LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/06/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 23/06/07 00:48 - 4981 commenti

I gusti di B. Legnani

Non mi ha convinto più di tanto. Divertente l'inizio (che premette e promette più di quanto poi arriva), ma poi si fa lento, molla la presa sullo spettatore, fino al prevedibile finale, nonostante l’ennesima grande prova di Giancarlo Giannini e di una regìa di mestiere.
MEMORABILE: Giannini alla cassa della macelleria.

Il Gobbo 23/06/07 19:39 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Incapace di sfuggire al bozzettismo (Flaiano, riferendosi ad altro, lo chiamava lo "Scarfoglismo") sempre in agguato in un film "napoletano", "Mi manda Picone" spara spesso a salve. Un peccato, perché Giannini è in eccellente vena, la storia ha un suo perché, e alcune gag sono indovinate. Resta però, alla fine, un senso di irrisolto, di abborracciato. Nanni Loy non è mai stato un grande regista. Volendo, si può anche perdere.

Galbo 8/01/08 20:53 - 11679 commenti

I gusti di Galbo

Il film di Nanni Loy è abbastanza divertente ma ha il limite di non riuscire ad uscire da una visione macchiettistica e "bozzettistica" della Napoli contemporanea. Tutti gli enormi (ed attualissimi) problemi della metropoli partenopea vengono descritti con toni farseschi, sicuramente divertenti ma altrettanto evidentemente superficiali. Il film ha i suoi aspetti pregevoli nelle belle prove di Giannini e sopratutto della Sastri e nelle buone musiche.

Enricottta 3/09/09 13:53 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Si fatica ad uscire fuori dagli streotipi, ma continuo a non capire se alcuni film vengano scritti "ad usum neapolitani" (mi si passi il latino maccheronico); perché alla fine alcune opere non soddisfano nessuno, né noi napoletani, tantomeno il resto del mondo. La cara città incassa l'ennesimo sputo in faccia. Purtroppo Loy vede Napoli come una splendida cartolina magari consegnata dal Peppiniello di turno, piena di macchie d'unto e molto spiegazzata.

Piero68 30/06/10 09:26 - 2842 commenti

I gusti di Piero68

Loy troverà sempre nella "napoletanità" e nella sua comicità involontaria una fonte inesauribile di ispirazione. Secondo film di un trilogia incentrata sull'arte di arrangiarsi. Iniziata con Cafè express e terminata con Pacco, doppio pacco... il film parte bene. La storia promette e Giannini e la Sastri sono perfetti nel ruolo. Ma pian piano il film perde di intensità con scene secondarie inutilmente lunghe e noiose. Sceneggiatura e comicità lentamente svaniscono nel nulla lasciando allo spettatore un finale tanto scontato quanto deludente.

Stefania 11/07/10 15:56 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Più volenteroso che riuscito, un film che poteva essere una bella favola nera metropolitana, un viaggio alla ricerca di un "forse morto", che è anche la ricerca di un'identità, di un ruolo, da parte dello sradicato Salvatore. In fondo, usare i meccanismi del giallo per raccontare i mali una città, di una società, non è cosa nuova, ma qui si capisce subito dove si va a parare, e specie nella seconda parte si snocciola un rosario di luoghi comuni, per quanto non manchino alcuni momenti suggestivi. Ottimo Giannini, prevedibile la Sastri.

Cotola 13/02/11 13:05 - 8011 commenti

I gusti di Cotola

Dopo un inizio buono ed interessante, il film inizia a perdersi per strada col passare dei minuti. L'impasto di "giallo" e commedia non è certo nuovo ma stavolta Loy spinge molto sul pedale del grottesco. La scelta poteva anche essere giusta, ma alla fine non paga più di tanto. Non mancano i momenti divertenti, ma troppi sono anche quelli un pò inutili e non riusciti. Ciononostante, grande prova di Giannini. Colonna sonora, non particolarmente ragguardevole, ad opera del duo partenopeo De Piscopo-Daniele.

Nando 4/06/11 17:30 - 3574 commenti

I gusti di Nando

Commedia macchiettistica ambientata a Napoli, in cui emerge la vera arte di arrangiarsi e il perdurare del pagamento del pizzo in ogni sua sfaccettatura. Il discreto inizio si perde lievemente nel proseguio della narrazione ma il risultato è comunque accettabile, anche dovuto alla bella interpretazione del duo Giannini-Sastri.

Juanparis 6/08/13 08:33 - 8 commenti

I gusti di Juanparis

Una storia difficile da capire a una prima e unica visione. Il film va visto e rivisto più volte per cogliere l'escalation dei traffici del Picone. Pare cominciare con il semplice contrabbando di sigarette, quello dei posti di lavoro, quello della carne... per poi arrivare al gioco clandestino, alla prostituzione e infine al traffico di droga. Il tutto raccontato con una sottilissima ironia, con grande maestria da un Giannini e una Sastri inarrivabili.
MEMORABILE: Incontro sulla barca; Accettazione della giocata di Chimoffafà.

Daniela 12/09/18 00:23 - 10668 commenti

I gusti di Daniela

Un operaio minacciato di licenziamento si dà fuoco per protesta prima di scomparire misteriosamente. In accordo con la moglie di questi, un poveraccio disoccupato si mette sulle tracce dei suoi numerosi debitori per riscuoterne i crediti ma... Lo spunto originale fornisce un pretesto per un viaggio tragicomico negli inferi della napoletanità, certo non esente da macchiettismo e luoghi comuni né privo di lungaggini e tempi morti ma nel complesso gustoso ed ottimamente interpretato non solo dal mimetico Giannini ma anche dai grandi caratteristi di cui è ricco il cast.
MEMORABILE: La minestrina di sopravvivenza

Nanni Loy HA DIRETTO ANCHE...

Azione70 15/06/20 00:51 - 152 commenti

I gusti di Azione70

Storia che ruota intorno alla scomparsa di un operaio dell'Italsider, Pasquale Picone, in realtà uno dei tanti impiegati della camorra. Alla sua ricerca, la moglie (Lina Sastri, brava e sensuale) e uno strano personaggio (Giannini) che vorrebbe prendere il posto di Picone. Il film, pur con toni fortemente surreali e senza mostrare la vera violenza camorristica, alterna macchiette a momenti di riflessione seria (e malinconica) su una Napoli dai mille problemi (tutti sempre irrisolti). Notevoli il commento musicale di De Piscopo e la title-track "Assaje" cantata dalla Sastri.
MEMORABILE: Il finale; I dialoghi tra Cocò e Giannini; Le reazioni della Sastri ai vari palpeggiamenti.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Mco • 9/07/13 18:52
    Scrivano - 9856 interventi
    In DVD per Sony Pictures dal 17 Luglio 2013.
  • Discussione Kanon • 22/06/14 00:38
    Fotocopista - 823 interventi
    Supermega spoiler

    1)ma alla fine, perché diamine s'è dato fuoco 'sto Picone se manco ci lavorava dentro l'Italsider? Per continuare la recita davanti alla moglie?

    2)ok, la tuta è rivestita d'amianto (mah...), ma per le mani ed il volto come la mettiamo?
  • Musiche Lucius • 23/11/14 00:51
    Scrivano - 8692 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione di Lucius, il 45 giri originale:


    Ultima modifica: 23/11/14 08:52 da Zender
  • Curiosità Buiomega71 • 8/01/18 19:11
    Pianificazione e progetti - 23093 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv ( martedì 1° ottobre 1985) di Mi manda Picone: