LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/03/12 DAL BENEMERITO JORGE POI DAVINOTTATO IL GIORNO 29/12/12
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lucius 23/03/12 18:28 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Ozpetek riesce ad emozionare con una sceneggiatura vincente e un cast affiatato in stato di grazia, su cui primeggia Elio Germano. Nel panorama italiano la pellicola è apprezzabilissima, ma con una sceneggiatura come questa si poteva osare anche di più. Capisco che il cuore del film è l'ennesima testimonianza degli orrori della guerra (non sono mai troppe), ma si poteva ugualmente approfondire la psicologia di alcuni personaggi, in primis quella di Pietro, la cui sessualità è appena accennata. Comunque gran classe e una Proclemer intramontabile.

Cloack 77 13/04/12 14:43 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Il film non è granchè: è riconducibile alle opere alimentari, nelle quali non si ha nulla da dire, ma “si batte cassa”. Non è altro che una costola de La finestra di fronte: stesso sviluppo narrativo, stesso omaggio a un attore del passato (Proclemer-Girotti), ma risultato diverso perché all'impellenza e alla mole del racconto si è sostituita la “maniera”; cosa rappresenta la “Badessa” se non un esercizio estetico, presuntuoso e di maniera?

Jorge 19/03/12 14:49 - 164 commenti

I gusti di Jorge

Ozpetek ritorna con una commedia brillante ma delicata, con un cast corale affiatato e convincente, nel quale spiccano senz'altro Germano e la Minaccioni e con uno speciale cameo della grande Proclemer. Un film di evasione intelligente, accorato in alcuni punti, che però non convince appieno: alcuni strafalcioni a livello di sceneggiatura sono evidenti, e anche la solita cura nel girare di Ozpetek pare assai in ombra. Un prodotto certamente buono, ma da Ozpetek era lecito aspettarsi molto, molto di più. Sufficienza stiracchiata.

Myvincent 19/03/12 15:07 - 2522 commenti

I gusti di Myvincent

Magnifica pellicola, questa ultima fatica di Ozpetek che film dopo film si rivela vero mago nel proporre un grande cinema, quello che fa sognare, pensare, riflettere, godere anche solo delle immagini e della musica. È vero che la storia appare al solito limata e costruita ad incastro perfetto, lasciando all'assurdità del caso alcuni aspetti del racconto, ma la magia qui prende la mano anche allo spettatore più disincantato. Attori guidati in maniera eccellente.

Xamini 20/03/12 19:56 - 1000 commenti

I gusti di Xamini

Mi sono trovato in sala per caso o per mancanza di alternativa. Ozpetek è uno dei registi più "more of the same" che conosca. Visto un paio di suoi film, visti tutti. Questo a dire che, nonostante la variante di una storia ricercata, siamo sempre al solito concetto di famiglia allargata, al danzare con la leggerezza di un sorriso sui confini della sessualità. Gradevole, quindi, ma concettualmente già visto. E cionondimeno, plauso per Elio Germano.

Dusso 22/03/12 09:20 - 1533 commenti

I gusti di Dusso

Una bella sorpresa: film ben diretto da Ozpetek con interpretazioni di ottimo livello (fantastica la Proclemer), dotato di una certa grazia e di una piacevole atmosfera irreale. Non è certo un capolavoro, ma al giorno d'oggi film italiani come questo se ne trovano in giro veramente pochi.

Didda23 23/03/12 11:38 - 2282 commenti

I gusti di Didda23

Ozpetek conferma la propria mediocrità dirigendo questa sciapa commedia corale annoiando lo spettatore con una sceneggiatura oltremodo banale e appesantendo il racconto con personaggi in costume. Germano alle prese con il catanese è imbarazzante: sembra un altro attore rispetto a quello che mostrava un convincente accento veneto in Faccia d'angelo. La noia pervade l'opera stuzzicando Morfeo che vigile aspetta per colpire al primo flebile calo di attenzione. Filmaccio.

