriosa. Mediocre.
MEMORABILE: Giorgio Tirabassi che viene preso a spicciolate da una macchina cambiagettoni.

Homesick 18/12/13 08:14 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Per un saggio sui telefoni assassini si veda il terrifico “Squilli di morte” (1985) della serie Un salto nel buio. Quello di Deodato è una ghost-story impacciata che, nonostante qualche buon effetto speciale e l’arruolamento di uccelli in qualità di psicopompi, risulta non di rado ridicola nei suoi tentativi di creare un clima di claustrofobia e paura. Apparizione fulminea per un William Berger con pacemaker, che finisce come il Joseph Cotten di Indagine su un delitto perfetto.
MEMORABILE: I commenti del barista bifolco; l’amplesso con il telefono; i gettoni assassini.

Herrkinski 19/08/14 05:01 - 5622 commenti

I gusti di Herrkinski

A cosa pensava il buon Deodato quando ha diretto questa roba? Era forse abbagliato dalle grazie della Lewis, che sgalletta e gonfia le labbra per gran parte del film? Me lo auguro, perché la componente trash del prodotto è veramente alta, a partire dal soggetto delirante (telefoni assassini?!), che non avrebbe sfigurato in un lavoro della Troma. Se poi lo svolgimento tocca vette di ridicolo preoccupanti, il cast è tremendo e le musiche di Simonetti spesso sottotono, ci si deve arrendere all'idea che "monsieur cannibal" questa volta abbia toppato.
MEMORABILE: La Lewis che sgalletta in giarrettiera e body sui tetti di Roma; Il peacemaker di Berger che esplode; Il telefono che sale le scale (sic!).

Minitina80 2/01/18 21:26 - 2500 commenti

I gusti di Minitina80

Il soggetto è troppo particolare per permettere al film di acquisire spessore ed essere ricordato per eventuali meriti artistici. Deodato si sforza di dare credibilità ai telefoni ma, per quanto si impegni, alcune scene fanno sorridere perché poco credibili. Charlotte Lewis pure fa il suo cercando di imprimere la propria bellezza allo spettatore, ma anch’essa è vittima della situazione troppo limitativa. Ottima "Baby Don't Answer" di Claudio Simonetti, che avrebbe meritato un palcoscenico migliore. Non indecente, ma non regge.

Modo 25/06/19 14:57 - 845 commenti

I gusti di Modo

Peccato che all'epoca non ci fossero ancora i telefoni cellulari, forse il film di Deodato avrebbe avuto miglior sorte e immaginazione! Decisamente povero di idee e sconclusionato. Charlotte Lewis è comunque un belvedere e visto la pochezza dell'opera non ci interessa come reciti. Anche Simonetti non è particolarmente ispirato nella composizione della colonna sonora. Se lo si guarda in chiave trash può avere un senso.

Victor Cavallo HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Zender • 5/02/10 09:22
    Consigliere - 44329 interventi
    Le musiche di Claudio Simonetti composte per il film sono contenute in una compilation uscita nel 1991 per la Rca e intitolata "Evil tracks", che comprende anche suoi pezzi da "Demoni", "Rage" e "Nightmare beach". I pezzi da Love threat - Minaccia d'amore sono:

    01. Baby Don't Answer (03:28)
    02. Love In A Mirror (02:55)
    03. Suspect (00:50)
    04. Telephone Mystery (01:15)
    05. Worms On The Sand (02:04)
    06. Encounters (01:05)
    07. Answering Machine (01:35)

    per un totale di quindici minuti scarsi...

  • Musiche Tomastich • 7/07/11 19:06
    Call center Davinotti - 120 interventi
    brano di Claudio Simonetti:
    "Baby don't answer"

    http://www.youtube.com/watch?v=pDt106SGltY
    Ultima modifica: 8/07/11 18:46 da Tomastich