Magic

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Magic
Anno: 1978
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Magic - Magia".
Numero commenti presenti: 8
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Il dramma di Corky (Anthony Hopkins), prestigiatore ventriloquo, e del suo pupazzo Forca. Il film di Richard Attenborough comincia come un dramma psicologico, racconta il progressivo sdoppiamento della personalità di Corky, sempre più incapace di sopravvivere senza il suo brillante alter ego inanimato. Il suo manager Cancrena (Burgess Meredith, visto nella stessa parte in ROCKY) se ne accorge e raggiunge il capriccioso Corky, fuggito dal successo, nel suo esodo volontario sul lago dove vive da una sua vecchia fiamma (Ann Margret). A questo punto il film cambia (finalmente!) e si trasforma in un thriller, con tanto di omicidio e magistrali scene di tensione. In una cornice lacustre suggestiva...Leggi tutto Attenborough alimenta la pazzia di Corky, ormai schiavo del malefico pupazzo - che ha vagamente le sue fattezze e veste spesso allo stesso modo (dalla vita in su, visto che le gambe sono il braccio del suo padrone) - e muove i suoi pochi personaggi con efficacia. Peccato per la fotografia, sporca e cupa, per una sceneggiatura che sovente perde colpi, per il ritmo non esaltante, ma Hopkins è bravo (il pazzo, prima ancora di cimentarsi con l’Hannibal Lecter de IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI, è una figura che indubbiamente gli si addiceva), Burgess Meredith è un manager credibilissimo e ammaliante e anche la coppia Anna Margaret/Ed Lauter non sfigura affatto. Si vede insomma che MAGIC è film di una certa qualità, pur essendo derivato palesemente da un celebre episodio di INCUBI NOTTURNI. Indovinate alcune atmosfere oppressive. Musiche, piuttosto anonime, di Jerry Goldsmith.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 24/05/07 13:45 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

Buon thriller basato sull'omonimo romanzo di William Goldman e diretto con mano sapiente da Richard Attemborough. A dare un valore aggiunto alla pellicola ci pensa Anthoy Hopkins, ancora lontano dai fasti e dalla popolarità che gli donerà il personaggio di Hannibal Lecter, con una prestazione attoriale molto convincente. A fargli degnamente da spalla ci sono Burgess Meredith, Ann-Margret e Ed Lauter che svolgono egregiamente il loro ruolo, ma anche il pupazzo Forca si ritaglia una parte non tracurabile. Non un film eccezionale ma che merita una visione.

Undying 4/04/09 02:59 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Corky Withers (Anthony Hopkins), nonostante si sia formato alla corte del vecchio Merlin (E.J.André), non sembra essere portato per l'attività d'illusionista. L'aiuto d'un pupazzo, però, gli permette di trovare riscontro di pubblico dando il via alle sue potenzialità di ventriloquo. Il mago rifugge dalla notorietà e dal successo sino ad isolarsi in una sperduta casetta tra i boschi, affittatagli da una vecchia fiamma di gioventù. Ed è proprio nell'isolamento che la personalità di Corky sembra subire l'influsso del pupazzo. Dopo una prima parte macchinosa subentra un clima allucinato e ambiguo.

Bruce 22/04/10 16:51 - 1000 commenti

I gusti di Bruce

Dovessi definirlo con un solo termine userei "mattone". Sì, perché una volta riconosciuta la bravura di Hopkins nel reggere per oltre due ore la parte del ventriloquo shizofrenico e quella di Attenborough nella classica regia, rimane questo. Un dramma poco thriller, lento, lentissimo, monocorde, tedioso, privo di un minimo guizzo che risvegli interesse e che, alla lunga, rende persino antipatico il pupazzo Forca. Due palle, proprio così.

Tomastich 20/03/10 10:50 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Un piccolo gioiellino di fine anni '70, uscito dalla mente del regista attore Richard Attenborough (Jurassic Park, L'assassino di Rillington Place n°10). Anthony Hopkins interpreta un prestigiatore fallito, sull'orlo di una crisi di nervi, che si rifugia nel proprio passato sentimentale, per calarsi piano piano in un vortice di follia pura (coadiuvato dal suo pupazzetto) orchestrata con una maestria sublime anche dallo stesso Hopkins (ad esempio, alla scena che parla con lo specchio). Da riscoprire, peccato pe la lunghezza.

Cotola 4/05/14 11:19 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

La prima parte sconta un po' di lentezza ma è necessaria alla caratterizzazione psicologica del personaggio. La seconda invece ingrana la marcia thriller e lo fa in modo riuscito, seppure sobrio, innescando una buona tensione fino a giungere al (prevedibile) epilogo. La regia di Attenborough è solida e professionale; la prova di Hopkins è di grande valore. Bene anche Meredith nella parte dello scopritore di talenti. Un buon film.