Nancy 2/04/12 00:45 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Ozpetek è preferibile quando dirige drammi piuttosto che commedie corali come questa. Non che non sia godibile, anzi, riesce a trattare l'idea di base (un tantino "scarna") con originalità e ispirazione anche grazie a un valido cast (pure la Puccini qui non sembra così pessima; la Buy meravigliosa come al solito), ma i buchi di sceneggiatura sono evidenti; ad esempio: la storia col vicino di casa Roja dove va a finire dopo metà film? È questo che uccide la pellicola, che poteva essere perfettamente in linea se rifinita un po' meglio.

Galbo 10/08/12 20:14 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Cercando di ritrovare i passi di uno dei suoi film più riusciti, La finestra di fronte (le assonanze tra le due pellicole sono evidenti), Ferzan Ozpetek non riesce ad andare oltre un film mediocre, privo di una precisa identità e fatto per lo più di suggestioni, a volte affascinanti visivamente quanto povere narrativamente. Al senso di spaesamento generale contribuisce Elio Germano, in un ruolo decisamente poco adatto a lui. Del cast la migliore è la Proclemer, sia pure in una piccola parte.

Daniela 29/11/12 11:34 - 9214 commenti

I gusti di Daniela

Giovane pasticcere con ambizioni attoriali va a vivere in un vecchio appartamento infestato da presenze più o meno magnifiche... Non apprezzando particolarmente l'Ozpetek impegnato, ho gradisco di più questa commedia che affronta temi a lui abituali con maggior leggerezza, anche se presenta carenze sia a livello di sceneggiatura (incongruenze vistose, personaggi senza un perché) che a livello di definizione dei caratteri. Difetti a cui il cast, abbastanza affiatato, non può porre rimedio e che inficiano il risultato complessivo, comunque grazioso per quanto inconsistente.
MEMORABILE: Il bambino goloso di dolci

Pigro 6/11/12 08:39 - 7730 commenti

I gusti di Pigro

Il vero tema centrale e onnipresente di Ozpetek è la casa, qui in versione stregata, rievocando da una parte Fantasmi a Roma e Assassini dei giorni di festa, e dall’altra i Personaggi pirandelliani. Ne vien fuori una commedia spigliata, ariosa, divertente, dove tutti gli spunti di una certa profondità si diluiscono nel gioco e in una galante levità, lasciando in secondo piano altri temi ricorrenti come marchio di fabbrica del regista (l’omosessualità, la famiglia allargata, la memoria). Ma la dimensione favolistica e scherzosa è il vero obiettivo: centrato.

Ilcassiere 18/11/12 10:28 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

Un mischione pazzesco in cui vengono toccati velocemente un'infinità di temi, dalla crudeltà della guerra alla precarietà dei giovani di oggi, dall'omosessualità all'amore per la casa. Insomma, un film che non porta da nessuna parte ma alla fine, come accade sempre nei film di Ozpetek, qualche risata te la fai, ti godi una bella colonna sonora e apprezzi il talento di qualche giovane attore, in questo caso un ottimo Elio Germano, giovane anagraficamente ma ormai maturo nel talento.

Furetto60 1/03/13 09:38 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Ozpetek è poesia, introspezione e padroneggia lo strumento cinematografico. Predilige i quartieri vecchi delle città, scegliendo case cadenti e non ha bisogno di effetti speciali per coinvolgere ed emozionare. Le sue opere trasudano il piacere di "fare arte" con semplice spontaneità. Anche in questo film è inserito il tema dell’omosessualità, ma a differenza di altre opere precedenti del regista è come un sottofondo, una base della quale, tutto sommato, si poteva anche fare a meno.

Hackett 3/04/13 06:53 - 1721 commenti

I gusti di Hackett

Poche cose funzionano, in questa commedia "soprannaturale" che parte con buone ambizioni ma le perde quasi subito. La regia è distratta, i protagonisti poco in parte e la sceneggiatura priva di mordente. Si assiste insomma a un filmetto mediocre, senza identitá ne guizzi.

