Merletto di mezzanotte

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un'idea già sfruttata cento volte (la mogliettina perseguitata che comincia a essere creduta pazza un po' da tutti perché non resta prova delle telefonate anonime da lei ricevute) che David Miller riporta in scena senza alcuna fantasia. Molto meglio ricordare ANGOSCIA e Ingrid Bergman, ad esempio, melodrammatica quanto si vuole ma non lagnosa e disperata come Doris Day e alle prese con una storia molto simile ma assai meglio condotta. In film così il colpo di scena finale è tutto, la bravura sta nel riuscire a rendere interessante la parte che lo precede, spesso ripetitiva. E anche sotto questo aspetto MIDNIGHT LACE non ci fa una bella figura: un po' per colpa dei continui pianti di Doris...Leggi tutto Day, molto per la sterilità del soggetto. La situazione è sempre la stessa, con la protagonista minacciata e il marito a consolarla. Nel frattempo a Scotland Yard si investiga, ma con metodi che portano solo alla celebrazione dello stile british dell'incaricato delle indagini, sempre molto pacato. E dire che il film non era iniziato affatto male, con Doris Day a fuggire tra le nebbie di Londra da un parco dove un uomo con voce stridula (e nascosto chissà dove) aveva dato il via alle sue minacce di morte. Una sequenza di una certa suggestione che influenzerà parzialmente persino il Dario Argento di 4 MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO (il puppet a teatro, la voce in falsetto, l'omicidio al parco). Poi l'abbandono delle spiagge thrilling in favore di un più statico giallo classico, diretto anonimamente sulla base, per fortuna, di una sceneggiatura almeno non banalissima che offre dialoghi ben calibrati. Comunque un film che, complice la brutta colonna sonora, appare più vecchio di quanto non sia. Il merletto di mezzanotte è la sottoveste di pizzo nera che Doris Day indossa per compiacere il marito, distratto dal troppo lavoro.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 11/07/07 09:13 - 2865 commenti

I gusti di Caesars

Insolito vedere Doris Day, regina delle commedie rosa made in Hollywood, protagonista di questo discreto giallo: veste i panni di una giovane donna americana, sposata con il ricco inglese Rex Harrison, che viene minacciata di morte da una voce misteriosa. Di chiara derivazione teatrale il film si avvale di buoni interpreti e, anche se la situazione è relativamente statica, si lascia seguire con un certo interesse. La scena migliore è quella nel parco, con la voce misteriosa che esce dalla nebbia: incredibilmente minacciosa.

Ciavazzaro 8/05/08 14:41 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Un giallo che ho sempre adorato, con una Doris Day impegnata in un altro ruolo serio. Anche il resto del cast dà grande lustro: Rex Harrison, John Gavin, Roddy Mc Dowall, Herbert Marshall, John Williams e la partecipazione di Myrna Loy. Bellissima la scena d'apertura al parco, quella finale sull'impalcatura, la tensione che viene creata. Da rivalutare ed adorare.

Cotola 6/08/08 13:59 - 7745 commenti

I gusti di Cotola

Fiacco thriller che nonostante una buona confezione deve la sua scarsa riuscita ad una regia piuttosto piatta e soprattutto ad una sceneggiatura debole e molto prevedibile (il colpo di scena finale, infatti, è alquanto telefonato). Le buone interpretazioni degli attori non bastano. Non un disastro ma in ogni caso una pellicola poco più che mediocre.

Galbo 19/12/09 07:00 - 11543 commenti

I gusti di Galbo

Tratto dal testo teatrale "Matilda Shouted Fire" di Janet Green, è un buon thriller che si avvale di una buona intepretazione drammatica dell'attrice Doris Day. Il film è discretamente diretto da David Miller che grazie ad un sapiente dosaggio dei colpi di scena, tiene sempre desta l'attenzione dello spettatore.

