LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Massimo Ceccherini l'ha portato al successo su grande schermo Pieraccioni. In film come IL CICLONE e FUOCHI D’ARTIFICIO la sua presenza è fondamentale, la sua maschera comica esilarante. L'avevano notato tutti ed era quindi inevitabile che questo ragazzo toscano ossuto, stralunato e dalle gigantesche occhiaie, finisse per tentare la strada solista. Il suo primo risultato è LUCIGNOLO, scritto con il regista Giovanni Veronesi e diretto in prima persona. La storia di Lucio, ragazzo con la fissa della Nazionale di Bearzot, afflitto da esagerati problemi di masturbazione, nullafacente ma con una famiglia (padre e madre) a suo... Leggi tuttoservizio, terrorizzati dalla sua cattiveria. Infatti Lucio è perfido, cinico (da qui il soprannome, mai utilizzato nel film, di Lucignolo) e non perde occasione per fare del male al prossimo. In ciò il film è originale, lontano anni luce dal buonismo da cassetta di Pieraccioni e in qualche modo a tratti quasi divertente. Purtroppo la regia latita, l'umorismo è a dir poco di grana grossa, gran parte delle gag sono prevedibili e di bassa qualità. Si sentono vagamente il tocco surreale di Nuti, la sincerità e la perfidia del primo Benigni, che in BERLINGUER TI VOGLIO BENE aveva disegnato un personaggio simile (assieme al qui presente Carlo Monni), ma la mancanza di una vera guida, di una logica, si avvertono. La bella e provocante Claudia Gerini si lancia in monologhi inutili (è direttrice del manicomio dove Lucio lavora), ma la parte peggiore sono i frequenti incubi surreali di Lucio, nei quali il nostro è condannato per eccesso di masturbazione dal PM Flavio Bucci al cospetto di Gino Menicucci e difeso da Tinto Brass. Brutte le invadenti musiche di Demo Morselli.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

TomasMilia 25/01/07 11:09 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

Parte benissimo, con una cattiveria insolita per gli standard di oggi. Purtroppo nel giro di venti minuti inizia la causa del rallentamento del film: il sogno di Ceccherini. Un sogno noioso, privo di divertimento e irritante per la presenza di non-attori (Paolo Rossi, Antognoni, Menicucci). Di tanto in tanto il film sembra riprendersi, come nella scena al ristorante, ma ormai la fiacchezza ha attanagliato lo spettatore. La Gerini risultata antipatica e inutile come non mai. Immenso Carlo Monni nel ruolo del padre del Paci. Fantastico il Paci con i vestiti sempre uguali al copridivano.

G.Godardi 6/03/07 17:11 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Lasciate perdere lo zuccheroso e intalentuoso Pieraccioni. Qui siamo da tutt'altra parte; pur riciclando il suo Pinocchio teatrale, Ceccherini imbastisce sorprendentemente una storiella a metà tra il disagio giovanile e il delirio onirico. La sua idea di cinema e la sua regia naif sono qualcosa di estremamente vivo e incandescente che si fa perdonare i mille difetti del film. Potrò essere pure rimbambito, ma dentro ci ho visto anche Fellini e Lynch. Claudia Gerini sconvolgente. Simpatici Brass e Bucci.

Stubby 25/03/07 18:45 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Sono un grande fan di Massimo Ceccherini, una delle persone più simpatiche e veraci che popolano il grande schermo. Detto questo, il film è veramente un qualcosa di pessimo e inguardabile. Riuscire a portare a termine la visione è una vera impresa, in quanto è evidente una grossa mancanza di idee che si cerca di nascondere con la simpatia di Massimo (che purtroppo non basta).

Renato 25/10/07 20:47 - 1495 commenti

I gusti di Renato

Ceccherini al suo meglio, ed è tutto dire... Anche volendo non essere particolarmente caustici, si fa davvero fatica a salvare il film. Parte anche bene, ma finisce col dimostrarsi un accumulo di scenette comiche (o presunte tali) che stanca ben presto. La cornice pinocchiesca, poi, sembra decisamente inadatta al contesto di un film del genere e sulla interminabile sequenza onirica del processo è meglio tacere. Peccato, perché Ceccherini è davvero divertente; ma avrebbe bisogno di qualcuno che sappia come si scrive un film.

