LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

L’androgina Bimba è l’unica figlia di un nobile casato, costretta a restare rinchiusa tra le mura del suo castello e a giocare coi suoi peluche tra le siepi del grande giardino. A sedici anni la situazione, dal punto di vista sessuale, diventa insostenibile, perdipiù esasperata dalla presenza, al castello, della ben poco nobile zia. Quest’ultima è una biondona dal seno generoso e costumi non troppo morigerati, che si autodefinisce senza alcun problema “ una puttana”. Logico quindi che Bimba cominci a dare di matto: con una voce alterata e roca (che poi si scoprirà essere quella di tale Lucrezia, defunta e reincarnatasi nell’adolescente) stupisce i suoi parenti al tavolo con pesanti...Leggi tutto allusioni sessuali, spia la procace zia durante i frequenti accoppiamenti, utilizza i vari peluche a fine masturbatori, si tocca, cerca di coinvolgere la suora del castello (Maria Angela Giordano) in dolci giochi erotici, scende da un moribondo chiuso nei sotterranei e ne provoca la morte a colpi di lingua, si spoglia a sorpresa durante un ricevimento (un po' come aveva fatto Linda Blair nell’ESORCISTA), bacia la propria immagine allo specchio… Per il medico curante è un comportamento normale e d'altra parte a nessuno passa per la mente l'idea di una possessione diabolica. Ma in fondo a chi interessa? I quattro quinti del film sono occupati da nudi femminili e mutandine che si slacciano (con tre inserti di puro hardcore): gli intenti del regista Andrew White (al secolo Andrea Bianchi) sono dichiarati fin dalla prima sequenza e la storia è solo un pretesto. Girato comunque con discreto mestiere, MALABIMBA è tutto qui.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 26/03/07 00:31 - 3819 commenti

I gusti di Undying

Il film inizia quasi seriamente: tanto da sembrare (come vuole sembrare) ispirato alle questioni "esorcistiche". I guai iniziano dopo mezz'ora, soprattutto se si visiona la versione soft, priva di inserti hard-core. Toltosi di dosso ogni aspirazione artistica (seppur minima), Bianchi punta sulle "doti" interpretative della formosa Patrizia Webley: peccato che non approfondisca su questo (abbondante) lato, puntando invece sulla magra "bimba" cui il titolo rimanda. Sceneggiatura di Piero Regnoli!

Deepred89 10/05/07 19:30 - 3425 commenti

I gusti di Deepred89

Poco horror e molto erotico; in ogni caso un film orrendo. Dopo un inizio quasi promettente, nel film aleggia un'aria da pornazzo di serie B (anche se le scene hard sono solo un paio), accentuata da dialoghi ad alto contenuto trash. Riguardo al cast la Laennec e la Webley sarebbero state più indicate per un hard vero e proprio; Mariangela Giordano invece, nei panni di una suora, per quanto ridicola, è cultissima. La musiche sono molto belle, ma sono rubate da La morte ha sorriso all'assassino. Indecente.

Homesick 26/10/07 17:44 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Le parti migliori sono l'inizio e la fine: la seduta spiritica con gli scherzetti erotici e il finale à L'esorcista. Tutto il resto è una sequela interminabile di sesso spinto (anche hard), interrotta solo da brevi dialoghi (spesso imbarazzanti). L'indiscusso fascino del castello di Balsorano riesce a riempire la squallida ambientazione. Pisano ricicla le musiche delicate e inquietanti di La morte ha sorriso all'assassino.

Schramm 21/11/07 21:03 - 2632 commenti

I gusti di Schramm

Come esaltarlo senza scatenare cori di protesta? Come demolirlo senza aizzarsi contro il malcontento di chi sguazza nel trashume? Soprattutto, come si riesce a finirlo? Celie a parte, non ci si può lamentare: per tre quarti buoni si ride a lacrime e dato il buio periodo che si sta attraversando ben venga anche l'umorismo involontario. Certo, manca il minimo indispensabile per poter parlare di cinema, ma se non si può avere tutto dalla vita, figurarsi da Bianchi...

