Life on Mars (16 episodi)

Media utenti
Titolo originale: Life on Mars
Anno: 2006
Genere: fiction (colore)
Regia: Vari
Note: Serie televisiva britannica, mandata per la prima volta all'inizio del 2006. Trasmessa anche in Italia. Ideatori della serie: Matthew Graham, Tony Jordan, Ashley Pharoah.
Numero commenti presenti: 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/12/08 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 23/12/08 14:22 - 10118 commenti

I gusti di Daniela

Tentativo interessante di coniugare il poliziesco con un tema classico della fantascienza come il viaggio nel tempo. L'ispettore Sam Tyler, entrato in coma a seguito di un incidente stradale avvenuto nel 2006, si trova sbalzato nel 1973. Collaborando con il suo nuovo capo, il rude ispettore Gene Hunt, riesce a portare a termine le indagini che gli sono affidate, nonostante i continui scontri legati alle differenze culturali, ai diversi metodi polizieschi e ai suoi disperati tentativi per tornare nel proprio tempo.
MEMORABILE: I momenti in cui le due realtà vissute da Tyler vengono in contatto.

Hackett 4/09/09 21:00 - 1799 commenti

I gusti di Hackett

Davvero un'eccellente miniserie tv. Divisa in due stagioni di otto episodi, è un avventuroso viaggio nella Manchester degli Anni Settanta, violenta, piena di contraddizioni e crudezze. Il giovane Sam Tyler si troverà, per uno strano scherzo del destino, catapultato in una quotidianità che non gli appartiene, riuscendo però a farla un po' propria. Ricco di citazioni non banali, ottimamente interpretato e scritto intelligentemente, rappresenta una delle più riuscite miniserie degli ultimi anni. Da non perdere.

Modo 24/10/12 14:27 - 845 commenti

I gusti di Modo

Bella serie britannica sugli anni 70. Ricostruzione ambientale perfetta e storia azzeccata. Riuscirà il nostro poliziotto catapultato indietro di 30 anni a tornare ai tempi nostri o sarà condannato all'"esilio"? Ottima naturalmente la colonna sonora. Alcuni episodi come il derby calcistico di Manchester sono veramenti ben fatti. Una delle migliori serie degli ultimi anni.

Black hole 22/07/15 10:29 - 139 commenti

I gusti di Black hole

Uno dei migliori prodotti sci-fi targati BBC. Un cast super ricrea l'atmosfera ruvida di un'Inghilterra anni '70 in piena recessione, con una ricostruzione scenica impeccabile. La storia parte dal "balzo temporale" dell'ispettore Sam Tyler, in coma dopo un incidente avvenuto nel suo 2006. In una dimensione racchiusa in un sogno dolorosamente reale, tra vita e morte, Sam ritrova il suo lavoro ma in un mondo estraneo, decisamente meno politically correct. Indagini, déjà vu e tentativi di "ritorno" si fondono in una storia davvero avvincente.
MEMORABILE: La tv di Sam e la bambina dello storico monoscopio BBC2 che spesso si anima, fungendo da tramite fra le due dimensioni vissute dal protagonista.

Fulcioso70 11/02/16 19:29 - 8 commenti

I gusti di Fulcioso70

Per tutti gli appassionati di atmosfere londinesi anni 70 questa intensa miniserie rappresenta un "inserto" da staccare e conservare per i momenti nostalgici, al pari di un Doctor Who o di un disco dei Clash... Poliziesco e viaggi nel tempo, humor inglese talvolta "ruvido" ma mai fuori sincrono con la narrazione; e ancora colpi di scena e medio-alta tensione che percorre tutti gli episodi senza mai annoiare o scadere nel già visto.
MEMORABILE: Musica memorabile: "Life on Mars" del Duca Bianco.

Il Dandi 18/03/19 10:45 - 1910 commenti

I gusti di Il Dandi

Idea vincente (e infatti immediatamente ripresa in USA) che mescola abilmente il tema del viaggio nel tempo, il poliziesco canonico, amarcord sentimentali della cultura pop. Atmosfera tipicamente inglese, per quanto quella americana saprà essere più familiare e nel confronto pesano a volte limiti di budget e lo scioglimento finale pare un po' frettoloso. Notevole comunque, tanto che oltre al remake ne scaturirà anche uno spin-off.
MEMORABILE: L'incidente che dà inizio al viaggio nel tempo, con la canzone omonima di Bowie che passa da un iPod a uno stereo 8.

Lele Emo 5/03/21 12:13 - 184 commenti

I gusti di Lele Emo

Miniserie davvero eccellente. Memorabile momento d'intrattenimento, che si muove fra il commovente e l'azione. Non si fa mancare nulla: originalissima nel concept e ben scritta. Colonna sonora da brivido, la serie sa rendere molto bene lo spaccato Settanta, ridondante di "libertà incoscienti" e divertenti sketch a sottolinerare le differenze fra le due epoche. Un amarcord che ammicca a I professionals, serie televisiva inglese dei settanta, affine per ambientazioni, automobili che hanno fatto la storia del poliziesco Settanta inglese e maniere brusche.

John Simm HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 29/12/08 14:06
    Gran Burattinaio - 5461 interventi
    Nell'episodio 8 della prima stagione, il protagonista nel corso di una indagine incontra i suoi genitori ed anzi svolge una indagine nella quale è coinvolto il padre, che aveva abbandonato la famiglia quando lui aveva solo quattro anni. Senza volerlo, incontra anche stesso da piccolo, dopo averne ascoltato la voce al telefono, però i due non si guardano negli occhi, nè entrano in contatto diretto, aggirando in tal modo la difficoltà posta da un noto paradosso legato ai viaggi nel tempo. Il tentativo del protagonista di modificare gli eventi - convincendo il padre a non abbandonare la famiglia - non ha apparentemente alcun esito, ma in realtà, se egli non fosse stato presente, il padre sarebbe stato arrestato dagli altri agenti. Quindi egli ha un ruolo attivo nel modellare il passato, che avverte come immodificabile.