Cangaceiro 30/04/08 19:25 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Per chi come me apprezza (e non poco) la comicità di Ceccherini questo film non può che essere un cult. Il nostro può sbizzarrirsi a piacimento e riadattando (liberissimamente) la favola collodiana ci regala una serie di gag esilaranti, soprattutto nella parte iniziale e nella scena al ristorante grazie anche alla simpatia del Paci ed al talento (indiscusso) del Monni. Peccato per il finale troppo tirato per i capelli e troppo "pieraccioniano".
MEMORABILE: Ceccherini che tratta sua madre a pesci in faccia e la scena al ristorante con i "velati" sfottò al trans...

Undying 1/05/08 19:44 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Improvvisatosi regista, Ceccherini ha almeno un paio di buone intuizioni, a cominciare dalla scelta dell'ironica Claudia Gerini, passando per l'idea di chiamare a presenziare un inatteso Brass e il malinconico (chi non lo ricorda nei panni dell'infelice Ligabue?) Flavio Bucci. La storia non è particolarmente curata, ma ha anch'essa un suo aspetto positivo, ad iniziare da una cattiveria (credevate che l'ironia ed il grottesco fossero estranei a questa definizione?) e scorrettezza dettate - principalmente - dall'essere opera prima.

Redeyes 1/05/08 19:09 - 2122 commenti

I gusti di Redeyes

Giuro che solo la mia proverbiale taccagneria mi ha impedito di scappare durante la proiezione: avevo pagato e l'avrei visto. Che sofferenza! Sicuramente apparirò snob, ma qui siamo nel gretto, banale, trito e ritrito tentativo di far ridere con adolescenziali allusioni a seghe e finocchi freschi... Magari fra amici, un po' brilli, ci scappa la stessa battuta e si ride, ma in un film non esiste! Il Paci regala qualche piccola risata, di tanto in tanto, il Monni recita lo stesso identico personaggio di sempre. Passare oltre.

Galbo 3/05/08 14:48 - 11271 commenti

I gusti di Galbo

Pessima pellicola che dimostra l'assoluta inadeguatezza di Massimo Caccherini di "gestire" un film in prima persona e che il comico toscano non può andare molto oltre il ruolo di spalla (pur valida) nei film dell'amico Pieraccioni. Film dalla comicità trita e ritrita basata su situazioni ed allusioni erotico-sessuali visti mille volte e senza una situazione brillante che faccia veramente ridere. Regia inesistente. Da evitare.

Ciavazzaro 2/08/09 12:53 - 4751 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Insomma. Ceccherini è da schiaffi, ma la storia (almeno in parte) si fa seguire (giusto una visione, nulla di più). Cito Tinto Brass avvocato difensore e poco altro, per il resto molte ovvietà e poche cose riuscite. Comunque c'e di peggio.

Luchi78 27/09/11 13:17 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Un Ceccherini sprecato, quasi contenuto, in questo esordio cinematografico alla regia. In fondo un film con protagonista Ceccherini non avrebbe bisogno di una regia eccelsa, ma bensì di testi e sceneggiatura studiate per esprimere al massimo la perfidia comica tipica del toscanaccio in questione. Lucignolo invece lo è più nel nome che nei fatti e il film si perde nell'onirica sala di tribunale, trovata simpatica ma troppo sfruttata, mentre la vena dissacrante dell'attore esce fuori solo nei confronti della sua povera mamma. Occasione persa.

B. Legnani 1/02/13 23:47 - 4659 commenti

I gusti di B. Legnani

Credo di non aver mai visto un film tanto sgangherato ma che contiene, qua e là, momenti deliziosi. I primi venti minuti sono buoni poi, con l'inizio del processo, si alternano situazioni ancora carine ad altre brutte assai, fino ad un finale in piena discesa. Ma che goduria l'assaggio del pollo in agrodolce, il rapporto coi genitori, i primi passi di Paci che si finge attore. La Gerini ha un solo difetto: è talmente bella che quando è sullo schermo non si vede null'altro. Carina la presenza di Menicucci, assai meno quella di Brass. Diciamo **
MEMORABILE: L'assaggio del pollo.