Stefania 21/12/09 16:04 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Il problema di questo giallo, che resta comunque una visione piacevole, è che non presenta nessuna traccia ambiguità, né vera suspence. Infatti, neppure per un attimo siamo portati a dubitare dell'attendibilità di Kit (Doris Day), e diamo per scontato che ci sia effettivamente qualcuno che la perseguita e vuole toglierla dal mondo. E, a quel punto, è intuibile chi sia quel qualcuno... La voce metallica del persecutore che spunta dalla nebbia è una buona trovata, e l'inseguimento finale è abbastanza concitato. Non memorabile, comunque.

Daniela 22/12/09 17:29 - 9960 commenti

I gusti di Daniela

Thriller discreto per quanto riguarda la confezione e le interpretazioni (accanto a Doris Day ci sono l'ineffabile Rex Harrison e un paio di vecchie glorie che fa sempre piacere rivedere), ma piuttosto fiacco per quanto riguarda la sceneggiatura, in quanto il colpo di scena finale appare molto prevedibile (cavolo, a quel punto anche il gatto ha capito l'identità del misterioso persecutore telefonico). Una certa dose di incertezza sulla realtà o meno della minaccia avrebbe giovato. Così invece i dubbi che circondano la Day appaiono immotivati, anche se la visione risulta comunque piacevole.

Digital 23/05/11 00:43 - 1145 commenti

I gusti di Digital

Una ricca signora americana si reca con il marito in Inghilterra. Una volta arrivata sul posto inizia ad essere tempestata di telefonate da un maniaco che la minaccia di morte. In un primo momento la polizia ritiene che la donna stia bluffando, ma la realtà è ben diversa. Buon thriller con atmosfere alla Alfred Hitchcock. La confezione è ottima e la location, una Londra immersa nella nebbia, risulta calzante per raccontare vicende di questo tipo. La suspense non manca, anche se in alcuni punti si registra un leggero calo di ritmo.

Atticus85 25/05/11 01:03 - 107 commenti

I gusti di Atticus85

La trama non è un granché ma il regista conosce i tempi del giallo e la realizzazione è di prima grandezza. La vocina stridula e minacciosa che perseguita la povera signora Preston (una splendida Doris Day) è uno dei ricordi d'infanzia più inquietanti che mi porto dietro. Bellissima colonna sonora e strepitosa atmosfera londinese.
MEMORABILE: "Signora Preston, sono così vicino che potrei allungare una mano e strangolarla! Attenta, non vorrei che si facesse male, almeno per il momento..."

Il Gobbo 28/12/11 08:57 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Siamo in un sotto-filone thriller talmente frequentato che si bada solo alla minore o maggiore ingegnosità delle variazioni sul tema. Gli sforzi della sceneggiatura si concentrano sulle false piste, disseminate con prodigalità (e ci si mette pure il doppiaggio italiano che affida la stessa voce - di Gianfranco Bellini - al persecutore telefonico e a uno dei personaggi) ma invano: per non capire chi è il colpevole bisogna essere grulli o non aver mai visto un film del genere. Però una buona resa visiva e un buon sapore di cinema classico.

Claudius 5/12/15 10:55 - 446 commenti

I gusti di Claudius

Thriller di stampo classico che parte bene per poi perdersi in una sceneggiatura troppo forzata e telefonata soprattutto nella seconda parte. Resta comunque un film più che discreto, con una brava Doris Day in un ruolo diverso dal solito; anche il resto del cast se la cava bene. Mezzo punto in più per la scena iniziale che da bambino riusciva a impaurirmi (lo fa anche adesso, sinceramente).
MEMORABILE: L'inizio nella nebbia.

David Miller HA DIRETTO ANCHE...

Faggi 23/07/16 12:51 - 1512 commenti

I gusti di Faggi

Thriller complottista non disprezzabile, nonostante la prevedibilità (dopo mezz'ora di svolgimento) imputabile alla sceneggiatura. Dispone di una buona ambientazione londinese avvalorata da una fotografia dai colori preziosi, gusto per l'inquadratura (che ricorda la celluloide anni '40), ottima interpretazione di Doris Day e bella messa in scena. C'è un evidente derivazione da Hitchcock senza sfiorarne le altezze; ma va bene così, è un prodotto che si lascia guardare.