Cotola 12/12/07 00:18 - 8095 commenti

I gusti di Cotola

Fiacco e impresentabile thriller erotico con decise e numerose escursioni nell'hard-core. Come al solito il nome di Bianchi è una garanzia. Quando si visiona un suo film, infatti, potete star certi che sarà una boiata. Questo film ne è la palese conferma: tensione del tutto assente, noia che regna sovrana e, come spesso accade nei suoi film, tanta volgarità gratuita. D'altronde al regista più che portare avanti la storia interessa far susseguire uno dietro l'altro una serie di amplessi. Ho detto tutto!

Herrkinski 14/05/08 22:07 - 6141 commenti

I gusti di Herrkinski

Pochissimo horror-demoniaco e molto soft-core con inserti hard. L'intero film è all'insegna del trash puro, con dialoghi assolutamente esilaranti e scene altrettanto comiche (se si riesce a superare la volgarità gratuita quasi fastidiosa). Tutto sommato il film è scorrevole e non privo di una certa morbosità, ma di sicuro è da vedere più per un senso di pura curiosità che per un qualsivoglia interesse reale. Una morbosa bizzarria.

Trivex 2/07/08 21:22 - 1594 commenti

I gusti di Trivex

Dopo una seduta spiritica, lo spirito maligno di turno possiede la giovane e candida castellana, che si mette subito a caccia di sesso per recuperare il tempo perduto. Anche in questo caso, come nel gemello La bimba di satana, la pellicola è spudoratamente poco horror e molto erotica, in questo caso con inserti hardcore, probabilmente girati separatamente e solo per l'estero. L'ambientazione nel castellaccio non è male e il film è girato benino, ma non offre nulla di particolare da ricordare. Morboso con coraggio: due pallini!

Daidae 22/02/10 16:51 - 2871 commenti

I gusti di Daidae

Non fa così schifo come lo dipingono critica e forum in rete. Certo.. è pur sempre un Bianchi quindi un film che difficilmente raggiungerà la sufficienza. Solo il 10% del film è demoniaco-horror, per il resto punta sull'erotismo spinto (le scene pornografiche sono state aggiunte in seguito e si vede chiaramente che non sono le stesse attrici). Molto bello e desiderabile il corpo della Webley, un po' meno quello della graziosa lolita Bimba. Tutto sommato i due pallini li conquista.
MEMORABILE: Il turpiloquio di Bimba, le prestanze erotiche della Webley, la morte di Adolfo.

Ciavazzaro 1/01/11 20:40 - 4770 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Trashone, ma con una certa dignità. Il cast si divide nettamente tra cagnacci (Fisichella e il resto del cast maschile) e attori discreti (la Webley, Marocco zio paralitico e l'amata Pupita Lea Scuderoni nel ruolo della nonna). Belle le musiche e nonostante tutto il film scorre, spinto già nella versione soft; il sesso sorpassa l'horror. Brava comunque la Giordano suora e buone le ambientazioni. Si può vedere.
MEMORABILE: La seduta spiritica con lo spirito assetato di sesso!

Bruce 10/05/11 18:42 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Ultra trash erotico demoniaco, più erotico che demoniaco, girato con un certo gusto estetico dal regista nelle belle ambientazioni del Castello di Balsorano. Spesso viene da ridere ma bene o male si riesce ad arrivare alla fine. Scena cult quella della morte dello zio paralitico nei sotterranei.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Zardoz35 14/08/11 02:04 - 264 commenti

I gusti di Zardoz35

Una famiglia altolocata in decadenza, così come il castello che la ospita, una ragazzina che inizia a vivere il sesso contornata da parenti avidi e da una suora non troppo convinta. Classico horror italico di fine anni Settanta con tanto di possessione demoniaca; peccato che ben presto la pellicola scivoli poi nell'erotico spinto e tralasci di farsi critica dei vizi della borghesia. Sui dialoghi e su gran parte degli attori meglio stendere un velo pietoso.