Piero68 26/03/13 09:27 - 2754 commenti

I gusti di Piero68

Ghost-comedy in agrodolce con evidenti limiti strutturali. Su tutti la totale mancanza di una storia e la sciatteria nella rappresentazione delle "anime inquiete". Ozpetek gira a vuoto e soprattutto dirige male; sembra di assistere a una fiction di terz'ordine più che ad un film. Così il tempo scorre senza che una sola risata venga strappata e senza che alcun elemento emerga fosse anche per dare un senso estetico. Male tutto il cast, compresi Germano e la Buy. Toh, c'è pure Platinette! Argh!

Nando 27/03/13 16:00 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Una casa, un pasticcere con velleità artistiche e una compagnia teatrale degli anni 40. Una narrazione ariosa, leggera e impegnata allo stesso tempo che affronta svariati argomenti con consapevolezza. Cast di buon livello con Germano ispirato; altrettanto validi Fiorello e la Minaccioni, magnetica la Proclemer perfidamente cattiva.

Schramm 8/10/13 12:12 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Cosa vi sia di magnifico e di presente in quest'opera è, a seconda, domanda retorica o destinata a non avere risposta. I veri fantasmi trascendono i personaggi, e sono lo script, la regia, il ritmo, la comicità, l'attorialità. Ozpetek s'adagia su una bolsa poetica nemmen sufficiente per il gusto delle massaie, su un omogeneizzato di carineria mediasettara, fa perno su una storia di scarso interesse e spessore che già prima dell'intervallo invoglia a lasciare vuoto il posto in sala, e che dopo fa amaramente pentire di non averlo fatto, disseminata com'è di crepacci di senso e di continuità. *

Stelio 22/05/14 18:53 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Germano tiene a galla un lavoro di Ozpetek decisamente sottotono. Il ritmo stenta a decollare e la stessa storia, per quanto apprezzabile per la variazione rispetto a quelle classiche raccontate dall'autore italo-turco, si rivela banale così come il prevedibile finale. La regia non fallisce, è tutto il resto a non sbocciare mai.

Enzus79 17/10/14 16:16 - 1759 commenti

I gusti di Enzus79

Non male questa commedia scritta e diretta da Ozpetek. Storia abbastanza originale, con qualche caduta nel banale che incide negativamente sul film. È indubbio che Elio Germano sia bravo, ed è proprio per questo motivo che si potevano trovare altri partner all'altezza.

Thedude94 29/11/16 22:57 - 538 commenti

I gusti di Thedude94

Non è riuscito a entusiasmarmi, nonostante un buon cast e una buona trama. Forse per colpa di una serie di presunti fantasmi, "presenze", che tutto sembrano tranne che spiriti: assenti completamente nella composizione del quadro generale. Germano se la caverebbe anche bene, ma davvero nel complesso il film arriva poco e non è incisivo. Buone soltanto le parti in cui è presente Massimiliano Gallo che, con la sua stravagante interpretazione di un medico molto convinto di sé, riesce a risultare simpatico.

Gugly 18/12/17 10:10 - 1013 commenti

I gusti di Gugly

Con un occhio a Pirandello (finzione! finzione!), un altro al poco cinema fantastico italiano che fu (Pietrangeli), Ozpetek mette al centro della storia un (troppo) ingenuo Germano che si arrabatta nella Capitale tra velleità artistiche e sogni amorosi infranti; non tutto funziona (alcune interazioni tra il protagonista e i fantasmi sono imbarazzanti) e la storia ha degli snodi irrisolti. Suppliscono le solite magnifiche musiche e una grande Proclemer degno epigono della madre di Carlo. Presenza discreta, nel complesso.
MEMORABILE: Drusilla Foer (Gianluca Gori); La Badessa (??); Il bambino goloso (!!!).