Graf 22/11/16 03:29 - 706 commenti

I gusti di Graf

Gli attori hitchcockiani Doris Day, John Gavin e John Williams sono tra gli efficaci interpreti di un film dalla suspense assicurata. Una fotografia smagliante, allo stesso tempo luminosa e piena di ombre, fascia con i suoi toni caldi una Londra brumosa dove un maniaco minaccia al telefono una ricca ereditiera appena sposata con un ricco uomo d’affari. Script complesso e geniale, astute false piste, ritmo pacato ma riempito inesorabilmente, goccia dopo goccia, di una tensione che alla fine diventa quasi insostenibile. Finale tra cardiopalma e vertigine.
MEMORABILE: L'incipit di Doris Day tra la nebbia, prima dei titoli di testa, è un esempio di cinema in perfetto equilibrio tra mistero, angoscia e visionarietà.

Nicola81 3/02/17 10:25 - 2066 commenti

I gusti di Nicola81

Le promesse alimentate dal folgorante incipit non vengono completamente mantenute, ma cali particolari non ce ne sono e l'interesse dello spettatore persiste sino al concitato finale. Doris Day protagonista e John Williams ispettore di Scotland Yard fanno inevitabilmente scattare paragoni illustri e anche se manca la genialità dei migliori lavori di Hitchcock, la cura nei dialoghi, l'ottimo cast e in definitiva la professionalità del buon cinema di una volta rendono comunque piacevole la visione di questo buon giallo/thriller d'annata.
MEMORABILE: L'inizio nella nebbia; Il finale.

Magi94 18/09/17 23:43 - 735 commenti

I gusti di Magi94

Thriller che parte molto bene e finisce molto male. Se l'inseguimento nella nebbia è infatti un piccolo capolavoro di tensione cinematografica, man mano che il film va avanti ritmo e suspence vanno sempre più scemando, fino al finale che sembra buttato lì in malo modo. Miller fa strillare talmente tanto Doris Day che quasi si spera arrivi il misterioso perseguitatore e la faccia tacere per sempre. Rimane il dubbio di cosa avrebbe potuto creare con un soggetto del genere un Hitchcock o, in chiave più moderna, un Argento.
MEMORABILE: Il "Signora Preston!" nella nebbia.

Rambo90 28/05/19 02:00 - 6596 commenti

I gusti di Rambo90

Giallo psicologico condotto molto bene da una sceneggiatura incalzante che affastella possibili colpevoli e intrecci creando una buona curiosità nella mente dello spettatore. La soluzione non è così telefonata come può sembrare e un paio di colpi di scena impreziosiscono il finale. Bravissima Doris Day, forse in uno dei suoi ruoli migliori e ottimo tutto il cast di contorno, da Harrison alla Loy. Notevole.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Ciavazzaro • 24/04/09 13:55
    Scrivano - 5618 interventi
    La versione trasmessa da Studio Universal presenta i titoli di testa in italiano su un fermoimmagine che taglia completamente l'intera scena nella quale la Day fugge terrorrizata per il parco e torna a casa sua chiudendo la porta.

    La versione trasmessa da mediaset a quanto ricordo invece presenta finalmente la scena in movimento con i titoli in inglese.
  • Homevideo Il Gobbo • 28/12/11 08:58
    Contratto a progetto - 771 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:

    La versione trasmessa da mediaset a quanto ricordo invece presenta finalmente la scena in movimento con i titoli in inglese.


    Idem su La7
  • Homevideo Digital • 26/06/12 00:41
    Segretario - 3154 interventi
    Dvd della Golem Video disponibile dal 06/08/2012.
  • Curiosità Zender • 29/10/12 10:58
    Consigliere - 44094 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film, con paragoni hitchcockiani...