Life after Beth - L'amore ad ogni costo - Film (2014)

Life after Beth - L'amore ad ogni costo

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/05/15 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 21/05/15 04:28 - 6935 commenti

I gusti di Herrkinski

Beth muore ma torna misteriosamente dai genitori e dall'incredulo fidanzato; cercano di far finta di niente, finché... Commedia horror che s'inserisce nel filone inaugurato da L'alba dei morti dementi, con uno svolgimento che rievoca il classico Morti e sepolti, specialmente nella seconda parte. Il buon cast rende abbastanza godibile il primo tempo, ma il resto finisce per scorrere su canoni già visti fino alla conclusione, piuttosto fiacco; rimagono riuscite alcune gag. Joe Dante riprenderà l'idea, con poche varianti, nel recente Burying the ex.
MEMORABILE: La visita alla casa di Pearline e il dialogo col marito.

Pumpkh75 26/08/15 21:51 - 1538 commenti

I gusti di Pumpkh75

Inizialmente sembrerebbe provenire di gran carriera da Les revenants, ma ben presto ci si accorge che quel tono intimo e psicologico non dimora in questi lidi. Il piglio sguaiato e burlesco prende infatti un insipido sopravvento e si arriva alla fine spompati e indifferenti, senza particolari svolte (se non vogliamo considerare come tale la protagonista zombizzata con un forno sulle spalle…) e senza neanche quelle risatine che lo svolgimento parrebbe promettere. Innocuo, al massimo causa un effetto placebo.

Daniela 4/01/16 22:25 - 11768 commenti

I gusti di Daniela

La morte improvvisa di Beth getta nella disperazione il suo ragazzo, fino a quando scopre che l'amata è tornata in vita, anzi...quasi in vita. Ennesimo ibrido fra horror e commedia dall'inizio brillante (gustosi i tentativi dei genitori di Beth per tenere la figlia all'oscuro del suo trapasso, anche per la presenza del rodato Reilly) ma dal fiato cortissimo: si capisce presto che la sceneggiatura non va a parare da nessuna parte, incasellando gags modeste e trovative riciclate. Nell'epilogo, un'altra idea carina (la zavorra legata alla schiena), ma il bilancio è misero.

Galbo 28/06/17 08:07 - 11930 commenti

I gusti di Galbo

Difficilmente classificabile, il film d'esordio di Jeff Baena sta a metà tra la commedia drammatica e l'horor dai toni (talora) demenziali. La storia e l'incipit non sono male, così come la carattterizzazione del personaggio maschile, giovane innamorato inconsolabile per la morte della fidanzata. È tuttavia evidente ad un certo punto che la vicenda non abbia più di tanti sbocchi e il regista non sappia dove andare a parare. Non basta la bravura di un cast bene assortito nel quale si mette in evidenza il sempre ottimo Reilly.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.