Anthonyvm 5/05/18 23:52 - 1683 commenti

I gusti di Anthonyvm

Un piccolo capolavoro del thriller psicologico con un giovane, già bravissimo, Hopkins nei panni di un ventriloquo folle e schizofrenico. Il tema è vecchio tanto quanto il cinema, ma con questo film Attenborough pone una pietra miliare nel sottogenere, sviluppando il soggetto con eleganza, maestria e diluendolo con scene inquietanti di sicuro impatto. Ottimi tutti gli interpreti: oltre a Hopkins anche Ann-Margret, Lauter e Meredith lasciano il segno. Finale dark, intimista e saggiamente anti-spettacolare. Un gioiellino da riscoprire senz'altro.

Ciavazzaro 31/08/18 02:55 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Attenborough si inserisce nell'abusato filone dei pupazzi malefici riuscendo a creare un film originale e inquietante, con una notevole cupezza di fondo e un senso di nessuna speranza dipinta nei vari personaggi. Cast notevolissimo, a partire dal tormentato burattinaio Anthony Hopkins e dall'affascinante e perduta Ann-Margret; fantastico il mitico Meredith nei panni dell'impresario. Il pupazzo è inquietante e l'ambientazione plumbea e lacustre dà il giusto tono depressivo alla pellicola. Bella musica di Goldsmith. Da riscoprire.
MEMORABILE: L'omicidio nella stanza; La bastardata del pupazzo nel pre-finale; La pesca nel lago; Il finale; Il viaggio in taxi nel passato.

Nicola81 30/09/18 19:29 - 1904 commenti

I gusti di Nicola81

Prodotto abbastanza atipico nella filmografia di Attenborough, questo dramma psicologico, nonostante una certa lentezza di fondo, si lascia seguire con interesse e, nella seconda parte, riserva una sterzata thriller piuttosto tesa e morbosa, che prelude a un finale di ineluttabile tragicità. Hopkins perfetto nei panni del ventriloquo che finisce col farsi soggiogare dal suo inquietante pupazzo, bravi anche Meredith e la sempre affascinante Ann-Margret. Molto riuscita la plumbea ambientazione lacustre, non troppo incisive le musiche di Goldsmith.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Didda23 • 17/03/14 16:13
    Comunicazione esterna - 5713 interventi
    Al cinema uscì solo con il titolo Magic, basta vedere le programmazioni al cinema nei giornali d'epoca o questa recensione del Marzo 1979 http://archiviostorico.unita.it/cgi-bin/highlightPdf.cgi?t=ebook&file=/archivio/uni_1979_03/19790311_0009.pdf&query=%22Richard%20Attenborough%22 Poi non so se in altri supporti tipo vhs, televisione ecc, abbiano aggiunto il sottotitolo. Visto che è un titolo davinottato nel passato (pre-2006) bisogna chiedere numi al sommo Zender. Confidiamo nella sua eccezionale memoria storica ;)
    Ultima modifica: 17/03/14 16:16 da Didda23
  • Discussione Buiomega71 • 17/03/14 17:04
    Pianificazione e progetti - 21647 interventi
    In vhs uscì come Magic (così come in tv), poi, al cinema, non saprei...
  • Discussione Zender • 17/03/14 17:08
    Consigliere - 43797 interventi
    Boh, vedo che anche molti altri siti (tra cui Wiki) lo riporta col sottotitolo. Togliamolo pure, non so da dove sia stato preso, al tempo.
  • Curiosità Buiomega71 • 20/05/14 09:12
    Pianificazione e progetti - 21647 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni (Ciclo "13 Gialli Per Non Dormire", Luglio 1988) di Magic
  • Discussione Buiomega71 • 20/05/14 11:18
    Pianificazione e progetti - 21647 interventi
    E tanto che non lo rivedo (l'ho su vhs Playtime), e non mi ricordo proprio nulla del film (non so manco se mi era piaciuto o meno, forse un pò noiosetto lo era), ma postando il flanetto mi accorgo che il pupazzo Forca (già il nome...) ha proprio la faccia da pirla! Dovrebbe inquietare? Bhò, non so...
    Ultima modifica: 20/05/14 11:19 da Buiomega71
  • Discussione Zender • 20/05/14 14:23
    Consigliere - 43797 interventi
    Un po' inquietante lo è :)
  • Discussione Caesars • 20/05/14 18:28
    Scrivano - 10217 interventi
    Concordo. Nel film metteva una certa inquietudine.
  • Discussione Buiomega71 • 21/05/14 00:58
    Pianificazione e progetti - 21647 interventi
    Oddio se lo dite voi mi fido E che del film proprio non ricordo nulla, poi magari e effettivamente inquietante Ma nella foto del flanetto ha proprio la faccia da pirla
  • Discussione Zender • 21/05/14 08:46
    Consigliere - 43797 interventi
    I pupazzotti devono avere la faccia da pirla, è la loro caratteristica :)
  • Curiosità Fauno • 15/10/18 00:05
    Compilatore d’emergenza - 2527 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film: