Leprechaun returns

Media utenti
Titolo originale: Leprechaun Returns
Anno: 2018
Genere: horror (colore)
Note: Coprodotto da Lionsgate e SyFy e diretto alla fruizione sul piccolo schermo. È l'ottavo della serie ma si colloca subito dopo gli avvenmenti del primo film, saltando quindi tutti gli altri seguiti. Aka "Leprechaun 8", "Leprechaun lives".

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/01/19 DAL BENEMERITO MCO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mco 17/01/19 19:34 - 2248 commenti

I gusti di Mco

Incautamente resuscitato dal sonno profondo in cui era caduto, il leprecano ricomincia subito la sua caccia all'oro. Quest'ennesima avventura mantiene il contegno di rime sagaci e liquidi inondanti lo schermo proprio della serie. C'è spazio per la grassa risata come anche per il ribrezzo totale, la cui meravigliosa sintesi risplende nella scena del dialogo tra il redivivo Holton (con un buco in pancia) e la final girl Spreitler. Non c'è più Davis ma Linden Porco se la cava bene. Simpatico ma consigliato solo a chi ama la precedente eptalogia.
MEMORABILE: La resurrezione del Leprechaun dal pozzo; La pellicola usata per contenere una ferita di dimensioni... enormi.

Anthonyvm 13/05/20 15:24 - 3781 commenti

I gusti di Anthonyvm

Ignorando del tutto i seguiti dal 2 al 6 e l'outsider Leprechaun: origins, il Kostanski di The void torna al leprecano maligno e amante delle rime, firmando il capitolo migliore della saga. Splatter a profusione con abbondanza di frattaglie di gomma, delitti inventivi e uno script che compensa l'elementarità di fondo con una buona dose di trovate visive e di citazioni (i mini-folletti in stile L'armata delle tenebre, il fantasma-guida à la Cimitero vivente). Dispiace non ritrovare Davis nel cast, ma c'è il gradito ritorno di Mark "Gacy" Holton.
MEMORABILE: Rinascista simil-Alien del leprecano; Il tizio tagliato a metà in verticale come ne I 13 spettri; L'irrigatore in bocca à la Rage - Furia primitiva.

Jena 14/06/20 14:07 - 1373 commenti

I gusti di Jena

Stavolta il leprecano torna davvero, anche se non più interpretato dallo "storico" Warwick Davis ma dall'ottimo Linden Porco. Il risultato è pregevole, tanto che è forse l'episodio migliore della serie. Il nuovo look del leprecano è strepitoso, così come i sardonici interventi, anche se forse tende un po' troppo ad assomigliare a un Freddy Kruger in salsa irlandese. Tant'è...gustosi gli omicidi (su tutti il tipo segato in due dal pannello solare), teen odiosi, immancabili filastrocche e intelligente citazionismo (Lo squalo, Pet semetary, L'armata delle tenebre...). Ok!
MEMORABILE: la fuoriuscita di Leprechaun dalla pancia di Rolston; Leprechaun-Beethoven dirige il concerto; i mini leprechani simili ai mini Ash;

Pumpkh75 24/08/21 15:33 - 1504 commenti

I gusti di Pumpkh75

Dopo una manciata di sequel scalcinati, ecco sopraggiungere a sorpresa il migliore: Kostanski si incolla al film originale, lo ricalca passo passo quanto a struttura (un manipolo di ragazzotti, la casupola isolata, Mark Holton e il Leprecano) ma dove vince la sfida è nello splatter, straripante e ben fatto, e persino nello humour mai inopportuno e anzi spesso confacente all’uso. Manca Warwick Davis ma non si nota troppo, manca un briciolo di originalità ma sotto sotto non è un danno irreparabile. Come un quadrifoglio trovato senza averlo cercato.

Schramm 24/01/22 15:17 - 2895 commenti

I gusti di Schramm

Konstanski ci aveva abituati troppo bene: vasi di pandora cui salta di continuo il coperchio e geyserizzano irrefrenabili getti di una cosmica fantasia. Con l'epopea leprechaunina il vaso si limita tutt'al più a vibrare e brontolare. Sarà il recinto della matrice troll-movie a stargli troppo stretto o troppo largo, saranno i diktat di Mamma Lionsgate, di fatto se ci voleva pochissimo a svecchiare Jones con carriolate di splatter circense-citazionista e humour che manda in bambola, la catapulta verso l'imprevedibile e il dissennato gli si inceppa e ci si diverticchia assai delusi.
MEMORABILE: Pannello solare; L'harveyano ghost Ozzie mimo; Beethoveniani irrigatori; Army of clonesness.