Corinne 2/07/18 15:09 - 401 commenti

I gusti di Corinne

Ragazzo impacciatello che sogna di diventare attore (un adeguato Germano) scopre di non essere solo nella casa romana che ha preso in affitto. Un Ozpetek inconsueto, che lascia in sottofondo le tematiche abituali in favore di una commedia (fin troppo) lieve dall'epilogo perfettamente in linea col genere. La storia è poca cosa ma è raccontata con poesia e una certa ironia, suggestiva nelle numerose scene ambientate nella vecchia casa.
MEMORABILE: "Ma hitler? si è ammazzato. Il comunismo? Anche".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Lucius • 23/03/12 18:30
    Scrivano - 8345 interventi
    Le due frasi cult:
    *"Era un parco così buio, che si poteva vedere solo con le mani, un sesso breil..."
    *"Ma mi hai vista? Se credo ancora in me come potrei non credere ai fantasmi?".
  • Discussione Lucius • 24/03/12 14:00
    Scrivano - 8345 interventi
    Il personaggio delle Proclemer, dopo la rivelazione, mi ha ricordato un pò la Calamai in Profondo rosso...
    Un'altra grande attrice rimasta nel dimenticatoio per decenni...
    Ultima modifica: 25/03/12 07:11 da Lucius
  • Discussione Nancy • 4/04/12 01:57
    Fotocopista - 148 interventi
    Assolutamente d'accordo! Pensavo di essere matta quando a vederla mi è balenato in testa "Non si vedeva una vecchia così cattiva dai tempi di Profondo Rosso...". Mi fa piacere che qualcuno abbia notato la stessa cosa.
  • Discussione Lucius • 4/04/12 14:11
    Scrivano - 8345 interventi
    Con quella capacità che hanno solo i grandi attori, quella di trasformare i propri personaggi.Vedi la Calamai, così mansueta all'inizio, terribile sul finale.
    Anche qui non mi aspettavo proprio, una donna capace di un simile abominio...
    Non credo sia da tutti interpretare una parte, riuscendo a spiazzare lo spettatore, come han fatto queste due vecchie glorie del cinema...
    Ultima modifica: 4/04/12 15:06 da Lucius
  • Discussione Nancy • 5/04/12 00:43
    Fotocopista - 148 interventi
    Quoto assolutamente quello che hai scritto!
  • Homevideo Gestarsh99 • 17/07/12 21:26
    Scrivano - 14053 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc dal 12/09/2012 per 01 Home Entertainment/Rai Cinema:

  • Musiche Lucius • 21/12/12 20:16
    Scrivano - 8345 interventi
    Colonna sonora distribuita anche in vinile.
    Per ascoltare della buona musica e restare in tema con l'argomento del film.

    SIDE A: 1 La Sera Della Prima feat. Sezen Aksu 2 Magnifica Presenza 3 Finzione 4 Figurine 5 Non Ti Svegliare 6 Bordi 7 Provino 8 Unuttun Mu Beni (strumentale)

    SIDE B: 1 Unuttun Mu Beni – Sezen Aksu 2 Garibaldi 3 Una Grande Attrice 4 Realtà 5 Magnifica Presenza (Versione 2) 6 Compagnia Apollonio 7 Gitmem Daha/La Sera Della Prima – Sezen Aksu
  • Homevideo Lucius • 3/04/13 01:54
    Scrivano - 8345 interventi
    Tra gli extra del dvd alcune scene tagliate, tra queste una a mio avviso importantissima, che dice molto sulla psicologia (e non solo) del personaggio interpretato da Germano.
    Ozpetek ha optato per lasciare in sospeso determinati aspetti che lo riguardano, non so quanto ciò abbia fatto bene al film.
    Ultima modifica: 3/04/13 01:57 da Lucius
  • Discussione Gugly • 25/04/13 21:59
    Segretario - 4678 interventi
    In questo film magnifica ultima presenza della Proclemer, scomparsa oggi. Un saluto ad una regina del teatro (Gassman la volle per il suo memorabile Amleto in linea con l'età del personaggio).
  • Discussione Pigro • 26/04/13 09:42
    Consigliere avanzato - 1480 interventi
    Gugly ebbe a dire:
    In questo film magnifica ultima presenza della Proclemer, scomparsa oggi. Un saluto ad una regina del teatro (Gassman la volle per il suo memorabile Amleto in linea con l'età del personaggio).

    Mi associo. Una straordinaria attrice di teatro, che ha dato purtroppo poco al cinema.