LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/02/20 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Anthonyvm 2/03/20 22:33 - 2019 commenti

I gusti di Anthonyvm

Discreta entry nello stalking movie al femminile sulla scia di Attrazione fatale in chiave teen. I luoghi comuni del sottogenere sono rispettati in toto e, dopo una prima parte un po' troppo televisiva (a parte una triade di momenti hot), si arriva a un secondo atto inaspettatamente macabro e teso, ai limiti dell'horror, fra cadaveri squartati in cella frigorifera, omaggi a Psyco e un climax finale da slasher post-Scream. Bella e brava la Ringwald nei panni della pazza omicida, assai sciatti invece i "buoni". Non magistrale, ma si fa piacere.
MEMORABILE: Gli amplessi in auto e sulla barca; Il cadavere aperto durante la lezione; Il gatto (pupazzo) appeso; Le sevizie chirurgiche; La pazza con la mazza.

Buiomega71 15/02/20 00:36 - 2281 commenti

I gusti di Buiomega71

Rispetta tutti i canoni tradizionali della stalker psicotica assassina, anticipando Swimfan e rimembrando Attrazione fatale. Tensione che regge bene, soprattutto per le peripezie squilibrate di Melissa (autolesionismo, persecuzione compulsiva, impiccando gatti e tenendo il cadavere del padre nel freezer); il finale regala piacevoli riverberi horror (con la tentata vivisezione femminea poi ripresa in Urban legend e defenestrata impattando sull'auto come la gemellina del quarto Venerdì 13). Squisitamente psicopatica l'ex Bella in rosa della Ringwald.
MEMORABILE: Sesso in auto decapottata sotto la pioggia; L'imbarazzante visita di Melissa in doccia; I flashback dell'eliminazione genitoriale; Sull'altra linea.

Daidae 15/04/20 18:56 - 2747 commenti

I gusti di Daidae

La "Cenerentola" di Bella in rosa qui nei panni di una folle (innamorata, a modo suo) stalker. La trama è ovviamente poco originale e prevedibile, visto che questo sottogenere iniziato con Attrazione fatale negli anni 90 andava per la maggiore, il film è comunque discretamente realizzato, con bei momenti di tensione. Difetti? Solo uno: la colonna sonora, semplicemente orrenda.
MEMORABILE: La mazza da baseball; La auto-aggressione; La vita salvata in macchina all'ultimo istante
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 15/02/20 10:10
    Pianificazione e progetti - 22002 interventi
    6 serate con i thriller da discount (speciale San Valentino).

    Cosa c'è di meglio che passare la festa degli innamorati con la stalker psicotica assassina come da tradizione?

    Thrilleretto che rispetta tutti i canoni del (de)genere, rialacciandosi, a monte, ai vari Brivido nella notte e Attrazione fatale ( e ai futuri cuginetti come Twisted love o Crush), ma, curiosamente, anticipando le derive teen, con pazza ossessiva e obiettivo, da tormentare fino alla psicopatologia, nella figura del bel fusto sportivo, con fidanzatina a carico, di Swimfan

    Tutto già visto e catalogato, ma la tensione regge bene e l'ex Bella in rosa della Ringwald (che sfoggia un paio di tettone da paura, e dove Corson inquadra spesso le sue decolettè in silenti passi di morte) è una squisita psicopatica con i fiocchi che non vuole rinunciare alla futura promessa del baseball, pronta a tutto (ma proprio a tutto) pur di averlo tutto per se (scaricata dopo un paio di focosi amplessi-dentro la sua Jaguar decapottabile, sotto la pioggia, al campo da baseball e in barca a vela-).

    Tanto è sexy (spesso in abitini succinti neri, da perfetta femme fatale), melliflua, diabolica e completamente pazza la Melissa della Ringwald, quanto è sciapetta la fidanzatina del giovane stalkerizzato, classica tipina casa e chiesa del "farlo dopo il matrimonio" (ci si prova in biblioteca per accontentarlo, ma senza particolare successo, e indovinate un pò chi li spia nel frattempo?).

    Dopo l'imbarazzante (e anche divertente) incontro nella doccia tra il povero ragazzo opresso e Melissa ossessivamente vogliosa , parte il cortocircuito dello squilibrio mentale della ragazza, e il film ingrana la marcia dello stalking movie e promette abbastanza quello che mantiene.

    Melissa (preda di un furente autolesionismo) si massacra da sola in casa per incastrare il ragazzo dei suoi sogni impossibili, facendo credere alla polizia che la picchiata, impicca il gatto nella doccia della fidanzantina, tenta di mandare all'altro mondo l'impossibile futura "suocera" sostituendole, a suo modo, la cura dei tranquillanti, nonchè dar fuoco all'auto, incidentata, del suo amore irraggiungibile (con lui dentro nell'abitacolo, dove stava lì lì per fare la stessa fine del Johnny boy di Interceptor).

    Ma Melissa ha un passato fatto di abusi sessuali incestuosi fin da quando era piccola (il padre chirurgo, che ora conserva in freezer come se fosse un quarto di bue) e una madre finita in una struttura psichiatrica (notevole il flashback sull'eliminazione genitoriale perpretata da Melissa)

    Verso il countdown finale si arriva in zona Inserzione pericolosa, in una notte da tregenda dai riverberi horror (espressione spettrale di Melissa con candela in mano), tra lotte corpo a corpo, pistole scariche, poliziotti presi a mazzate, una tentata "vivisezione" femminile sul letto (poi ripresa, quasi fac simile, nel finale di Urban Legend) e defenestramenti, con rovinoso impatto sul cofano dell'auto, sfondando il parabrezza, sullo stile della chiusa di Ballata macabra o della gemellina sul tetto della station wagon del quarto Venerdì 13).

    Non male la scenetta del corso di anatomia (con autopsia annessa) e quella delle due telefonate nello stesso istante (fidanzatina su una linea, Melissa sull'altra) dove la "femmina folle" si vede sbattere giù la cornetta, non prendendola troppo bene.

    Corson dirige professionalmente e senza particolari intoppi (omaggiando lo strabusato Psycho con John Vernon che sale le scale e McGaw che apre la tenda della doccia, e avendo un larvato feticismo per i piedini femminili) e la Ringwald "fuori di testa" merita da sola la visione.

    Per chi ama lo stalking movie (e meglio ancora se la persecutrice disfunzionale è donna) potrebbe trovarlo simpaticamente piacevole (seppoi si ha la fissa per certi b-movie), a patto di non aspettarsi particolari sorprese.

    Garantiscono i produttori dell'ottimo Dream man-Premonizione omicida.
    Ultima modifica: 15/02/20 19:41 da Buiomega71
  • Homevideo Buiomega71 • 15/02/20 10:22
    Pianificazione e progetti - 22002 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Bmg Video

    Edizione: novembre 1996

    Durata effettiva: 1h, 28m e 33s

    Ultima modifica: 15/02/20 10:50 da Zender
  • Discussione Mco • 15/02/20 12:25
    Scrivano - 9684 interventi
    Anche a me, che amo il sottogenere stalking movie, ha dato le stesse sensazioni da te descritte. Gradevole, senza eccessi di sorta. ;-))