Mark Holton HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Mco • 17/01/19 19:51
    Scrivano - 9918 interventi
    Il film, altrimenti conosciuto con i titoli Leprechaun 8 o Leprechaun lives (come da titolo di lavorazione), è il secondo in cui è assente lo storico Warwick Davis nel ruolo del folle leprechaun (l'altro è il precedente Leprechaun: origins, nds). Il suo posto è qui preso da Linden Porco. Mark Holton, già protagonista del primo episodio della saga, ritorna qui in un ruolo davvero esilarante.
  • Discussione Caveman • 18/01/19 15:22
    Servizio caffè - 390 interventi
    Mco che intendi con “Mark Holton, già protagonista del primo episodio della saga, ritorna qui in un ruolo davvero esilarante.” Cosa fa il povero Mark?
  • Discussione Schramm • 10/01/22 23:03
    Scrivano - 7243 interventi
    tra le mie cine-lacune horror un (vergognoso?) posto di spicco lo occupa la saga di leprechaun.
    si dovrà alla mia spassionata venerazione per il genialoide kostanski un futuro recupero.
    però, però. dato che questo è l'unica sua figurina che mi manca per completare l'album della sua follia, chiedo a chi l'ha visto se questo suo recap-reboot si può esperire a gamba tesa saltando con l'asta tutti i leprechaun precedenti o se a vedere direttamente questo rischia di andarne della comprensibilità e per conseguenza della godibilità.
  • Discussione Anthonyvm • 11/01/22 00:44
    Risorse umane - 640 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    tra le mie cine-lacune horror un (vergognoso?) posto di spicco lo occupa la saga di leprechaun.
    si dovrà alla mia spassionata venerazione per il genialoide kostanski un futuro recupero.
    però, però. dato che questo è l'unica sua figurina che mi manca per completare l'album della sua follia, chiedo a chi l'ha visto se questo suo recap-reboot si può esperire a gamba tesa saltando con l'asta tutti i leprechaun precedenti o se a vedere direttamente questo rischia di andarne della comprensibilità e per conseguenza della godibilità.
    Dal momento che Kostanski ha la buonissima intuizione di eliminare dalla continuity ogni fatto accaduto fra il secondo e il settimo capitolo (quest'ultimo era apocrifo, per di più), io ti consiglierei di guardare solo il numero uno.
    Non che sia essenziale, in realtà, anche perché fra i recap dialogati e la basilarità del plot stesso è facile ricostruire gli eventuali buchi, ma considerati i riferimenti dello script e pure il recupero di uno degli attori del capostipite (che quindi denota da parte di Kostanski un onesto affetto, o comunque un rispetto, cinefilo nei confronti dell'originale) con un double-feature te la caveresti egregiamente. Anche perché suppongo che il salto di qualità ti farà apprezzare l'ultimo pure di più!

  • Discussione Schramm • 11/01/22 01:08
    Scrivano - 7243 interventi
    lo supponevo, lo suppo.
    il problemino è che del numero uno in mio possesso non trovo srt ita ben sincronizzati e quelli disponibili sono tutti a prova di risincronizzazione. senza contare che risentono di una traduzione orrenda, forse desunta dalla traccia italiana (per quel poco udito, si direbbe che i limerick di leprechaun siano effettivamente pane secco di giorni per i traduttori alla butta su). quindi a meno di una visione doppiata (mi viene l'herpes genitale solo all'idea) o di una vs con subbi encoded, debbo ricusare.
  • Discussione Anthonyvm • 11/01/22 01:36
    Risorse umane - 640 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    lo supponevo, lo suppo.
    il problemino è che del numero uno in mio possesso non trovo srt ita ben sincronizzati e quelli disponibili sono tutti a prova di risincronizzazione. senza contare che risentono di una traduzione orrenda, forse desunta dalla traccia italiana (per quel poco udito, si direbbe che i limerick di leprechaun siano effettivamente pane secco di giorni per i traduttori alla butta su). quindi a meno di una visione doppiata (mi viene l'herpes genitale solo all'idea) o di una vs con subbi encoded, debbo ricusare.

    Forse posso aiutarti, do una controllata.
  • Discussione Schramm • 11/01/22 02:49
    Scrivano - 7243 interventi
    Anthonyvm ebbe a dire:
    Schramm ebbe a dire:
    lo supponevo, lo suppo.
    il problemino è che del numero uno in mio possesso non trovo srt ita ben sincronizzati e quelli disponibili sono tutti a prova di risincronizzazione. senza contare che risentono di una traduzione orrenda, forse desunta dalla traccia italiana (per quel poco udito, si direbbe che i limerick di leprechaun siano effettivamente pane secco di giorni per i traduttori alla butta su). quindi a meno di una visione doppiata (mi viene l'herpes genitale solo all'idea) o di una vs con subbi encoded, debbo ricusare.

    Forse posso aiutarti, do una controllata.

    sgrano il rosario e ringrazio in loop fin d'ora in attesa della prossima puntata del maurizio kostanski show...
  • Discussione Raremirko • 11/01/22 20:35
    Addetto riparazione hardware - 3819 interventi
    Qualche tempo fa la Rai, di notte, trasmetteva tutta al saga.
  • Discussione Pumpkh75 • 12/01/22 15:05
    Addetto riparazione hardware - 413 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    tra le mie cine-lacune horror un (vergognoso?) posto di spicco lo occupa la saga di leprechaun.
    si dovrà alla mia spassionata venerazione per il genialoide kostanski un futuro recupero.
    però, però. dato che questo è l'unica sua figurina che mi manca per completare l'album della sua follia, chiedo a chi l'ha visto se questo suo recap-reboot si può esperire a gamba tesa saltando con l'asta tutti i leprechaun precedenti o se a vedere direttamente questo rischia di andarne della comprensibilità e per conseguenza della godibilità.

    La godibilità non è intaccata se parti direttamente da qui quindi ti direi di procedere tranquillamente. Certo, come dice Anthony, il primo capitolo sarebbe meglio recuperarlo anche fosse solo per comprendere quella manciata di riferimenti che Kostansky ha voluto mettere. Dal due in poi bypassa pure, anche se dentro il calderone della serie un paio di chicche le trovi.