Homesick 7/03/13 08:14 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Anche alla fine degli anni Novanta si può ridere di gusto come nelle commedie italiane di due decadi prima: merito di Ceccherini e della sua comicità stralunata e non di rado surreale, ben al riparo sia dalla volgarità che dai buonismi in voga. Tuttavia il ritmo non è sempre sostenuto e si avverte un netto stacco tra le irresistibili gag nella casa di riposo e al ristorante e la stanchezza della parte conclusiva del processo. Paci è molto più di una spalla e la Gerini si conferma talentuosa commediante; divertiti camei di un infervorato Bucci e di Brass nella caricatura di se stesso.
MEMORABILE: Gli ospiti della casa di riposo; l’arrivo di Paci ubriaco e il suo colloquio con la Gerini; la colorita invettiva di Monni.

Mco 10/10/14 23:17 - 2119 commenti

I gusti di Mco

Un film che è una Babilonia in cui poter rinvenire ogni sorta di rappresentante del genere umano. A partire dal folle Ceccherini che si traveste spesso da scemo per riuscire a far risaltare meglio i difetti di ciò che lo attornia. Ipocrisie, intolleranze, finte aperture sessuali e un novero di scenette d'avanspettacolo che più di una volta regalano momenti quasi lirici (vedere per credere il soliloquio della Gerini in piena notte). E quando il duo Antognoni-Rossi premia il Nostro con un ambito premio si celebra il trionfo del grottesco.
MEMORABILE: "Le pornostaaaar"...

Graf 9/09/15 22:59 - 671 commenti

I gusti di Graf

Lucio è un singolare ragazzo neet (né studia né lavora) che cerca di arrangiarsi nella vita. Massimo Ceccherini come attore non ha le spalle larghe e una varietà di accenti e di espressioni da reggere un film intero da protagonista e come regista è un semplice e volenteroso ragazzo di bottega; risultato: un film dalla elevate ambizioni ma privo di un centro di gravità e che si risolve in una serie di scenette comiche quanto mai insipide e insignificanti. Lazzi e volgarità varie non salvano il film. Ci sono pure Paolo Rossi e Giancarlo Antognoni.

Galerius 21/09/15 17:49 - 22 commenti

I gusti di Galerius

Quella di Lucignolo è una comicità fatta di piccole cose, di minuzie, di situazioni di vita quotidiana dalle quali scaturiscono momenti irresistibili grazie soprattutto alla perfida anarchia di Ceccherini (ma anche gli altri sono in forma). Molto meno divertente, ahinoi, è invece lo stiracchiato "processo" onirico. Nonostante ciò, il film resta comunque un ottimo esempio di come si possa far ridere senza trame stereotipate e topoi comici triti e ritriti.
MEMORABILE: Le battutine al "capoccione"; I personaggi della casa di riposo; L'entrata in scena di Monni.

Faggi 26/05/16 20:21 - 1461 commenti

I gusti di Faggi

Fa ridere, va bene, ma nemmeno più di tanto. Lo si digerisce, ma serve almeno una dose di bicarbonato mentale e ci si deve armare di pazienza per sopportarne certe parti noiose (tutto il cosiddetto processo, per esempio). Ceccherini dimostra di avere qualche idea buona e la Gerini è in gran forma, ma i difetti saltano agli occhi e la sgangheratezza complessiva è evidente. Per togliersi la curiosità lo si può guardare, ma non è niente di che.

Samuel1979 1/09/16 17:10 - 465 commenti

I gusti di Samuel1979

Affidare un intero film nelle mani di Ceccherini comporta molti rischi; uno fra i tanti è quello di ridurre la commedia a puro esercizio stilistico fatto di virtuosismi beceri. Nonostante il "Cecca" non mi sia mai dispiaciuto, lo preferisco come "spalla", senza dubbio; il resto dei comprimari non regge il peso di un film che con qualche accortezza sarebbe potuto anche essere buono.