Fauno 19/05/12 11:06 - 2025 commenti

I gusti di Fauno

Non così male, e l'indemoniata di casa nostra se la sa cavare. Sfortunatamente non c'è il benchè minimo brivido, cambio di scena, capovolgimento di fronte a supportare la sua energia. Tutto procede blandamente ed è una trama su parentele ed interessi economici, quindi prevedibile. Morale: ho apprezzato di più pose e provocazioni della Giordano, coi suoi discorsi che non posso che condividere pienamente: come in altri film è poco simpatica ma per niente ipocrita.

John trent 27/12/13 20:13 - 326 commenti

I gusti di John trent

Firmato non casualmente da Andrea Bianchi con lo pseudonimo Andrew White (lo stesso che utilizzerà negli Anni Ottanta per i suoi film hard), è un complicato esperimento sexy horror con sequenze spintissime. La meteorina Laennec si concede nudi integrali e la giunonica Webley è protagonista di molte scene ai limiti dell'hard. Poco credibile la Giordano monaca, in un finale che richiama incredibilmente molto da vicino L'esorcista. Curioso.
MEMORABILE: La fellatio allo zio moribondo. La seduzione della Webley ai danni del cognato vedovo.

Maik271 4/05/15 12:09 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Niente di nuovo in questa pellicola spacciata per horror e che tratta di possessione (a parte l'alto tasso erotico che vede Bimba - che nome originale... - nei panni della giovane posseduta, da cui il titolo) che a suon di parolacce gira per il castello di famiglia. La trama con intrigo familiare annesso vorrebbe dare credibilità risultando però solo la scusa per mostrare i lunghi amplessi dei protagonisti. Evitabile.

Il Gobbo 20/04/15 09:24 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Esorcistico scopereccio alla Bianchi e Regnoli, vecchia volpe, che sceneggia. Non parte neanche male, con una seduta spiritica turbolentissima, poi il tutto si risolve nell'alternanza di scene erotiche con la ragazza che ne fa di tutti i colori (ma le prendono per intemperanze puberali, del resto "ormai ha sedici anni"!) e pensosi dialoghi sul nido di vipere familiare. Chi ha detto trash?

Faggi 15/05/17 20:51 - 1521 commenti

I gusti di Faggi

Bimba, la protagonista, è una sedicenne posseduta dallo spirito affamato di sesso e malefìci di Lucrezia, un'antenata; si scapriccia in avventure autoerotiche (aiutandosi con i suoi peluche) e poi erotico-mortuarie. La versione che ho visto è un porno-horror: come porno poteva essere sufficiente per gli antichi circuiti a luci rosse, come horror è debolissimo (quasi nullo): disastroso ma non anemico, oggi non dispiace del tutto poiché si riscatta sotto il profilo trash, al suono di note languide (riciclate).
MEMORABILE: "Ti chiamano La Statua ma adesso ti faccio muovere io, vedrai che ti piacerà" (Bimba allo zio infermo, prima di farlo secco con una fellatio).

Ronax 30/11/17 01:25 - 1005 commenti

I gusti di Ronax

Tremendo pornoesorcistico destinato d'elezione al circuito a luci rosse. Ne consegue che parlare di trama è del tutto superfluo, visto che quest'ultima ha una pura funzione di raccordo fra una scena erotica e l'altra, hard o soft a seconda della versione. Di nessun interesse l'ignota Katell Laennec, mentre si getta volentieri un occhio sulla Webley, molto a suo agio nel ruolo di una ninfomane e sulla Giordano, una poco credibile suora che cede al demonio per salvare la "bimba" in questione.
MEMORABILE: La seduta spiritica iniziale.

Leandrino 26/08/20 05:26 - 291 commenti

I gusti di Leandrino

Il demone della pubertà si impossessa della sedicenne Bimba e nel maniero gotico della famiglia Caroli va in scena un ridicolo porno-Esorcista dalle sbiadite tinte horror (solo per lo scenario e la fotografia, tutto sommato dignitosa). Si tira avanti noiosamente e per le lunghe tra battutine di contorno, un demoniaco rantolo di vecchia e inserti espliciti. Un porno horror quantomeno tutto giocato sull’elemento femminile, che incarna le sfaccettature di un desiderio soprannaturale imposto col peso della croce sul segno opposto. Film da recuperare giusto per la sua “aura”.
MEMORABILE: La fellatio a zio Adolfo; Il nudo frontale davanti gli invitati.

Pessoa 29/03/21 21:55 - 1752 commenti

I gusti di Pessoa

Dietro il paravento apocrifo de L'esorcista c'è l'intento nemmeno troppo nascosto di solleticare gli appassionati del softcore (sennò che Bianchi sarebbe?) mantenendo comunque una linea narrativa plausibile, tradita ogni tanto da qualche svarione nella sceneggiatura. Certo, il prodotto è mediocre, ma intriso fino al midollo dell'aurea sacrale del cinema di genere. Piuttosto modesto l'apporto del cast maschile, mentre sull'altro piano brillano la Giordano e la splendida Webley, che in fascino e bellezza dà parecchi punti a moltre altre attrici del filone. Tutto sommato guardabile.
MEMORABILE: L'esuberanza fisica della Webley, che nel film dimostra di saper recitare anche con i vestiti addosso.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Xtron • 2/07/12 17:09
    Servizio caffè - 1916 interventi
    Io ho il dvd Severin X-Rated Version

    Durata 1h28m13s NTSC (senza insert)
    1h37m54s NTSC (con insert)



    Faccio notare che in questa versione sono presenti scene hard che utilizzano lo stesso master del film. Gli insert che hanno una qualità decisamente inferiore non contengono scene hard. Ecco un esempio:

    Ultima modifica: 2/07/12 19:13 da Zender
  • Homevideo Buiomega71 • 16/03/13 00:31
    Pianificazione e progetti - 23299 interventi
    In dvd per Quadrifoglio, disponibile dal 18/10/2013

    http://www.kultvideo.com/DVD/DVD.aspx/aid17114aid-DVD-Malabimba-18-10-?__lang=it-IT
  • Discussione John trent • 27/05/13 13:39
    Servizio caffè - 515 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    ma la celeberrima scena della fellatio "mortale" al parente disabile, è interpretata da una controfigura o era proprio la Laennec? Qualcuno lo sa?

    Per me non era controfigurata.
  • Discussione Herrkinski • 5/06/13 15:44
    Capo scrivano - 2381 interventi
    In effetti neanche per me..
  • Discussione Raremirko • 5/06/13 22:04
    Addetto riparazione hardware - 3768 interventi
    Ma chissene però, dai.
  • Discussione Herrkinski • 5/06/13 22:56
    Capo scrivano - 2381 interventi
    Curiosità morbose dei cinefili ;-)
  • Discussione Herrkinski • 6/06/13 15:43
    Capo scrivano - 2381 interventi
    Azz, non ho fatto in tempo a leggere il tuo intervento Mco.. Se Zender è d'accordo magari si può scrivere nel Davibook?
  • Discussione Zender • 6/06/13 17:36
    Consigliere - 45045 interventi
    Grazie di aver compreso Mco. Fidati che se lo dico è perché proprio è bene che sia così. No HK, bene evitare anche in dbook, perché poi la ricerca google arriva dappertutto. In questo ambito c'è gente che fa di tutto pur di coprire cose che sanno anche i sassi, e nemmeno vale il "è scritto ovunque" in questo caso. Poi magari vai in causa e vinci, ma intanto hai buttato a mare soldi e tempo. Ci guadagnassi col sito lo farei anche, ma visto che ci perdo già così... :)
    Ultima modifica: 6/06/13 17:39 da Zender
  • Discussione Herrkinski • 7/06/13 16:30
    Capo scrivano - 2381 interventi
    Capito, no problem :-)
  • Homevideo M.shannon • 18/05/20 06:19
    Disoccupato - 310 interventi
    Recentemente uscito in Blu Ray per la label americana Vinegar Syndrome