Il ferrini 17/01/18 23:07 - 1623 commenti

I gusti di Il ferrini

Pinocchio è terreno minato, lo sanno sia Benigni che Nuti, ma Ceccherini - che di certo ha meno pretese - ne trova una chiave di lettura interessante. Sarà il suo spirito bohémien, la sua totale impreparazione registica, ma il risultato finale ha una freschezza insolita, già distante dai fuochi d'artificio pieraccioniani, cui si limita a rubare l'ottima Gerini. Il trio con Paci e Monni è rodato dal Pinocchio teatrale e quando sono tutti in scena i tempi comici sono perfetti. Meno divertente la parte onirica, ma nell'insieme si ride abbastanza.

Taxius 17/03/20 19:06 - 1634 commenti

I gusti di Taxius

Ceccherini non sarà un fenomeno come attore né come regista ma, con l'aiuto della sua ombra Paci, di una brava Gerini e di un nutrito gruppo di volti noti in parti minori, riesce comunque a tirar fuori un film sì zoppicante ma piacevole e leggero, che si caratterizza per una trama surreale e ricca di gag per lo più azzeccate. Il ritmo e il divertimento sono un po' altalenanti, ma nel complesso se lo si prende per quello che è non si resta delusi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Cangaceiro • 15/09/09 19:44
    Call center Davinotti - 744 interventi
    Tra gli spettatori del processo, non accreditato, figura anche "Tommasino", il baffuto e coppolato omino siciliano estemporanea spalla comica di Fiorello in alcuni sketch televisivi, nonché protagonista della pubblicità di una granita qualche tempo fa.
  • Curiosità Raremirko • 2/10/13 00:34
    Call center Davinotti - 3439 interventi
    Il film deriva da uno spettacolo tetrale interpretato dallo stesso Ceccherini. Fonte: extra del dvd Una moglie bellissima
  • Discussione Mauro • 22/10/15 14:55
    Disoccupato - 9449 interventi
    Gino Menicucci è scomparso il 20 ottobre a 77 anni. R.I.P.
    Ultima modifica: 8/06/16 07:29 da Zender
  • Discussione Graf • 22/10/15 15:15
    Magazziniere - 900 interventi
    Gino Menicucci è' stato un ottimo arbitro. Che riposi in pace.
  • Discussione Zender • 22/10/15 19:53
    Consigliere - 43735 interventi
    Simpaticissimo, Menicucci. Non ricordavo avesse anche girato un film.
  • Discussione Ruber • 23/10/15 01:33
    Compilatore d’emergenza - 8907 interventi
    Me lo ricordo da Biscardi ai tempi del processo, pazzesco anche come abbia contratto la malattia che lo ha portato alla morte.
  • Discussione Graf • 23/10/15 02:18
    Magazziniere - 900 interventi
    Ruber, sì purtroppo; da quanto si legge su internet, pare che il povero Menicucci, dopo essere stato operato all'ernia del disco, abbia contratto una forma infettiva che lo ha tenuto paralizzato per più di dieci anni. Terribile... Ci ha lasciato una persona simpatica ed estroversa ed un arbitro dall'onestà adamantina.
    Ultima modifica: 23/10/15 03:07 da Graf
  • Curiosità Samuel1979 • 7/06/16 20:58
    Call center Davinotti - 2928 interventi
    Il fumetto erotico Puro Sesso sempre presente nella camera di Lucio (Ceccherini) è il numero 6:
  • Curiosità Samuel1979 • 10/06/16 19:30
    Call center Davinotti - 2928 interventi
    Il film che Pino (Paci) vede a casa in sua in compagnia di Lucio (Ceccherini) è Adulterio all'italiana di Pasquale Festa Campanile.
  • Discussione Samuel1979 • 13/06/16 12:25
    Call center Davinotti - 2928 interventi
    Oltre a Giancarlo Antognoni, piccola apparizione per l'eroe dei mondiali di calcio del 1982 Paolo Rossi, nei panni di un giurato.